camera identify
Prova Gratis
tab list
PictureThis
Italiano
arrow
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
PictureThis
Search
Cerca Piante
Prova Gratis
Global
Italiano
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
Questa pagina è più bella nell'app
care_about care_about
Su
care_basic_guide care_basic_guide
Cura di Base
care_advanced_guide care_advanced_guide
Cura Avanzata
care_scenes care_scenes
Ulteriori istruzioni
care_pet_and_diseases care_pet_and_diseases
Parassiti e Malattie
care_more_info care_more_info
Maggiori informazioni
care_faq care_faq
Domande Frequenti

Come Prendersi Cura di Clerodendro Di Bunge

Il clerodendro di Bunge è impiegato in tutto il mondo soprattutto come ornamentale da giardino. In America è sfuggito alla coltivazione e si è naturalizzato, mentre in Italia decora le parti più soleggiate dei giardini, sprigionando un intenso profumo. Si tratta di una pianta piuttosto resistente, che predilige un terreno argilloso e ben drenato.
Acqua
Acqua
Ogni settimana
Luce Solare
Luce Solare
Pieno sole
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
care_basic_guide

Guida di Base per la Cura

feedback
Feedback
Cultivation:FertilizerDetail

Come concimare Clerodendro di Bunge?

Fertilizzare il tuo clerodendro di Bunge in primavera ed estate aiuterà i suoi fiori a sbocciare. Un trattamento ricco di micronutrienti, come zinco, boro, manganese e ferro, dovrebbe essere usato una volta al mese; idealmente in una formulazione liquida. Un fertilizzante granulare a lenta cessione è adatto anche per queste piante. La concimazione dovrebbe essere ridotta al termine del periodo di fioritura.
Cultivation:FertilizerDetail
Perché devo concimare il mio Clerodendro di Bunge?
Indipendentemente dal tipo di Clerodendro di Bunge che possedete, una concimazione regolare vi aiuterà a coltivare una pianta che gode di ottima salute generale. Il corretto apporto di sostanze nutritive porta a una crescita più vigorosa e può aiutare il vostro Clerodendro di Bunge a essere più resistente alle condizioni di crescita difficili, acquisendo anche una migliore capacità di combattere malattie e parassiti. Il fogliame del vostro Clerodendro di Bunge è una delle sue caratteristiche più attraenti, ed è per questo che dovreste fare il possibile per mantenerlo intatto. Anche in questo caso, ciò significa creare e rispettare un programma di concimazione regolare specifico per il vostro Clerodendro di Bunge. In questo modo il vostro Clerodendro di Bunge svilupperà foglie di colore intenso e un aspetto complessivamente rigoglioso.
Continua a leggere more
Quando è il momento migliore per concimare il mio Clerodendro di Bunge?
La prima concimazione di Clerodendro di Bunge va effettuata alla fine dell'inverno o all'inizio della primavera. Questo tipo di concimazione fornisce al Clerodendro di Bunge tutti i nutrienti di cui ha bisogno per riprendere una crescita sana una volta che il clima diventa sufficientemente caldo. Per molte Clerodendro di Bunge è anche utile fornire una concimazione aggiuntiva all'inizio dell'autunno, se ci si trova in una regione a clima caldo. La concimazione all'inizio dell'autunno non solo aggiunge ulteriori sostanze nutritive al terreno, che il vostro Clerodendro di Bunge utilizzerà nella successiva stagione di crescita, ma aiuta anche il vostro Clerodendro di Bunge ad essere un po' più resistente e in grado di sopravvivere al freddo invernale senza subire danni al fogliame. Una concimazione più precoce farà sì che i nuovi rami abbiano il tempo sufficiente per crescere e resistere al freddo invernale.
Continua a leggere more
Quando dovrei evitare di concimare il mio Clerodendro di Bunge?
Ci sono alcuni periodi dell'anno in cui non dovreste concimare il vostro Clerodendro di Bunge. Il primo è durante i mesi di inizio e metà inverno, durante i quali il vostro Clerodendro di Bunge sarà dormiente e non avrà bisogno di essere nutrito. È inoltre sconsigliabile concimare questa pianta durante la tarda primavera e tutta l'estate. In quel periodo dell'anno, infatti, il clima è probabilmente più caldo e può essere anche molto più secco. Entrambe le condizioni rendono più probabile che il vostro Clerodendro di Bunge abbia una risposta negativa alla concimazione. Per evitare questi problemi, attenetevi a un programma di concimazione che preveda la somministrazione esclusivamente all'inizio della primavera e all'inizio dell'autunno.
Continua a leggere more
Di che tipo di fertilizzante ha bisogno il mio Clerodendro di Bunge?
Nella maggior parte dei casi, il nutrimento più importante per un Clerodendro di Bunge è l'azoto, ma questo non significa che il fosforo e il potassio non siano importanti. Al contrario, il vostro Clerodendro di Bunge ha probabilmente bisogno di una discreta quantità di tutti e tre i nutrienti principali, motivo per cui un fertilizzante bilanciato, come un 10-10-10, può funzionare bene. Tuttavia, un rapporto più sfumato di sostanze nutritive spesso porta a una crescita ottimale per un Clerodendro di Bunge. Spesso i fertilizzanti con un contenuto di azoto un po' più elevato funzionano meglio. Ad esempio, un rapporto di 10-6-4 può spesso funzionare bene. Quando si concima, si può usare un fertilizzante granulare o liquido.
Continua a leggere more
Come posso concimare il mio Clerodendro di Bunge?
Per concimare il vostro Clerodendro di Bunge usando un fertilizzante granulare, tutto ciò che dovete fare è spargere il fertilizzante sul terreno al momento giusto. La natura a lento rilascio del concime granulare rilascerà i nutrienti nel terreno lentamente nel tempo. Come di solito accade, è meglio annaffiare il Clerodendro di Bunge, almeno leggermente, prima di applicare il fertilizzante. In alternativa, si può usare un fertilizzante liquido, ma è meno comune. Per utilizzare questo approccio, mescolate il fertilizzante con l'acqua, quindi versate l'acqua sul terreno intorno alla base del vostro Clerodendro di Bunge. A volte è utile eseguire un'analisi del terreno prima di concimare per verificare se è necessario modificare il pH.
Continua a leggere more
Cosa succede se fertilizzo troppo il mio Clerodendro di Bunge?
La concimazione eccessiva è sempre un rischio quando si alimenta una Clerodendro di Bunge. L'eccesso di fertilizzazione è particolarmente probabile se si alimenta questa pianta nel periodo sbagliato dell'anno, se la si alimenta troppo spesso o se la si alimenta senza prima innaffiare il terreno. Quando si verifica un eccesso di fertilizzazione, il vostro Clerodendro di Bunge può iniziare a sviluppare foglie marroni. In alcuni casi, il vostro Clerodendro di Bunge può anche mostrare una crescita stentata. D'altra parte, è anche possibile che un eccesso di fertilizzanti spinga il vostro Clerodendro di Bunge a produrre rapidamente un'eccessiva quantità di nuova crescita, gran parte della quale sarà debole e incline a rompersi. Il nuovo legno debole può anche sminuire la forma e la struttura complessiva del vostro Clerodendro di Bunge.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:SunlightDetail

Quali sono i requisiti di luce solare per Clerodendro di Bunge?

Il clerodendro di Bunge cresce meglio in pieno sole. Sebbene la maggior parte delle varietà andrà bene in un sito parzialmente ombreggiato con un po 'di luce solare diretta al mattino o nel tardo pomeriggio, piantare in pieno sole produrrà fioriture e fogliame più densi.
Cultivation:SunlightDetail
lightmeter

Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.

Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Quanto/quanto tempo dovrebbe ricevere la luce solare al giorno Clerodendro di Bunge per una crescita sana?
Per una crescita sana, assicuratevi che Clerodendro di Bunge riceva almeno 3-6 ore di sole al giorno. Si tratta in realtà di un requisito minimo: la maggior parte delle piante che possono sopportare il sole parziale possono prosperare anche in pieno sole, ma poiché richiedono meno luce per la fotosintesi, sono più flessibili rispetto alle piante che richiedono sole pieno o ombra parziale.
Continua a leggere more
Di che tipo di luce solare ha bisogno Clerodendro di Bunge?
Clerodendro di Bunge si comporta al meglio con l'esposizione al sole pieno o parziale. I risultati migliori si ottengono con la luce diretta del mattino, ma in estate devono essere protetti dal forte sole pomeridiano. Negli ambienti temperati, un sole pomeridiano troppo caldo può bruciare le foglie, danneggiando l'aspetto e la salute della pianta.
Continua a leggere more
La luce del sole può danneggiare Clerodendro di Bunge? Come proteggere Clerodendro di Bunge dal sole e dai danni del calore?
Clerodendro di Bunge piantate in casa possono essere facilmente danneggiate dalla luce diretta del sole quando vengono spostate all'aperto. Il modo migliore per prevenire le scottature da sovraesposizione è spostare gradualmente i vasi da una zona ombreggiata a una più luminosa. Ma anche le piante acclimatate al sole estivo possono essere danneggiate dal caldo estremo. In caso di ondate di calore, è importante mantenere il terreno costantemente umido, in modo che le piante possano far fronte a livelli di calore eccessivi. Spostando le piante in contenitore in zone con ombra pomeridiana o montando un telo ombreggiante su di esse, si possono proteggere le piante sensibili Clerodendro di Bunge durante gli eventi climatici estremi.
Continua a leggere more
Clerodendro di Bunge deve evitare l'esposizione al sole? / Devo proteggere Clerodendro di Bunge dal sole?
Mentre il sole mattutino e l'esposizione al sole pieno possono essere molto utili per Clerodendro di Bunge, il sole caldo e severo di mezzogiorno dell'estate può essere troppo difficile da gestire. Se la pianta è piantata in piena terra, il sole estivo di solito aumenta abbastanza lentamente nel corso della stagione, in modo che Clerodendro di Bunge si adatti gradualmente alla sua intensità. Ma una pianta in vaso che è stata in casa o in un luogo protetto spesso subisce danni quando viene collocata improvvisamente in un luogo dove il sole estivo diretto la raggiunge nella parte più calda della giornata. Per proteggere questa pianta dal brutale sole estivo pomeridiano, piantatela o collocatela in una posizione sottotono, dove sia ombreggiata a mezzogiorno da alberi e piante più alti o da un edificio o un elemento del paesaggio.
Continua a leggere more
Cosa succede se Clerodendro di Bunge non riceve una luce solare adeguata?
Quando Clerodendro di Bunge riceve troppo poco sole, può diventare verde pallido o presentare foglie gialle e cadenti. Sebbene la caduta di alcune foglie sia normale, se le foglie cadono e non ne crescono di nuove per sostituirle, è un segno che qualcosa non va. Se Clerodendro di Bunge riceve una luce inadeguata e riesce a crescere, la nuova crescita è spesso debole, pallida e soggetta a infestazioni di insetti. Prestare attenzione a questi segnali e modificare le condizioni di illuminazione della pianta farà una differenza significativa.
Continua a leggere more
Il sito Clerodendro di Bunge ha bisogno di cure particolari per quanto riguarda la luce solare durante le sue diverse fasi di crescita?
Le foglie nuove e tenere sono particolarmente sensibili alle scottature. Tenendo presente questo aspetto, Clerodendro di Bunge molto giovane e quando è in una fase di forte crescita, come in tarda primavera e all'inizio dell'estate, sarà più sensibile al sole e al calore rispetto a quello maturo o a quello che si trova in una fase di crescita autunnale più dormiente. Clerodendro di Bunge fresco di vivaio, inoltre, di solito non è preparato per una forte luce solare piena e deve essere introdotto ad essa lentamente.
Continua a leggere more
Ci sono delle precauzioni o dei consigli per la luce del sole e per Clerodendro di Bunge?
Clerodendro di Bunge trapiantato di recente subisce spesso un po' di shock e deve essere curato con attenzione, ombreggiandolo dal sole pomeridiano o collocandolo in una zona protetta. Nelle giornate molto calde, è possibile che le foglie di Clerodendro di Bunge si affloscino: di solito non c'è da preoccuparsi. Le piante inviano l'acqua contenuta nelle foglie verso le radici per proteggerle dalle bruciature. Tuttavia, se le foglie sono ancora cadenti la sera o il mattino successivo, la pianta ha bisogno di acqua. Evitate sempre di annaffiare nelle ore più calde della giornata, perché la luce del sole può colpire le foglie bagnate e bruciarle facilmente. Clerodendro di Bunge La pianta che è stata annaffiata poco sarà più debole di quella che ha un terreno costantemente umido. Questo può portare ad avere radici deboli che non sono in grado di proteggere le foglie nelle calde giornate estive, deviando l'acqua dalle foglie. Per curare una pianta poco annaffiata, è necessario annaffiare a lungo e in profondità e lasciare asciugare i primi due centimetri di terreno prima dell'annaffiatura successiva. Anche se perde le foglie, se curata correttamente ne cresceranno di nuove.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:PruningDetail

Come potare Clerodendro di Bunge ?

Il clerodendro di Bunge dovrebbe essere eliminato alla fine dell'inverno e prima della nuova stagione. Ciò contribuirà a bilanciare i rami della pianta e mantenere la forma rotonda delle varietà folte. La potatura assicurerà che i fiori della stagione successiva crescano sugli steli esistenti. Anche i rami morti o morenti devono essere rimossi.
Il clerodendro di Bunge può essere sia potato su un singolo tronco per essere addestrato in un piccolo albero, o potato per incoraggiare una pianta cespugliosa che si adatta bene come un arbusto. Se cresce come un albero, i polloni alla base del tronco dovrebbero essere rimossi regolarmente. Sia che cresca come un albero o un arbusto, il clerodendro di Bunge dovrebbe essere ridotto a meno di 2 m di altezza ogni anno alla fine dell'inverno o all'inizio della primavera per mantenere la crescita densa e compatta. La potatura del legno morto in primavera consentirà un'ulteriore fioritura a fine estate.
Cultivation:PruningDetail
La potatura è necessaria per il mio Clerodendro di Bunge?
Non è sempre necessario potare Clerodendro di Bunge, ma ci sono diversi motivi per cui si può scegliere di farlo, a seconda delle preferenze individuali. Il motivo più comune è quello di incoraggiare la crescita sana e rimuovere le parti malate o morenti della pianta. Ma ci sono anche ragioni estetiche, come ad esempio far apparire il Clerodendro di Bunge più simmetrico e ordinato. La potatura delle punte degli steli favorisce la ramificazione, che può rendere la pianta più cespugliosa ed evitare di dover potare gli steli più lunghi in futuro. La potatura delle parti dense della pianta consente una migliore circolazione dell'aria, che aiuta a prevenire le malattie e crea un aspetto più gradevole. Un Clerodendro di Bunge maturo produce polloni che permettono alla pianta di diffondersi. Se preferite limitarlo a un'unica area, dovrete potarlo prima che si consolidi. Se invece si preferisce lasciare che si diffonda, questi possono essere lasciati sulla pianta.
Continua a leggere more
Quando è il momento migliore per potare il mio Clerodendro di Bunge?
La potatura di qualsiasi crescita malsana è preferibile eseguirla all'inizio della primavera, in modo che la pianta possa dedicare le sue energie a produrre la maggior parte della nuova crescita durante i mesi estivi. In questo periodo si possono anche eliminare i rami che crescono in diagonale o che sfregano contro altri rami per migliorare l'aspetto della pianta ed evitare che si danneggi. Consigli per la potatura A meno che la pianta non sia gravemente malata o danneggiata, si raccomanda di non rimuovere più di un terzo della pianta per volta. Sebbene Clerodendro di Bunge sia resistente, una potatura eccessiva provoca uno stress inutile. Detto questo, Clerodendro di Bunge può talvolta morire dopo essere stato mangiato o a causa di altri danni, come quelli causati da un clima invernale rigido. In questo caso, l'apparato radicale profondo può salvare la situazione e Clerodendro di Bunge sarà spesso in grado di ricrescere la primavera successiva. In questo caso, è improbabile che sia necessario potare quest'anno, se non per rimuovere le foglie o i rami morti. Ricordate di rimuovere in egual misura i rami da diverse porzioni della pianta, compresi quelli verso il centro della pianta che potrebbero essere più difficili da raggiungere. Questo aiuta a mantenere le foglie equamente distribuite e a migliorare l'aspetto generale del vostro Clerodendro di Bunge.
Continua a leggere more
Come posso potare il mio Clerodendro di Bunge?
Clerodendro di Bunge ha un aspetto più gradevole e curato quando viene potato di tanto in tanto. La rimozione delle foglie e dei rami morti mantiene un aspetto sano e vivace. La potatura dei rami storti o inclinati conferisce una forma simmetrica e fa apparire Clerodendro di Bunge pulito e ordinato. I potatori manuali sono generalmente sufficienti per la potatura di Clerodendro di Bunge se si tratta di una potatura annuale, poiché i rami non diventano abbastanza spessi da richiedere strumenti di taglio pesanti. Tuttavia, se si tratta di potature di rami più maturi, si può ricorrere a troncarami o a una sega. Iniziate eliminando i rami morti o danneggiati. Si possono potare fino al punto in cui il ramo è ancora sano, oppure si possono tagliare fino alla base della pianta. Dopo averli rimossi, decidete se ci sono altri rami da eliminare per favorire la nuova crescita. In genere si tratta dei rami più vecchi e spessi e si dovrebbe puntare a tagliare circa un quarto o un terzo dei rami di una pianta matura e sana Clerodendro di Bunge. Sterilizzate l'utensile da taglio prima della potatura per evitare di introdurre malattie e garantite la vostra sicurezza con guanti e protezioni per gli occhi. Quindi potate ciascuno dei rami che avete scelto di rimuovere, eseguendo un taglio netto con un angolo di 45 gradi senza schiacciare o torcere il ramo.
Continua a leggere more
Cosa devo fare dopo la potatura di Clerodendro di Bunge?
Evitate di bagnare i rami appena tagliati dopo la potatura, perché questo può rendere più probabile l'insorgere di un'infezione nel vostro Clerodendro di Bunge. Una volta che la ferita si è asciugata e callificata, è molto meno vulnerabile. Dopo la potatura, rimuovete le foglie e i rami dalla zona interessata. In questo periodo è bene innaffiare, pacciamare e concimare il Clerodendro di Bunge per favorirne la rapida ripresa.
Continua a leggere more
left right
close
care_advanced_guide

Guida avanzata alla cura

feedback
Feedback
Cultivation:WaterAndHardinessDetail

Qual è l'intervallo di temperatura ideale per Clerodendro di Bunge?

La rusticità del clerodendro di Bunge varia a seconda della specie. Di solito, se le temperature raggiungono meno di -15 ° C , la maggior parte delle piante muoiono di nuovo a terra in inverno. Le piante tollereranno un po 'di gelo, ma forti gelate di lunga durata porteranno a una crescita stentata.
Si consiglia una temperatura ideale per tutto l'anno di 15 ℃ per clerodendro di Bunge specie più clerodendro di Bunge . Tuttavia, possono anche essere coltivati al chiuso se le temperature esterne sono troppo basse. Sebbene sia una pianta relativamente tollerante alla siccità, l'acqua regolare durante gli incantesimi caldi e secchi consente alla pianta di prosperare correttamente.
Cultivation:WaterAndHardinessDetail
Qual è la temperatura ottimale per Clerodendro di Bunge?
La temperatura migliore per la crescita di Clerodendro di Bunge è 65~80℉ (18~27℃). Durante la fase di crescita primaria, la temperatura massima tollerabile è di 95℉(35℃), mentre la temperatura minima tollerabile è di 15℉(-10℃). Questa specie tollera le basse temperature e sopravvive agli inverni gelidi. L'intervallo di temperatura perfetto, massimo e minimo: Perfect:65~80℉(18~27℃) Highest:85~95℉(30~35℃) Più basso: 5~15℉ (-20~-10℃) o inferiore
Continua a leggere more
Devo regolare la temperatura di Clerodendro di Bunge durante le diverse fasi di crescita?
Le ricerche dimostrano che Clerodendro di Bunge inizia a mostrare segni di crescita stentata durante periodi prolungati di temperature più elevate, soprattutto durante lo sviluppo delle gemme ascellari e la crescita dei germogli principali. Mantenere le temperature costanti e più fresche, intorno ai 65℉(18℃), favorirà una crescita vigorosa dopo la germinazione o il trapianto.
Continua a leggere more
Come posso mantenere caldo il sito Clerodendro di Bunge nelle stagioni fredde?
Clerodendro di Bunge possono resistere al gelo se piantate nel terreno in zone che non scendono sotto i 15℉(-10℃) come temperatura estrema durante i mesi invernali. Se invece sono piantate in vasi o contenitori, le loro radici devono essere protette dal freddo invernale. A questo scopo, avvolgete il contenitore in una coperta o portatelo all'interno dove sarà completamente protetto dalle intemperie.
Continua a leggere more
Quali danni subisce Clerodendro di Bunge se la temperatura è troppo alta/bassa?
Il danno maggiore per Clerodendro di Bunge si ha se la temperatura è costantemente troppo alta rispetto a quella troppo bassa. Se Clerodendro di Bunge si scalda troppo, la germinazione dei semi e l'efficienza della fotosintesi diminuiscono a causa dell'attivazione degli ormoni provocata dallo stress termico. La pianta mostra segni di appassimento, imbrunimento delle foglie e potenzialmente morte. Se Clerodendro di Bunge si raffredda troppo, le funzioni della pianta, come l'assorbimento dei nutrienti e la fotosintesi, cessano e la pianta può morire. Se si verifica un singolo evento di congelamento durante la stagione di crescita, potrebbe verificarsi una transizione di fase della membrana, che può causare l'interruzione delle funzioni della pianta e la sua morte.
Continua a leggere more
Quali sono i consigli e le precauzioni da tenere a mente quando si parla di temperatura per Clerodendro di Bunge?
Mantenere costante la temperatura del terreno è una delle strategie più importanti per mantenere in salute il sito Clerodendro di Bunge, che porta al successo dei germogli, della fioritura e della nuova crescita. A questo scopo, annaffiate con costanza, aggiungete della pacciamatura al terreno scoperto e piantate all'ombra.
Continua a leggere more
Come posso mantenere caldo Clerodendro di Bunge senza un cuscinetto termico?
Grazie alla tolleranza al freddo di Clerodendro di Bunge, non è necessario utilizzare un cuscinetto riscaldante se la pianta è piantata all'esterno nel terreno. Se la pianta è in un vaso all'aperto, portatela all'interno di una casa riscaldata e posizionatela in una finestra soleggiata durante i mesi invernali.
Continua a leggere more
Come posso fornire a Clerodendro di Bunge una condizione di temperatura adeguata?
Per garantire condizioni di temperatura adeguate, piantate Clerodendro di Bunge in un'area parzialmente ombreggiata. Se possibile, utilizzate l'ombra pomeridiana per garantire la migliore protezione durante la parte più calda della giornata. In questo modo si otterranno anche temperature più basse nel terreno, grazie alla maggiore ritenzione di umidità. Se Clerodendro di Bunge viene piantato in casa, tenete il contenitore lontano dalle finestre e dalla luce diretta del sole durante i mesi estivi per evitare che la temperatura del terreno aumenti ogni giorno.
Continua a leggere more
Come posso salvare Clerodendro di Bunge dai danni della temperatura?
Durante l'estate o nei periodi di caldo intenso, fornite a Clerodendro di Bunge ombra e acqua extra per aiutare a raffreddare le foglie, le radici e il terreno. Durante le ondate di freddo o le gelate del periodo vegetativo, coprite la vegetazione sensibile in erba con un telo antigelo o annaffiate con sistemi di irrigazione a pioggia. Se le temperature si avvicinano al gelo solo per un breve periodo, annaffiate durante il giorno alcune ore prima del gelo. Se si prevede che la temperatura rimanga sotto lo zero per un periodo prolungato, mantenete in funzione l'irrigatore fino a quando la temperatura non salirà sopra lo zero il giorno successivo.
Continua a leggere more
Devo regolare la temperatura per Clerodendro di Bunge nelle diverse stagioni?
Clerodendro di Bunge è una pianta a media temperatura che può facilmente tollerare le fluttuazioni tipiche delle stagioni e rimanere una specie resistente se piantata in aree paesaggistiche curate, in contenitori o all'interno. Pertanto, regolare la temperatura durante le diverse stagioni non è necessario per la crescita primaria. Se la fioritura è stentata o ostacolata, allora permettere alla pianta di sperimentare una stagione di gelo invernale potrebbe aiutare a ravvivare la fioritura.
Continua a leggere more
In quali condizioni devo smettere di regolare la temperatura per Clerodendro di Bunge?
Se durante l'estate diventa troppo difficile abbassare la temperatura per una pianta da interno, allora piantatela all'esterno, nel terreno o in un contenitore. Assicuratevi di piantare Clerodendro di Bunge in una posizione ombreggiata e di annaffiare spesso per mantenere il terreno umido.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:SoilDetail

Qual è il terreno migliore per Clerodendro di Bunge?

A causa delle sue origini tropicali, il clerodendro di Bunge preferisce un terreno ricco, fertile, umido ma ben drenato - le sue radici sono facilmente danneggiate in un terreno persistentemente fradicio. Un pH leggermente acido, intorno ai 6,1-6,5, è l'ideale. La pacciamatura è consigliata sia in estate che in inverno; in estate, la pacciamatura aiuta a trattenere l'umidità, mentre in inverno aiuta a proteggere le radici dal gelo o dal freddo.
Cultivation:SoilDetail
Cultivation:PropagationDetail

Come propagare Clerodendro di Bunge?

La propagazione del clerodendro di Bunge viene eseguita meglio attraverso talee durante i mesi primaverili ed estivi. Dopo aver tagliato leggermente la pianta durante la stagione di crescita, apparirà un raccolto di piccoli germogli e questi possono essere usati come talee. Il radicamento delle talee può essere fatto in acqua o suolo. In alternativa, prendere talee più grandi da 2-4 pollici di germogli freschi e primaverili e piantare in terriccio ben drenato in un'area umida, con luce brillante ma indiretta, aiuterà le talee a crescere. Il compost deve essere mantenuto umido mentre le talee attecchiscono.
Le talee radicate possono quindi essere trapiantate in vasi da 7 cm e coperte con un tappo di vetro o di plastica trasparente. Una volta che i nuovi steli sono cresciuti, le talee possono essere trapiantate in vasi da 9 cm . Si possono prendere anche semi di latifoglie o radici.

Riproduzione

Clerodendro di Bunge fornisce tutto l'anno una buona sistemazione paesaggistica del giardino, un elemento essenziale per il giardino stesso. Man mano che il vostro Clerodendro di Bunge cresce, potreste voler sapere come ottenerne altri gratuitamente. O forse la vostra Clerodendro di Bunge è stata danneggiata da un parassita o da una malattia e vorreste salvarla e propagare una nuova pianta. Questo articolo tratta di come propagare la vostra Clerodendro di Bunge. Per una procedura più semplice, la talea di legno duro è una buona scelta. Clerodendro di Bunge Le piante di latifoglie possono essere propagate durante la stagione di dormienza, da metà autunno a fine inverno. La maggior parte delle persone preferisce prelevare le talee subito dopo la caduta delle foglie, ma si può fare con successo anche in altri momenti, purché si eviti di prelevare le talee durante i periodi di freddo intenso. L'inizio e la fine della stagione di dormienza sono i momenti in cui è più probabile che le talee di flash non tollerino il freddo. Se le temperature invernali nella vostra zona sono basse (ad esempio, inferiori a 0 ℉ per un periodo prolungato), si consiglia di mettere le talee in un garage o in un'incubatrice all'aperto dopo il taglio. Questo aiuterà le talee a sviluppare le radici. Quando si propaga Clerodendro di Bunge, assicurarsi che lo strumento di taglio sia abbastanza grande e affilato da tagliare in modo netto i germogli. L'uso di un utensile opaco può schiacciare o strappare la pianta, causando infezioni e malattie.
  1. Potatori da giardino affilati
  2. Soluzione di candeggina diluita o alcool isopropilico per pulire gli utensili
  3. Ormone radicante (facoltativo ma consigliato)
  4. Contenitore/i profondo/i con fori di drenaggio per la messa a dimora
  5. Terreno di coltura ben drenante, come corteccia di pino, perlite o una miscela di terriccio.
Fasi: Fase 1: per la propagazione, scegliete germogli sani, spessi quanto una matita e lunghi da 6 a 8 pollici, preferibilmente provenienti dalla crescita dell'anno precedente. Una volta individuate le vostre talee, usate potatori da giardino disinfettati per tagliare la punta della gemma e prelevare il ramo rimanente della sezione anteriore di circa 7-8 pollici. Se non le mettete subito in contenitore, mantenete le talee umide fino a quando non potrete metterle in vaso. SUGGERIMENTO: fate attenzione a quale lato è alzato quando prelevate le talee: può essere difficile capirlo quando non ci sono foglie. Fase 2: preparate i contenitori riempiendoli con il terreno di coltura. L'aggiunta di compost al terreno può facilitare la radicazione delle piante. Fase 3: immergere il fondo di Clerodendro di Bunge nell'ormone radicante, quindi inserire da un terzo a due terzi della talea nel substrato. Piantatele a circa 5 cm di distanza l'una dall'altra. Dovreste riuscire a piantarne fino a 10-12, a seconda delle dimensioni del vostro contenitore. Fase 4: innaffiare abbondantemente, assicurandosi che il terriccio sia uniformemente umido ma lasciandolo drenare. Fase 5: collocare i contenitori in un luogo freddo e protetto che riceva un po' di luce solare. Un garage non riscaldato, un portico o una struttura fredda vanno bene per questo scopo. Lasciate il Clerodendro di Bunge lì per tutto l'inverno. Innaffiate di tanto in tanto per assicurarvi che il terreno non si asciughi completamente, anche se può essere più secco durante i mesi invernali più freddi. Iniziate ad annaffiare più spesso quando le giornate diventano più calde in primavera. Si consiglia di mettere le talee in un garage o in un'incubatrice all'aperto dopo il taglio, se le temperature invernali nella vostra zona sono basse. Fase 6: dopo l'ultima gelata, spostare i contenitori all'esterno in un luogo parzialmente soleggiato. Potete aspettarvi di vedere nuove foglie sul vostro Clerodendro di Bunge verso la metà della primavera. È importante avere pazienza con questo processo, perché è piuttosto lento. In effetti, ci può volere un anno o più perché Clerodendro di Bunge sia pronto per essere trapiantato. Per fortuna non c'è molta manutenzione durante questo periodo e il processo ha un'alta probabilità di successo. Anche se il vostro Clerodendro di Bunge sta producendo una nuova crescita, potrebbe non essere ancora pronto per essere piantato nel terreno. È più importante che ci siano molte radici sane. Le radici dovrebbero essere lunghe almeno 3 pollici, ma molti preferiscono aspettare che le radici inizino a crescere fuori dai fori di drenaggio per essere sicuri che ci sia un sistema radicale adeguato. Anche la posa di cumuli o di feci è un metodo di propagazione comune, ma è più complesso. Iniziate il processo di propagazione a cumulo o a feci in autunno, tagliando la vostra pianta; questo permetterà alla pianta di impiegare le sue energie nella crescita di nuove radici in primavera. Quando la crescita inizia in primavera, è il momento di iniziare a stratificare la terra sopra la nuova crescita. Aspettate uno o due mesi affinché le radici si sviluppino a sufficienza prima di dividere o propagare le nuove piante. La margotta richiede tempo e pazienza, ma gli strumenti necessari per realizzarla sono minimi. Basta avere le cesoie e la cazzuola a portata di mano e si può iniziare subito!
  1. Forbici o cesoie affilate e igienizzate
  2. Cazzuola per coprire la pianta
  3. Terreno di coltura per coprire la pianta
Fasi: Fase 1: tagliare la pianta a 4-6 pollici dal terreno durante la stagione dormiente. Oppure, con le forbici, staccare in modo circonferenziale la parte inferiore del ramo a 4-6 pollici da terra. Fase 2: quando la nuova crescita appare al di sopra del terreno, spargere del terriccio sopra la nuova crescita. Compattando il terreno, si consentirà ai germogli interrati di radicare. Fase 3: assicurarsi che la pianta madre cresca regolarmente durante il periodo di pressatura, soprattutto per mantenere adeguatamente umida l'area in cui il terreno è stato ammassato. Fase 4: dopo 3-4 mesi, scavare il cumulo di terra e controllare la situazione del radicamento. Se sono cresciute radici vigorose, tagliatele insieme ai rami e piantatele come nuove piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
close
Cultivation:PropagationDetail
Cultivation:PlantingDetail

Come piantare Clerodendro di Bunge?

Il clerodendro di Bunge è meglio piantato in primavera, ma questo può essere fatto anche in autunno prima del primo gelo. Se crescono in vaso, le piante dovrebbero essere rinvasate una volta ogni due anni, anche se alcune varietà richiedono l'invaso ogni anno in primavera. Sebbene molte varietà possano essere utilizzate nelle siepi e nei bordi, la tendenza del Glorybower arlecchino a diffondersi dai polloni sotterranei rende difficile l'uso in bordi misti. Questi sono meglio piantati in un prato come un piccolo albero. Preferiscono anche essere piantati in un luogo riparato. Non dimenticare di fornire un traliccio o un supporto per le varietà rampicanti al momento della semina: aggiungerlo in seguito potrebbe danneggiare le radici della pianta.
Cultivation:PlantingDetail
PlantCare:TransplantSummary

Come trapiantare Clerodendro di Bunge?

Il momento ideale per trapiantare clerodendro di Bunge è tra l'inizio e la fine della primavera, quando le condizioni favoriscono una crescita sana. Per ottenere risultati ottimali, scegliete un luogo parzialmente ombreggiato che soddisfi le preferenze di clerodendro di Bunge. Allentando delicatamente la zolla di terra, la transizione avverrà senza problemi.
PlantCare:TransplantSummary
seasonal-tip

Misure precauzionali stagionali

Il clerodendro di Bunge dovrebbe essere lasciato inattivo, con annaffiature poco frequenti e temperature più fredde per inibire la crescita, durante l'inverno.
seasonal-tip
care_scenes

Ulteriori informazioni su Clerodendro Di Bunge Crescita e cura

feedback
Feedback
Guida alle cure di base
Temperatura
-10 - 41 ℃
Il clerodendro di Bunge preferisce crescere in un clima temperato con una temperatura media compresa tra 59 e 95 ℉ (15-35 ℃). Durante l'inverno, la pianta può richiedere una protezione aggiuntiva per sopravvivere a temperature inferiori allo zero.
Temp ideale per crescita
Trapianto
8-10 feet
Il momento ideale per trapiantare clerodendro di Bunge è tra l'inizio e la fine della primavera, quando le condizioni favoriscono una crescita sana. Per ottenere risultati ottimali, scegliete un luogo parzialmente ombreggiato che soddisfi le preferenze di clerodendro di Bunge. Allentando delicatamente la zolla di terra, la transizione avverrà senza problemi.
Tecniche di trapianto
Impollinazione
Normale
Aggiungendo un'aura enigmatica a qualsiasi giardino, clerodendro di Bunge attira i suoi impollinatori fondamentali, le api, con un profumo forte e dolce. La danza delle api trasporta il polline da un fiore all'altro, promettendo il successo del ciclo di vita dei fiori. Questa ben orchestrata sinfonia di coesistenza avviene soprattutto nelle ore diurne, quando le api sono in piena attività, rivelando l'impareggiabile genialità del disegno della natura.
Tecniche di impollinazione
Potatura
Primavera
Caratterizzata da fiori rosa profumati e foglie larghe, clerodendro di Bunge richiede una potatura regolare per mantenere la forma e favorire la fioritura. Le tecniche principali includono il taglio degli steli più lunghi e la rimozione del legno morto o malato. La stagione ottimale per la potatura è l'inizio della primavera, prima che inizi la nuova crescita. La potatura favorisce la circolazione dell'aria e la penetrazione della luce, promuovendo una salute robusta. Evitate le potature eccessive, che possono ridurre la fioritura, e disinfettate gli attrezzi per evitare la diffusione di malattie.
Tecniche di potatura
care_pet_and_diseases

Parassiti e malattie comuni

feedback
Feedback
Problemi comuni relativi a Clerodendro di Bunge, basati su 10 milioni di casi reali
Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Soluzioni: Per i casi meno gravi: Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione. Per trattare le infestazioni più gravi: Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Appassimento dei fiori
Appassimento dei fiori Appassimento dei fiori
Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Soluzioni: Se l'appassimento dei fiori è una progressione naturale dovuta all'età, non c'è nulla che si possa fare per rallentare o fermare il processo. Una volta che gli ormoni all'interno della pianta iniziano il processo di senescenza, è irreversibile. In caso di mancanza d'acqua, annaffia immediatamente la pianta usando acqua piovana a temperatura ambiente, acqua di sorgente in bottiglia o acqua di rubinetto filtrata. Piante in contenitori d'acqua fino a quando l'acqua in eccesso non fuoriesce dal fondo; annaffia le piante interrate fino a quando il terreno non è inzuppato ma non c'è acqua stagnante in superficie. In caso di carenze nutrizionali, la soluzione migliore è utilizzare un concime liquido granulare o idrosolubile, e applicarlo al terreno a circa la metà della dose consigliata. Tienilo lontano dalle foglie e assicurati che i prodotti granulari vengano annaffiati bene nel terreno. Se la pianta è infetta da un agente patogeno batterico o fungino, non esiste un ciclo di trattamento che curi le piante malate. La soluzione migliore è rimuovere le piante infette e smaltire il materiale vegetale fuori sede. Non mettere in un mucchio di compost.
Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Soluzioni: Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua. Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta. La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta. Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante. Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Insetti succhiatori
Insetti succhiatori Insetti succhiatori
Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Soluzioni: Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori: Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso; Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti; Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
autodiagnose

Cura e previeni le malattie delle piante.

Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
close
Coleotteri delle foglie
plant poor
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Panoramica
Panoramica
gamma di coleotteri delle foglie di dimensioni da 1,5 mm a 20 mm . Sia i coleotteri adulti che le loro larve mangiano le foglie di molti diversi tipi di piante. Esistono oltre 35.000 diverse specie di coleotteri delle foglie , in una varietà di colori tra cui oro, verde, a strisce gialle e rosse. Alcuni di questi sono stati scambiati per coccinelle a causa della loro forma e colorazione. Possono essere di forma ovale, rotonda o allungata. Questi insetti nocivi sono più attivi in primavera e in estate. Se non controllati, i coleotteri fogliari possono causare molti danni alle colture orticole e alle piante ornamentali. Si nutrono di foglie, fiori, steli, radici e frutti di diverse piante. Possono volare, il che significa che è facile per loro spostarsi da una pianta all'altra. Alcune specie di coleotteri delle foglie di mira solo una coltura specifica, mentre altre prenderanno di mira molti tipi diversi di piante. Sebbene gran parte del danno che provocano sia estetico, un'infestazione può indebolire una pianta e lasciarla soggetta ad altre malattie più problematiche.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
I primi segni di un'infestazione da coleotteri delle foglie sono piccoli buchi visibili nelle foglie. Le foglie diventano quindi scolorite e si possono vedere escrementi di scarabeo scuro. Quando le foglie diventano gialle e marroni, cadranno dalla pianta a terra. Alcune foglie appariranno scheletrate con solo le vene rimaste. L'infestazione inizia in primavera, quando i coleotteri adulti emergono dal terreno e depongono le uova sulle foglie delle piante. Quando queste uova si schiudono, le giovani ninfe iniziano a sgranocchiare le foglie man mano che crescono. Una volta che coleotteri delle foglie sono grandi e maturi, cadranno a terra e si puperanno nel terreno durante l'inverno prima di ricominciare il ciclo. Coleotteri delle foglie anche mangiare buchi in frutta e verdura. Questi possono essere visti come piccoli fori rotondi che a volte hanno un'area marrone più ampia che li circonda.
Soluzioni
Soluzioni
Per i casi meno gravi:
  1. Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione.
Per trattare le infestazioni più gravi:
  1. Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta.
  2. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Appassimento dei fiori
plant poor
Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dei fiori si verifica quando i fiori diventano deboli, cadenti, appassiti o sbiaditi fino a quando non possono essere rianimati. Durante l'appassimento, iniziano a raggrinzirsi e restringersi fino a quando il fiore non diventa completamente asciutto o morto. Tutti i fiori, indipendentemente dal tipo di pianta o dal clima in cui vengono coltivati, sono suscettibili di appassire. È un problema mondiale per piante d'appartamento, erbe aromatiche, piante ornamentali da fiore, alberi, arbusti, ortaggi da giardino e colture alimentari. A differenza dell'appassimento, con cui l'appassimento viene spesso confuso, l'appassimento può essere causato da cose diverse ed è spesso dovuto a qualcosa di più della mancanza di acqua. L'appassimento può essere fatale nei casi più gravi.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Appassimento dei fiori progredisce da casi molto lievi a casi gravi che uccidono il fiore. La gravità dei sintomi è correlata alla causa e per quanto tempo la condizione può progredire prima che venga intrapresa un'azione.
  • Fiori appassiti e cadenti
  • Petali e foglie iniziano a raggrinzirsi
  • Striature o macchie di carta marrone appaiono sui petali e sulle punte delle foglie
  • I capolini si restringono di dimensioni
  • Il colore del petalo svanisce
  • Foglie ingiallite
  • Morte completa del fiore
Causa della malattia
Causa della malattia
Le cause principali del appassimento dei fiori includono il progresso naturale dell'età, la mancanza di acqua, le carenze nutrizionali e le malattie batteriche o fungine. È fondamentale determinare la causa sottostante quando viene notato appassimento dei fiori . Questo guiderà la migliore linea d'azione, se il trattamento è possibile. Controlla l'umidità del terreno e poi esamina attentamente l'intera pianta per individuare eventuali segni di carenze nutrizionali. Se nessuna di queste sembra essere la causa, taglia lo stelo sotto un fiore. Se una sezione trasversale rivela macchie marroni o color ruggine, è lecito ritenere che si tratti di un'infezione batterica o fungina. Se il fiore si sta avvicinando alla fine della sua normale durata di vita, la codifica genetica all'interno della pianta aumenta la produzione di etilene, un fitormone che controlla la senescenza, o l'invecchiamento cellulare e la morte. La divisione cellulare si interrompe e la pianta inizia a scomporre le risorse all'interno del fiore per utilizzarle in altre parti della pianta. In tutti gli altri casi, appassimento dei fiori si verifica quando la pianta sigilla lo stelo come meccanismo di difesa, interrompendo il trasporto all'interno del sistema vascolare. Ciò impedisce un'ulteriore perdita d'acqua attraverso i fiori, ma impedisce anche a batteri e funghi di spostarsi verso parti sane della pianta. Una volta interrotto il trasporto di acqua e sostanze nutritive, il fiore inizia ad appassire e alla fine muore.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Appassimento dopo la fioritura
plant poor
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dopo la fioritura a volte è un processo di invecchiamento naturale del fiore, mentre altre volte può indicare un problema. Le orchidee, ad esempio, possono fiorire da due settimane a tre mesi, quindi l'appassimento dopo pochi giorni rappresenta un problema per la maggior parte delle varietà. Questo può accadere praticamente a qualsiasi pianta da fiore ornamentale, ma quelle con radici poco profonde e tolleranza limitata alla siccità, al pieno sole e alla bassa umidità sono più suscettibili. Questo è un problema comune e spesso ha una soluzione facile. A volte, tuttavia, è il risultato di cause più gravi come parassiti o malattie dell'apparato radicale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • All'inizio, i fiori possono sembrare un po' flosci.
  • I petali possono iniziare ad apparire secchi e diventare marroni.
  • Alla fine potrebbero far cadere la pianta tutti insieme.
Causa della malattia
Causa della malattia
Le fioriture appassite possono essere un segno di un apparato radicale malsano. Qualsiasi condizione che impedisca alla pianta di assorbire acqua e nutrimento a sufficienza può provocare fioriture avvizzite e talvolta altri sintomi. Se la pianta non ha abbastanza acqua, non può mantenere una pressione adeguata all'interno di steli, foglie e fiori, facendoli appassire. Ciò può derivare da danni fisici, ad esempio dalla rottura delle radici durante il rinvaso o dall'attacco di insetti come le larve. Se hai rinvasato di recente la tua pianta, una probabile causa è un danno fisico alle radici. Se vedi insetti, potrebbero mangiare foglie, radici o fiori. Le infezioni fungine possono anche causare marciume e danni alle radici, impedendo l'assorbimento di acqua e nutrienti. Infine, le fioriture avvizzite possono derivare semplicemente dall'età. Se non sono visibili altri sintomi, potrebbe semplicemente segnalare la fine naturale della durata della vita del fiore. Se sembra prematuro, ciò può essere causato da fattori ambientali: acqua, umidità, luce o stress. L'irrigazione insufficiente è una causa comune. Allo stesso modo, le piante adattate all'umidità elevata si seccano facilmente quando l'umidità è bassa, come durante l'inverno o nei climi secchi. Troppa luce può anche stressare le piante che hanno bisogno di ombra, facendo appassire le fioriture.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Insetti succhiatori
plant poor
Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Se la tua pianta mostra minuscole macchie giallastre, simili a muffe o a funghi che al tatto non vanno via, sparse sulle foglie, probabilmente si tratta di danni causati da insetti succhiatori di linfa. Tra questi rientrano afidi, cocciniglie, psille, tingidi, metcalfa, cimici, cicaline, mosche bianche e altri ancora.
Gli insetti succhiatori perforano, grazie al loro apparato boccale pungente-succhiante, la superficie di foglie, giovani rami e germogli per succhiarne la linfa. Si possono trovare su quasi ogni tipo di pianta, dalle orticole alle ornamentali.
Anche se gli insetti succhiatori, da soli, difficilmente portano alla morte una pianta, una grande infestazione potrebbe rapidamente comprometterne la salute e renderla più suscettibile ad attacchi da parte di altri patogeni, soprattutto nei periodi più caldi e secchi. Inoltre, questi insetti sono veicolo di molti virus dannosi per le piante.
Soluzioni
Soluzioni
Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori:
  1. Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso;
  2. Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti;
  3. Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Prevenzione
Prevenzione
Per una corretta prevenzione:
  1. Tieni le piante in un buono stato di salute fornendo loro la giusta quantità di fertilizzanti (un apporto eccessivo di azoto però può provocare troppo rigoglio vegetativo che favorisce lo sviluppo di infestazioni), acqua e luce solare;
  2. Rimuovi le erbe infestanti che circondano le piante in modo da ridurre la presenza di questi insetti e di altre specie che potrebbero trasmettere virosi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
care_more_info

Altro su Clerodendro Di Bunge

feedback
Feedback
Tipo di pianta
Tipo di pianta
Cespuglio
Durata di Vita
Durata di Vita
Perenne
Diametro della Corona
Diametro della Corona
90 a 180 cm
Periodo di fioritura
Periodo di fioritura
Estate, Autunno
Colore del fiore
Colore del fiore
Rosa
Rosso
Colore della foglia
Colore della foglia
Verde
Viola
Diametro del Fiore
Diametro del Fiore
10 cm
plantfinder

Trova le amiche verdi perfette per te.

Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
care_faq

Problemi Comuni

feedback
Feedback

Il mio clerodendro di Bunge rifiuta di fiorire. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se il tuo clerodendro di Bunge rifiuta di fiorire, la causa più probabile è che non sia stato in grado di raffreddarsi durante l'inverno; queste piante necessitano di un periodo fresco durante l'inverno per fiorire in primavera. Potrebbe non essere possibile risolvere questo problema nella stagione in corso. Tuttavia, è possibile adottare misure per garantire che fiorisca nella stagione successiva. Una volta che la pianta si affievolisce in autunno, l'irrigazione dovrebbe essere gradualmente ridotta e la temperatura dell'aria in qualche modo mantenuta al di sotto dei 15 ° C per tutto il periodo di svernamento. Una temperatura massima ideale sarebbe di 12 ° C. L'irrigazione dovrebbe essere mantenuta poco frequente, ma il nucleo della pianta non dovrebbe asciugarsi completamente.

Il mio clerodendro di Bunge è diventato giallo. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
L'ingiallimento uniforme del fogliame di clerodendro di Bunge indica la possibile innaffiatura. Ciò può essere risolto assicurandosi che nel suolo sia presente abbastanza acqua; ci dovrebbe essere un po 'd'acqua nel terreno o nel vassoio in ogni momento durante i mesi primaverili ed estivi. Se l'ingiallimento è a strisce o macchiato, è più probabile che sia la clorosi. Questo è comune a molte piante e può essere affrontato facilmente aggiungendo un fertilizzante contenente ferro al terreno, secondo le istruzioni del fornitore.

Il mio clerodendro di Bunge lascia cadere a metà stagione. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se le foglie cadono verso la fine della stagione, questo è normale e dovrebbe essere permesso che accada. Se ciò accade a metà stagione, potrebbe essere un segno che la pianta deve essere spostata in un altro posto con condizioni di crescita più adatte.
plant

Un botanico in tasca

plant
plant

App

plant
close
product icon
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
ad
Un botanico in tasca
Scan the QR code with your phone camera to download the app
close
title
Un botanico in tasca
qrcode
Scansiona il codice QR per effettuare il download
Su
Cura di Base
Cura Avanzata
Ulteriori istruzioni
Parassiti e Malattie
Maggiori informazioni
Domande Frequenti
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge
Clerodendro di Bunge

Come Prendersi Cura di Clerodendro Di Bunge

Il clerodendro di Bunge è impiegato in tutto il mondo soprattutto come ornamentale da giardino. In America è sfuggito alla coltivazione e si è naturalizzato, mentre in Italia decora le parti più soleggiate dei giardini, sprigionando un intenso profumo. Si tratta di una pianta piuttosto resistente, che predilige un terreno argilloso e ben drenato.
Acqua
Ogni settimana
Acqua
Luce Solare
Pieno sole
Luce Solare
care_basic_guide

Guida di Base per la Cura

feedback
Cultivation:FertilizerDetail

Come concimare Clerodendro di Bunge?

Cultivation:FertilizerDetail
Fertilizzare il tuo clerodendro di Bunge in primavera ed estate aiuterà i suoi fiori a sbocciare. Un trattamento ricco di micronutrienti, come zinco, boro, manganese e ferro, dovrebbe essere usato una volta al mese; idealmente in una formulazione liquida. Un fertilizzante granulare a lenta cessione è adatto anche per queste piante. La concimazione dovrebbe essere ridotta al termine del periodo di fioritura.
Perché devo concimare il mio Clerodendro di Bunge?
more
Quando è il momento migliore per concimare il mio Clerodendro di Bunge?
more
Quando dovrei evitare di concimare il mio Clerodendro di Bunge?
more
Di che tipo di fertilizzante ha bisogno il mio Clerodendro di Bunge?
more
Mostra di più more
Cultivation:SunlightDetail

Quali sono i requisiti di luce solare per Clerodendro di Bunge?

Cultivation:SunlightDetail
Il clerodendro di Bunge cresce meglio in pieno sole. Sebbene la maggior parte delle varietà andrà bene in un sito parzialmente ombreggiato con un po 'di luce solare diretta al mattino o nel tardo pomeriggio, piantare in pieno sole produrrà fioriture e fogliame più densi.
lightmeter

Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.

Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Quanto/quanto tempo dovrebbe ricevere la luce solare al giorno Clerodendro di Bunge per una crescita sana?
more
Di che tipo di luce solare ha bisogno Clerodendro di Bunge?
more
La luce del sole può danneggiare Clerodendro di Bunge? Come proteggere Clerodendro di Bunge dal sole e dai danni del calore?
more
Clerodendro di Bunge deve evitare l'esposizione al sole? / Devo proteggere Clerodendro di Bunge dal sole?
more
Mostra di più more
Cultivation:PruningDetail

Come potare Clerodendro di Bunge ?

Cultivation:PruningDetail
Il clerodendro di Bunge dovrebbe essere eliminato alla fine dell'inverno e prima della nuova stagione. Ciò contribuirà a bilanciare i rami della pianta e mantenere la forma rotonda delle varietà folte. La potatura assicurerà che i fiori della stagione successiva crescano sugli steli esistenti. Anche i rami morti o morenti devono essere rimossi.
Il clerodendro di Bunge può essere sia potato su un singolo tronco per essere addestrato in un piccolo albero, o potato per incoraggiare una pianta cespugliosa che si adatta bene come un arbusto. Se cresce come un albero, i polloni alla base del tronco dovrebbero essere rimossi regolarmente. Sia che cresca come un albero o un arbusto, il clerodendro di Bunge dovrebbe essere ridotto a meno di 2 m di altezza ogni anno alla fine dell'inverno o all'inizio della primavera per mantenere la crescita densa e compatta. La potatura del legno morto in primavera consentirà un'ulteriore fioritura a fine estate.
La potatura è necessaria per il mio Clerodendro di Bunge?
more
Quando è il momento migliore per potare il mio Clerodendro di Bunge?
more
Come posso potare il mio Clerodendro di Bunge?
more
Cosa devo fare dopo la potatura di Clerodendro di Bunge?
more
Mostra di più more
close
care_advanced_guide

Guida avanzata alla cura

feedback
Cultivation:WaterAndHardinessDetail

Qual è l'intervallo di temperatura ideale per Clerodendro di Bunge?

Cultivation:WaterAndHardinessDetail
La rusticità del clerodendro di Bunge varia a seconda della specie. Di solito, se le temperature raggiungono meno di -15 ° C , la maggior parte delle piante muoiono di nuovo a terra in inverno. Le piante tollereranno un po 'di gelo, ma forti gelate di lunga durata porteranno a una crescita stentata.
Si consiglia una temperatura ideale per tutto l'anno di 15 ℃ per clerodendro di Bunge specie più clerodendro di Bunge . Tuttavia, possono anche essere coltivati al chiuso se le temperature esterne sono troppo basse. Sebbene sia una pianta relativamente tollerante alla siccità, l'acqua regolare durante gli incantesimi caldi e secchi consente alla pianta di prosperare correttamente.
Qual è la temperatura ottimale per Clerodendro di Bunge?
more
Devo regolare la temperatura di Clerodendro di Bunge durante le diverse fasi di crescita?
more
Come posso mantenere caldo il sito Clerodendro di Bunge nelle stagioni fredde?
more
Quali danni subisce Clerodendro di Bunge se la temperatura è troppo alta/bassa?
more
Mostra di più more
Cultivation:SoilDetail

Qual è il terreno migliore per Clerodendro di Bunge?

Cultivation:SoilDetail
A causa delle sue origini tropicali, il clerodendro di Bunge preferisce un terreno ricco, fertile, umido ma ben drenato - le sue radici sono facilmente danneggiate in un terreno persistentemente fradicio. Un pH leggermente acido, intorno ai 6,1-6,5, è l'ideale. La pacciamatura è consigliata sia in estate che in inverno; in estate, la pacciamatura aiuta a trattenere l'umidità, mentre in inverno aiuta a proteggere le radici dal gelo o dal freddo.
Cultivation:PropagationDetail

Come propagare Clerodendro di Bunge?

Cultivation:PropagationDetail
La propagazione del clerodendro di Bunge viene eseguita meglio attraverso talee durante i mesi primaverili ed estivi. Dopo aver tagliato leggermente la pianta durante la stagione di crescita, apparirà un raccolto di piccoli germogli e questi possono essere usati come talee. Il radicamento delle talee può essere fatto in acqua o suolo. In alternativa, prendere talee più grandi da 2-4 pollici di germogli freschi e primaverili e piantare in terriccio ben drenato in un'area umida, con luce brillante ma indiretta, aiuterà le talee a crescere. Il compost deve essere mantenuto umido mentre le talee attecchiscono.
Le talee radicate possono quindi essere trapiantate in vasi da 7 cm e coperte con un tappo di vetro o di plastica trasparente. Una volta che i nuovi steli sono cresciuti, le talee possono essere trapiantate in vasi da 9 cm . Si possono prendere anche semi di latifoglie o radici.
close

Riproduzione

Clerodendro di Bunge fornisce tutto l'anno una buona sistemazione paesaggistica del giardino, un elemento essenziale per il giardino stesso. Man mano che il vostro Clerodendro di Bunge cresce, potreste voler sapere come ottenerne altri gratuitamente. O forse la vostra Clerodendro di Bunge è stata danneggiata da un parassita o da una malattia e vorreste salvarla e propagare una nuova pianta. Questo articolo tratta di come propagare la vostra Clerodendro di Bunge. Per una procedura più semplice, la talea di legno duro è una buona scelta. Clerodendro di Bunge Le piante di latifoglie possono essere propagate durante la stagione di dormienza, da metà autunno a fine inverno. La maggior parte delle persone preferisce prelevare le talee subito dopo la caduta delle foglie, ma si può fare con successo anche in altri momenti, purché si eviti di prelevare le talee durante i periodi di freddo intenso. L'inizio e la fine della stagione di dormienza sono i momenti in cui è più probabile che le talee di flash non tollerino il freddo. Se le temperature invernali nella vostra zona sono basse (ad esempio, inferiori a 0 ℉ per un periodo prolungato), si consiglia di mettere le talee in un garage o in un'incubatrice all'aperto dopo il taglio. Questo aiuterà le talee a sviluppare le radici. Quando si propaga Clerodendro di Bunge, assicurarsi che lo strumento di taglio sia abbastanza grande e affilato da tagliare in modo netto i germogli. L'uso di un utensile opaco può schiacciare o strappare la pianta, causando infezioni e malattie.
  1. Potatori da giardino affilati
  2. Soluzione di candeggina diluita o alcool isopropilico per pulire gli utensili
  3. Ormone radicante (facoltativo ma consigliato)
  4. Contenitore/i profondo/i con fori di drenaggio per la messa a dimora
  5. Terreno di coltura ben drenante, come corteccia di pino, perlite o una miscela di terriccio.
Fasi: Fase 1: per la propagazione, scegliete germogli sani, spessi quanto una matita e lunghi da 6 a 8 pollici, preferibilmente provenienti dalla crescita dell'anno precedente. Una volta individuate le vostre talee, usate potatori da giardino disinfettati per tagliare la punta della gemma e prelevare il ramo rimanente della sezione anteriore di circa 7-8 pollici. Se non le mettete subito in contenitore, mantenete le talee umide fino a quando non potrete metterle in vaso. SUGGERIMENTO: fate attenzione a quale lato è alzato quando prelevate le talee: può essere difficile capirlo quando non ci sono foglie. Fase 2: preparate i contenitori riempiendoli con il terreno di coltura. L'aggiunta di compost al terreno può facilitare la radicazione delle piante. Fase 3: immergere il fondo di Clerodendro di Bunge nell'ormone radicante, quindi inserire da un terzo a due terzi della talea nel substrato. Piantatele a circa 5 cm di distanza l'una dall'altra. Dovreste riuscire a piantarne fino a 10-12, a seconda delle dimensioni del vostro contenitore. Fase 4: innaffiare abbondantemente, assicurandosi che il terriccio sia uniformemente umido ma lasciandolo drenare. Fase 5: collocare i contenitori in un luogo freddo e protetto che riceva un po' di luce solare. Un garage non riscaldato, un portico o una struttura fredda vanno bene per questo scopo. Lasciate il Clerodendro di Bunge lì per tutto l'inverno. Innaffiate di tanto in tanto per assicurarvi che il terreno non si asciughi completamente, anche se può essere più secco durante i mesi invernali più freddi. Iniziate ad annaffiare più spesso quando le giornate diventano più calde in primavera. Si consiglia di mettere le talee in un garage o in un'incubatrice all'aperto dopo il taglio, se le temperature invernali nella vostra zona sono basse. Fase 6: dopo l'ultima gelata, spostare i contenitori all'esterno in un luogo parzialmente soleggiato. Potete aspettarvi di vedere nuove foglie sul vostro Clerodendro di Bunge verso la metà della primavera. È importante avere pazienza con questo processo, perché è piuttosto lento. In effetti, ci può volere un anno o più perché Clerodendro di Bunge sia pronto per essere trapiantato. Per fortuna non c'è molta manutenzione durante questo periodo e il processo ha un'alta probabilità di successo. Anche se il vostro Clerodendro di Bunge sta producendo una nuova crescita, potrebbe non essere ancora pronto per essere piantato nel terreno. È più importante che ci siano molte radici sane. Le radici dovrebbero essere lunghe almeno 3 pollici, ma molti preferiscono aspettare che le radici inizino a crescere fuori dai fori di drenaggio per essere sicuri che ci sia un sistema radicale adeguato. Anche la posa di cumuli o di feci è un metodo di propagazione comune, ma è più complesso. Iniziate il processo di propagazione a cumulo o a feci in autunno, tagliando la vostra pianta; questo permetterà alla pianta di impiegare le sue energie nella crescita di nuove radici in primavera. Quando la crescita inizia in primavera, è il momento di iniziare a stratificare la terra sopra la nuova crescita. Aspettate uno o due mesi affinché le radici si sviluppino a sufficienza prima di dividere o propagare le nuove piante. La margotta richiede tempo e pazienza, ma gli strumenti necessari per realizzarla sono minimi. Basta avere le cesoie e la cazzuola a portata di mano e si può iniziare subito!
  1. Forbici o cesoie affilate e igienizzate
  2. Cazzuola per coprire la pianta
  3. Terreno di coltura per coprire la pianta
Fasi: Fase 1: tagliare la pianta a 4-6 pollici dal terreno durante la stagione dormiente. Oppure, con le forbici, staccare in modo circonferenziale la parte inferiore del ramo a 4-6 pollici da terra. Fase 2: quando la nuova crescita appare al di sopra del terreno, spargere del terriccio sopra la nuova crescita. Compattando il terreno, si consentirà ai germogli interrati di radicare. Fase 3: assicurarsi che la pianta madre cresca regolarmente durante il periodo di pressatura, soprattutto per mantenere adeguatamente umida l'area in cui il terreno è stato ammassato. Fase 4: dopo 3-4 mesi, scavare il cumulo di terra e controllare la situazione del radicamento. Se sono cresciute radici vigorose, tagliatele insieme ai rami e piantatele come nuove piante.
Mostra di più
more
Sblocca le guide complete per imparare a curare più di 10.000 specie
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Cultivation:PlantingDetail

Come piantare Clerodendro di Bunge?

Cultivation:PlantingDetail
Il clerodendro di Bunge è meglio piantato in primavera, ma questo può essere fatto anche in autunno prima del primo gelo. Se crescono in vaso, le piante dovrebbero essere rinvasate una volta ogni due anni, anche se alcune varietà richiedono l'invaso ogni anno in primavera. Sebbene molte varietà possano essere utilizzate nelle siepi e nei bordi, la tendenza del Glorybower arlecchino a diffondersi dai polloni sotterranei rende difficile l'uso in bordi misti. Questi sono meglio piantati in un prato come un piccolo albero. Preferiscono anche essere piantati in un luogo riparato. Non dimenticare di fornire un traliccio o un supporto per le varietà rampicanti al momento della semina: aggiungerlo in seguito potrebbe danneggiare le radici della pianta.
PlantCare:TransplantSummary

Come trapiantare Clerodendro di Bunge?

PlantCare:TransplantSummary
Il momento ideale per trapiantare clerodendro di Bunge è tra l'inizio e la fine della primavera, quando le condizioni favoriscono una crescita sana. Per ottenere risultati ottimali, scegliete un luogo parzialmente ombreggiato che soddisfi le preferenze di clerodendro di Bunge. Allentando delicatamente la zolla di terra, la transizione avverrà senza problemi.
seasonal-tip

Misure precauzionali stagionali

Il clerodendro di Bunge dovrebbe essere lasciato inattivo, con annaffiature poco frequenti e temperature più fredde per inibire la crescita, durante l'inverno.
care_scenes

Ulteriori informazioni su Clerodendro Di Bunge Crescita e cura

feedback
Guida alle cure di base
care_pet_and_diseases

Parassiti e malattie comuni

feedback
Problemi comuni relativi a Clerodendro di Bunge, basati su 10 milioni di casi reali
Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Soluzioni: Per i casi meno gravi: Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione. Per trattare le infestazioni più gravi: Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Learn More About the Coleotteri delle foglie more
Appassimento dei fiori
Appassimento dei fiori Appassimento dei fiori Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Soluzioni: Se l'appassimento dei fiori è una progressione naturale dovuta all'età, non c'è nulla che si possa fare per rallentare o fermare il processo. Una volta che gli ormoni all'interno della pianta iniziano il processo di senescenza, è irreversibile. In caso di mancanza d'acqua, annaffia immediatamente la pianta usando acqua piovana a temperatura ambiente, acqua di sorgente in bottiglia o acqua di rubinetto filtrata. Piante in contenitori d'acqua fino a quando l'acqua in eccesso non fuoriesce dal fondo; annaffia le piante interrate fino a quando il terreno non è inzuppato ma non c'è acqua stagnante in superficie. In caso di carenze nutrizionali, la soluzione migliore è utilizzare un concime liquido granulare o idrosolubile, e applicarlo al terreno a circa la metà della dose consigliata. Tienilo lontano dalle foglie e assicurati che i prodotti granulari vengano annaffiati bene nel terreno. Se la pianta è infetta da un agente patogeno batterico o fungino, non esiste un ciclo di trattamento che curi le piante malate. La soluzione migliore è rimuovere le piante infette e smaltire il materiale vegetale fuori sede. Non mettere in un mucchio di compost.
Learn More About the Appassimento dei fiori more
Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Soluzioni: Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua. Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta. La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta. Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante. Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Learn More About the Appassimento dopo la fioritura more
Insetti succhiatori
Insetti succhiatori Insetti succhiatori Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Soluzioni: Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori: Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso; Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti; Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Learn More About the Insetti succhiatori more
autodiagnose

Cura e previeni le malattie delle piante.

Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
close
Coleotteri delle foglie
plant poor
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Panoramica
Panoramica
gamma di coleotteri delle foglie di dimensioni da 1,5 mm a 20 mm . Sia i coleotteri adulti che le loro larve mangiano le foglie di molti diversi tipi di piante. Esistono oltre 35.000 diverse specie di coleotteri delle foglie , in una varietà di colori tra cui oro, verde, a strisce gialle e rosse. Alcuni di questi sono stati scambiati per coccinelle a causa della loro forma e colorazione. Possono essere di forma ovale, rotonda o allungata. Questi insetti nocivi sono più attivi in primavera e in estate. Se non controllati, i coleotteri fogliari possono causare molti danni alle colture orticole e alle piante ornamentali. Si nutrono di foglie, fiori, steli, radici e frutti di diverse piante. Possono volare, il che significa che è facile per loro spostarsi da una pianta all'altra. Alcune specie di coleotteri delle foglie di mira solo una coltura specifica, mentre altre prenderanno di mira molti tipi diversi di piante. Sebbene gran parte del danno che provocano sia estetico, un'infestazione può indebolire una pianta e lasciarla soggetta ad altre malattie più problematiche.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
I primi segni di un'infestazione da coleotteri delle foglie sono piccoli buchi visibili nelle foglie. Le foglie diventano quindi scolorite e si possono vedere escrementi di scarabeo scuro. Quando le foglie diventano gialle e marroni, cadranno dalla pianta a terra. Alcune foglie appariranno scheletrate con solo le vene rimaste. L'infestazione inizia in primavera, quando i coleotteri adulti emergono dal terreno e depongono le uova sulle foglie delle piante. Quando queste uova si schiudono, le giovani ninfe iniziano a sgranocchiare le foglie man mano che crescono. Una volta che coleotteri delle foglie sono grandi e maturi, cadranno a terra e si puperanno nel terreno durante l'inverno prima di ricominciare il ciclo. Coleotteri delle foglie anche mangiare buchi in frutta e verdura. Questi possono essere visti come piccoli fori rotondi che a volte hanno un'area marrone più ampia che li circonda.
Soluzioni
Soluzioni
Per i casi meno gravi:
  1. Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione.
Per trattare le infestazioni più gravi:
  1. Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta.
  2. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Prevenzione
Prevenzione
Per prevenire le infestazioni di coleotteri delle foglie , segui queste pratiche.
  1. Controlla regolarmente la presenza di coleotteri . Per prevenire grandi infestazioni da parassiti, sii proattivo nel controllare frequentemente le piante per rilevare eventuali parassiti e rimuoverle rapidamente.
  2. Elimina detriti . Elimina erbacce e detriti per rimuovere le aree in cui questi coleotteri possono svernare e nascondersi.
  3. Attira i predatori naturali . Uccelli e altri insetti, come vespe e coccinelle, sono efficaci predatori naturali di coleotteri delle foglie . Incoraggiateli a visitare includendo una vasta gamma di piante per fornire habitat e cibo. Inoltre, evita di applicare erbicidi ad ampio spettro che possono danneggiare e uccidere gli insetti utili.
  4. Pianta erbe aromatiche come menta, aglio o rosmarino, poiché possono respingere coleotteri delle foglie .
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Appassimento dei fiori
plant poor
Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dei fiori si verifica quando i fiori diventano deboli, cadenti, appassiti o sbiaditi fino a quando non possono essere rianimati. Durante l'appassimento, iniziano a raggrinzirsi e restringersi fino a quando il fiore non diventa completamente asciutto o morto. Tutti i fiori, indipendentemente dal tipo di pianta o dal clima in cui vengono coltivati, sono suscettibili di appassire. È un problema mondiale per piante d'appartamento, erbe aromatiche, piante ornamentali da fiore, alberi, arbusti, ortaggi da giardino e colture alimentari. A differenza dell'appassimento, con cui l'appassimento viene spesso confuso, l'appassimento può essere causato da cose diverse ed è spesso dovuto a qualcosa di più della mancanza di acqua. L'appassimento può essere fatale nei casi più gravi.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Appassimento dei fiori progredisce da casi molto lievi a casi gravi che uccidono il fiore. La gravità dei sintomi è correlata alla causa e per quanto tempo la condizione può progredire prima che venga intrapresa un'azione.
  • Fiori appassiti e cadenti
  • Petali e foglie iniziano a raggrinzirsi
  • Striature o macchie di carta marrone appaiono sui petali e sulle punte delle foglie
  • I capolini si restringono di dimensioni
  • Il colore del petalo svanisce
  • Foglie ingiallite
  • Morte completa del fiore
Causa della malattia
Causa della malattia
Le cause principali del appassimento dei fiori includono il progresso naturale dell'età, la mancanza di acqua, le carenze nutrizionali e le malattie batteriche o fungine. È fondamentale determinare la causa sottostante quando viene notato appassimento dei fiori . Questo guiderà la migliore linea d'azione, se il trattamento è possibile. Controlla l'umidità del terreno e poi esamina attentamente l'intera pianta per individuare eventuali segni di carenze nutrizionali. Se nessuna di queste sembra essere la causa, taglia lo stelo sotto un fiore. Se una sezione trasversale rivela macchie marroni o color ruggine, è lecito ritenere che si tratti di un'infezione batterica o fungina. Se il fiore si sta avvicinando alla fine della sua normale durata di vita, la codifica genetica all'interno della pianta aumenta la produzione di etilene, un fitormone che controlla la senescenza, o l'invecchiamento cellulare e la morte. La divisione cellulare si interrompe e la pianta inizia a scomporre le risorse all'interno del fiore per utilizzarle in altre parti della pianta. In tutti gli altri casi, appassimento dei fiori si verifica quando la pianta sigilla lo stelo come meccanismo di difesa, interrompendo il trasporto all'interno del sistema vascolare. Ciò impedisce un'ulteriore perdita d'acqua attraverso i fiori, ma impedisce anche a batteri e funghi di spostarsi verso parti sane della pianta. Una volta interrotto il trasporto di acqua e sostanze nutritive, il fiore inizia ad appassire e alla fine muore.
Soluzioni
Soluzioni
Se l'appassimento dei fiori è una progressione naturale dovuta all'età, non c'è nulla che si possa fare per rallentare o fermare il processo. Una volta che gli ormoni all'interno della pianta iniziano il processo di senescenza, è irreversibile. In caso di mancanza d'acqua, annaffia immediatamente la pianta usando acqua piovana a temperatura ambiente, acqua di sorgente in bottiglia o acqua di rubinetto filtrata. Piante in contenitori d'acqua fino a quando l'acqua in eccesso non fuoriesce dal fondo; annaffia le piante interrate fino a quando il terreno non è inzuppato ma non c'è acqua stagnante in superficie. In caso di carenze nutrizionali, la soluzione migliore è utilizzare un concime liquido granulare o idrosolubile, e applicarlo al terreno a circa la metà della dose consigliata. Tienilo lontano dalle foglie e assicurati che i prodotti granulari vengano annaffiati bene nel terreno. Se la pianta è infetta da un agente patogeno batterico o fungino, non esiste un ciclo di trattamento che curi le piante malate. La soluzione migliore è rimuovere le piante infette e smaltire il materiale vegetale fuori sede. Non mettere in un mucchio di compost.
Prevenzione
Prevenzione
Questo è sicuramente uno di quei casi in cui la prevenzione è più efficace della cura. Ecco alcune misure preventive per evitare appassimento dei fiori prematuro.
  • Innaffia le piante in base alle loro esigenze: mantieni il terreno leggermente umido o lascia asciugare il pollice o due in alto prima di annaffiare di nuovo.
  • Fertilizzare leggermente in modo coerente, a seconda della crescita della pianta. Le piante a crescita rapida e quelle che fioriscono o sviluppano frutti avranno bisogno di concimazioni più frequenti rispetto alle piante a crescita lenta.
  • Acquista piante certificate prive di malattie o agenti patogeni.
  • Cerca cultivar resistenti alle malattie.
  • Isolare le piante che mostrano sintomi di malattia per prevenirne la diffusione alle piante vicine.
  • Pratica una buona igiene delle piante rimuovendo il materiale vegetale caduto il prima possibile.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Appassimento dopo la fioritura
plant poor
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dopo la fioritura a volte è un processo di invecchiamento naturale del fiore, mentre altre volte può indicare un problema. Le orchidee, ad esempio, possono fiorire da due settimane a tre mesi, quindi l'appassimento dopo pochi giorni rappresenta un problema per la maggior parte delle varietà. Questo può accadere praticamente a qualsiasi pianta da fiore ornamentale, ma quelle con radici poco profonde e tolleranza limitata alla siccità, al pieno sole e alla bassa umidità sono più suscettibili. Questo è un problema comune e spesso ha una soluzione facile. A volte, tuttavia, è il risultato di cause più gravi come parassiti o malattie dell'apparato radicale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • All'inizio, i fiori possono sembrare un po' flosci.
  • I petali possono iniziare ad apparire secchi e diventare marroni.
  • Alla fine potrebbero far cadere la pianta tutti insieme.
Causa della malattia
Causa della malattia
Le fioriture appassite possono essere un segno di un apparato radicale malsano. Qualsiasi condizione che impedisca alla pianta di assorbire acqua e nutrimento a sufficienza può provocare fioriture avvizzite e talvolta altri sintomi. Se la pianta non ha abbastanza acqua, non può mantenere una pressione adeguata all'interno di steli, foglie e fiori, facendoli appassire. Ciò può derivare da danni fisici, ad esempio dalla rottura delle radici durante il rinvaso o dall'attacco di insetti come le larve. Se hai rinvasato di recente la tua pianta, una probabile causa è un danno fisico alle radici. Se vedi insetti, potrebbero mangiare foglie, radici o fiori. Le infezioni fungine possono anche causare marciume e danni alle radici, impedendo l'assorbimento di acqua e nutrienti. Infine, le fioriture avvizzite possono derivare semplicemente dall'età. Se non sono visibili altri sintomi, potrebbe semplicemente segnalare la fine naturale della durata della vita del fiore. Se sembra prematuro, ciò può essere causato da fattori ambientali: acqua, umidità, luce o stress. L'irrigazione insufficiente è una causa comune. Allo stesso modo, le piante adattate all'umidità elevata si seccano facilmente quando l'umidità è bassa, come durante l'inverno o nei climi secchi. Troppa luce può anche stressare le piante che hanno bisogno di ombra, facendo appassire le fioriture.
Soluzioni
Soluzioni
  • Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua.
  • Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta.
  • La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta.
  • Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante.
  • Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Prevenzione
Prevenzione
  • Leggi le preferenze di umidità, luce e tipo di terreno per ciascuna pianta per evitare l'immersione, livelli di luce errati o altre condizioni che possono causare fioriture avvizzite.
  • Evitare il rinvaso durante il periodo di fioritura. Ciò provoca ulteriore stress sulle piante perché devono riparare i danni alle radici e adattarsi al nuovo microambiente, il che può provocare avvizzimento.
  • Un'altra potenziale causa è il gas etilene, un ormone vegetale correlato alla maturazione. Alcuni tipi di frutta e verdura emettono etilene, in particolare le banane. Anche mele, uva, meloni, avocado e patate possono emanarlo, quindi tieni le piante da fiore lontane dai prodotti freschi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Insetti succhiatori
plant poor
Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Se la tua pianta mostra minuscole macchie giallastre, simili a muffe o a funghi che al tatto non vanno via, sparse sulle foglie, probabilmente si tratta di danni causati da insetti succhiatori di linfa. Tra questi rientrano afidi, cocciniglie, psille, tingidi, metcalfa, cimici, cicaline, mosche bianche e altri ancora.
Gli insetti succhiatori perforano, grazie al loro apparato boccale pungente-succhiante, la superficie di foglie, giovani rami e germogli per succhiarne la linfa. Si possono trovare su quasi ogni tipo di pianta, dalle orticole alle ornamentali.
Anche se gli insetti succhiatori, da soli, difficilmente portano alla morte una pianta, una grande infestazione potrebbe rapidamente comprometterne la salute e renderla più suscettibile ad attacchi da parte di altri patogeni, soprattutto nei periodi più caldi e secchi. Inoltre, questi insetti sono veicolo di molti virus dannosi per le piante.
Soluzioni
Soluzioni
Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori:
  1. Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso;
  2. Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti;
  3. Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Prevenzione
Prevenzione
Per una corretta prevenzione:
  1. Tieni le piante in un buono stato di salute fornendo loro la giusta quantità di fertilizzanti (un apporto eccessivo di azoto però può provocare troppo rigoglio vegetativo che favorisce lo sviluppo di infestazioni), acqua e luce solare;
  2. Rimuovi le erbe infestanti che circondano le piante in modo da ridurre la presenza di questi insetti e di altre specie che potrebbero trasmettere virosi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
care_more_info

Altro su Clerodendro Di Bunge

feedback
Tipo di pianta
Tipo di pianta
Cespuglio
Durata di Vita
Durata di Vita
Perenne
Diametro della Corona
Diametro della Corona
90 a 180 cm
Periodo di fioritura
Periodo di fioritura
Estate, Autunno
Colore del fiore
Colore del fiore
Rosa
Rosso
Colore della foglia
Colore della foglia
Verde
Viola
Diametro del Fiore
Diametro del Fiore
10 cm
plantfinder

Trova le amiche verdi perfette per te.

Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
care_faq

Problemi Comuni

feedback

Il mio clerodendro di Bunge rifiuta di fiorire. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se il tuo clerodendro di Bunge rifiuta di fiorire, la causa più probabile è che non sia stato in grado di raffreddarsi durante l'inverno; queste piante necessitano di un periodo fresco durante l'inverno per fiorire in primavera. Potrebbe non essere possibile risolvere questo problema nella stagione in corso. Tuttavia, è possibile adottare misure per garantire che fiorisca nella stagione successiva. Una volta che la pianta si affievolisce in autunno, l'irrigazione dovrebbe essere gradualmente ridotta e la temperatura dell'aria in qualche modo mantenuta al di sotto dei 15 ° C per tutto il periodo di svernamento. Una temperatura massima ideale sarebbe di 12 ° C. L'irrigazione dovrebbe essere mantenuta poco frequente, ma il nucleo della pianta non dovrebbe asciugarsi completamente.

Il mio clerodendro di Bunge è diventato giallo. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
L'ingiallimento uniforme del fogliame di clerodendro di Bunge indica la possibile innaffiatura. Ciò può essere risolto assicurandosi che nel suolo sia presente abbastanza acqua; ci dovrebbe essere un po 'd'acqua nel terreno o nel vassoio in ogni momento durante i mesi primaverili ed estivi. Se l'ingiallimento è a strisce o macchiato, è più probabile che sia la clorosi. Questo è comune a molte piante e può essere affrontato facilmente aggiungendo un fertilizzante contenente ferro al terreno, secondo le istruzioni del fornitore.

Il mio clerodendro di Bunge lascia cadere a metà stagione. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se le foglie cadono verso la fine della stagione, questo è normale e dovrebbe essere permesso che accada. Se ciò accade a metà stagione, potrebbe essere un segno che la pianta deve essere spostata in un altro posto con condizioni di crescita più adatte.
product icon close
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
product icon close
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Temperatura
close
Al chiuso
Al chiuso
All'aperto
Scegli un sito qui per avere consigli personalizzati sulla cura.
Esigenze
Ideale
Tollerabile
Non adatta
Proprio come le persone, ogni pianta ha le sue preferenze. Informarti sulle esigenze di temperatura delle tue piante e crea un ambiente confortante affinché possano prosperare. Man mano che ti prendi cura delle tue piante, il tuo legame con loro si approfondirà. Affidati alla tua intuizione mentre impari sulle loro esigenze di temperatura, celebrando il viaggio che condividete. Monitora amorevolmente la temperatura intorno alle tue piante e modifica il loro ambiente se necessario. Un termometro può essere il tuo alleato in questo impegno sincero. Sii paziente e gentile con te stesso mentre esplori le esigenze di temperatura delle tue piante. Apprezza i tuoi successi, impara dalle sfide e nutri il tuo giardino con amore, creando un rifugio che rifletta il calore della tua cura.
Informazioni Essenziali
Il clerodendro di Bunge preferisce crescere in un clima temperato con una temperatura media compresa tra 59 e 95 ℉ (15-35 ℃). Durante l'inverno, la pianta può richiedere una protezione aggiuntiva per sopravvivere a temperature inferiori allo zero.
Vuoi scopri informazioni sulla cura delle piante, i consigli stagionali, le malattie e molto altro ancora?
Strumento per la Gestione dei Cookie
Oltre a gestire i cookie tramite il tuo browser o dispositivo, puoi modificare le impostazioni dei cookie qui sotto.
Cookie necessari
I cookie necessari abilitano le funzionalità principali. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie e può essere disabilitato solo modificando le preferenze del browser.
Cookie analitici
I cookie analitici ci aiutano a migliorare la nostra applicazione e il nostro sito web raccogliendo e segnalando informazioni sul suo utilizzo.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_ga Google Analytics Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link. 1 Anno
_pta PictureThis Analytics Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza. 1 Anno
Nome del Cookie
_ga
Fonte
Google Analytics
Scopo
Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_pta
Fonte
PictureThis Analytics
Scopo
Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza.
Durata di vita
1 Anno
Cookie di Marketing
I cookie di marketing vengono utilizzati dalle società pubblicitarie per pubblicare annunci pertinenti ai tuoi interessi.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_fbp Pixel di Facebook Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui. 1 Anno
_adj Adjust Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui. 1 Anno
Nome del Cookie
_fbp
Fonte
Pixel di Facebook
Scopo
Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_adj
Fonte
Adjust
Scopo
Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno
Questa pagina è più bella nell'app
Aperto