camera identify
Prova Gratis
tab list
PictureThis
Italiano
arrow
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
PictureThis
Search
Cerca Piante
Prova Gratis
Global
Italiano
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
Questa pagina è più bella nell'app
picturethis icon
Identifica istantaneamente le piante con un semplice clic
Scatta una foto per ottenere l'identificazione istantanea delle piante, ottenendo informazioni rapide sulla prevenzione delle malattie, il trattamento, la tossicità, la cura, gli utilizzi e il simbolismo, ecc.
Scarica l'App gratuitamente
Continua a leggere
care_about care_about
Su
care_basic_guide care_basic_guide
Cura di Base
care_advanced_guide care_advanced_guide
Cura Avanzata
care_scenes care_scenes
Ulteriori istruzioni
care_pet_and_diseases care_pet_and_diseases
Parassiti e Malattie
care_more_info care_more_info
Maggiori informazioni
identifypage identifypage
Come Identificare
care_faq care_faq
Domande Frequenti
care_new_plant care_new_plant
Cura della Nuova Pianta

Come coltivare e curare Clerodendrum Thomsoniae

symbolism

Simbolismo

Purezza preziosa e sincerità interiore
Acqua
Acqua
Ogni 1-2 settimane
Luce Solare
Luce Solare
Pieno sole
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
care_basic_guide

Guida di Base per la Cura

feedback
Feedback
Cultivation:FertilizerDetail

Come concimare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:FertilizerDetail
icon
Concimazione intelligente per una crescita rigogliosa
Scopri il concime giusto e i consigli per la cura delle piante, per farle fiorire in ogni stagione.
Perché devo concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
I fertilizzanti, e i nutrienti del terreno in generale, sono una forma essenziale di carburante che il vostro Clerodendrum thomsoniae utilizzerà per mantenere una crescita sana. In generale, le piante utilizzano le sostanze nutritive presenti nel terreno per sviluppare nuovo materiale vegetale e mantenere in buone condizioni i componenti esistenti. Per la Clerodendrum thomsoniae, in particolare, la concimazione è necessaria per aiutare questa pianta a mostrare la versione migliore dei suoi fiori. Poiché i fiori sono la principale forma di attrazione di questa pianta, la maggior parte dei giardinieri vorrà fare tutto il possibile per garantire che i fiori appaiano nella loro forma migliore. La concimazione è uno dei modi più affidabili per aiutare il vostro Clerodendrum thomsoniae a produrre le migliori fioriture possibili.
Continua a leggere more
Quando è il momento migliore per concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
Il Clerodendrum thomsoniae attraversa due fasi principali nel corso dell'anno. La prima è la fase di dormienza, durante la quale la pianta non cresce affatto. Questa fase dormiente si svolge durante l'inverno. L'altra fase è quella della crescita attiva, che si svolge in primavera e in autunno, quando il vostro Clerodendrum thomsoniae avrà più bisogno di concimazione. In genere, è meglio concimare il vostro Clerodendrum thomsoniae a partire dai mesi primaverili. Dovreste ripetere la concimazione circa una volta al mese per il resto della primavera e per la maggior parte dell'estate. Con l'avvicinarsi dell'autunno, si può iniziare a ridurre il tasso di concimazione.
Continua a leggere more
Quando dovrei evitare di concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
Si vuole sostenere la crescita di Clerodendrum thomsoniae, ma non si vuole nemmeno provocare una bruciatura delle radici. La pianta cresce attivamente in primavera e in estate, ed è in questo periodo che sono necessari i nutrienti extra. In autunno e in inverno, la pianta entra nella fase di dormienza. È il momento di smettere di concimare.
Continua a leggere more
Di che tipo di fertilizzante ha bisogno il mio Clerodendrum thomsoniae?
Il fertilizzante ideale per un Clerodendrum thomsoniae è una miscela relativamente equilibrata dei tre principali nutrienti per le piante, con quantità leggermente superiori di fosforo. In alternativa, alcuni giardinieri scelgono di migliorare il terreno di Clerodendrum thomsoniae aggiungendo materiali organici come compost, getti di vermi e letame. I fertilizzanti possono essere di diverse forme e la maggior parte di essi funzionerà bene per il vostro Clerodendrum thomsoniae. Tuttavia, alcuni dei migliori fertilizzanti per Clerodendrum thomsoniae sono disponibili in forma liquida o in polvere. Indipendentemente dal tipo di fertilizzante utilizzato, bisogna assicurarsi di diluirlo e di applicarlo durante l'irrigazione del Clerodendrum thomsoniae.
Continua a leggere more
Come posso concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
Una volta trovato il fertilizzante adatto e appreso il programma di concimazione ideale per il vostro Clerodendrum thomsoniae, siete pronti a imparare come applicare il fertilizzante. Per nutrire il vostro Clerodendrum thomsoniae, il metodo più affidabile è quello di mescolare il fertilizzante liquido con acqua prima di applicarlo al terreno. Ogni fertilizzante può avere indicazioni diverse su come nutrire le piante. Di solito, è meglio seguire le indicazioni del produttore su come utilizzare il fertilizzante prodotto. Queste istruzioni dovrebbero includere informazioni su come diluire correttamente il fertilizzante per evitare una sovraconcimazione. Mescolare il fertilizzante con l'acqua è un processo semplice e, una volta completato, non resta che versare la miscela nel terreno in cui vive il vostro Clerodendrum thomsoniae.
Continua a leggere more
Cosa succede se fertilizzo troppo il mio Clerodendrum thomsoniae?
La sovraconcimazione è un aspetto da tenere in considerazione quando ci si prende cura di qualsiasi pianta, ma è particolarmente importante quando si coltiva una Clerodendrum thomsoniae. Una Clerodendrum thomsoniae, se sovraconcimata, mostrerà chiari segni di sofferenza che, a volte, possono essere così gravi da portare alla morte della pianta. Clerodendrum thomsoniae sovraconcimato probabilmente mostrerà anche uno scolorimento delle foglie, compreso l'imbrunimento. Nel peggiore dei casi, una concimazione eccessiva sottrae umidità alle radici della pianta, causandone il rapido declino.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:SunlightDetail

Quali sono i requisiti di luce solare per Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:SunlightDetail
icon
Ottimizza la salute delle piante con un'illuminazione ideale
Trova i posti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Di quante ore di luce solare ha bisogno Clerodendrum thomsoniae per crescere?
Clerodendrum thomsoniae La pianta ha bisogno di almeno sei-otto ore di luce solare diretta al giorno. Se coltivate la pianta all'aperto, scegliete un luogo che riceva la piena luce del sole per tutto il giorno. Se coltivate il Clerodendrum thomsoniae in casa, cercate di posizionarlo vicino a una finestra esposta a sud o in un altro luogo che riceva molta luce solare. Sebbene Clerodendrum thomsoniae abbia bisogno di piena luce solare per crescere e prosperare, è essenziale evitare di esporla alla luce diretta del sole durante le alte temperature, come quelle superiori a 35°C (95℉) o durante i caldi pomeriggi estivi. Se la luce solare è troppo intensa, le foglie possono bruciarsi o appassire. Per evitare questo inconveniente, si può pensare di utilizzare tende o persiane velate per filtrare la luce del sole o di spostare la pianta in un luogo più ombreggiato.
Continua a leggere more
Cosa succederà se Clerodendrum thomsoniae non riceve abbastanza luce solare?
Se il vostro Clerodendrum thomsoniae non riceve abbastanza luce solare, può faticare a crescere e può diventare debole e senza gambe. Le foglie possono anche iniziare a ingiallire, a indicare che la pianta non riceve abbastanza luce solare per produrre clorofilla. In casi estremi, la pianta può addirittura morire.
Continua a leggere more
Cosa succede se Clerodendrum thomsoniae riceve troppa luce solare?
Sebbene Clerodendrum thomsoniae necessiti di piena luce solare, è fondamentale evitare di esporlo troppo alla luce diretta del sole. Se la pianta è esposta alla luce solare intensa per un periodo prolungato, può iniziare a mostrare segni di scottature, come foglie marroni o bruciate. Per evitare che ciò accada, assicuratevi di monitorare la pianta e di spostarla in un luogo più ombreggiato, se necessario.
Continua a leggere more
Cultivation:PruningDetail

Come potare Clerodendrum thomsoniae ?

Cultivation:PruningDetail
icon
Potatura semplificata
Le nostre guide facili da seguire aiutano le tue piante a crescere più sane e forti in poco tempo.
Il mio Clerodendrum thomsoniae ha bisogno di essere potato?
L'obiettivo abituale per il Clerodendrum thomsoniae è quello di farlo crescere il più grande e pieno possibile. Sebbene la pianta non richieda una potatura costante, può trarre beneficio dalla rimozione dei fiori vecchi e delle foglie danneggiate, morte o malate. Si possono anche tagliare le foglie se la pianta comincia a diventare troppo grande per il vaso e lo spazio in cui la si tiene.
Continua a leggere more
Quando è il momento migliore per potare il mio Clerodendrum thomsoniae?
Clerodendrum thomsoniae non hanno un ciclo di dormienza invernale alle temperature adatte. Per questo motivo, la loro crescita rallenta con l'accorciarsi delle giornate, ma le foglie non muoiono. Cosa significa questo per la potatura? Significa che non c'è una stagione specifica in cui è meglio potare. L'ideale è aspettare che il fiore sbocci prima di potarlo, il che può richiedere circa un mese dopo la comparsa del fiore. La potatura a testa morta va effettuata verso la fine della primavera o quando solo pochi fiori sono sbiaditi. Dovreste sempre potare le foglie marroni o gialle quando le notate. Durante la fase di crescita, prestate attenzione alle foglie potenzialmente malate e rimuovetele se necessario.
Continua a leggere more
Cosa devo fare dopo la potatura di Clerodendrum thomsoniae?
Dopo la potatura, i fusti e le foglie devono essere smaltiti compostando quelli sani o buttando via le parti malate. Prima o dopo la potatura si può anche concimare, per dare a Clerodendrum thomsoniae un piccolo apporto vitaminico che le fornisca le sostanze nutritive necessarie per proteggersi meglio da eventuali agenti patogeni o malattie vicine. Una volta terminata la potatura, non sono necessarie molte cure successive. Potrebbe beneficiare di una leggera annaffiatura e di un po' di concime liquido per incoraggiare la fioritura e la crescita.
Continua a leggere more
Come posso potare il mio Clerodendrum thomsoniae durante le diverse fasi di crescita?
È probabile che non stiate ottenendo il Clerodendrum thomsoniae da seme, il che significa che state già ottenendo una pianta matura. Poiché la pianta non ha un vero e proprio ciclo di dormienza, esistono solo due fasi: la fioritura e la non fioritura. Durante la fioritura, è necessario rimuovere solo le foglie gialle o morte e tagliare le punte marroni delle foglie. Evitate di eseguire troppe potature in questo periodo, perché potrebbero stressare la pianta. È comunque opportuno rimuovere le foglie malate o morte per mantenere la pianta presentabile. Il momento migliore per la potatura è dopo che i fiori sono già appassiti. È possibile rimuovere contemporaneamente sia i fiori esauriti sia le foglie vecchie e ingiallite. Se notate una grande quantità di foglie gialle, è possibile che stiate innaffiando troppo la vostra pianta o che non le stiate dando abbastanza nutrimento. Anche se le foglie gialle o marroni non sono sempre sinonimo di un problema, se notate un gran numero di foglie che cambiano colore, di solito significa che c'è un problema nella pianta.
Continua a leggere more
Come posso potare il mio Clerodendrum thomsoniae durante le diverse stagioni?
Essendo una pianta sempreverde, Clerodendrum thomsoniae non ha gli stessi cicli di quelle che si trovano nelle zone più fredde. Le foglie rimangono verdi per tutto l'anno, e questo è uno dei tanti motivi per cui è una pianta d'appartamento molto apprezzata. Se si desidera togliere la testa al fiore, è bene farlo dopo che i fiori sono già appassiti. Durante la fase di crescita, prestate attenzione alle foglie potenzialmente malate e rimuovetele se necessario.
Continua a leggere more
Ci sono istruzioni per la potatura del mio Clerodendrum thomsoniae?
Il modo in cui si pota il Clerodendrum thomsoniae dipende dal fatto che si tratti di una cura generale o di un'operazione a testa morta. Per la cura generale, è sufficiente tagliare i fiori già morti. Assicuratevi di avvicinarvi il più possibile alla base e di tagliare con un angolo di 45 gradi. Ripetete l'operazione per tutti gli steli con fiori appassiti. Successivamente, tagliate le foglie esterne vecchie e ingiallite. Se volete semplicemente sfoltire la pianta, iniziate dalla foglia più esterna e procedete verso l'interno. Evitate di rimuovere più del 30% delle foglie in una volta sola. Durante la fase di crescita, prestate attenzione alle foglie potenzialmente malate e rimuovetele se necessario.
Continua a leggere more
left right
close
care_advanced_guide

Guida avanzata alla cura

feedback
Feedback
Cultivation:WaterAndHardinessDetail

Qual è l'intervallo di temperatura ideale per Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:WaterAndHardinessDetail
icon
Scopri il clima perfetto di ogni pianta
Usa la nostra app per trovare la temperatura ideale per far fiorire le tue piante tutto l'anno.
Qual è la temperatura ottimale per Clerodendrum thomsoniae?
Per far prosperare queste piante tropicali, è necessario mantenerle tra 75℉ e 90℉ (25-32℃). Ciascuna specie può sopportare temperature al di fuori di questo intervallo, ma mantenerle entro alcuni gradi da questi limiti assicurerà che crescano al massimo del loro potenziale. Per quanto riguarda i limiti di temperatura estremi, qualsiasi ambiente al di sotto dei 50℉ (10℃) o al di sopra dei 95℉ (35℃) inizierà a ostacolare la crescita e a causare varie aberrazioni alle foglie e agli steli. Questo vale soprattutto per le basse temperature; anche una leggera gelata può causare la morte delle piante tropicali. La morte cellulare può iniziare a verificarsi a un ritmo rapido, con alcune specie che muoiono in appena 12-24 ore.
Continua a leggere more
Il sito Clerodendrum thomsoniae richiede temperature diverse per le varie fasi di crescita?
Sebbene il sito Clerodendrum thomsoniae non richieda variazioni di temperatura per entrare nelle diverse fasi di crescita, è importante che sia costante. Le fluttuazioni di temperatura selvagge possono rallentare la sua crescita, indipendentemente dalla fase attuale, quindi è sempre meglio tenerla in un ambiente controllato. L'intervallo di temperatura ottimale tra 75℉ e 90℉ (25-32℃) è fondamentale da mantenere, soprattutto se si supera il limite inferiore. Superare i 90℉ (32℃) non è l'ideale, ma come pianta tropicale non soffrirà troppo. D'altro canto, scendere al di sotto dei 50℉ (10℃) (e soprattutto dei 40℉/5℃) inizierà a danneggiare direttamente questa specie di pianta amante del calore.
Continua a leggere more
Il sito Clerodendrum thomsoniae ha bisogno di temperature diverse a seconda delle stagioni?
Clerodendrum thomsoniae non ha bisogno di temperature diverse per le diverse stagioni di crescita. Il passo più importante nella cura stagionale è mantenere l'ambiente all'interno dell'intervallo di temperatura ottimale. Per questo motivo è sempre meglio tenere questa pianta in casa. In questo modo è possibile controllare la temperatura indipendentemente dal clima esterno. Anche la luce è importante per le specie tropicali: tutte queste piante preferiscono un'esposizione parziale al sole. Ciò significa che la luce che ricevono deve essere attenuata o filtrata, mentre la luce intensa ma indiretta è l'opzione migliore per la coltivazione delle piante in casa. Una luce troppo diretta può influire negativamente sulle foglie della pianta, riducendone il potenziale di crescita.
Continua a leggere more
Quali sono le linee guida per la temperatura per mantenere in salute il vostro Clerodendrum thomsoniae?
Suggerimento n. 1: non lasciare le piante vicino alle finestre nei mesi più freddi Se volete assicurarvi che la vostra pianta non sia esposta alle temperature più basse, è meglio tenerla lontana dalle finestre. Nei mesi più freddi, come l'autunno e l'inverno, anche il più piccolo spiffero può far entrare aria fredda in casa attraverso le fessure delle finestre. Anche se di solito quest'aria si disperde e si riscalda mentre attraversa la casa, le piante poste in prossimità della finestra ne risentiranno. Spostate le piante tropicali in un'area in cui ricevano comunque una luce intensa ma indiretta, assicurandovi che non siano colpite da potenziali correnti d'aria. Suggerimento n. 2: se si riscontrano macchie secche, la pianta potrebbe ricevere troppa luce solare o calore Potreste notare che le foglie diventano bianche o addirittura bruciate in una giornata di sole. Questi scolorimenti e segni insoliti di solito indicano che la pianta riceve troppo calore o luce solare e potrebbe essere disidratata. L'eccesso di luce e di calore secca il terreno, impedendo alle piante di ricevere l'umidità necessaria per sostenere la loro struttura cellulare. Inoltre, rallenta o interrompe il processo di fotosintesi, ostacolando ulteriormente la crescita. Se ignorate troppo a lungo, queste macchie secche possono diffondersi e portare alla morte delle piante. Suggerimento n. 3: evitare il gelo a tutti i costi Le temperature più rigide e il gelo possono danneggiare le piante causando cristalli di ghiaccio o interrompendo la normale attività fisiologica. Ciò rende quasi impossibile la libera circolazione dell'acqua nei tessuti delle piante, creando un deficit di umidità nei fusti e nelle foglie. Una pianta danneggiata dal gelo si riconosce se inizia a soffrire di idrosi (sembra inzuppata d'acqua). Se il problema persiste, le piante possono iniziare a raggrinzire e a diventare di colore marrone scuro o nero. In seguito, la pianta morirà quasi certamente.
Continua a leggere more
Qual è il modo migliore per mantenere la giusta temperatura per il mio Clerodendrum thomsoniae?
Il modo migliore per mantenere il giusto intervallo di temperatura per Clerodendrum thomsoniae è tenere sotto controllo sia il clima che l'umidità. Dovrete cercare di tenere ogni specie in una stanza in cui avete accesso al controllo del clima, mantenendo il calore nell'intervallo di temperatura che meglio imita il suo habitat naturale. Anche i livelli di umidità hanno un effetto diretto sulla temperatura, quindi è importante monitorare anche questi. È possibile aumentare artificialmente l'umidità dello spazio di coltivazione utilizzando un umidificatore o nebulizzando leggermente le foglie con acqua. Se si intende coltivare questa specie all'esterno, potrebbe essere difficile mantenere il giusto equilibrio tra temperatura e umidità. Se le temperature iniziano a scendere o l'aria diventa troppo secca, la soluzione migliore è trovare uno spazio in casa e spostare la pianta all'interno. Uno spazio di coltivazione interno vi permetterà di controllare meglio il clima, aiutando la vostra pianta a raggiungere il suo pieno potenziale.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:SoilDetail

Qual è il terreno migliore per Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:SoilDetail
Cultivation:PropagationDetail

Come propagare Clerodendrum thomsoniae?

Riproduzione

La talea è il metodo di propagazione più conveniente e facile da realizzare. La stagione di crescita attiva, durante la primavera e l'estate, è il momento migliore per propagare Clerodendrum thomsoniae. Durante questo periodo, le piante stanno generando molta energia per la nuova crescita e dovrebbero avere molti steli che possono essere utilizzati per la propagazione. Inoltre, le piante possono riprendersi con il prelievo di talee in questa stagione piuttosto che durante le stagioni autunnali e invernali, più lente. Se volete prelevare delle talee, dovete innanzitutto preparare quanto segue. Forbici o coltello affilato Soluzione di candeggina diluita o alcol isopropilico per pulire gli attrezzi Vaso o vassoio da vivaio con fori di drenaggio Miscela per vasi multiuso o miscela per l'avvio dei semi Sacchetto di plastica trasparente o cupola di umidità per coprire le talee Ormone radicante (facoltativo ma consigliato) Fasi: Fase 1: Preparare i contenitori riempiendoli con il materiale da piantagione inumidito, lasciando circa mezzo centimetro di spazio dalla parte superiore del contenitore. Fase 2: Scegliere parti sane per la propagazione. La talea deve avere almeno una foglia, ma non deve avere fiori. Con le forbici sterilizzate, tagliate il fusto appena sotto la giuntura di una foglia, perché l'apparato radicale di solito cresce da lì. La lunghezza della talea non deve essere eccessiva, perché una volta che la talea ha messo radici, è diventata una pianta singola. Nessuno vuole che una pianta cresca lunga e sottile fin dall'inizio. Assicuratevi di eseguire un taglio netto e di non schiacciare il fusto, perché potrebbe lasciare la pianta vulnerabile alle infezioni. Sterilizzare gli strumenti di taglio tra una pianta e l'altra se si prelevano più talee. Fase 3: tagliare le foglie inferiori della talea fino a lasciare solo le 4-6 foglie superiori. Immergere l'estremità inferiore della talea nella polvere radicante (se utilizzata) secondo le indicazioni. Fase 4: fare un buco nel terreno per ogni talea e posizionarla all'interno in modo che la linea del terreno sia in corrispondenza delle foglie inferiori. Premere il terreno intorno alla talea, quindi ripetere l'operazione fino a quando tutte le talee sono state piantate e annaffiare abbondantemente. Fase 5: coprire il contenitore con la cupola di umidità o con un sacchetto di plastica trasparente. Posizionatelo in un luogo in cui le talee possano ricevere luce, ma non la luce diretta del sole, che potrebbe essere troppo intensa per le talee. Innaffiate di tanto in tanto e non lasciate che il Clerodendrum thomsoniae si asciughi. Se l'umidità è eccessiva, rimuovete periodicamente il coperchio per consentire una certa evaporazione. La maggior parte delle specie inizierà a produrre radici in circa 3 settimane. Dopo la radicazione, la pianta svilupperà gradualmente nuove foglie; a questo punto è possibile iniziare a indurire il Clerodendrum thomsoniae. L'indurimento consiste nell'esporre gradualmente le Clerodendrum thomsoniae alla luce del sole e nel rimuovere la copertura, in modo che abbiano il tempo di adattarsi prima di essere spostate definitivamente all'esterno. L'indurimento di solito dura da 1 a 2 settimane, a seconda delle condizioni esterne e del tipo di Clerodendrum thomsoniae. Dopo questo periodo, Clerodendrum thomsoniae può essere piantata in contenitori o direttamente nel terreno. Anche la stratificazione può essere utilizzata per propagare Clerodendrum thomsoniae, ma la procedura è un po' più complicata. Il momento migliore per iniziare la margotta composta o a serpentina è nei mesi caldi della primavera e dell'estate, quando le piante hanno più energia da spendere per produrre nuove radici. Saprete che la pianta è pronta per la divisione o la propagazione quando dalle sezioni interrate è cresciuto un numero sufficiente di radici, il che dovrebbe richiedere uno o due mesi in totale. Per realizzare la margotta composta o serpeggiante non serve molto. Se avete le basi del giardinaggio, potete iniziare subito il processo. Indossate i guanti da giardinaggio e iniziate! Cazzuola per interrare le sezioni (opzionale) un coltello affilato e disinfettato Fasi: Fase 1: piegate un ramo flessibile e in erba verso il basso. Fase 2: interrare due o più sezioni germogliate del fusto. Lasciare le sezioni gemmate alternate al di sopra del terreno. Il terreno deve essere compattato quando viene coperto. Fase 3 (facoltativa): Praticare dei tagli sulle sezioni interrate del fusto. Fase 4: mantenere il terreno umido. Cioè che sia abbondantemente umido, ma non fradicio. Questo è un bene per la radicazione delle piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
close
Cultivation:PropagationDetail
Cultivation:PlantingDetail

Come piantare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:PlantingDetail
PlantCare:TransplantSummary

Come trapiantare Clerodendrum thomsoniae?

PlantCare:TransplantSummary
icon
Semplifica il trapianto delle piante
Comprendi i tempi, le tecniche e i suggerimenti migliori per spostare con successo i tuoi amici frondosi.
Cultivation:PottingSuggestions

Come rinvasare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:PottingSuggestions
seasonal-tip

Misure precauzionali stagionali

Il clerodendrum thomsoniae dovrebbe essere lasciato inattivo, con annaffiature poco frequenti e temperature più fredde per inibire la crescita, durante l'inverno.
seasonal-tip
care_scenes

Ulteriori informazioni su Clerodendrum Thomsoniae Crescita e cura

feedback
Feedback
Guida alle cure di base
Parassiti e malattie comuni
Luminosità
Pieno sole
Il clerodendrum thomsoniae preferisce una quantità di luce solare da moderata ad abbondante, con una preferenza per le aree con un'insolazione costante. Originariamente si trovava in habitat fortemente soleggiati, ma la luce solare limitata può ostacolarne la crescita. Tuttavia, se necessario, può tollerare zone d'ombra.
Tips per l’illuminazione
Trapianto
3-6 feet
La stagione ideale per il trapianto di clerodendrum thomsoniae va dall'inizio dell'estate alla fine dell'autunno, per garantire condizioni di crescita ottimali. Clerodendrum thomsoniae prospera in un terreno ben drenato e in una posizione parzialmente ombreggiata. Durante il trapianto, siate delicati con le radici per evitare di danneggiarle. Questo consiglio amichevole assicura il successo del trapianto!
Tecniche di trapianto
Temperatura
0 - 43 ℃
Clerodendrum thomsoniae è originaria delle regioni tropicali e preferisce temperature calde, comprese tra 20 e 38 ℃ (68 e 100 ℉). A temperature più basse, la pianta può avere difficoltà, quindi si consiglia di fornire un ambiente caldo e umido per favorire una crescita ottimale.
Temp ideale per crescita
Potatura
Tutto l'anno
Questo rampicante ornamentale, famoso per i suoi fiori a forma di cuore e la sua crescita vigorosa, fiorisce con una manutenzione regolare. Clerodendrum thomsoniae dovrebbe essere potato dopo la fioritura per mantenere la forma e promuovere una salute robusta. Tagliate gli steli più lunghi e rimuovete la crescita morta o debole. Sebbene clerodendrum thomsoniae tolleri la potatura in tutte le stagioni, l'ideale è la potatura post-fioritura, che stimola una nuova crescita in grado di favorire il ciclo di fioritura successivo. I vantaggi della potatura includono un fogliame più denso, un maggior numero di fiori e una diffusione controllata, assicurando che clerodendrum thomsoniae rimanga un elemento attraente in qualsiasi giardino.
Tecniche di potatura
Riproduzione
Primavera, Estate
Clerodendrum thomsoniae si propaga meglio attraverso tagli erbacei durante i mesi primaverili ed estivi. La difficoltà di propagazione è moderata, richiede un mix di terreno ben drenante e un'umidità costante. Segni di una propagazione riuscita includono la formazione di nuovi germogli e radici. Gli allevatori dovrebbero prestare attenzione a sterilizzare i loro strumenti e mantenere livelli elevati di umidità per ottimizzare il successo della propagazione.
Tecniche di Propagazione
Il momento migliore per l'acquisto
Metà primavera, Primavera inoltrata
Con la prima stagione di acquisto a metà e fine primavera, l'acquisto di clerodendrum thomsoniae è un'ottima idea per approfittare della sua rapida crescita e della sua facile manutenzione. Clerodendrum thomsoniae L'unicità di risiede nei suoi bellissimi fiori a forma di cuore, che attirano gli appassionati di piante. Assicuratevi di cercare un fogliame rigoglioso e fioriture vivaci al momento dell'acquisto, in quanto indicano una pianta sana.
Come scegliere Clerodendrum thomsoniae
Afide
Gli afidi sono parassiti che causano danni notevoli a Clerodendrum thomsoniae, indebolendo la pianta succhiando linfa, il che può causare ingiallimento delle foglie e crescita rallentata. L'infestazione è evidente e può diffondersi rapidamente se non gestita.
Continua a leggere
Cocciniglia
Gli insetti scagliosi sono parassiti che causano danni significativi a 'Clerodendrum thomsoniae' succhiando linfa, portando al ingiallimento delle foglie, appassimento e potenziale morte della pianta se non trattati.
Continua a leggere
Ferite
Le malattie delle ferite in Clerodendrum thomsoniae possono portare a stress delle piante, aumentata suscettibilità ai patogeni e possibile morte. È importante per mantenere la salute e la vitalità delle piante gestire e prevenire correttamente queste ferite.
Continua a leggere
Foglia appassita
Il chinarsi delle foglie in Clerodendrum thomsoniae è principalmente causato da cure improprie piuttosto che da un patogeno. Questa condizione porta al raggrinzimento o appassimento delle foglie, compromettendo l'estetica e la salute della pianta.
Continua a leggere
Maculatura fogliare
La maculatura fogliare è una malattia diffusa in Clerodendrum thomsoniae, che può causare danni immensi alla salute complessiva della pianta. Questa malattia può degradare l'estetica esterna della pianta riducendo la sua vitalità, principalmente caratterizzata dalle sue distintive macchie fogliari marroni o nere.
Continua a leggere
Carenza di acqua
La sotto-irrigazione è un problema semplice derivante dalla scarsa fornitura d'acqua, causando danni a Clerodendrum thomsoniae. I suoi effetti vanno dallo scolorimento, ingiallimento delle foglie, crescita rallentata, a influenzare la vitalità complessiva della pianta, potenzialmente portando alla mortalità della pianta se non affrontato tempestivamente.
Continua a leggere
Appassimento della punta delle foglie
La punta delle foglie in Clerodendrum thomsoniae è caratterizzata dal disseccamento e dall'ingiallimento delle punte delle foglie. Questo declino della salute della pianta può derivare da vari fattori, causando danni estetici e fisiologici alla pianta.
Continua a leggere
La pianta si è seccata
Il disseccamento della pianta è una condizione in cui la Clerodendrum thomsoniae perde la sua umidità, portando al disseccamento e infine alla morte. Questa situazione è dovuta allo stress idrico, all'eccessiva esposizione al sole, alla cattiva alimentazione, alle malattie o agli insetti che creano effetti avversi.
Continua a leggere
Macchie scure
Le macchie scure su Clerodendrum thomsoniae sono il risultato di un'infezione fungina o batterica, che provoca antiestetiche imperfezioni che possono portare alla caduta delle foglie e ad un indebolimento generale della pianta.
Continua a leggere
Macchie
Le macchie sono una malattia che colpisce Clerodendrum thomsoniae, caratterizzata da lesioni scolorite sulle foglie e sui fusti. Questa malattia può ridurre significativamente il valore estetico e la salute complessiva, portando potenzialmente alla morte della pianta se non gestita.
Continua a leggere
Appassimento intero delle foglie
L'intero fogliare appassisce è una malattia che colpisce Clerodendrum thomsoniae caratterizzata dalla diffusa appassimento e ingiallimento delle foglie, portando alla defogliazione e all'inibizione della crescita. Può compromettere significativamente la salute e l'estetica della pianta.
Continua a leggere
Marciume delle foglie
Il marciume fogliare è una malattia fungina che ha un impatto negativo su Clerodendrum thomsoniae, portando alla decolorazione e infine al decadimento delle foglie. Se non trattata, può defogliare e uccidere la pianta, quindi richiede un intervento immediato.
Continua a leggere
Macchie marroni
La macchia bruna è una malattia fungina che colpisce Clerodendrum thomsoniae, causata principalmente dal patogeno Bipolaris oryzae. Ha un impatto negativo sul fogliame e sulla salute generale della pianta, causando imbrunimenti e macchie, con una potenziale riduzione della resa del raccolto.
Continua a leggere
Macchia scura
La macchia scura è una grave malattia fungina che colpisce Clerodendrum thomsoniae, causando stress alla salute e alla crescita della pianta. Provoca macchie scure e nere sulle foglie, deformità potenziali della pianta e un marcato rallentamento della crescita, influenzando notevolmente la vitalità e l'estetica della pianta.
Continua a leggere
Avvizzimento
L'appassimento in Clerodendrum thomsoniae è una condizione grave associata ad attacchi patogeni o a condizioni ambientali sfavorevoli, caratterizzata dalla perdita di rigidità delle parti della pianta. Se non trattata, può causare la morte della pianta, rendendo essenziali la diagnosi e la gestione precoci.
Continua a leggere
Maculatura fogliare
La macchia fogliare è una malattia fungina che colpisce Clerodendrum thomsoniae, provocando foglie sottosviluppate e maculate che possono portare alla defogliatura e alla ridotta vigoria. Colpisce entrambi gli aspetti estetici e salutari della pianta.
Continua a leggere
Cocciniglia farinosa
La malattia della cocciniglia provoca gravi danni alle Clerodendrum thomsoniae, causando crescita rallentata e ingiallimento delle foglie. La tempestiva individuazione e il trattamento sono essenziali per gestirne l'impatto.
Continua a leggere
Ingiallimento delle foglie
Il ingiallimento delle foglie della Clerodendrum thomsoniae è una decolorazione indicativa di stress o malattia che colpisce la vitalità della pianta. Con diverse possibili cause, l'impatto varia dal danno estetico a una grave diminuzione della salute.
Continua a leggere
Bordi gialli
I margini gialli sono una malattia delle piante che colpisce principalmente il fogliame di Clerodendrum thomsoniae. Principalmente causata da cattiva gestione dell'acqua e infezioni patogene, porta al ingiallimento delle foglie e alla scarsa crescita. Un trattamento rapido è necessario per prevenire danni irreversibili alla pianta.
Continua a leggere
Muffa nera
La muffa nera, un'infezione fungina, provoca danni significativi a 'Clerodendrum thomsoniae' colpendo le sue foglie e steli. Questa infezione porta a un deterioramento estetico e può influire sulla salute complessiva della pianta se non gestita correttamente.
Continua a leggere
Appassimento delle foglie
Il disseccamento delle foglie in Clerodendrum thomsoniae si riferisce al loro appassimento e disidratazione, che può portare alla morte della pianta. Questa guida copre le cause, i sintomi e la gestione, inclusi le strategie di prevenzione e cura.
Continua a leggere
care_pet_and_diseases

Parassiti e malattie comuni

feedback
Feedback
Problemi comuni relativi a Clerodendrum thomsoniae, basati su 10 milioni di casi reali
icon
Cura e previeni le malattie delle piante.
Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
Afide
Gli afidi sono parassiti che causano danni notevoli a Clerodendrum thomsoniae, indebolendo la pianta succhiando linfa, il che può causare ingiallimento delle foglie e crescita rallentata. L'infestazione è evidente e può diffondersi rapidamente se non gestita.
Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Soluzioni: Per i casi meno gravi: Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione. Per trattare le infestazioni più gravi: Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Carenza di nutrienti
Carenza di nutrienti Carenza di nutrienti
Carenza di nutrienti
Una carenza di nutrienti causerà un diffuso ingiallimento delle foglie. L'ingiallimento può iniziare alla base o alla sommità della pianta.
Soluzioni: Esistono diversi modi semplici per porre rimedio al carenza di nutrienti nei terreni. Usa un fertilizzante idrosolubile . I fertilizzanti includeranno la maggior parte o tutti i macro e micronutrienti di cui le piante hanno bisogno per prosperare. L'aggiunta di fertilizzante al terreno renderà disponibili quei nutrienti e può combattere le carenze. Applicare regolarmente pellet di fertilizzante organico . I fertilizzanti organici come i concimi animali e la farina di ossa possono fornire alle piante tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere forti e sani. Applicare il compost . Sebbene non sia così finemente calibrato come fertilizzante artificiale, il compost può comunque essere ricco di importanti nutrienti e dovrebbe essere applicato regolarmente al terreno. Applicare i nutrienti tramite l'applicazione fogliare . Oltre a integrare il terreno con sostanze nutritive, il fertilizzante fogliare può essere applicato direttamente sulle foglie della pianta. I nutrienti offerti tramite l'applicazione fogliare vengono spesso assorbiti anche più rapidamente di quelli immessi nel terreno, quindi l'applicazione fogliare può essere ottima per affrontare rapidamente carenze specifiche.
Macchia bruna
Macchia bruna Macchia bruna
Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Soluzioni: Nei casi minori di macchia bruna , non c'è bisogno di curare la malattia. Tuttavia, se gran parte del fogliame è interessata e si verifica la defogliazione, la pianta trarrà vantaggio dall'eliminazione dell'infezione. Si consiglia di iniziare applicando opzioni di trattamento organico, lavorando fino ai più potenti fungicidi sintetici e chimici, se necessario. Le opzioni organiche non uccideranno il fungo, ma ne impediranno la diffusione. Sciogliere ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di sapone liquido in un litro d'acqua. Usando un flacone spray, spruzzare sulla parte superiore e inferiore delle foglie fino a quando il composto non gocciola. Ripeti ogni due settimane fino a quando le macchie esistenti smettono di allargarsi e le nuove macchie non compaiono più. Spruzzare un sapone fungicida a base di rame sulle foglie, rivestendo la superficie superiore e inferiore delle foglie. Riapplicare come indicato sull'etichetta del prodotto. Il rame penetra nella superficie fogliare e previene la germinazione delle spore in modo che il fungo non possa diffondersi. Applicare un fungicida multiuso sull'intera pianta, seguendo attentamente le istruzioni sull'etichetta.
Appassimento dei fiori
Appassimento dei fiori Appassimento dei fiori
Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Soluzioni: Se l'appassimento dei fiori è una progressione naturale dovuta all'età, non c'è nulla che si possa fare per rallentare o fermare il processo. Una volta che gli ormoni all'interno della pianta iniziano il processo di senescenza, è irreversibile. In caso di mancanza d'acqua, annaffia immediatamente la pianta usando acqua piovana a temperatura ambiente, acqua di sorgente in bottiglia o acqua di rubinetto filtrata. Piante in contenitori d'acqua fino a quando l'acqua in eccesso non fuoriesce dal fondo; annaffia le piante interrate fino a quando il terreno non è inzuppato ma non c'è acqua stagnante in superficie. In caso di carenze nutrizionali, la soluzione migliore è utilizzare un concime liquido granulare o idrosolubile, e applicarlo al terreno a circa la metà della dose consigliata. Tienilo lontano dalle foglie e assicurati che i prodotti granulari vengano annaffiati bene nel terreno. Se la pianta è infetta da un agente patogeno batterico o fungino, non esiste un ciclo di trattamento che curi le piante malate. La soluzione migliore è rimuovere le piante infette e smaltire il materiale vegetale fuori sede. Non mettere in un mucchio di compost.
Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Soluzioni: Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua. Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta. La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta. Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante. Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
close
plant poor
Afide
Panoramica
Sintomo
Cause
Trattamento
Prevenzione
Periodo attivo
Qual è la malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae?
Qual è la malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae?
Gli afidi sono parassiti che causano danni notevoli a Clerodendrum thomsoniae, indebolendo la pianta succhiando linfa, il che può causare ingiallimento delle foglie e crescita rallentata. L'infestazione è evidente e può diffondersi rapidamente se non gestita.
Analisi dei sintomi
Analisi dei sintomi
Su Clerodendrum thomsoniae, i sintomi includono arricciamento e ingiallimento delle foglie, crescita rallentata e un residuo appiccicoso sulle foglie che porta alla muffa fuligginosa. Anche gemme e fiori possono essere deformi.
Quali sono le cause della malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae ?
Quali sono le cause della malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae ?
1
Insetto
Gli afidi, piccoli insetti succhiasapori, sono la causa principale di questo problema.
Come trattare la malattia Afide su Clerodendrum thomsoniae?
Come trattare la malattia Afide su Clerodendrum thomsoniae?
1
Non pesticida
Rimozione fisica: Rimuovere manualmente gli afidi strofinando o spruzzando acqua per dislodarli da Clerodendrum thomsoniae.

Predatori naturali: Introdurre o favorire insetti benefici come coccinelle o crisope che si nutrono degli afidi.
2
Pesticida
Sapone insetticida: Applicare sapone insetticida direttamente sulle zone infestate per uccidere gli afidi senza danneggiare Clerodendrum thomsoniae.

Insetticidi sistemici: Utilizzare insetticidi sistemici che vengono assorbiti da Clerodendrum thomsoniae per controllare efficacemente le popolazioni di afidi internamente.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Coleotteri delle foglie
plant poor
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Panoramica
Panoramica
gamma di coleotteri delle foglie di dimensioni da 1,5 mm a 20 mm . Sia i coleotteri adulti che le loro larve mangiano le foglie di molti diversi tipi di piante. Esistono oltre 35.000 diverse specie di coleotteri delle foglie , in una varietà di colori tra cui oro, verde, a strisce gialle e rosse. Alcuni di questi sono stati scambiati per coccinelle a causa della loro forma e colorazione. Possono essere di forma ovale, rotonda o allungata. Questi insetti nocivi sono più attivi in primavera e in estate. Se non controllati, i coleotteri fogliari possono causare molti danni alle colture orticole e alle piante ornamentali. Si nutrono di foglie, fiori, steli, radici e frutti di diverse piante. Possono volare, il che significa che è facile per loro spostarsi da una pianta all'altra. Alcune specie di coleotteri delle foglie di mira solo una coltura specifica, mentre altre prenderanno di mira molti tipi diversi di piante. Sebbene gran parte del danno che provocano sia estetico, un'infestazione può indebolire una pianta e lasciarla soggetta ad altre malattie più problematiche.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
I primi segni di un'infestazione da coleotteri delle foglie sono piccoli buchi visibili nelle foglie. Le foglie diventano quindi scolorite e si possono vedere escrementi di scarabeo scuro. Quando le foglie diventano gialle e marroni, cadranno dalla pianta a terra. Alcune foglie appariranno scheletrate con solo le vene rimaste. L'infestazione inizia in primavera, quando i coleotteri adulti emergono dal terreno e depongono le uova sulle foglie delle piante. Quando queste uova si schiudono, le giovani ninfe iniziano a sgranocchiare le foglie man mano che crescono. Una volta che coleotteri delle foglie sono grandi e maturi, cadranno a terra e si puperanno nel terreno durante l'inverno prima di ricominciare il ciclo. Coleotteri delle foglie anche mangiare buchi in frutta e verdura. Questi possono essere visti come piccoli fori rotondi che a volte hanno un'area marrone più ampia che li circonda.
Soluzioni
Soluzioni
Per i casi meno gravi:
  1. Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione.
Per trattare le infestazioni più gravi:
  1. Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta.
  2. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Carenza di nutrienti
plant poor
Carenza di nutrienti
Una carenza di nutrienti causerà un diffuso ingiallimento delle foglie. L'ingiallimento può iniziare alla base o alla sommità della pianta.
Panoramica
Panoramica
Carenza di nutrienti può essere visto in molti modi diversi sulle piante. Fondamentalmente, la mancanza di nutrienti inibirà la crescita delle piante, produrrà steli e foglie deboli e lascerà le piante aperte all'infezione da parassiti e malattie. Le piante usano i nutrienti del terreno per aiutarli con la fotosintesi. Questo, a sua volta, produce una sana crescita delle piante. Le piante che mancano di quantità adeguate di nutrienti sembreranno poco brillanti e malsane. Alla fine, se questo non viene affrontato, causerà la morte delle piante. I nutrienti più importanti di cui le piante hanno bisogno sono azoto, fosforo, potassio, calcio, magnesio e zolfo. Inoltre, le piante richiedono piccole quantità di micronutrienti come ferro, boro, manganese, zinco, rame e molibdeno.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Un segno comune che le piante stanno vivendo carenza di nutrienti è l'ingiallimento delle foglie. Questo può essere un ingiallimento generale o foglie gialle ma con venature verdi. Queste foglie alla fine si scuriranno e moriranno. Un altro segno è la perdita di vigore della pianta. Le piante potrebbero non crescere come dovrebbero o la loro crescita potrebbe essere stentata. Di seguito sono riportati alcuni sintomi comuni che compaiono quando le piante mancano di nutrienti. Azoto (N ): le foglie interne più vecchie ingialliscono per prime. Se la carenza è grave, l'ingiallimento progredisce verso una nuova crescita. Potassio (K ): i bordi delle foglie possono diventare marroni e increspati, con uno strato ingiallito che si forma appena all'interno del bordo. Le foglie più vecchie tendono ad essere colpite per prime. Fosforo (P ): Mancanza di crescita vigorosa. Le piante appariranno rachitiche. Zinco (Zn ): L'ingiallimento tende a manifestarsi prima alla base della foglia. Rame (Cu ): le foglie più recenti iniziano a ingiallire per prime, mentre le foglie più vecchie ingialliscono solo se la carenza diventa grave. Boro (B ): le foglie più recenti vengono colpite per prime. Il fogliame può anche diventare particolarmente fragile in caso di carenza di boro.
Causa della malattia
Causa della malattia
Ci sono diversi fattori che possono portare al carenza di nutrienti , una situazione in cui le piante non ricevono i nutrienti di cui hanno bisogno. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che sono piantati in terreni carenti di nutrienti o che il pH del suolo è troppo alto o basso. Un pH errato del terreno può bloccare alcuni nutrienti, rendendoli così non disponibili per le piante. Anche la mancanza di umidità del suolo può essere un problema, perché le piante hanno bisogno di acqua per poter assorbire i nutrienti dal suolo.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Macchia bruna
plant poor
Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Panoramica
Panoramica
Le macchie scolorite sul fogliame delle piante sono uno dei problemi di malattia più comuni che le persone osservano. Questi punti sono causati da malattie fungine e batteriche, con la maggior parte delle infezioni legate a un patogeno fungino. Macchia bruna può verificarsi su tutte le piante d'appartamento, piante ornamentali da fiore, piante da ortaggi e foglie di alberi, cespugli e arbusti. Nessuna pianta resiste ad esso e il problema è peggiore negli ambienti caldi e umidi. Può verificarsi in qualsiasi momento della fase di vita purché siano presenti le foglie. Piccole macchie brunastre compaiono sul fogliame e si ingrandiscono con il progredire della malattia. Nei casi più gravi, la pianta o l'albero si indeboliscono quando le lesioni interrompono la fotosintesi o causano la defogliazione.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Nella maggior parte dei casi, macchia bruna interessa solo una piccola percentuale dell'intera pianta, comparendo su una piccola parte delle foglie. Una piccola infezione mette solo un leggero stress sulla pianta. Tuttavia, se non trattata e la malattia progredisce in numerose stagioni, avrà un grave impatto sulla salute e sulla produttività del campione infetto.
  • Inizia la sporulazione (riproduzione delle spore fungine) e sulle foglie compaiono minuscole macchie.
  • Il posizionamento è spesso casuale e disperso poiché le malattie si diffondono attraverso le gocce di pioggia.
  • Può comparire sulle foglie più basse e all'interno della pianta dove l'umidità è più alta.
  • Le macchie marroni si allargano e diventano abbastanza grandi da toccare i punti vicini per formare una macchia più prominente.
  • I margini delle foglie possono ingiallire.
  • Piccoli punti neri (corpi fruttiferi dei funghi) compaiono nei punti morti.
  • Le macchie crescono di dimensioni fino a quando l'intera foglia non è marrone.
  • La foglia cade dalla pianta.
Sintomi gravi
  • Defogliazione prematura parziale o completa
  • Crescita ridotta
  • Aumento della suscettibilità ai parassiti e ad altre malattie
Causa della malattia
Causa della malattia
Macchia bruna , o macchia fogliare, è un termine descrittivo comune dato a diverse malattie che colpiscono le foglie di piante e alberi. Circa l'85% delle malattie che mostrano macchie fogliari sono dovute a funghi o organismi simili a funghi. A volte macchia bruna è causato da un'infezione batterica o dall'attività degli insetti con sintomi simili. Quando le condizioni sono calde e le superfici fogliari sono bagnate, le spore fungine trasportate dal vento o dalla pioggia si depositano sulla superficie e si attaccano ad essa. Non rompono le pareti cellulari ma crescono nello spazio tra la membrana plasmatica vegetale e la parete cellulare vegetale. Quando le spore si riproducono, rilasciano tossine ed enzimi che causano macchie necrotiche (cioè tessuti morti) sulle foglie, consentendo ai funghi di consumare i prodotti rilasciati quando le cellule si degradano.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Appassimento dei fiori
plant poor
Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dei fiori si verifica quando i fiori diventano deboli, cadenti, appassiti o sbiaditi fino a quando non possono essere rianimati. Durante l'appassimento, iniziano a raggrinzirsi e restringersi fino a quando il fiore non diventa completamente asciutto o morto. Tutti i fiori, indipendentemente dal tipo di pianta o dal clima in cui vengono coltivati, sono suscettibili di appassire. È un problema mondiale per piante d'appartamento, erbe aromatiche, piante ornamentali da fiore, alberi, arbusti, ortaggi da giardino e colture alimentari. A differenza dell'appassimento, con cui l'appassimento viene spesso confuso, l'appassimento può essere causato da cose diverse ed è spesso dovuto a qualcosa di più della mancanza di acqua. L'appassimento può essere fatale nei casi più gravi.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Appassimento dei fiori progredisce da casi molto lievi a casi gravi che uccidono il fiore. La gravità dei sintomi è correlata alla causa e per quanto tempo la condizione può progredire prima che venga intrapresa un'azione.
  • Fiori appassiti e cadenti
  • Petali e foglie iniziano a raggrinzirsi
  • Striature o macchie di carta marrone appaiono sui petali e sulle punte delle foglie
  • I capolini si restringono di dimensioni
  • Il colore del petalo svanisce
  • Foglie ingiallite
  • Morte completa del fiore
Causa della malattia
Causa della malattia
Le cause principali del appassimento dei fiori includono il progresso naturale dell'età, la mancanza di acqua, le carenze nutrizionali e le malattie batteriche o fungine. È fondamentale determinare la causa sottostante quando viene notato appassimento dei fiori . Questo guiderà la migliore linea d'azione, se il trattamento è possibile. Controlla l'umidità del terreno e poi esamina attentamente l'intera pianta per individuare eventuali segni di carenze nutrizionali. Se nessuna di queste sembra essere la causa, taglia lo stelo sotto un fiore. Se una sezione trasversale rivela macchie marroni o color ruggine, è lecito ritenere che si tratti di un'infezione batterica o fungina. Se il fiore si sta avvicinando alla fine della sua normale durata di vita, la codifica genetica all'interno della pianta aumenta la produzione di etilene, un fitormone che controlla la senescenza, o l'invecchiamento cellulare e la morte. La divisione cellulare si interrompe e la pianta inizia a scomporre le risorse all'interno del fiore per utilizzarle in altre parti della pianta. In tutti gli altri casi, appassimento dei fiori si verifica quando la pianta sigilla lo stelo come meccanismo di difesa, interrompendo il trasporto all'interno del sistema vascolare. Ciò impedisce un'ulteriore perdita d'acqua attraverso i fiori, ma impedisce anche a batteri e funghi di spostarsi verso parti sane della pianta. Una volta interrotto il trasporto di acqua e sostanze nutritive, il fiore inizia ad appassire e alla fine muore.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Appassimento dopo la fioritura
plant poor
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dopo la fioritura a volte è un processo di invecchiamento naturale del fiore, mentre altre volte può indicare un problema. Le orchidee, ad esempio, possono fiorire da due settimane a tre mesi, quindi l'appassimento dopo pochi giorni rappresenta un problema per la maggior parte delle varietà. Questo può accadere praticamente a qualsiasi pianta da fiore ornamentale, ma quelle con radici poco profonde e tolleranza limitata alla siccità, al pieno sole e alla bassa umidità sono più suscettibili. Questo è un problema comune e spesso ha una soluzione facile. A volte, tuttavia, è il risultato di cause più gravi come parassiti o malattie dell'apparato radicale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • All'inizio, i fiori possono sembrare un po' flosci.
  • I petali possono iniziare ad apparire secchi e diventare marroni.
  • Alla fine potrebbero far cadere la pianta tutti insieme.
Causa della malattia
Causa della malattia
Le fioriture appassite possono essere un segno di un apparato radicale malsano. Qualsiasi condizione che impedisca alla pianta di assorbire acqua e nutrimento a sufficienza può provocare fioriture avvizzite e talvolta altri sintomi. Se la pianta non ha abbastanza acqua, non può mantenere una pressione adeguata all'interno di steli, foglie e fiori, facendoli appassire. Ciò può derivare da danni fisici, ad esempio dalla rottura delle radici durante il rinvaso o dall'attacco di insetti come le larve. Se hai rinvasato di recente la tua pianta, una probabile causa è un danno fisico alle radici. Se vedi insetti, potrebbero mangiare foglie, radici o fiori. Le infezioni fungine possono anche causare marciume e danni alle radici, impedendo l'assorbimento di acqua e nutrienti. Infine, le fioriture avvizzite possono derivare semplicemente dall'età. Se non sono visibili altri sintomi, potrebbe semplicemente segnalare la fine naturale della durata della vita del fiore. Se sembra prematuro, ciò può essere causato da fattori ambientali: acqua, umidità, luce o stress. L'irrigazione insufficiente è una causa comune. Allo stesso modo, le piante adattate all'umidità elevata si seccano facilmente quando l'umidità è bassa, come durante l'inverno o nei climi secchi. Troppa luce può anche stressare le piante che hanno bisogno di ombra, facendo appassire le fioriture.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
care_more_info

Altro su Clerodendrum Thomsoniae

feedback
Feedback
Tipo di pianta
Tipo di pianta
Rampicante, Erba medicinale
Durata di Vita
Durata di Vita
Perenne
Diametro della Corona
Diametro della Corona
1 a 1.5 m
Periodo di fioritura
Periodo di fioritura
Primavera inoltrata, Estate, Inizio autunno
Colore del fiore
Colore del fiore
Rosso
Bianco
Colore della foglia
Colore della foglia
Verde
Diametro del Fiore
Diametro del Fiore
2.5 a 5 cm
Altezza della Pianta
Altezza della Pianta
2 a 5 m
icon
Identifica le piante in un attimo
Identifica istantaneamente le piante con l'AI: scatta una foto e ottieni risultati precisi in pochi secondi.

Utilizzo

Utilizzo in giardino
icon
Trova le amiche verdi perfette per te.
Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
identify

Identifica rapidamente Clerodendrum thomsoniae

feedback
Feedback
feedback
icon
Identifica istantaneamente le piante con un semplice clic
Scatta una foto per ottenere l'identificazione istantanea delle piante, ottenendo informazioni rapide sulla prevenzione delle malattie, il trattamento, la tossicità, la cura, gli utilizzi e il simbolismo, ecc.
Clerodendrum thomsoniae è caratterizzata dal suo portamento sempreverde e rampicante, che spesso raggiunge fino a 12 piedi (3,66 metri) di lunghezza. Il suo fogliame è composto da foglie ovali di colore verde scuro, ciascuna adornata da prominenti vene simili a costole. Durante il periodo di fioritura in estate e autunno, clerodendrum thomsoniae mostra i suoi caratteristici fiori, disposti in grappoli piatti. Ogni fiore vanta una struttura tubolare rossa avvolta in un calice bianco contrastante, rendendolo un'aggiunta che cattura l'attenzione in qualsiasi spazio del giardino ombreggiato.
Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image
Per saperne di più sull'identificazione Clerodendrum thomsoniae
care_faq

Problemi Comuni

feedback
Feedback

Il mio clerodendrum thomsoniae rifiuta di fiorire. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se il tuo clerodendrum thomsoniae rifiuta di fiorire, la causa più probabile è che non sia stato in grado di raffreddarsi durante l'inverno; queste piante necessitano di un periodo fresco durante l'inverno per fiorire in primavera. Potrebbe non essere possibile risolvere questo problema nella stagione in corso. Tuttavia, è possibile adottare misure per garantire che fiorisca nella stagione successiva. Una volta che la pianta si affievolisce in autunno, l'irrigazione dovrebbe essere gradualmente ridotta e la temperatura dell'aria in qualche modo mantenuta al di sotto dei 15 ° C per tutto il periodo di svernamento. Una temperatura massima ideale sarebbe di 12 ° C. L'irrigazione dovrebbe essere mantenuta poco frequente, ma il nucleo della pianta non dovrebbe asciugarsi completamente.

Il mio clerodendrum thomsoniae è diventato giallo. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
L'ingiallimento uniforme del fogliame di clerodendrum thomsoniae indica la possibile innaffiatura. Ciò può essere risolto assicurandosi che nel suolo sia presente abbastanza acqua; ci dovrebbe essere un po 'd'acqua nel terreno o nel vassoio in ogni momento durante i mesi primaverili ed estivi. Se l'ingiallimento è a strisce o macchiato, è più probabile che sia la clorosi. Questo è comune a molte piante e può essere affrontato facilmente aggiungendo un fertilizzante contenente ferro al terreno, secondo le istruzioni del fornitore.

Il mio clerodendrum thomsoniae lascia cadere a metà stagione. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se le foglie cadono verso la fine della stagione, questo è normale e dovrebbe essere permesso che accada. Se ciò accade a metà stagione, potrebbe essere un segno che la pianta deve essere spostata in un altro posto con condizioni di crescita più adatte.
care_new_plant

Prendersi Cura di una Nuova Pianta

feedback
Feedback
new-plant
Le seguenti immagini e istruzioni per le pianta da fiore hanno lo scopo di aiutare le tue piante ad adattarsi e a prosperare in un nuovo ambiente.
more
1
Scegliere una Pianta da Frutto Sana
check-health

Controlla la Sua Salute

part-image-bg part-image
Pianta Intera
Chioma simmetrica, rami uniformemente distribuiti, forma piena e compatta, assenza di crescita eccessiva, internodi ravvicinati e dimensioni uniformi delle foglie.
part-image-bg part-image
Fiori
Molti boccioli non aperti sono strettamente attaccati, senza cadere facilmente quando vengono scossi, e non mostrano macchie malate o appassimenti sui petali.
part-image-bg part-image
Rami
I rami non sono appassiti e il tronco non presenta fori o danni.
part-image-bg part-image
Steli
Nessuna muffa, imbrunimento o marciume molle alla base della pianta.
part-image-bg part-image
Foglie
Controllate l'interno della pianta, le zone d'ombra e di sovrapposizione, il retro delle foglie. Colore uniforme, assenza di ingiallimento, di macchie marroni, di insetti striscianti, di ragnatele, di deformazioni o di appassimento.
health-trouble

Risoluzione dei Problemi di Salute

Pianta Intera
trouble-image
more 1 Chioma asimmetrica o ramificazione mancante e disomogenea: potate i rami deboli ed esili della porzione più grande della chioma asimmetrica, quindi tagliate i rami più grandi cresciuti.
trouble-image
more 2 Gli internodi sono più lunghi nella parte superiore, le foglie sono rade e più piccole nella parte superiore: aumentare l'intensità o la durata della luce.
Rami
trouble-image
more 1 Rami secchi: verificare se il ramo è ancora vivo staccando una piccola sezione di corteccia e tagliare i rami secchi. Fate attenzione ai segni di infestazione da insetti all'interno del ramo.
trouble-image
more 2 Corteccia con fori: iniettare l'insetticida nei fori e applicare un insetticida sistemico alle radici.
trouble-image
more 3 Corteccia danneggiata: spennellare un agente cicatrizzante ed evitare di bagnare la ferita.
Steli
trouble-image
Muffa, imbrunimento o marciume molle alla base: collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
Fiori
trouble-image
more 1 Molti fiori sono già sbocciati: abbassare la temperatura dell'ambiente per prolungare il periodo di fioritura. Potare tempestivamente i fiori morenti per evitare l'impoverimento delle sostanze nutritive.
trouble-image
more 2 Caduta dei boccioli di fiori: Mantenere una temperatura di 15-25℃, collocare in una zona luminosa ma ombreggiata, annaffiare frequentemente ed evitare di concimare.
trouble-image
more 3 I petali dei fiori presentano macchie o malattie: evitare di spruzzare acqua direttamente sui petali.
trouble-image
more 4 Appassimento dei fiori: evitare un terreno troppo umido o troppo secco. Toccando il terriccio con il dito, deve risultare umido ma senza lasciare tracce d'acqua sul dito.
Foglie
trouble-image
more 1 Colore delle foglie non uniforme e ingiallimento: potate le foglie gialle e controllate se ci sono segni di marciume alla base della pianta. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
trouble-image
more 2 Macchie marroni o piccole macchie gialle: collocare la pianta in un'area ventilata ed evitare di annaffiare le foglie. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
trouble-image
more 3 Minuscoli insetti striscianti sul retro delle foglie o ragnatele tra le foglie: aumentare l'esposizione alla luce e spruzzare insetticidi per i casi più gravi.
trouble-image
more 4 Deformazioni o parti mancanti sulle foglie: determinare se si tratta di danni fisici o di infestazioni di parassiti. I danni lineari o da strappo sono fisici, mentre gli altri sono parassiti. Spruzzare un insetticida.
trouble-image
more 5 Foglie appassite: fornire un'ombra parziale ed evitare un'eccessiva esposizione al sole. Rimuovere da 1/3 a 1/2 delle foglie nei casi più gravi.
check-condition

Controlla le Sue Condizioni di Crescita

check
Controllo del Terreno
Il terreno deve avere un odore fresco come dopo la pioggia e non deve avere un odore di muffa.
check
Controllo della Luce
Controllate il fabbisogno di luce della pianta e se corrisponde alla posizione di impianto.
check
Controllo della Ventilazione
Assicurare una buona ventilazione.
check
Controllo della Temperatura
Assicurarsi che la temperatura esterna sia adatta alle piante.
condition-trouble

Risoluzione dei Problemi delle Condizioni

check
Terreno
Terriccio per vasi, Terriccio misto a muschio di torba
Il terreno ha un odore di muffa o di sporco: controllare che l'apparato radicale non sia deteriorato, collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
check
Temperatura ideale
10℃ to 35℃
La temperatura è troppo bassa: Spostate temporaneamente le piante all'interno e poi all'esterno quando la temperatura è adeguata.
check
Ventilazione
Ben ventilato
Ambiente non ventilato: può provocare marciume radicale, malattie e caduta dei fiori. Posizionate le piante in un luogo arieggiato, evitando i punti morti.
check
Luce adatta
Pieno sole, Sole parziale
Luce insufficiente: ridurre adeguatamente la luce durante il periodo di fioritura, ma non un ambiente completamente ombreggiato. Dopo la fioritura, passare al normale ambiente di coltivazione. Per le piante con lunghi periodi di fioritura e fruttificazione, fornire luce normale per evitare l'accorciamento.
Recupero del trapianto: Dopo il trapianto, le piante in vaso devono essere temporaneamente ombreggiate, quindi trasferite alla luce normale dopo una settimana se non si verificano cali anomali o appassimenti. Per le piante in piena terra, ombreggiare per una settimana e poi trasferire alla luce normale oppure prestare attenzione alle annaffiature.
more
2
Adattare la Tua Nuova Pianta da Fiore
Passo 1
condition-image
Rinvaso
Piante in vaso - Aspettate che la fase di fioritura sia terminata prima di cambiare i vasi. Piante interrate - piantate direttamente facendo attenzione a non danneggiare l'apparato radicale e a non rimuovere il terreno.
mostra di più show-more
Passo 2
condition-image
Potatura
Potare i fiori residui e le foglie gialle/morte. Nessun'altra potatura in questo momento.
mostra di più show-more
Passo 3
condition-image
Annaffiatura
Innaffiare in modo appropriato. Innaffiare più frequentemente le piante appena trapiantate o acquistate per mantenere il terreno costantemente umido per almeno 2 settimane. Evitate di innaffiare troppo, non innaffiate quando l'acqua è presente sul dito dopo aver toccato il terreno. Sia l'innaffiatura sommersa che quella eccessiva possono causare la caduta dei fiori o dei frutti delle piante.
mostra di più show-more
Passo 4
condition-image
Concimazione
Non fertilizzare subito dopo l'acquisto. Concimare dopo 2 settimane utilizzando metà concentrazione.
mostra di più show-more
label
main-image
Clerodendrum Thomsoniae
label-image
Rinvaso
Rinvasare le piante in vaso: Aspettare la fine della fioritura. Rinvaso di piante interrate: Fare attenzione a non danneggiare le radici e il terreno.
label-image
Potatura
Potare i fiori residui e le foglie gialle/morte. Nessun'altra potatura in questo momento.
label-image
Annaffiatura
Innaffiare le nuove piante più spesso per 2 settimane. Evitate di annaffiare troppo o troppo poco, controllando il terreno.
label-image
Concimazione
Non fertilizzare subito dopo l'acquisto. Concimare dopo 2 settimane utilizzando metà concentrazione.
label-image
Luce solare
Le piante a fioritura prolungata hanno bisogno di luce normale. I trapianti vanno ombreggiati per una settimana, quindi spostati alla luce normale.
label
main-image
Clerodendrum Thomsoniae
label-image
Rinvaso
Rinvasare le piante in vaso: Aspettare la fine della fioritura. Rinvaso di piante interrate: Fare attenzione a non danneggiare le radici e il terreno.
label-image
Potatura
Potare i fiori residui e le foglie gialle/morte. Nessun'altra potatura in questo momento.
label-image
Annaffiatura
Innaffiare le nuove piante più spesso per 2 settimane. Evitate di annaffiare troppo o troppo poco, controllando il terreno.
label-image
Concimazione
Non fertilizzare subito dopo l'acquisto. Concimare dopo 2 settimane utilizzando metà concentrazione.
label-image
Luce solare
Le piante a fioritura prolungata hanno bisogno di luce normale. I trapianti vanno ombreggiati per una settimana, quindi spostati alla luce normale.
plant

Un botanico in tasca

plant
plant

App

plant
close
product icon
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
ad
Un botanico in tasca
Scan the QR code with your phone camera to download the app
close
title
Un botanico in tasca
qrcode
Scansiona il codice QR per effettuare il download
Su
Cura di Base
Cura Avanzata
Ulteriori istruzioni
Parassiti e Malattie
Maggiori informazioni
Come Identificare
Domande Frequenti
Cura della Nuova Pianta
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae
Clerodendrum thomsoniae

Come coltivare e curare Clerodendrum Thomsoniae

icon
Identifica istantaneamente le piante con un semplice clic
Scatta una foto per ottenere l'identificazione istantanea delle piante, ottenendo informazioni rapide sulla prevenzione delle malattie, il trattamento, la tossicità, la cura, gli utilizzi e il simbolismo, ecc.
Scarica l'App gratuitamente
symbolism

Simbolismo

Purezza preziosa e sincerità interiore
Acqua
Ogni 1-2 settimane
Acqua
Luce Solare
Pieno sole
Luce Solare
care_basic_guide

Guida di Base per la Cura

feedback
Cultivation:FertilizerDetail

Come concimare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:FertilizerDetail
icon
Concimazione intelligente per una crescita rigogliosa
Scopri il concime giusto e i consigli per la cura delle piante, per farle fiorire in ogni stagione.
Scarica l'App gratuitamente
Perché devo concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
more
Quando è il momento migliore per concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
more
Quando dovrei evitare di concimare il mio Clerodendrum thomsoniae?
more
Di che tipo di fertilizzante ha bisogno il mio Clerodendrum thomsoniae?
more
Mostra di più more
Cultivation:SunlightDetail

Quali sono i requisiti di luce solare per Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:SunlightDetail
icon
Ottimizza la salute delle piante con un'illuminazione ideale
Trova i posti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Scarica l'App gratuitamente
Di quante ore di luce solare ha bisogno Clerodendrum thomsoniae per crescere?
more
Cosa succederà se Clerodendrum thomsoniae non riceve abbastanza luce solare?
more
Cosa succede se Clerodendrum thomsoniae riceve troppa luce solare?
more
Cultivation:PruningDetail

Come potare Clerodendrum thomsoniae ?

Cultivation:PruningDetail
icon
Potatura semplificata
Le nostre guide facili da seguire aiutano le tue piante a crescere più sane e forti in poco tempo.
Scarica l'App gratuitamente
Il mio Clerodendrum thomsoniae ha bisogno di essere potato?
more
Quando è il momento migliore per potare il mio Clerodendrum thomsoniae?
more
Cosa devo fare dopo la potatura di Clerodendrum thomsoniae?
more
Come posso potare il mio Clerodendrum thomsoniae durante le diverse fasi di crescita?
more
Mostra di più more
close
care_advanced_guide

Guida avanzata alla cura

feedback
Cultivation:WaterAndHardinessDetail

Qual è l'intervallo di temperatura ideale per Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:WaterAndHardinessDetail
icon
Scopri il clima perfetto di ogni pianta
Usa la nostra app per trovare la temperatura ideale per far fiorire le tue piante tutto l'anno.
Scarica l'App gratuitamente
Qual è la temperatura ottimale per Clerodendrum thomsoniae?
more
Il sito Clerodendrum thomsoniae richiede temperature diverse per le varie fasi di crescita?
more
Il sito Clerodendrum thomsoniae ha bisogno di temperature diverse a seconda delle stagioni?
more
Quali sono le linee guida per la temperatura per mantenere in salute il vostro Clerodendrum thomsoniae?
more
Mostra di più more
Cultivation:SoilDetail

Qual è il terreno migliore per Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:SoilDetail
Cultivation:PropagationDetail

Come propagare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:PropagationDetail
close

Riproduzione

La talea è il metodo di propagazione più conveniente e facile da realizzare. La stagione di crescita attiva, durante la primavera e l'estate, è il momento migliore per propagare Clerodendrum thomsoniae. Durante questo periodo, le piante stanno generando molta energia per la nuova crescita e dovrebbero avere molti steli che possono essere utilizzati per la propagazione. Inoltre, le piante possono riprendersi con il prelievo di talee in questa stagione piuttosto che durante le stagioni autunnali e invernali, più lente. Se volete prelevare delle talee, dovete innanzitutto preparare quanto segue. Forbici o coltello affilato Soluzione di candeggina diluita o alcol isopropilico per pulire gli attrezzi Vaso o vassoio da vivaio con fori di drenaggio Miscela per vasi multiuso o miscela per l'avvio dei semi Sacchetto di plastica trasparente o cupola di umidità per coprire le talee Ormone radicante (facoltativo ma consigliato) Fasi: Fase 1: Preparare i contenitori riempiendoli con il materiale da piantagione inumidito, lasciando circa mezzo centimetro di spazio dalla parte superiore del contenitore. Fase 2: Scegliere parti sane per la propagazione. La talea deve avere almeno una foglia, ma non deve avere fiori. Con le forbici sterilizzate, tagliate il fusto appena sotto la giuntura di una foglia, perché l'apparato radicale di solito cresce da lì. La lunghezza della talea non deve essere eccessiva, perché una volta che la talea ha messo radici, è diventata una pianta singola. Nessuno vuole che una pianta cresca lunga e sottile fin dall'inizio. Assicuratevi di eseguire un taglio netto e di non schiacciare il fusto, perché potrebbe lasciare la pianta vulnerabile alle infezioni. Sterilizzare gli strumenti di taglio tra una pianta e l'altra se si prelevano più talee. Fase 3: tagliare le foglie inferiori della talea fino a lasciare solo le 4-6 foglie superiori. Immergere l'estremità inferiore della talea nella polvere radicante (se utilizzata) secondo le indicazioni. Fase 4: fare un buco nel terreno per ogni talea e posizionarla all'interno in modo che la linea del terreno sia in corrispondenza delle foglie inferiori. Premere il terreno intorno alla talea, quindi ripetere l'operazione fino a quando tutte le talee sono state piantate e annaffiare abbondantemente. Fase 5: coprire il contenitore con la cupola di umidità o con un sacchetto di plastica trasparente. Posizionatelo in un luogo in cui le talee possano ricevere luce, ma non la luce diretta del sole, che potrebbe essere troppo intensa per le talee. Innaffiate di tanto in tanto e non lasciate che il Clerodendrum thomsoniae si asciughi. Se l'umidità è eccessiva, rimuovete periodicamente il coperchio per consentire una certa evaporazione. La maggior parte delle specie inizierà a produrre radici in circa 3 settimane. Dopo la radicazione, la pianta svilupperà gradualmente nuove foglie; a questo punto è possibile iniziare a indurire il Clerodendrum thomsoniae. L'indurimento consiste nell'esporre gradualmente le Clerodendrum thomsoniae alla luce del sole e nel rimuovere la copertura, in modo che abbiano il tempo di adattarsi prima di essere spostate definitivamente all'esterno. L'indurimento di solito dura da 1 a 2 settimane, a seconda delle condizioni esterne e del tipo di Clerodendrum thomsoniae. Dopo questo periodo, Clerodendrum thomsoniae può essere piantata in contenitori o direttamente nel terreno. Anche la stratificazione può essere utilizzata per propagare Clerodendrum thomsoniae, ma la procedura è un po' più complicata. Il momento migliore per iniziare la margotta composta o a serpentina è nei mesi caldi della primavera e dell'estate, quando le piante hanno più energia da spendere per produrre nuove radici. Saprete che la pianta è pronta per la divisione o la propagazione quando dalle sezioni interrate è cresciuto un numero sufficiente di radici, il che dovrebbe richiedere uno o due mesi in totale. Per realizzare la margotta composta o serpeggiante non serve molto. Se avete le basi del giardinaggio, potete iniziare subito il processo. Indossate i guanti da giardinaggio e iniziate! Cazzuola per interrare le sezioni (opzionale) un coltello affilato e disinfettato Fasi: Fase 1: piegate un ramo flessibile e in erba verso il basso. Fase 2: interrare due o più sezioni germogliate del fusto. Lasciare le sezioni gemmate alternate al di sopra del terreno. Il terreno deve essere compattato quando viene coperto. Fase 3 (facoltativa): Praticare dei tagli sulle sezioni interrate del fusto. Fase 4: mantenere il terreno umido. Cioè che sia abbondantemente umido, ma non fradicio. Questo è un bene per la radicazione delle piante.
Mostra di più
more
Sblocca le guide complete per imparare a curare più di 10.000 specie
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Cultivation:PlantingDetail

Come piantare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:PlantingDetail
PlantCare:TransplantSummary

Come trapiantare Clerodendrum thomsoniae?

PlantCare:TransplantSummary
icon
Semplifica il trapianto delle piante
Comprendi i tempi, le tecniche e i suggerimenti migliori per spostare con successo i tuoi amici frondosi.
Scarica l'App gratuitamente
Cultivation:PottingSuggestions

Come rinvasare Clerodendrum thomsoniae?

Cultivation:PottingSuggestions
seasonal-tip

Misure precauzionali stagionali

care_scenes

Ulteriori informazioni su Clerodendrum Thomsoniae Crescita e cura

feedback
Guida alle cure di base
Parassiti e malattie comuni
Afide
Gli afidi sono parassiti che causano danni notevoli a Clerodendrum thomsoniae, indebolendo la pianta succhiando linfa, il che può causare ingiallimento delle foglie e crescita rallentata. L'infestazione è evidente e può diffondersi rapidamente se non gestita.
 detail
Cocciniglia
Gli insetti scagliosi sono parassiti che causano danni significativi a 'Clerodendrum thomsoniae' succhiando linfa, portando al ingiallimento delle foglie, appassimento e potenziale morte della pianta se non trattati.
 detail
Ferite
Le malattie delle ferite in Clerodendrum thomsoniae possono portare a stress delle piante, aumentata suscettibilità ai patogeni e possibile morte. È importante per mantenere la salute e la vitalità delle piante gestire e prevenire correttamente queste ferite.
 detail
Foglia appassita
Il chinarsi delle foglie in Clerodendrum thomsoniae è principalmente causato da cure improprie piuttosto che da un patogeno. Questa condizione porta al raggrinzimento o appassimento delle foglie, compromettendo l'estetica e la salute della pianta.
 detail
Maculatura fogliare
La maculatura fogliare è una malattia diffusa in Clerodendrum thomsoniae, che può causare danni immensi alla salute complessiva della pianta. Questa malattia può degradare l'estetica esterna della pianta riducendo la sua vitalità, principalmente caratterizzata dalle sue distintive macchie fogliari marroni o nere.
 detail
Carenza di acqua
La sotto-irrigazione è un problema semplice derivante dalla scarsa fornitura d'acqua, causando danni a Clerodendrum thomsoniae. I suoi effetti vanno dallo scolorimento, ingiallimento delle foglie, crescita rallentata, a influenzare la vitalità complessiva della pianta, potenzialmente portando alla mortalità della pianta se non affrontato tempestivamente.
 detail
Appassimento della punta delle foglie
La punta delle foglie in Clerodendrum thomsoniae è caratterizzata dal disseccamento e dall'ingiallimento delle punte delle foglie. Questo declino della salute della pianta può derivare da vari fattori, causando danni estetici e fisiologici alla pianta.
 detail
La pianta si è seccata
Il disseccamento della pianta è una condizione in cui la Clerodendrum thomsoniae perde la sua umidità, portando al disseccamento e infine alla morte. Questa situazione è dovuta allo stress idrico, all'eccessiva esposizione al sole, alla cattiva alimentazione, alle malattie o agli insetti che creano effetti avversi.
 detail
Macchie scure
Le macchie scure su Clerodendrum thomsoniae sono il risultato di un'infezione fungina o batterica, che provoca antiestetiche imperfezioni che possono portare alla caduta delle foglie e ad un indebolimento generale della pianta.
 detail
Macchie
Le macchie sono una malattia che colpisce Clerodendrum thomsoniae, caratterizzata da lesioni scolorite sulle foglie e sui fusti. Questa malattia può ridurre significativamente il valore estetico e la salute complessiva, portando potenzialmente alla morte della pianta se non gestita.
 detail
Appassimento intero delle foglie
L'intero fogliare appassisce è una malattia che colpisce Clerodendrum thomsoniae caratterizzata dalla diffusa appassimento e ingiallimento delle foglie, portando alla defogliazione e all'inibizione della crescita. Può compromettere significativamente la salute e l'estetica della pianta.
 detail
Marciume delle foglie
Il marciume fogliare è una malattia fungina che ha un impatto negativo su Clerodendrum thomsoniae, portando alla decolorazione e infine al decadimento delle foglie. Se non trattata, può defogliare e uccidere la pianta, quindi richiede un intervento immediato.
 detail
Macchie marroni
La macchia bruna è una malattia fungina che colpisce Clerodendrum thomsoniae, causata principalmente dal patogeno Bipolaris oryzae. Ha un impatto negativo sul fogliame e sulla salute generale della pianta, causando imbrunimenti e macchie, con una potenziale riduzione della resa del raccolto.
 detail
Macchia scura
La macchia scura è una grave malattia fungina che colpisce Clerodendrum thomsoniae, causando stress alla salute e alla crescita della pianta. Provoca macchie scure e nere sulle foglie, deformità potenziali della pianta e un marcato rallentamento della crescita, influenzando notevolmente la vitalità e l'estetica della pianta.
 detail
Avvizzimento
L'appassimento in Clerodendrum thomsoniae è una condizione grave associata ad attacchi patogeni o a condizioni ambientali sfavorevoli, caratterizzata dalla perdita di rigidità delle parti della pianta. Se non trattata, può causare la morte della pianta, rendendo essenziali la diagnosi e la gestione precoci.
 detail
Maculatura fogliare
La macchia fogliare è una malattia fungina che colpisce Clerodendrum thomsoniae, provocando foglie sottosviluppate e maculate che possono portare alla defogliatura e alla ridotta vigoria. Colpisce entrambi gli aspetti estetici e salutari della pianta.
 detail
Cocciniglia farinosa
La malattia della cocciniglia provoca gravi danni alle Clerodendrum thomsoniae, causando crescita rallentata e ingiallimento delle foglie. La tempestiva individuazione e il trattamento sono essenziali per gestirne l'impatto.
 detail
Ingiallimento delle foglie
Il ingiallimento delle foglie della Clerodendrum thomsoniae è una decolorazione indicativa di stress o malattia che colpisce la vitalità della pianta. Con diverse possibili cause, l'impatto varia dal danno estetico a una grave diminuzione della salute.
 detail
Bordi gialli
I margini gialli sono una malattia delle piante che colpisce principalmente il fogliame di Clerodendrum thomsoniae. Principalmente causata da cattiva gestione dell'acqua e infezioni patogene, porta al ingiallimento delle foglie e alla scarsa crescita. Un trattamento rapido è necessario per prevenire danni irreversibili alla pianta.
 detail
Muffa nera
La muffa nera, un'infezione fungina, provoca danni significativi a 'Clerodendrum thomsoniae' colpendo le sue foglie e steli. Questa infezione porta a un deterioramento estetico e può influire sulla salute complessiva della pianta se non gestita correttamente.
 detail
Appassimento delle foglie
Il disseccamento delle foglie in Clerodendrum thomsoniae si riferisce al loro appassimento e disidratazione, che può portare alla morte della pianta. Questa guida copre le cause, i sintomi e la gestione, inclusi le strategie di prevenzione e cura.
 detail
care_pet_and_diseases

Parassiti e malattie comuni

feedback
Problemi comuni relativi a Clerodendrum thomsoniae, basati su 10 milioni di casi reali
icon
Autodiagnosi e prevenzione delle malattie delle piante
Il medico AI per le piante ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
Scarica l'App gratuitamente
Afide
Gli afidi sono parassiti che causano danni notevoli a Clerodendrum thomsoniae, indebolendo la pianta succhiando linfa, il che può causare ingiallimento delle foglie e crescita rallentata. L'infestazione è evidente e può diffondersi rapidamente se non gestita.
Scopri di più su Afide more
Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Soluzioni: Per i casi meno gravi: Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione. Per trattare le infestazioni più gravi: Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Scopri di più su Coleotteri delle foglie more
Carenza di nutrienti
Carenza di nutrienti Carenza di nutrienti Carenza di nutrienti
Una carenza di nutrienti causerà un diffuso ingiallimento delle foglie. L'ingiallimento può iniziare alla base o alla sommità della pianta.
Soluzioni: Esistono diversi modi semplici per porre rimedio al carenza di nutrienti nei terreni. Usa un fertilizzante idrosolubile . I fertilizzanti includeranno la maggior parte o tutti i macro e micronutrienti di cui le piante hanno bisogno per prosperare. L'aggiunta di fertilizzante al terreno renderà disponibili quei nutrienti e può combattere le carenze. Applicare regolarmente pellet di fertilizzante organico . I fertilizzanti organici come i concimi animali e la farina di ossa possono fornire alle piante tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere forti e sani. Applicare il compost . Sebbene non sia così finemente calibrato come fertilizzante artificiale, il compost può comunque essere ricco di importanti nutrienti e dovrebbe essere applicato regolarmente al terreno. Applicare i nutrienti tramite l'applicazione fogliare . Oltre a integrare il terreno con sostanze nutritive, il fertilizzante fogliare può essere applicato direttamente sulle foglie della pianta. I nutrienti offerti tramite l'applicazione fogliare vengono spesso assorbiti anche più rapidamente di quelli immessi nel terreno, quindi l'applicazione fogliare può essere ottima per affrontare rapidamente carenze specifiche.
Scopri di più su Carenza di nutrienti more
Macchia bruna
Macchia bruna Macchia bruna Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Soluzioni: Nei casi minori di macchia bruna , non c'è bisogno di curare la malattia. Tuttavia, se gran parte del fogliame è interessata e si verifica la defogliazione, la pianta trarrà vantaggio dall'eliminazione dell'infezione. Si consiglia di iniziare applicando opzioni di trattamento organico, lavorando fino ai più potenti fungicidi sintetici e chimici, se necessario. Le opzioni organiche non uccideranno il fungo, ma ne impediranno la diffusione. Sciogliere ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di sapone liquido in un litro d'acqua. Usando un flacone spray, spruzzare sulla parte superiore e inferiore delle foglie fino a quando il composto non gocciola. Ripeti ogni due settimane fino a quando le macchie esistenti smettono di allargarsi e le nuove macchie non compaiono più. Spruzzare un sapone fungicida a base di rame sulle foglie, rivestendo la superficie superiore e inferiore delle foglie. Riapplicare come indicato sull'etichetta del prodotto. Il rame penetra nella superficie fogliare e previene la germinazione delle spore in modo che il fungo non possa diffondersi. Applicare un fungicida multiuso sull'intera pianta, seguendo attentamente le istruzioni sull'etichetta.
Scopri di più su Macchia bruna more
Appassimento dei fiori
Appassimento dei fiori Appassimento dei fiori Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Soluzioni: Se l'appassimento dei fiori è una progressione naturale dovuta all'età, non c'è nulla che si possa fare per rallentare o fermare il processo. Una volta che gli ormoni all'interno della pianta iniziano il processo di senescenza, è irreversibile. In caso di mancanza d'acqua, annaffia immediatamente la pianta usando acqua piovana a temperatura ambiente, acqua di sorgente in bottiglia o acqua di rubinetto filtrata. Piante in contenitori d'acqua fino a quando l'acqua in eccesso non fuoriesce dal fondo; annaffia le piante interrate fino a quando il terreno non è inzuppato ma non c'è acqua stagnante in superficie. In caso di carenze nutrizionali, la soluzione migliore è utilizzare un concime liquido granulare o idrosolubile, e applicarlo al terreno a circa la metà della dose consigliata. Tienilo lontano dalle foglie e assicurati che i prodotti granulari vengano annaffiati bene nel terreno. Se la pianta è infetta da un agente patogeno batterico o fungino, non esiste un ciclo di trattamento che curi le piante malate. La soluzione migliore è rimuovere le piante infette e smaltire il materiale vegetale fuori sede. Non mettere in un mucchio di compost.
Scopri di più su Appassimento dei fiori more
Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Soluzioni: Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua. Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta. La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta. Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante. Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Scopri di più su Appassimento dopo la fioritura more
close
plant poor
Afide
Panoramica
Sintomo
Cause
Trattamento
Prevenzione
Periodo attivo
Qual è la malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae?
Qual è la malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae?
Gli afidi sono parassiti che causano danni notevoli a Clerodendrum thomsoniae, indebolendo la pianta succhiando linfa, il che può causare ingiallimento delle foglie e crescita rallentata. L'infestazione è evidente e può diffondersi rapidamente se non gestita.
Analisi dei sintomi
Analisi dei sintomi
Su Clerodendrum thomsoniae, i sintomi includono arricciamento e ingiallimento delle foglie, crescita rallentata e un residuo appiccicoso sulle foglie che porta alla muffa fuligginosa. Anche gemme e fiori possono essere deformi.
Quali sono le cause della malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae ?
Quali sono le cause della malattia di Afide su Clerodendrum thomsoniae ?
1
Insetto
Gli afidi, piccoli insetti succhiasapori, sono la causa principale di questo problema.
Come trattare la malattia Afide su Clerodendrum thomsoniae?
Come trattare la malattia Afide su Clerodendrum thomsoniae?
1
Non pesticida
Rimozione fisica: Rimuovere manualmente gli afidi strofinando o spruzzando acqua per dislodarli da Clerodendrum thomsoniae.

Predatori naturali: Introdurre o favorire insetti benefici come coccinelle o crisope che si nutrono degli afidi.
2
Pesticida
Sapone insetticida: Applicare sapone insetticida direttamente sulle zone infestate per uccidere gli afidi senza danneggiare Clerodendrum thomsoniae.

Insetticidi sistemici: Utilizzare insetticidi sistemici che vengono assorbiti da Clerodendrum thomsoniae per controllare efficacemente le popolazioni di afidi internamente.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Coleotteri delle foglie
plant poor
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Panoramica
Panoramica
gamma di coleotteri delle foglie di dimensioni da 1,5 mm a 20 mm . Sia i coleotteri adulti che le loro larve mangiano le foglie di molti diversi tipi di piante. Esistono oltre 35.000 diverse specie di coleotteri delle foglie , in una varietà di colori tra cui oro, verde, a strisce gialle e rosse. Alcuni di questi sono stati scambiati per coccinelle a causa della loro forma e colorazione. Possono essere di forma ovale, rotonda o allungata. Questi insetti nocivi sono più attivi in primavera e in estate. Se non controllati, i coleotteri fogliari possono causare molti danni alle colture orticole e alle piante ornamentali. Si nutrono di foglie, fiori, steli, radici e frutti di diverse piante. Possono volare, il che significa che è facile per loro spostarsi da una pianta all'altra. Alcune specie di coleotteri delle foglie di mira solo una coltura specifica, mentre altre prenderanno di mira molti tipi diversi di piante. Sebbene gran parte del danno che provocano sia estetico, un'infestazione può indebolire una pianta e lasciarla soggetta ad altre malattie più problematiche.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
I primi segni di un'infestazione da coleotteri delle foglie sono piccoli buchi visibili nelle foglie. Le foglie diventano quindi scolorite e si possono vedere escrementi di scarabeo scuro. Quando le foglie diventano gialle e marroni, cadranno dalla pianta a terra. Alcune foglie appariranno scheletrate con solo le vene rimaste. L'infestazione inizia in primavera, quando i coleotteri adulti emergono dal terreno e depongono le uova sulle foglie delle piante. Quando queste uova si schiudono, le giovani ninfe iniziano a sgranocchiare le foglie man mano che crescono. Una volta che coleotteri delle foglie sono grandi e maturi, cadranno a terra e si puperanno nel terreno durante l'inverno prima di ricominciare il ciclo. Coleotteri delle foglie anche mangiare buchi in frutta e verdura. Questi possono essere visti come piccoli fori rotondi che a volte hanno un'area marrone più ampia che li circonda.
Soluzioni
Soluzioni
Per i casi meno gravi:
  1. Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione.
Per trattare le infestazioni più gravi:
  1. Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta.
  2. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Prevenzione
Prevenzione
Per prevenire le infestazioni di coleotteri delle foglie , segui queste pratiche.
  1. Controlla regolarmente la presenza di coleotteri . Per prevenire grandi infestazioni da parassiti, sii proattivo nel controllare frequentemente le piante per rilevare eventuali parassiti e rimuoverle rapidamente.
  2. Elimina detriti . Elimina erbacce e detriti per rimuovere le aree in cui questi coleotteri possono svernare e nascondersi.
  3. Attira i predatori naturali . Uccelli e altri insetti, come vespe e coccinelle, sono efficaci predatori naturali di coleotteri delle foglie . Incoraggiateli a visitare includendo una vasta gamma di piante per fornire habitat e cibo. Inoltre, evita di applicare erbicidi ad ampio spettro che possono danneggiare e uccidere gli insetti utili.
  4. Pianta erbe aromatiche come menta, aglio o rosmarino, poiché possono respingere coleotteri delle foglie .
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Carenza di nutrienti
plant poor
Carenza di nutrienti
Una carenza di nutrienti causerà un diffuso ingiallimento delle foglie. L'ingiallimento può iniziare alla base o alla sommità della pianta.
Panoramica
Panoramica
Carenza di nutrienti può essere visto in molti modi diversi sulle piante. Fondamentalmente, la mancanza di nutrienti inibirà la crescita delle piante, produrrà steli e foglie deboli e lascerà le piante aperte all'infezione da parassiti e malattie. Le piante usano i nutrienti del terreno per aiutarli con la fotosintesi. Questo, a sua volta, produce una sana crescita delle piante. Le piante che mancano di quantità adeguate di nutrienti sembreranno poco brillanti e malsane. Alla fine, se questo non viene affrontato, causerà la morte delle piante. I nutrienti più importanti di cui le piante hanno bisogno sono azoto, fosforo, potassio, calcio, magnesio e zolfo. Inoltre, le piante richiedono piccole quantità di micronutrienti come ferro, boro, manganese, zinco, rame e molibdeno.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Un segno comune che le piante stanno vivendo carenza di nutrienti è l'ingiallimento delle foglie. Questo può essere un ingiallimento generale o foglie gialle ma con venature verdi. Queste foglie alla fine si scuriranno e moriranno. Un altro segno è la perdita di vigore della pianta. Le piante potrebbero non crescere come dovrebbero o la loro crescita potrebbe essere stentata. Di seguito sono riportati alcuni sintomi comuni che compaiono quando le piante mancano di nutrienti. Azoto (N ): le foglie interne più vecchie ingialliscono per prime. Se la carenza è grave, l'ingiallimento progredisce verso una nuova crescita. Potassio (K ): i bordi delle foglie possono diventare marroni e increspati, con uno strato ingiallito che si forma appena all'interno del bordo. Le foglie più vecchie tendono ad essere colpite per prime. Fosforo (P ): Mancanza di crescita vigorosa. Le piante appariranno rachitiche. Zinco (Zn ): L'ingiallimento tende a manifestarsi prima alla base della foglia. Rame (Cu ): le foglie più recenti iniziano a ingiallire per prime, mentre le foglie più vecchie ingialliscono solo se la carenza diventa grave. Boro (B ): le foglie più recenti vengono colpite per prime. Il fogliame può anche diventare particolarmente fragile in caso di carenza di boro.
Causa della malattia
Causa della malattia
Ci sono diversi fattori che possono portare al carenza di nutrienti , una situazione in cui le piante non ricevono i nutrienti di cui hanno bisogno. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che sono piantati in terreni carenti di nutrienti o che il pH del suolo è troppo alto o basso. Un pH errato del terreno può bloccare alcuni nutrienti, rendendoli così non disponibili per le piante. Anche la mancanza di umidità del suolo può essere un problema, perché le piante hanno bisogno di acqua per poter assorbire i nutrienti dal suolo.
Soluzioni
Soluzioni
Esistono diversi modi semplici per porre rimedio al carenza di nutrienti nei terreni.
  1. Usa un fertilizzante idrosolubile . I fertilizzanti includeranno la maggior parte o tutti i macro e micronutrienti di cui le piante hanno bisogno per prosperare. L'aggiunta di fertilizzante al terreno renderà disponibili quei nutrienti e può combattere le carenze.
  2. Applicare regolarmente pellet di fertilizzante organico . I fertilizzanti organici come i concimi animali e la farina di ossa possono fornire alle piante tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere forti e sani.
  3. Applicare il compost . Sebbene non sia così finemente calibrato come fertilizzante artificiale, il compost può comunque essere ricco di importanti nutrienti e dovrebbe essere applicato regolarmente al terreno.
  4. Applicare i nutrienti tramite l'applicazione fogliare . Oltre a integrare il terreno con sostanze nutritive, il fertilizzante fogliare può essere applicato direttamente sulle foglie della pianta. I nutrienti offerti tramite l'applicazione fogliare vengono spesso assorbiti anche più rapidamente di quelli immessi nel terreno, quindi l'applicazione fogliare può essere ottima per affrontare rapidamente carenze specifiche.
Prevenzione
Prevenzione
Esistono diversi modi semplici per prevenire le carenze di nutrienti nelle piante.
  1. Concimazione regolare . L'aggiunta regolare di fertilizzante al terreno è uno dei modi più semplici ed efficaci per prevenire le carenze.
  2. Irrigazione adeguata . Sia l'irrigazione eccessiva che quella insufficiente possono avere un impatto negativo sulle radici di una pianta, il che a sua volta rende più difficile per loro assorbire correttamente i nutrienti.
  3. Testare il pH del terreno . L'acidità o l'alcalinità di un terreno influirà sul grado in cui alcuni nutrienti sono disponibili per essere assorbiti dalle piante. Conoscere il pH del terreno significa che può essere modificato per soddisfare le esigenze delle singole piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Macchia bruna
plant poor
Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Panoramica
Panoramica
Le macchie scolorite sul fogliame delle piante sono uno dei problemi di malattia più comuni che le persone osservano. Questi punti sono causati da malattie fungine e batteriche, con la maggior parte delle infezioni legate a un patogeno fungino. Macchia bruna può verificarsi su tutte le piante d'appartamento, piante ornamentali da fiore, piante da ortaggi e foglie di alberi, cespugli e arbusti. Nessuna pianta resiste ad esso e il problema è peggiore negli ambienti caldi e umidi. Può verificarsi in qualsiasi momento della fase di vita purché siano presenti le foglie. Piccole macchie brunastre compaiono sul fogliame e si ingrandiscono con il progredire della malattia. Nei casi più gravi, la pianta o l'albero si indeboliscono quando le lesioni interrompono la fotosintesi o causano la defogliazione.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Nella maggior parte dei casi, macchia bruna interessa solo una piccola percentuale dell'intera pianta, comparendo su una piccola parte delle foglie. Una piccola infezione mette solo un leggero stress sulla pianta. Tuttavia, se non trattata e la malattia progredisce in numerose stagioni, avrà un grave impatto sulla salute e sulla produttività del campione infetto.
  • Inizia la sporulazione (riproduzione delle spore fungine) e sulle foglie compaiono minuscole macchie.
  • Il posizionamento è spesso casuale e disperso poiché le malattie si diffondono attraverso le gocce di pioggia.
  • Può comparire sulle foglie più basse e all'interno della pianta dove l'umidità è più alta.
  • Le macchie marroni si allargano e diventano abbastanza grandi da toccare i punti vicini per formare una macchia più prominente.
  • I margini delle foglie possono ingiallire.
  • Piccoli punti neri (corpi fruttiferi dei funghi) compaiono nei punti morti.
  • Le macchie crescono di dimensioni fino a quando l'intera foglia non è marrone.
  • La foglia cade dalla pianta.
Sintomi gravi
  • Defogliazione prematura parziale o completa
  • Crescita ridotta
  • Aumento della suscettibilità ai parassiti e ad altre malattie
Causa della malattia
Causa della malattia
Macchia bruna , o macchia fogliare, è un termine descrittivo comune dato a diverse malattie che colpiscono le foglie di piante e alberi. Circa l'85% delle malattie che mostrano macchie fogliari sono dovute a funghi o organismi simili a funghi. A volte macchia bruna è causato da un'infezione batterica o dall'attività degli insetti con sintomi simili. Quando le condizioni sono calde e le superfici fogliari sono bagnate, le spore fungine trasportate dal vento o dalla pioggia si depositano sulla superficie e si attaccano ad essa. Non rompono le pareti cellulari ma crescono nello spazio tra la membrana plasmatica vegetale e la parete cellulare vegetale. Quando le spore si riproducono, rilasciano tossine ed enzimi che causano macchie necrotiche (cioè tessuti morti) sulle foglie, consentendo ai funghi di consumare i prodotti rilasciati quando le cellule si degradano.
Soluzioni
Soluzioni
Nei casi minori di macchia bruna , non c'è bisogno di curare la malattia. Tuttavia, se gran parte del fogliame è interessata e si verifica la defogliazione, la pianta trarrà vantaggio dall'eliminazione dell'infezione. Si consiglia di iniziare applicando opzioni di trattamento organico, lavorando fino ai più potenti fungicidi sintetici e chimici, se necessario. Le opzioni organiche non uccideranno il fungo, ma ne impediranno la diffusione.
  1. Sciogliere ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di sapone liquido in un litro d'acqua. Usando un flacone spray, spruzzare sulla parte superiore e inferiore delle foglie fino a quando il composto non gocciola. Ripeti ogni due settimane fino a quando le macchie esistenti smettono di allargarsi e le nuove macchie non compaiono più.
  2. Spruzzare un sapone fungicida a base di rame sulle foglie, rivestendo la superficie superiore e inferiore delle foglie. Riapplicare come indicato sull'etichetta del prodotto. Il rame penetra nella superficie fogliare e previene la germinazione delle spore in modo che il fungo non possa diffondersi.
  3. Applicare un fungicida multiuso sull'intera pianta, seguendo attentamente le istruzioni sull'etichetta.
Prevenzione
Prevenzione
Come molte altre malattie, è più facile prevenire macchia bruna che curarlo, e questo viene fatto attraverso pratiche culturali.
  • Elimina le foglie autunnali dal terreno prima dell'inverno per ridurre al minimo i luoghi in cui funghi e batteri possono svernare.
  • Mantenere un buon movimento dell'aria tra le piante attraverso un'adeguata spaziatura tra le piante.
  • Aumenta la circolazione dell'aria attraverso il centro delle piante attraverso la potatura.
  • Pulisci accuratamente tutti gli strumenti di potatura dopo aver lavorato con piante malate.
  • Non gettare mai materiale vegetale malato in un cumulo di compost.
  • Evitare l'irrigazione sopraelevata per mantenere l'umidità lontana dal fogliame.
  • Mantieni le piante sane fornendo luce solare, acqua e fertilizzanti adeguati.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Appassimento dei fiori
plant poor
Appassimento dei fiori
I fiori possono seccarsi a causa di un improvviso cambiamento di ambiente o perché la pianta ha completato il suo normale periodo di fioritura.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dei fiori si verifica quando i fiori diventano deboli, cadenti, appassiti o sbiaditi fino a quando non possono essere rianimati. Durante l'appassimento, iniziano a raggrinzirsi e restringersi fino a quando il fiore non diventa completamente asciutto o morto. Tutti i fiori, indipendentemente dal tipo di pianta o dal clima in cui vengono coltivati, sono suscettibili di appassire. È un problema mondiale per piante d'appartamento, erbe aromatiche, piante ornamentali da fiore, alberi, arbusti, ortaggi da giardino e colture alimentari. A differenza dell'appassimento, con cui l'appassimento viene spesso confuso, l'appassimento può essere causato da cose diverse ed è spesso dovuto a qualcosa di più della mancanza di acqua. L'appassimento può essere fatale nei casi più gravi.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Appassimento dei fiori progredisce da casi molto lievi a casi gravi che uccidono il fiore. La gravità dei sintomi è correlata alla causa e per quanto tempo la condizione può progredire prima che venga intrapresa un'azione.
  • Fiori appassiti e cadenti
  • Petali e foglie iniziano a raggrinzirsi
  • Striature o macchie di carta marrone appaiono sui petali e sulle punte delle foglie
  • I capolini si restringono di dimensioni
  • Il colore del petalo svanisce
  • Foglie ingiallite
  • Morte completa del fiore
Causa della malattia
Causa della malattia
Le cause principali del appassimento dei fiori includono il progresso naturale dell'età, la mancanza di acqua, le carenze nutrizionali e le malattie batteriche o fungine. È fondamentale determinare la causa sottostante quando viene notato appassimento dei fiori . Questo guiderà la migliore linea d'azione, se il trattamento è possibile. Controlla l'umidità del terreno e poi esamina attentamente l'intera pianta per individuare eventuali segni di carenze nutrizionali. Se nessuna di queste sembra essere la causa, taglia lo stelo sotto un fiore. Se una sezione trasversale rivela macchie marroni o color ruggine, è lecito ritenere che si tratti di un'infezione batterica o fungina. Se il fiore si sta avvicinando alla fine della sua normale durata di vita, la codifica genetica all'interno della pianta aumenta la produzione di etilene, un fitormone che controlla la senescenza, o l'invecchiamento cellulare e la morte. La divisione cellulare si interrompe e la pianta inizia a scomporre le risorse all'interno del fiore per utilizzarle in altre parti della pianta. In tutti gli altri casi, appassimento dei fiori si verifica quando la pianta sigilla lo stelo come meccanismo di difesa, interrompendo il trasporto all'interno del sistema vascolare. Ciò impedisce un'ulteriore perdita d'acqua attraverso i fiori, ma impedisce anche a batteri e funghi di spostarsi verso parti sane della pianta. Una volta interrotto il trasporto di acqua e sostanze nutritive, il fiore inizia ad appassire e alla fine muore.
Soluzioni
Soluzioni
Se l'appassimento dei fiori è una progressione naturale dovuta all'età, non c'è nulla che si possa fare per rallentare o fermare il processo. Una volta che gli ormoni all'interno della pianta iniziano il processo di senescenza, è irreversibile. In caso di mancanza d'acqua, annaffia immediatamente la pianta usando acqua piovana a temperatura ambiente, acqua di sorgente in bottiglia o acqua di rubinetto filtrata. Piante in contenitori d'acqua fino a quando l'acqua in eccesso non fuoriesce dal fondo; annaffia le piante interrate fino a quando il terreno non è inzuppato ma non c'è acqua stagnante in superficie. In caso di carenze nutrizionali, la soluzione migliore è utilizzare un concime liquido granulare o idrosolubile, e applicarlo al terreno a circa la metà della dose consigliata. Tienilo lontano dalle foglie e assicurati che i prodotti granulari vengano annaffiati bene nel terreno. Se la pianta è infetta da un agente patogeno batterico o fungino, non esiste un ciclo di trattamento che curi le piante malate. La soluzione migliore è rimuovere le piante infette e smaltire il materiale vegetale fuori sede. Non mettere in un mucchio di compost.
Prevenzione
Prevenzione
Questo è sicuramente uno di quei casi in cui la prevenzione è più efficace della cura. Ecco alcune misure preventive per evitare appassimento dei fiori prematuro.
  • Innaffia le piante in base alle loro esigenze: mantieni il terreno leggermente umido o lascia asciugare il pollice o due in alto prima di annaffiare di nuovo.
  • Fertilizzare leggermente in modo coerente, a seconda della crescita della pianta. Le piante a crescita rapida e quelle che fioriscono o sviluppano frutti avranno bisogno di concimazioni più frequenti rispetto alle piante a crescita lenta.
  • Acquista piante certificate prive di malattie o agenti patogeni.
  • Cerca cultivar resistenti alle malattie.
  • Isolare le piante che mostrano sintomi di malattia per prevenirne la diffusione alle piante vicine.
  • Pratica una buona igiene delle piante rimuovendo il materiale vegetale caduto il prima possibile.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Appassimento dopo la fioritura
plant poor
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dopo la fioritura a volte è un processo di invecchiamento naturale del fiore, mentre altre volte può indicare un problema. Le orchidee, ad esempio, possono fiorire da due settimane a tre mesi, quindi l'appassimento dopo pochi giorni rappresenta un problema per la maggior parte delle varietà. Questo può accadere praticamente a qualsiasi pianta da fiore ornamentale, ma quelle con radici poco profonde e tolleranza limitata alla siccità, al pieno sole e alla bassa umidità sono più suscettibili. Questo è un problema comune e spesso ha una soluzione facile. A volte, tuttavia, è il risultato di cause più gravi come parassiti o malattie dell'apparato radicale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • All'inizio, i fiori possono sembrare un po' flosci.
  • I petali possono iniziare ad apparire secchi e diventare marroni.
  • Alla fine potrebbero far cadere la pianta tutti insieme.
Causa della malattia
Causa della malattia
Le fioriture appassite possono essere un segno di un apparato radicale malsano. Qualsiasi condizione che impedisca alla pianta di assorbire acqua e nutrimento a sufficienza può provocare fioriture avvizzite e talvolta altri sintomi. Se la pianta non ha abbastanza acqua, non può mantenere una pressione adeguata all'interno di steli, foglie e fiori, facendoli appassire. Ciò può derivare da danni fisici, ad esempio dalla rottura delle radici durante il rinvaso o dall'attacco di insetti come le larve. Se hai rinvasato di recente la tua pianta, una probabile causa è un danno fisico alle radici. Se vedi insetti, potrebbero mangiare foglie, radici o fiori. Le infezioni fungine possono anche causare marciume e danni alle radici, impedendo l'assorbimento di acqua e nutrienti. Infine, le fioriture avvizzite possono derivare semplicemente dall'età. Se non sono visibili altri sintomi, potrebbe semplicemente segnalare la fine naturale della durata della vita del fiore. Se sembra prematuro, ciò può essere causato da fattori ambientali: acqua, umidità, luce o stress. L'irrigazione insufficiente è una causa comune. Allo stesso modo, le piante adattate all'umidità elevata si seccano facilmente quando l'umidità è bassa, come durante l'inverno o nei climi secchi. Troppa luce può anche stressare le piante che hanno bisogno di ombra, facendo appassire le fioriture.
Soluzioni
Soluzioni
  • Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua.
  • Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta.
  • La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta.
  • Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante.
  • Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Prevenzione
Prevenzione
  • Leggi le preferenze di umidità, luce e tipo di terreno per ciascuna pianta per evitare l'immersione, livelli di luce errati o altre condizioni che possono causare fioriture avvizzite.
  • Evitare il rinvaso durante il periodo di fioritura. Ciò provoca ulteriore stress sulle piante perché devono riparare i danni alle radici e adattarsi al nuovo microambiente, il che può provocare avvizzimento.
  • Un'altra potenziale causa è il gas etilene, un ormone vegetale correlato alla maturazione. Alcuni tipi di frutta e verdura emettono etilene, in particolare le banane. Anche mele, uva, meloni, avocado e patate possono emanarlo, quindi tieni le piante da fiore lontane dai prodotti freschi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
care_more_info

Altro su Clerodendrum Thomsoniae

feedback
Tipo di pianta
Tipo di pianta
Rampicante, Erba medicinale
Durata di Vita
Durata di Vita
Perenne
Diametro della Corona
Diametro della Corona
1 a 1.5 m
Periodo di fioritura
Periodo di fioritura
Primavera inoltrata, Estate, Inizio autunno
Colore del fiore
Colore del fiore
Rosso
Bianco
Colore della foglia
Colore della foglia
Verde
Diametro del Fiore
Diametro del Fiore
2.5 a 5 cm
Altezza della Pianta
Altezza della Pianta
2 a 5 m
icon
Identifica le piante in un attimo
Identifica istantaneamente le piante con l'AI: scatta una foto e ottieni risultati precisi in pochi secondi.
Scarica l'App gratuitamente

Utilizzo

Utilizzo in giardino
icon
Trova le amiche verdi perfette per te.
Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
Scarica l'App gratuitamente
identify

Identifica rapidamente Clerodendrum thomsoniae

feedback
Feedback
feedback
icon
Identifica istantaneamente le piante con un semplice clic
Scatta una foto per ottenere l'identificazione istantanea delle piante, ottenendo informazioni rapide sulla prevenzione delle malattie, il trattamento, la tossicità, la cura, gli utilizzi e il simbolismo, ecc.
Scarica l'App gratuitamente
Clerodendrum thomsoniae è caratterizzata dal suo portamento sempreverde e rampicante, che spesso raggiunge fino a 12 piedi (3,66 metri) di lunghezza. Il suo fogliame è composto da foglie ovali di colore verde scuro, ciascuna adornata da prominenti vene simili a costole. Durante il periodo di fioritura in estate e autunno, clerodendrum thomsoniae mostra i suoi caratteristici fiori, disposti in grappoli piatti. Ogni fiore vanta una struttura tubolare rossa avvolta in un calice bianco contrastante, rendendolo un'aggiunta che cattura l'attenzione in qualsiasi spazio del giardino ombreggiato.
Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image Clerodendrum thomsoniae identify image
Per saperne di più sull'identificazione Clerodendrum thomsoniae
care_faq

Problemi Comuni

feedback

Il mio clerodendrum thomsoniae rifiuta di fiorire. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se il tuo clerodendrum thomsoniae rifiuta di fiorire, la causa più probabile è che non sia stato in grado di raffreddarsi durante l'inverno; queste piante necessitano di un periodo fresco durante l'inverno per fiorire in primavera. Potrebbe non essere possibile risolvere questo problema nella stagione in corso. Tuttavia, è possibile adottare misure per garantire che fiorisca nella stagione successiva. Una volta che la pianta si affievolisce in autunno, l'irrigazione dovrebbe essere gradualmente ridotta e la temperatura dell'aria in qualche modo mantenuta al di sotto dei 15 ° C per tutto il periodo di svernamento. Una temperatura massima ideale sarebbe di 12 ° C. L'irrigazione dovrebbe essere mantenuta poco frequente, ma il nucleo della pianta non dovrebbe asciugarsi completamente.

Il mio clerodendrum thomsoniae è diventato giallo. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
L'ingiallimento uniforme del fogliame di clerodendrum thomsoniae indica la possibile innaffiatura. Ciò può essere risolto assicurandosi che nel suolo sia presente abbastanza acqua; ci dovrebbe essere un po 'd'acqua nel terreno o nel vassoio in ogni momento durante i mesi primaverili ed estivi. Se l'ingiallimento è a strisce o macchiato, è più probabile che sia la clorosi. Questo è comune a molte piante e può essere affrontato facilmente aggiungendo un fertilizzante contenente ferro al terreno, secondo le istruzioni del fornitore.

Il mio clerodendrum thomsoniae lascia cadere a metà stagione. Perché è questo e cosa posso fare?

more more
Se le foglie cadono verso la fine della stagione, questo è normale e dovrebbe essere permesso che accada. Se ciò accade a metà stagione, potrebbe essere un segno che la pianta deve essere spostata in un altro posto con condizioni di crescita più adatte.
care_new_plant

Prendersi Cura di una Nuova Pianta

feedback
new-plant
Le seguenti immagini e istruzioni per le pianta da fiore hanno lo scopo di aiutare le tue piante ad adattarsi e a prosperare in un nuovo ambiente.
more
1
Scegliere una Pianta da Frutto Sana
check-health

Controlla la Sua Salute

part
Pianta Intera
Chioma simmetrica, rami uniformemente distribuiti, forma piena e compatta, assenza di crescita eccessiva, internodi ravvicinati e dimensioni uniformi delle foglie.
more
Fiori
Molti boccioli non aperti sono strettamente attaccati, senza cadere facilmente quando vengono scossi, e non mostrano macchie malate o appassimenti sui petali.
part
Rami
I rami non sono appassiti e il tronco non presenta fori o danni.
part
Steli
Nessuna muffa, imbrunimento o marciume molle alla base della pianta.
more
Foglie
Controllate l'interno della pianta, le zone d'ombra e di sovrapposizione, il retro delle foglie. Colore uniforme, assenza di ingiallimento, di macchie marroni, di insetti striscianti, di ragnatele, di deformazioni o di appassimento.
health-trouble

Risoluzione dei Problemi di Salute

Pianta Intera
Rami
Steli
Fiori
Foglie
more
more 1 Chioma asimmetrica o ramificazione mancante e disomogenea: potate i rami deboli ed esili della porzione più grande della chioma asimmetrica, quindi tagliate i rami più grandi cresciuti.
more
more 2 Gli internodi sono più lunghi nella parte superiore, le foglie sono rade e più piccole nella parte superiore: aumentare l'intensità o la durata della luce.
more
more 1 Rami secchi: verificare se il ramo è ancora vivo staccando una piccola sezione di corteccia e tagliare i rami secchi. Fate attenzione ai segni di infestazione da insetti all'interno del ramo.
more
more 2 Corteccia con fori: iniettare l'insetticida nei fori e applicare un insetticida sistemico alle radici.
more
more 3 Corteccia danneggiata: spennellare un agente cicatrizzante ed evitare di bagnare la ferita.
more
Muffa, imbrunimento o marciume molle alla base: collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
more
more 1 Molti fiori sono già sbocciati: abbassare la temperatura dell'ambiente per prolungare il periodo di fioritura. Potare tempestivamente i fiori morenti per evitare l'impoverimento delle sostanze nutritive.
more
more 2 Caduta dei boccioli di fiori: Mantenere una temperatura di 15-25℃, collocare in una zona luminosa ma ombreggiata, annaffiare frequentemente ed evitare di concimare.
more
more 3 I petali dei fiori presentano macchie o malattie: evitare di spruzzare acqua direttamente sui petali.
more
more 4 Appassimento dei fiori: evitare un terreno troppo umido o troppo secco. Toccando il terriccio con il dito, deve risultare umido ma senza lasciare tracce d'acqua sul dito.
more
more 1 Colore delle foglie non uniforme e ingiallimento: potate le foglie gialle e controllate se ci sono segni di marciume alla base della pianta. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
more
more 2 Macchie marroni o piccole macchie gialle: collocare la pianta in un'area ventilata ed evitare di annaffiare le foglie. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
more
more 3 Minuscoli insetti striscianti sul retro delle foglie o ragnatele tra le foglie: aumentare l'esposizione alla luce e spruzzare insetticidi per i casi più gravi.
more
more 4 Deformazioni o parti mancanti sulle foglie: determinare se si tratta di danni fisici o di infestazioni di parassiti. I danni lineari o da strappo sono fisici, mentre gli altri sono parassiti. Spruzzare un insetticida.
more
more 5 Foglie appassite: fornire un'ombra parziale ed evitare un'eccessiva esposizione al sole. Rimuovere da 1/3 a 1/2 delle foglie nei casi più gravi.
check-condition

Controlla le Sue Condizioni di Crescita

more
Controllo del Terreno
Il terreno deve avere un odore fresco come dopo la pioggia e non deve avere un odore di muffa.
more
Controllo della Luce
Controllate il fabbisogno di luce della pianta e se corrisponde alla posizione di impianto.
more
Controllo della Ventilazione
Assicurare una buona ventilazione.
more
Controllo della Temperatura
Assicurarsi che la temperatura esterna sia adatta alle piante.
condition-trouble

Risoluzione dei Problemi delle Condizioni

Terreno
Temperatura ideale
Ventilazione
Luce adatta
check
Terriccio per vasi, Terriccio misto a muschio di torba
Terreno
Il terreno ha un odore di muffa o di sporco: controllare che l'apparato radicale non sia deteriorato, collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
check
10℃ to 35℃
Temperatura ideale
La temperatura è troppo bassa: Spostate temporaneamente le piante all'interno e poi all'esterno quando la temperatura è adeguata.
check
Ben ventilato
Ventilazione
Ambiente non ventilato: può provocare marciume radicale, malattie e caduta dei fiori. Posizionate le piante in un luogo arieggiato, evitando i punti morti.
check
Pieno sole, Sole parziale
Luce adatta
Luce insufficiente: ridurre adeguatamente la luce durante il periodo di fioritura, ma non un ambiente completamente ombreggiato. Dopo la fioritura, passare al normale ambiente di coltivazione. Per le piante con lunghi periodi di fioritura e fruttificazione, fornire luce normale per evitare l'accorciamento.
Recupero del trapianto: Dopo il trapianto, le piante in vaso devono essere temporaneamente ombreggiate, quindi trasferite alla luce normale dopo una settimana se non si verificano cali anomali o appassimenti. Per le piante in piena terra, ombreggiare per una settimana e poi trasferire alla luce normale oppure prestare attenzione alle annaffiature.
more
2
Adattare la Tua Nuova Pianta da Fiore
Passo 1
condition-image
Rinvaso
Piante in vaso - Aspettate che la fase di fioritura sia terminata prima di cambiare i vasi. Piante interrate - piantate direttamente facendo attenzione a non danneggiare l'apparato radicale e a non rimuovere il terreno.
Passo 2
condition-image
Potatura
Potare i fiori residui e le foglie gialle/morte. Nessun'altra potatura in questo momento.
Passo 3
condition-image
Annaffiatura
Innaffiare in modo appropriato. Innaffiare più frequentemente le piante appena trapiantate o acquistate per mantenere il terreno costantemente umido per almeno 2 settimane. Evitate di innaffiare troppo, non innaffiate quando l'acqua è presente sul dito dopo aver toccato il terreno. Sia l'innaffiatura sommersa che quella eccessiva possono causare la caduta dei fiori o dei frutti delle piante.
Passo 4
condition-image
Concimazione
Non fertilizzare subito dopo l'acquisto. Concimare dopo 2 settimane utilizzando metà concentrazione.
product icon close
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
product icon close
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Luminosità
close
Al chiuso
Al chiuso
All'aperto
Scegli un sito qui per avere consigli personalizzati sulla cura.
Esigenze
Pieno sole
Ideale
Più di 6 ore di luce solare
Sole parziale
Tolleranza
Circa 3-6 ore di luce solare
Osserva come la luce solare si muove con grazia attraverso il tuo giardino e scegli punti che offrano il perfetto equilibrio tra luce e ombra per le tue piante, garantendo la loro felicità.
Informazioni Essenziali
Il clerodendrum thomsoniae preferisce una quantità di luce solare da moderata ad abbondante, con una preferenza per le aree con un'insolazione costante. Originariamente si trovava in habitat fortemente soleggiati, ma la luce solare limitata può ostacolarne la crescita. Tuttavia, se necessario, può tollerare zone d'ombra.
Ideale
Tollerabile
Non adatta
icon
Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.
Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Scarica l'App
Illuminazione artificiale
Le piante d'appartamento richiedono una luce adeguata per una crescita ottimale. Quando la luce solare naturale è insufficiente, specialmente in inverno o in spazi meno soleggiati, le luci artificiali offrono una soluzione vitale, promuovendo una crescita più rapida e più sana.
Scopri di più
Le piante da interno richiedono una illuminazione adeguata per una crescita ottimale. Quando la luce solare naturale è insufficiente, soprattutto in inverno o in spazi poco soleggiati, le luci artificiali offrono una soluzione fondamentale, promuovendo una crescita più rapida e sana.
1. Scegli il tipo giusto di luce artificiale: Le luci a LED sono una scelta popolare per l'illuminazione delle piante da interno perché possono essere personalizzate per fornire le specifiche lunghezze d'onda di luce di cui le tue piante hanno bisogno.
Le piante a pieno sole necessitano di 30-50W/piede quadrato di luce artificiale, le piante a mezz'ombra necessitano di 20-30W/piede quadrato e le piante in ombra completa necessitano di 10-20W/piede quadrato.
2. Determina la distanza appropriata: Posiziona la fonte luminosa a 12-36 pollici sopra la pianta per imitare la luce solare naturale.
3. Determina la durata: Imita la durata delle ore di luce solare naturale per la tua specie di pianta. La maggior parte delle piante ha bisogno di 8-12 ore di luce al giorno.
Sintomi importanti
Sintomi di luce insufficiente in %s
Clerodendrum thomsoniae prospera in piena luce solare, ma viene spesso coltivata in casa durante l'inverno a causa della sensibilità al freddo. Questo aumenta la possibilità di essere collocati in stanze con illuminazione inadeguata, portando a sintomi evidenti di carenza di luce.
Scopri di più
(Dettagli dei sintomi e soluzioni)
Foglie piccole
Una volta maturate, le nuove foglie possono diventare più piccole rispetto alle precedenti.
Crescita stentata o rada
Gli spazi tra le foglie o gli steli del vostro clerodendrum thomsoniae possono allungarsi, dando luogo a un aspetto sottile e allungato. Questo può far sembrare la pianta rada e debole e può facilmente rompersi o inclinarsi a causa del suo stesso peso.
Caduta delle foglie più rapida
Quando le piante sono esposte a condizioni di scarsa luminosità, tendono a eliminare precocemente le foglie più vecchie per conservare le risorse. Entro un tempo limitato, queste risorse possono essere utilizzate per far crescere nuove foglie fino a quando le riserve energetiche della pianta non si esauriscono.
Crescita rallentata o assente
Clerodendrum thomsoniae Quando le condizioni di luce sono scarse, la pianta entra in una modalità di sopravvivenza che porta a un arresto della produzione di foglie. Di conseguenza, la crescita della pianta subisce un ritardo o si arresta del tutto.
Nuove foglie di colore più chiaro
Una luce solare insufficiente può far sì che le foglie sviluppino colori irregolari o appaiano pallide. Ciò indica una mancanza di clorofilla e di nutrienti essenziali.
Soluzioni
1. Per garantire una crescita ottimale, spostare gradualmente le piante in una posizione più soleggiata ogni settimana, finché non ricevono almeno 6 ore di luce solare diretta al giorno. Utilizzare una finestra rivolta a sud e tenere le tende aperte durante il giorno per massimizzare l'esposizione alla luce solare e l'accumulo di nutrienti.2. Per fornire luce aggiuntiva alla pianta, considerare l'utilizzo di luci artificiali se la pianta è grande o non facilmente spostabile. Mantenere accesa una lampada da scrivania o da soffitto per almeno 8 ore al giorno, oppure investire in luci di coltivazione professionali per una luce abbondante.
Sintomi di luce eccessiva in %s
Clerodendrum thomsoniae prospera in piena esposizione al sole e può tollerare la luce solare intensa. Grazie alla loro notevole resistenza, i sintomi delle scottature solari possono non essere facilmente visibili, poiché ne soffrono raramente.
Scopri di più
(Dettagli dei sintomi e soluzioni)
Clorosi
La clorosi è una condizione in cui le foglie della pianta perdono il loro colore verde e diventano gialle. Ciò è dovuto al deterioramento della clorofilla a causa di un'eccessiva esposizione alla luce solare, che influisce negativamente sulla capacità della pianta di fotosintetizzare.
Surriscaldamento
La scottatura solare si verifica quando le foglie o i fusti della pianta vengono danneggiati dall'esposizione alla luce solare intensa. Si manifesta come aree pallide, sbiancate o necrotiche sul tessuto della pianta e può ridurre la salute complessiva della pianta.
Arricciamento delle foglie
Il ricciolo delle foglie è un sintomo in cui le foglie si arricciano o si attorcigliano in condizioni di luce solare estrema. Questo è un meccanismo di difesa utilizzato dalla pianta per ridurre la superficie esposta alla luce solare, minimizzando la perdita d'acqua e i danni.
Appassimento
L'appassimento si verifica quando una pianta perde la pressione di turgore e le sue foglie e i suoi fusti cominciano a pendere. Un'eccessiva esposizione alla luce solare può causare l'appassimento aumentando la perdita d'acqua della pianta attraverso la traspirazione, rendendo difficile per la pianta mantenere un'adeguata idratazione.
Bruciature Fogliari
La bruciatura delle foglie è un sintomo caratterizzato dall'aspetto di margini o aree marroni, secchi e croccanti sulle foglie a causa di una luce solare eccessiva. Ciò può portare a una riduzione della capacità fotosintetica e alla salute complessiva della pianta.
Soluzioni
1. Sposta la tua pianta nella posizione ottimale in cui può ricevere abbondante luce solare ma anche un po' di ombra. Una finestra esposta a est è una scelta ideale poiché la luce del mattino è più delicata. In questo modo, la tua pianta potrà godere di abbondante luce solare riducendo al contempo il rischio di scottature.2. Si consiglia di potare eventuali parti completamente disidratate o appassite della pianta.
Vuoi scopri informazioni sulla cura delle piante, i consigli stagionali, le malattie e molto altro ancora?
Temperatura
close
Al chiuso
Al chiuso
All'aperto
Scegli un sito qui per avere consigli personalizzati sulla cura.
Esigenze
Ideale
Tollerabile
Non adatta
Proprio come le persone, ogni pianta ha le sue preferenze. Informarti sulle esigenze di temperatura delle tue piante e crea un ambiente confortante affinché possano prosperare. Man mano che ti prendi cura delle tue piante, il tuo legame con loro si approfondirà. Affidati alla tua intuizione mentre impari sulle loro esigenze di temperatura, celebrando il viaggio che condividete. Monitora amorevolmente la temperatura intorno alle tue piante e modifica il loro ambiente se necessario. Un termometro può essere il tuo alleato in questo impegno sincero. Sii paziente e gentile con te stesso mentre esplori le esigenze di temperatura delle tue piante. Apprezza i tuoi successi, impara dalle sfide e nutri il tuo giardino con amore, creando un rifugio che rifletta il calore della tua cura.
Informazioni Essenziali
Clerodendrum thomsoniae è originaria delle regioni tropicali e preferisce temperature calde, comprese tra 20 e 38 ℃ (68 e 100 ℉). A temperature più basse, la pianta può avere difficoltà, quindi si consiglia di fornire un ambiente caldo e umido per favorire una crescita ottimale.
Vuoi scopri informazioni sulla cura delle piante, i consigli stagionali, le malattie e molto altro ancora?
Strumento per la Gestione dei Cookie
Oltre a gestire i cookie tramite il tuo browser o dispositivo, puoi modificare le impostazioni dei cookie qui sotto.
Cookie necessari
I cookie necessari abilitano le funzionalità principali. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie e può essere disabilitato solo modificando le preferenze del browser.
Cookie analitici
I cookie analitici ci aiutano a migliorare la nostra applicazione e il nostro sito web raccogliendo e segnalando informazioni sul suo utilizzo.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_ga Google Analytics Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link. 1 Anno
_pta PictureThis Analytics Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza. 1 Anno
Nome del Cookie
_ga
Fonte
Google Analytics
Scopo
Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_pta
Fonte
PictureThis Analytics
Scopo
Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza.
Durata di vita
1 Anno
Cookie di Marketing
I cookie di marketing vengono utilizzati dalle società pubblicitarie per pubblicare annunci pertinenti ai tuoi interessi.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_fbp Pixel di Facebook Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui. 1 Anno
_adj Adjust Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui. 1 Anno
Nome del Cookie
_fbp
Fonte
Pixel di Facebook
Scopo
Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_adj
Fonte
Adjust
Scopo
Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno
picturethis icon
picturethis icon
Padroneggia la semina, la cura e la gestione di varie piante.
Usa l'App
Questa pagina è più bella nell'app
Aperto