camera identify
Prova Gratis
tab list
PictureThis
Italiano
arrow
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
PictureThis
Search
Cerca Piante
Prova Gratis
Global
Italiano
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
Questa pagina è più bella nell'app
care_about care_about
Su
care_basic_guide care_basic_guide
Cura di Base
care_advanced_guide care_advanced_guide
Cura Avanzata
care_scenes care_scenes
Ulteriori istruzioni
care_pet_and_diseases care_pet_and_diseases
Parassiti e Malattie
care_toxicity care_toxicity
Tossicità
care_more_info care_more_info
Maggiori informazioni
care_faq care_faq
Domande Frequenti
care_new_plant care_new_plant
Cura della Nuova Pianta

Come coltivare e curare Albero Del Drago

L'albero del drago è una pianta tropicale ornamentale (adatta sia in giardino che in casa) oggi molto apprezzata per il suo aspetto insolito ed elegante, mentre in passato veniva coltivata soprattutto per la sua resina dal colore rossastro che richiama il sangue del drago, da cui il nome.
Acqua
Acqua
Ogni 2 settimane
Luce Solare
Luce Solare
Pieno sole
Tossico per gli animali
Albero del drago
Albero del drago
Albero del drago
Albero del drago
Albero del drago
care_basic_guide

Guida di Base per la Cura

feedback
Feedback
Cultivation:WaterDetail

Come innaffiare Albero del drago?

Rispetto ad altre piante d’appartamento, albero del drago richiede meno acqua. È sufficiente irrigare una volta a settimana, e le piante potranno essere irrigate nuovamente non appena il suolo superficiale del vaso risulterà asciutto. Sotto il vaso andrebbe collocato un vassoio. Si raccomanda di irrigare lentamente le piante fino a quando l’acqua non uscirà dal fondo del vaso, e drenare l’acqua in eccesso dal sottovaso dopo 30 minuti. Troppa acqua e un drenaggio scarso potrebbero provocare la caduta delle foglie. In periodi ordinari, è possibile nebulizzare dell’acqua verso il fogliame per aumentare l’umidità dell’ambiente e impedire che i margini fogliari si secchino.
Occorre considerare che albero del drago è sensibile al fluoro contenuto nell’acqua di rubinetto. L’uso prolungato di quest’acqua potrebbe provocare la comparsa di macchie scure o margini gialli sulle foglie, quindi si raccomanda di utilizzare l’acqua piovana raccolta o l’acqua pura. In alternativa, è possibile far riposare l’acqua di rubinetto in un recipiente per una notte, usandola per innaffiare non appena il contenuto di fluoro si sarà ridotto.
Cultivation:WaterDetail
waterreminders

Non saltare mai più un'attività di manutenzione!

La cura delle piante è più facile che mai con il nostro promemoria smart personalizzato.
Qual è il metodo migliore per innaffiare il mio Albero del drago?
La nebulizzazione può essere un buon modo per mantenere le foglie idratate ma non troppo inzuppate. Assicuratevi sempre che ci sia un buon drenaggio per evitare il marciume delle radici. La pianta può essere sensibile al fluoro, spesso presente nella rete idrica pubblica, e questa specie non tollera l'acqua dura, soprattutto se è in fase di crescita. Utilizzate un annaffiatoio o un irrigatore con acqua depurata o distillata. Assicuratevi di innaffiare in modo uniforme l'intera superficie del terreno per evitare che gli steli marciscano. Al posto dell'acqua del rubinetto, utilizzate di tanto in tanto acqua distillata per evitare la morte della pianta, la bruciatura delle foglie o la crescita stentata. Un'altra opzione è quella di utilizzare l'acqua piovana quando è disponibile. Mantenete sempre il terreno umido, ma evitate che sia troppo inzuppato se il Albero del drago è piantato in un vaso. Se è piantato all'esterno, in giardino, è necessario avere un drenaggio adeguato e lasciare che il terreno si asciughi completamente prima di accendere l'irrigatore o il tubo da giardino, poiché ciò può portare a marciume radicale e ingiallimento delle foglie. Alcuni usano il perossido di idrogeno come trattamento nell'acqua, ma non è consigliabile per un uso regolare. Il perossido di idrogeno stimolerà l'acqua piovana, ma solo occasionalmente. Un sistema di filtraggio può essere utile per rimuovere nitrati, sale e piombo che potrebbero essere contenuti nell'acqua.
Continua a leggere more
Cosa devo fare se innaffio troppo o troppo poco Albero del drago?
Alcuni segnali che indicano che le piante non ricevono abbastanza acqua sono le punte marroni della pianta. Queste specie sono molto sensibili al boro e al fluoro che si trovano di solito nell'acqua del rubinetto, e si può capire che hanno una quantità eccessiva di questi minerali quando le foglie iniziano a cadere. Quando il Albero del drago è poco irrigato, anche gli steli mostrano delle rughe. Le foglie possono diventare marroni, croccanti e iniziare a seccarsi. Quando ciò accade, annaffiate il prima possibile. Un altro aspetto da tenere in considerazione è l'eccesso di annaffiature: in questo caso può insorgere il marciume radicale. È necessario rimuovere dal terreno tutte le radici danneggiate, soprattutto se appaiono mollicce, fragili e nere. Per risolvere questi problemi, è importante tagliare una parte più grande della radice. Anche le innaffiature eccessive possono far apparire le foglie marroni e pronte a cadere. Questo può accadere molto presto, quindi è necessario drenare l'acqua in eccesso e aspettare che il terreno si asciughi prima di annaffiare per aiutare la pianta a riprendersi. Buttate via il terriccio del vaso se ci sono segni di marciume radicale. Pulite tutto accuratamente e assicuratevi di inserire i ciottoli per favorire il drenaggio. Eliminate l'acqua in eccesso alla base del vaso se notate anelli di colorazione o macchie bruno-rossastre sulle foglie.
Continua a leggere more
Con quale frequenza devo annaffiare il mio Albero del drago?
Il Albero del drago è una specie relativamente resistente e abbastanza tollerante alla siccità. Per questo motivo è necessario annaffiare solo ogni 1-2 settimane quando il terreno è asciutto, soprattutto se è piantata in un vaso. Innaffiate generosamente finché non vedete che l'acqua comincia a gocciolare nei fori di drenaggio del vaso. Rimuovete l'acqua dal sottovaso dopo un'ora e non lasciatela sul vaso. Quando vengono piantate in giardino, è necessario considerare le precipitazioni che la pianta riceve. Le radici non amano stare nell'acqua, quindi assicuratevi di avere un'irrigazione adeguata come parte del paesaggio. Innaffiate 1 volta ogni 2 settimane, soprattutto se vivete in un'area tropicale ricca di piogge e monsoni.
Continua a leggere more
Di quanta acqua ha bisogno il mio Albero del drago?
Come regola generale, si dovrebbe innaffiare Albero del drago quando si nota che circa 2 pollici del terreno superiore sono già asciutti, soprattutto se si coltiva all'aperto. Quando è piantata in giardino, bisogna assicurarsi che Albero del drago riceva l'acqua necessaria almeno una volta ogni due settimane. Bisogna tenere conto dell'acqua piovana, dei cambiamenti stagionali e dell'umidità dell'ambiente, quindi non bisogna mai esagerare con le annaffiature. Questo può valere anche quando il vaso è asciutto di circa 5 cm se la pianta è coltivata in casa. Se si trovano in casa o sono cresciute in vivaio, provate ad annaffiare più frequentemente, almeno una volta alla settimana, perché potrebbero non essere in grado di ricevere l'acqua piovana o l'umidità supplementare di cui hanno bisogno in casa. Se notate che le foglie della pianta si afflosciano, non esitate a dar loro da bere. Le radici devono essere mantenute umide, ma non inzuppate. Il modo migliore per annaffiarle è bagnare il vaso e lasciare scolare l'acqua. Assicuratevi di annaffiare solo quando il terreno è parzialmente asciutto e non date loro un orario specifico. Non sono piante molto assetate, quindi aspettate un paio di giorni prima di dar loro da bere. Anche un terreno ben drenante può aiutarle a crescere e mettetele sempre in un luogo con un alto tasso di umidità. Innaffiatele ogni 1-2 settimane durante l'estate, quando fuori fa molto caldo. Durante la stagione di crescita e in primavera, utilizzate la stessa quantità d'acqua. Quando crescono hanno bisogno di molta acqua, quindi è bene dar loro da bere regolarmente. Se è inverno o autunno, sappiate che dovreste annaffiare solo ogni 2 o 4 settimane. Questo avviene quando si nota che il terreno è completamente secco.
Continua a leggere more
Come posso assicurarmi di annaffiare adeguatamente il mio Albero del drago?
Nella maggior parte dei casi, le annaffiature bisettimanali o settimanali dovrebbero essere più che sufficienti per Albero del drago. Aspettate che il terreno sia asciutto da 2 a 4 pollici, soprattutto se avete piante adulte, per evitare un eccesso di irrigazione. Versate generosamente fino a quando non vedete che l'acqua esce dai fori di drenaggio. Non bisogna lasciare acqua stagnante e rimuovere l'eccesso dai sottovasi. Il marciume radicale può verificarsi se c'è troppa acqua, quindi è sempre meglio darne poca che troppa per questa specie. Il metodo dell'ammollo e dell'asciugatura è più che sufficiente per le piante, sia che si trovino all'interno che all'esterno. Il terreno intorno alla pianta deve essere completamente bagnato e assicuratevi di registrare su un'app o sul calendario ogni volta che annaffiate. Lasciate asciugare il terreno per evitare il marciume delle radici e aiutarle a sviluppare un apparato radicale più sano. Innaffiate con uno spruzzino o un barattolo abbastanza profondo da raggiungere le radici per evitare che la pianta appassisca.
Continua a leggere more
Devo regolare la frequenza di irrigazione del mio Albero del drago in base alle diverse stagioni o ai diversi climi?
Il letto di terra o i vasi devono essere umidi durante la primavera o l'autunno. Tuttavia, evitate che si inzuppino. Riducete le annaffiature durante l'inverno o verso la fine dell'autunno. Ricordate che un terreno troppo secco o troppo umido può causare problemi alle piante. Lasciate che Albero del drago si asciughi prima di annaffiare, soprattutto in inverno. Quando il terreno è troppo secco, utilizzate acqua distillata e saturatelo a fondo. Evitate il più possibile l'acqua fredda. Una nebulizzazione occasionale durante l'estate o l'inverno, così come una concimazione in primavera, possono essere d'aiuto.
Continua a leggere more
Devo cambiare la frequenza di irrigazione durante le diverse fasi di crescita del mio Albero del drago?
Innaffiate almeno due volte a settimana durante la stagione di crescita e vedrete che cresceranno più rapidamente. Quando sono ai primi stadi, il Albero del drago è molto sensibile ai minerali presenti nell'acqua del rubinetto, quindi è meglio esporlo all'acqua piovana o all'acqua filtrata. Quando sono giovani, l'esposizione a sostanze chimiche non necessarie può provocare una crescita stentata e una decolorazione. Un fertilizzante bilanciato e l'irrigazione ogni volta che il terreno è asciutto possono aiutare durante la stagione di crescita. Durante la stagione di crescita, le annaffiature dovrebbero essere da 1 a 2 volte alla settimana. Quando la pianta è già consolidata, si consiglia di annaffiarla una volta ogni 3 settimane. Quando si segnala una pianta coltivata Albero del drago, è necessario innaffiare bene il terreno per renderlo umido. È anche possibile pulire le foglie con un panno bagnato per tenere lontani gli insetti e per favorire una maggiore umidità durante l'estate.
Continua a leggere more
Devo annaffiare il mio Albero del drago in modo diverso quando lo pianto all'interno rispetto all'esterno?
A seconda della posizione delle piante, è meglio annaffiarle frequentemente quando sono in casa. Assicuratevi che siano lontane da qualsiasi apparecchio di riscaldamento. L'umidità naturale della stanza può essere sufficiente, ma la pianta potrebbe preferire l'elevata umidità dell'ambiente esterno durante l'estate, soprattutto se assomiglia a quella dell'habitat di una foresta pluviale. Innaffiate le piante una volta ogni due settimane e nebulizzatele leggermente almeno tre volte ogni sette giorni per mantenerle in salute se sono piantate in vaso. Un modo per verificarlo è togliere il vaso e vedere se le radici sono già asciutte. Questo è possibile con i vasi di plastica, ma potete sempre controllare con un misuratore di umidità se non potete rimuovere il vaso. Se coltivata all'aperto, è necessario considerare l'acqua piovana della pianta, soprattutto in primavera e in estate. È consigliabile annaffiare la pianta una volta ogni 1-2 settimane durante l'estate. Evitate di annaffiare la pianta nel tardo autunno e in inverno e datele da bere solo quando vedete delle macchie marroni sulle foglie. Quando sono piantate in giardino hanno bisogno solo di annaffiature occasionali, ma è necessario trapiantarle in casa per farle sopravvivere al fresco durante l'inverno. Alcuni usano molta pacciamatura durante l'autunno, ma quando si coltiva in una zona fredda, si dovrebbe prendere in considerazione l'idea di scavare e trapiantare la pianta, annaffiandola occasionalmente e aspettando che passi il gelo.
Continua a leggere more
A cosa devo prestare attenzione quando innaffio il mio Albero del drago in stagioni, climi e periodi di crescita diversi?
Il Albero del drago ama l'umidità elevata e vi prospera. Tuttavia, in inverno l'umidità è bassa e le piante da interno sono più soggette ad appassire. Nebulizzate leggermente le foglie in modo da mantenere una crescita sana della pianta in primavera e in estate. Sarebbe utile anche posizionare le piante su vassoi riempiti d'acqua e sassolini per creare umidità intorno a Albero del drago durante l'inverno, ma assicuratevi di svuotare poi il sottovaso. Anche un umidificatore di alta qualità può essere utile durante l'inverno. Inoltre, l'uso di acqua fredda sulle piante durante l'inverno può causare danni permanenti e shock radicale. Lasciate che l'acqua si riscaldi a temperatura ambiente prima di metterla sulle piante. L'uso di apparecchi di riscaldamento può disidratare l'aria interna, quindi è consigliabile aggiungere più nebbia. Posizionate i vasi vicino ad essa e lasciate che assorbano la nebbia. Se possibile, utilizzate acqua distillata in bottiglia, poiché le piante sono sensibili al fluoro. Quando notate che le punte iniziano a ingiallire, è il momento di procedere a una leggera nebulizzazione più volte alla settimana. Inoltre, quando si utilizza l'acqua del rubinetto, lasciatela riposare per una notte. In questo modo si ridurranno il cloro e le altre sostanze chimiche eventualmente presenti nell'acqua. L'acqua distillata è sempre l'alternativa migliore. Durante l'estate, fate attenzione alle innaffiature eccessive. Le punte marroni indicano che non c'è abbastanza umidità nell'aria e bisogna aggiungerne un po' quando il Albero del drago mostra di avere sete.
Continua a leggere more
Perché è importante annaffiare il mio Albero del drago?
Innaffiare il Albero del drago aiuterà a far crescere un bel fogliame. Questa specie è in grado di regalare bellezza tutto l'anno, e si potrebbe voler fare in modo che le foglie rimangano verdi indipendentemente dalla stagione. Innaffiando in base alle sue esigenze si possono prevenire molti problemi spesso associati a un'eccessiva umidità del terreno. Si possono prevenire marciumi radicali, malattie fungine e punte marroni sulle piante in vaso e su quelle piantate a terra. È meglio usare un annaffiatoio con acqua tiepida quando si nota che il terreno è asciutto a terra e nel vaso. Usate acqua tiepida e cercate segni di fogliame giallo. L'ingiallimento delle foglie è tipicamente un segno che questa specie ha bisogno di acqua. D'altra parte, le punte marroni indicano che si sta esagerando con le annaffiature, quindi è meglio fermarsi e dare al terreno il tempo di asciugarsi, indipendentemente dal fatto che siano state piantate all'aperto o in casa.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:FertilizerDetail

Come concimare Albero del drago?

Albero del drago ha poche richieste in termini di nutrienti. In condizioni disponibili, le piante possono essere fertilizzate una volta ogni due settimane, in primavera e in estate. È sufficiente fertilizzarle una volta al mese in autunno e non occorrono interventi di fertilizzazione in inverno. È possibile utilizzare dei fertilizzanti generici idrosolubili, e ogni intervento andrebbe effettuato in base al dosaggio consigliato sulla confezione.
Cultivation:FertilizerDetail
Perché devo concimare il mio Albero del drago?
Il motivo principale per cui Albero del drago ha bisogno di concimazioni regolari è che ha foglie vistose che richiedono molta energia per essere prodotte e mantenute. La sfida è che il vostro Albero del drago non solo deve avere abbastanza energia per mantenere le foglie in buona forma, ma deve anche trovare abbastanza energia per sostenere la crescita dei fusti, dei rami, delle radici e di tutte le altre strutture vitali. Se trascurate la concimazione, è probabile che si verifichino due risultati. Il primo è che le foglie del vostro Albero del drago cominceranno a perdere il loro colore naturale o la loro consistenza, assumendo un aspetto complessivamente poco sano, che ne sminuisce notevolmente il fascino ornamentale. L'altro risultato è che il vostro Albero del drago inizierà a rallentare la sua crescita complessiva o a produrre una crescita debole che potrebbe essere soggetta a rotture.
Continua a leggere more
Quando è il momento migliore per concimare il mio Albero del drago?
Albero del drago beneficiano di somministrazioni occasionali, per questo non è necessario stabilire un programma di concimazione standard al momento della messa a dimora di una di queste piante. Uno dei modi più semplici per concimare il vostro Albero del drago è quello di applicare il fertilizzante quando annaffiate la pianta. Durante la stagione di crescita, il vostro Albero del drago avrà anche bisogno di una discreta quantità d'acqua. Potreste nutrire questa pianta una volta ogni due-tre settimane. Questa frequenza di somministrazione dovrebbe continuare per tutto il tempo in cui la pianta produce nuova crescita.
Continua a leggere more
Quando dovrei evitare di concimare il mio Albero del drago?
Durante la maggior parte dell'anno, è lecito mantenere un programma di concimazione regolare per il vostro Albero del drago. Durante la stagione di crescita attiva, in primavera, estate e inizio autunno. Tuttavia, durante l'inverno, questa pianta non dovrebbe ricevere alcun fertilizzante. Durante l'inverno, Albero del drago entra in una fase di crescita dormiente. In questa fase, la pianta non cresce o cresce molto poco. Questa mancanza di crescita attiva significa che il vostro Albero del drago consumerà meno energia in generale, motivo per cui la concimazione non è necessaria in questo periodo.
Continua a leggere more
Di che tipo di fertilizzante ha bisogno il mio Albero del drago?
Il fertilizzante per un Albero del drago ha una miscela specifica di nutrienti, ognuno dei quali è presente in quantità relativamente basse. Un fertilizzante ideale avrà un rapporto N-P-K di 3-1-2. Tuttavia, in alcuni casi può andare bene anche un fertilizzante generico con una miscela uniforme di nutrienti. Tuttavia, anche quando si usa un fertilizzante bilanciato, il numero del rapporto che rappresenta il volume di ciascun nutriente deve essere pari o inferiore a 3. Il fertilizzante da utilizzare può essere granulare o liquido. Se si sceglie di usare un fertilizzante liquido, spesso è meglio diluire la dose della metà. Sebbene il fertilizzante granulare non presenti molte controindicazioni, spesso è più sensato usare un fertilizzante liquido, soprattutto se si alimenta il sito Albero del drago mentre si fornisce l'acqua.
Continua a leggere more
Come posso concimare il mio Albero del drago?
Uno dei modi più semplici per concimare un Albero del drago è alimentarlo ogni volta che lo si annaffia. Per eseguire questo metodo, raccogliete il vostro fertilizzante e un contenitore per l'acqua, come un annaffiatoio. Mescolate quindi il fertilizzante con l'acqua per diluirne la forza. Quindi, versate semplicemente l'acqua con il fertilizzante sul terreno e lasciate che si impregni fino alle radici. In alternativa, potete usare un fertilizzante granulare. Se utilizzate un fertilizzante granulare, non dovete fare altro che spargerne un po' sul terreno in cui vive il vostro Albero del drago. I fertilizzanti granulari sono di solito a lento rilascio, il che significa che non sarà necessario concimare con la stessa frequenza di un fertilizzante liquido. In entrambi i casi, è bene annaffiare mentre si nutre il Albero del drago.
Continua a leggere more
Cosa succede se fertilizzo troppo il mio Albero del drago?
I segni di una concimazione inadeguata per un Albero del drago dovrebbero diventare evidenti in tempi relativamente brevi. L'eccesso di fertilizzazione è specificamente dannoso per questa pianta e può causare diversi segni visibili. I segni più comuni sono l'imbrunimento dei margini fogliari, l'ingiallimento delle foglie, l'appassimento delle foglie, l'accumulo di fertilizzanti in eccesso nel terreno e la perdita di fogliame. Albero del drago Le piante di sono anche vulnerabili a una complicazione nota come "bruciatura da fertilizzante", in cui una pianta riceve troppe sostanze nutritive, che causano l'inaridimento delle radici e la cessazione della loro funzione principale. Tuttavia, se date acqua al vostro Albero del drago mentre lo nutrite, è molto meno probabile che si verifichi una bruciatura da fertilizzante.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:SunlightDetail

Quali sono i requisiti di luce solare per Albero del drago?

Albero del drago richiede un ambiente di crescita con una luce filtrata sufficiente. La luce solare diretta andrebbe evitata, in quanto potrebbe bruciare le foglie. Si consiglia di collocare le piante a una certa distanza dalle finestre. Se la luce è troppo debole, la pianta potrebbe presentare una crescita stentata. Può anche sopravvivere in un’area esterna parzialmente ombreggiata, ad esempio all’ombra degli alberi alti.
Cultivation:SunlightDetail
lightmeter

Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.

Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Di quante ore di luce solare ha bisogno Albero del drago per crescere?
Le piante ornamentali tropicali che preferiscono il pieno sole hanno bisogno di un minimo di 6 ore di luce diretta al giorno. Queste piante si sono adattate a crescere in aree con luce solare intensa e diretta e richiedono questo tipo di luce per prosperare. Nei loro habitat naturali, si trovano spesso in campi aperti o lungo i margini delle foreste, dove ricevono un'ampia luce solare per tutto il giorno.
Continua a leggere more
Cosa succederà se Albero del drago non riceve abbastanza luce solare?
Se le piante ornamentali tropicali che prediligono il pieno sole non ricevono una quantità sufficiente di luce solare, possono diventare deboli e leggere. Possono anche sviluppare foglie gialle o pallide e smettere di produrre fiori. Con il tempo, queste piante possono morire se non ricevono la quantità di luce solare diretta di cui hanno bisogno.
Continua a leggere more
Cosa succede se Albero del drago riceve troppa luce solare?
Le piante ornamentali tropicali che preferiscono il pieno sole hanno bisogno di molta luce diretta, ma possono essere danneggiate da un'esposizione eccessiva. Se queste piante sono esposte alla luce solare intensa per periodi prolungati, possono sviluppare foglie bruciate dal sole o macchie marroni. Possono anche disidratarsi se il terreno si asciuga troppo rapidamente in pieno sole.
Continua a leggere more
Come si può proteggere Albero del drago dall'eccessiva luce solare?
Per proteggere le piante ornamentali tropicali che preferiscono il pieno sole dall'eccessiva luce solare, è importante scegliere una posizione che riceva molta luce solare diretta ma che sia anche protetta dalla parte più calda della giornata. Se coltivate queste piante in contenitori, potete spostarle in una posizione più ombreggiata durante la parte più calda della giornata per proteggerle dai raggi solari. Potete anche fornire un po' di ombra utilizzando un telo o un ombrello durante le ore più calde della giornata.
Continua a leggere more
Avvertenze e suggerimenti
È importante acclimatare gradualmente alla luce solare diretta le piante ornamentali tropicali che preferiscono il pieno sole, soprattutto se sono state coltivate in casa o in un'area ombreggiata. Iniziate a mettere la pianta alla luce diretta del sole per una o due ore al giorno, aumentando gradualmente la quantità di tempo che trascorre alla luce diretta nell'arco di diversi giorni o settimane. Quando la pianta è esposta al sole pieno, tenete d'occhio i livelli di umidità del terreno. Queste piante possono richiedere un'irrigazione più frequente in pieno sole rispetto a una posizione più ombreggiata. Utilizzate un misuratore di umidità o controllate il terreno con il dito per determinare quando la pianta ha bisogno di essere annaffiata.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:PruningDetail

Come potare Albero del drago ?

La potatura è raramente necessaria per albero del drago. Le foglie vecchie al di sotto del gambo appassiranno naturalmente e dovranno soltanto essere rimosse in tempo, mentre le foglie giovani cresceranno continuamente. È possibile controllare l’altezza delle piante tramite potatura. La potatura viene generalmente praticata in primavera, con forbici da giardinaggio affilate (tagliarami) o coltelli per tagliare albero del drago all’altezza desiderata. Le gemme andrebbero mantenute sotto il taglio e dopo qualche settimana spunteranno nuove foglie.
Cultivation:PruningDetail
Devo potare il mio Albero del drago?
Il Albero del drago è una pianta perenne sempreverde a bassa manutenzione, resistente all'inverno e alla siccità. Ciò significa che può crescere quasi ovunque. Questa pianta unica cresce bene sia in casa che in molti ambienti esterni. Per mantenerla in buona salute, si consiglia di potarla solo se necessario per controllare la crescita e mantenere la forma. Questa popolare erbacea può occupare molto spazio se lasciata crescere liberamente. Con il tempo necessario, può essere potata fino a diventare un piccolo albero. Albero del drago è molto resistente e imparare a potarla è facile.
Continua a leggere more
Quando è il momento migliore per potare il mio Albero del drago?
Molti giardinieri principianti evitano di potare il Albero del drago perché temono di tagliare troppo. Fortunatamente, il Albero del drago è generalmente considerato una delle piante più facili e indulgenti da potare, poiché la ricrescita avviene abbastanza rapidamente. Sebbene queste piante perenni abbiano una crescita relativamente rapida, è necessario potare solo quando si nota una crescita eccessiva o foglie danneggiate. In altre parole, se il vostro Albero del drago inizia ad avere un aspetto irregolare o danneggiato, potrebbe essere il momento giusto per potare. Se volete controllare le dimensioni di Albero del drago, dovete eseguire una potatura decisa nel periodo invernale e potete potare alla forma che desiderate. Se la forma è appropriata e sono necessarie solo piccole potature (non più di 1/4 della dimensione totale della pianta), si possono effettuare in estate o in autunno. Quando Albero del drago sta crescendo, se ci sono foglie ingiallite e malate, potate le foglie ingiallite in basso e le parti delle foglie che presentano macchie dovute all'infezione della malattia, in modo da ridurre efficacemente l'infezione. Se il numero di foglie con macchie è relativamente elevato, il numero di foglie potate non dovrebbe superare un quarto del totale per evitare di compromettere la crescita di Albero del drago.
Continua a leggere more
Cosa devo fare dopo la potatura di Albero del drago?
Quando si pota Albero del drago, utilizzare sempre cesoie appena pulite per evitare la possibilità di contaminazioni incrociate da altre piante. Il Albero del drago ha un'elevata tolleranza alla siccità e al freddo, e può anche sopravvivere a orari di irrigazione irregolari per brevi periodi. Se coltivata in casa, preferisce temperature comprese tra 65 e 75 °F e deve essere tenuta lontana dalle correnti d'aria condizionata per evitare scolorimenti, caduta delle foglie e altri danni.
Continua a leggere more
Come devo potare il mio Albero del drago durante le diverse stagioni o fasi di crescita?
La buona notizia è che queste piante hanno un tasso di crescita medio, il che significa che attraversano le fasi di crescita abbastanza rapidamente. Una volta che la pianta è matura, si possono seguire i normali metodi di potatura. Albero del drago viene utilizzato principalmente per la visione delle foglie, i fiori non hanno valore ornamentale e consumano sostanze nutritive; si possono potare i fiori quando la pianta è in fiore e concentrare le sostanze nutritive per la crescita delle foglie. Se si desidera controllare le dimensioni di Albero del drago, è necessario eseguire una potatura energica nel periodo invernale, e si può potare alla forma desiderata. Se la forma è appropriata e sono necessarie solo piccole potature (non più di 1/4 della dimensione totale della pianta), si possono effettuare in estate o in autunno. Quando Albero del drago sta crescendo, se ci sono foglie ingiallite e malate, potate le foglie ingiallite in basso e le parti delle foglie che presentano macchie dovute all'infezione della malattia, in modo da ridurre efficacemente l'infezione. Se il numero di foglie con macchie è relativamente elevato, il numero di foglie potate non dovrebbe superare un quarto del totale per evitare di compromettere la crescita di Albero del drago.
Continua a leggere more
Quali strumenti, tecniche e trucchi devo utilizzare per la potatura del mio Albero del drago?
Prima di iniziare, è meglio avere un piano. Cercate di visualizzare la forma e lo stile di base che desiderate per la vostra pianta. Avere un obiettivo in mente vi aiuterà a scegliere il metodo di potatura e gli strumenti da utilizzare. Una volta che avete un'idea di come volete che appaia, è il momento di prepararsi a potare. Gli strumenti Le forbici affilate o un paio di forbici a mano funzionano benissimo per la potatura del vostro Albero del drago. Tuttavia, se tenete il vostro Albero del drago all'aperto o lo lasciate crescere liberamente, potreste aver bisogno di un potatore per alberi per raggiungere le foglie più alte. Come potare Quando si impara a potare il Albero del drago, fattori come lo stadio di crescita, il clima e la stagione in corso daranno indicazioni sulle esigenze di potatura della pianta. Inoltre, bisogna considerare anche l'aspetto che si vuole dare alla pianta. Se si desidera controllare le dimensioni di Albero del drago, è necessario eseguire una potatura decisa nel periodo invernale, e si può potare per ottenere la forma desiderata. Ad esempio, se volete che la vostra pianta sia corta e tonda, la cosa migliore è tagliare dall'alto e potare le parti con le gambe. Se volete un aspetto alto e slanciato, tagliate dal basso e dai lati per limitare la diffusione della crescita e favorire la crescita verticale. Se la forma è appropriata e sono necessarie solo piccole potature (non più di 1/4 della dimensione totale della pianta), si possono effettuare in estate o in autunno. Per semplificare il processo, ecco alcuni consigli da ricordare:
  1. Lasciare il fusto principale e tagliare intorno ad esso.
  2. Eliminare i rami morti o dall'aspetto malsano e rimuovere o tagliare i "polloni".
  3. Utilizzate cesoie, forbici o le dita per tagliare o pizzicare appena sotto la gemma, il ramo o il fusto.
Continua a leggere more
Quali sono i problemi più comuni nella potatura del mio Albero del drago e come posso risolverli?
Una delle principali preoccupazioni quando si tratta di potare il Albero del drago è la possibilità di acari, malattie e infezioni dalla lacerazione lasciata dopo la potatura. Questo problema può essere ridotto potando in obliquo e monitorando il sito fino alla guarigione. Inoltre, facendo particolare attenzione a non esagerare con le annaffiature per evitare che il terreno diventi troppo umido, si può ridurre il rischio di acari e afidi.
Continua a leggere more
left right
close
care_advanced_guide

Guida avanzata alla cura

feedback
Feedback
Cultivation:WaterAndHardinessDetail

Qual è l'intervallo di temperatura ideale per Albero del drago?

Albero del drago, pianta nativa delle regioni subtropicali, predilige un ambiente caldo e umido. La temperatura indicata per la sua crescita è 16 a 26 ℃. È meno resistente al freddo e potrebbe danneggiarsi a temperature inferiori a 10 ℃. Albero del drago è moderatamente resistente alla siccità e può essere piantata all’aperto in un ambiente caldo, umido e ombreggiato, ma è più spesso piantata in vaso in interni. In linea generale, l’umidità può essere adeguatamente aumentata con un umidificatore, oppure è possibile collocare un sottovaso contenente ciottoli e aggiungervi dell’acqua al fine di aumentare l’umidità.
Cultivation:WaterAndHardinessDetail
Qual è la temperatura ottimale per Albero del drago?
Per far prosperare queste piante tropicali, è necessario mantenerle tra 75℉ e 90℉ (25-32℃). Ciascuna specie può sopportare temperature al di fuori di questo intervallo, ma mantenerle entro alcuni gradi da questi limiti assicurerà che crescano al massimo del loro potenziale. Per quanto riguarda i limiti di temperatura estremi, qualsiasi ambiente al di sotto dei 50℉ (10℃) o al di sopra dei 95℉ (35℃) inizierà a ostacolare la crescita e a causare varie aberrazioni alle foglie e agli steli. Questo vale soprattutto per le basse temperature; anche una leggera gelata può causare la morte delle piante tropicali. La morte cellulare può iniziare a verificarsi a un ritmo rapido, con alcune specie che muoiono in appena 12-24 ore.
Continua a leggere more
Il sito Albero del drago richiede temperature diverse per le varie fasi di crescita?
Sebbene il sito Albero del drago non richieda variazioni di temperatura per entrare nelle diverse fasi di crescita, è importante che sia costante. Le fluttuazioni di temperatura selvagge possono rallentare la sua crescita, indipendentemente dalla fase attuale, quindi è sempre meglio tenerla in un ambiente controllato. L'intervallo di temperatura ottimale tra 75℉ e 90℉ (25-32℃) è fondamentale da mantenere, soprattutto se si supera il limite inferiore. Superare i 90℉ (32℃) non è l'ideale, ma come pianta tropicale non soffrirà troppo. D'altro canto, scendere al di sotto dei 50℉ (10℃) (e soprattutto dei 40℉/5℃) inizierà a danneggiare direttamente questa specie di pianta amante del calore.
Continua a leggere more
Il sito Albero del drago ha bisogno di temperature diverse a seconda delle stagioni?
Albero del drago non ha bisogno di temperature diverse per le diverse stagioni di crescita. Il passo più importante nella cura stagionale è mantenere l'ambiente all'interno dell'intervallo di temperatura ottimale. Per questo motivo è sempre meglio tenere questa pianta in casa. In questo modo è possibile controllare la temperatura indipendentemente dal clima esterno. Anche la luce è importante per le specie tropicali: tutte queste piante preferiscono un'esposizione parziale al sole. Ciò significa che la luce che ricevono deve essere attenuata o filtrata, mentre la luce intensa ma indiretta è l'opzione migliore per la coltivazione delle piante in casa. Una luce troppo diretta può influire negativamente sulle foglie della pianta, riducendone il potenziale di crescita.
Continua a leggere more
Quali sono le linee guida per la temperatura per mantenere in salute il vostro Albero del drago?
Suggerimento n. 1: non lasciare le piante vicino alle finestre nei mesi più freddi Se volete assicurarvi che la vostra pianta non sia esposta alle temperature più basse, è meglio tenerla lontana dalle finestre. Nei mesi più freddi, come l'autunno e l'inverno, anche il più piccolo spiffero può far entrare aria fredda in casa attraverso le fessure delle finestre. Anche se di solito quest'aria si disperde e si riscalda mentre attraversa la casa, le piante poste in prossimità della finestra ne risentiranno. Spostate le piante tropicali in un'area in cui ricevano comunque una luce intensa ma indiretta, assicurandovi che non siano colpite da potenziali correnti d'aria. Suggerimento n. 2: se si riscontrano macchie secche, la pianta potrebbe ricevere troppa luce solare o calore Potreste notare che le foglie diventano bianche o addirittura bruciate in una giornata di sole. Questi scolorimenti e segni insoliti di solito indicano che la pianta riceve troppo calore o luce solare e potrebbe essere disidratata. L'eccesso di luce e di calore secca il terreno, impedendo alle piante di ricevere l'umidità necessaria per sostenere la loro struttura cellulare. Inoltre, rallenta o interrompe il processo di fotosintesi, ostacolando ulteriormente la crescita. Se ignorate troppo a lungo, queste macchie secche possono diffondersi e portare alla morte delle piante. Suggerimento n. 3: evitare il gelo a tutti i costi Le temperature più rigide e il gelo possono danneggiare le piante causando cristalli di ghiaccio o interrompendo la normale attività fisiologica. Ciò rende quasi impossibile la libera circolazione dell'acqua nei tessuti delle piante, creando un deficit di umidità nei fusti e nelle foglie. Una pianta danneggiata dal gelo si riconosce se inizia a soffrire di idrosi (sembra inzuppata d'acqua). Se il problema persiste, le piante possono iniziare a raggrinzire e a diventare di colore marrone scuro o nero. In seguito, la pianta morirà quasi certamente.
Continua a leggere more
Qual è il modo migliore per mantenere la giusta temperatura per il mio Albero del drago?
Il modo migliore per mantenere il giusto intervallo di temperatura per Albero del drago è tenere sotto controllo sia il clima che l'umidità. Dovrete cercare di tenere ogni specie in una stanza in cui avete accesso al controllo del clima, mantenendo il calore nell'intervallo di temperatura che meglio imita il suo habitat naturale. Anche i livelli di umidità hanno un effetto diretto sulla temperatura, quindi è importante monitorare anche questi. È possibile aumentare artificialmente l'umidità dello spazio di coltivazione utilizzando un umidificatore o nebulizzando leggermente le foglie con acqua. Se si intende coltivare questa specie all'esterno, potrebbe essere difficile mantenere il giusto equilibrio tra temperatura e umidità. Se le temperature iniziano a scendere o l'aria diventa troppo secca, la soluzione migliore è trovare uno spazio in casa e spostare la pianta all'interno. Uno spazio di coltivazione interno vi permetterà di controllare meglio il clima, aiutando la vostra pianta a raggiungere il suo pieno potenziale.
Continua a leggere more
left right
Cultivation:SoilDetail

Qual è il terreno migliore per Albero del drago?

Albero del drago non ha molti requisiti in termini di suolo. Il valore ideale di pH del suolo è 6.0-6.5. Predilige un terreno ben drenato e ricco di sostanza organica, e rifugge substrati viscosi. Andrebbero anche evitati suoli umidi che possono provocare marciumi o problemi di natura fungina. Un suolo a cui è stata aggiunta una modesta quantità di perlite e a cui sono stati somministrati fertilizzanti privi di boro o di superfosfati di calcio contribuirà alla crescita. Per quanto riguarda la coltivazione in vaso, si raccomanda di usare vasi in terracotta provvisti di molti fori per garantire un drenaggio regolare. Dracaena braunii (Bambù della Fortuna) è spesso tenuto in acqua, ma può crescere meglio se piantato in suolo.
Cultivation:SoilDetail
Cultivation:PropagationDetail

Come propagare Albero del drago?

Si raccomanda di riprodurli per talea o margotta a fine primavera e inizio estate. Taglia in obliquo il germoglio apicale di un vecchio ramo, rimuovi le foglie gialle appassite, inseriscilo in vermiculite e altro substrato traspirante umido e potrà crescere fino a formare un semenzale indipendente. In caso di condizioni idonee, è possibile applicare sulla talea una piccola quantità di ormoni radicanti in polvere per stimolare il radicamento. Dopo ogni intervento di potatura, la sezione di stelo di 10 cm portante la gemma può anche essere sotterrata in un mezzo umido, e potrà germinare una nuova pianta mantenendo la temperatura e l’umidità.

Riproduzione

Albero del drago fornisce tutto l'anno una buona sistemazione paesaggistica del giardino, un elemento essenziale per il giardino stesso. Man mano che il vostro Albero del drago cresce, potreste voler sapere come ottenerne altri gratuitamente. O forse la vostra Albero del drago è stata danneggiata da un parassita o da una malattia e vorreste salvarla e propagare una nuova pianta. Questo articolo parla di come propagare il vostro Albero del drago. La talea di conifera è un modo semplice per propagare questa pianta. Le stagioni migliori per propagare il Albero del drago tramite talea sono la primavera e l'inizio dell'estate, quando la pianta cresce più attivamente. In questo periodo c'è molta luce a disposizione delle talee per la nuova crescita e il vostro Albero del drago dovrebbe avere nuovi germogli adatti alla propagazione. La talea deve essere ancora flessibile, ma deve aver raggiunto un livello di durezza tale da spezzarsi quando viene piegata. Gli strumenti necessari per la propagazione di Albero del drago sono gli stessi utilizzati per altri tipi di propagazione per talea, anche se non è necessario uno strumento di taglio particolarmente forte, poiché il materiale è ancora piuttosto morbido.
  1. Forbici affilate o coltello da giardinaggio
  2. Soluzione di candeggina diluita o alcol isopropilico per pulire gli strumenti
  3. Ormone radicante (facoltativo)
  4. Vaso/i con fori di drenaggio per la semina
  5. Terriccio multiuso per la semina
  6. Sacchetto di plastica trasparente (facoltativo)
Fase 1: preparate uno o più vasi piccoli con il terriccio inumidito. In genere è possibile piantare più talee nello stesso vaso per la propagazione, a patto di lasciare circa un centimetro tra una talea e l'altra in ogni vaso. Fase 2: individuare i germogli sani sulla pianta madre e pianificare il punto in cui tagliare. La talea deve avere almeno un paio di foglie e uno o due nodi affinché la pianta possa generare una nuova crescita. La lunghezza del taglio dovrebbe essere idealmente di circa 10 cm. Utilizzate lo strumento di taglio sterilizzato per praticare una talea appena al di sopra di un'articolazione fogliare della pianta madre. Fase 3: rimuovere le foglie dalla metà inferiore della talea e tagliare la parte inferiore appena sotto un nodo. Immergere l'estremità inferiore della talea nella polvere radicante (se utilizzata) secondo le indicazioni. Fase 4: piantare una per una le talee nel vaso preparato, assicurandosi che almeno un nodo sia interrato. Fase 5: Conservare Albero del drago in un luogo caldo e protetto, con molta luce solare indiretta. Per dare a Albero del drago maggiori possibilità di sopravvivenza, potete coprirle leggermente con un sacchetto di plastica trasparente per creare una mini-serra. Per fissarlo al vaso si può usare un elastico o un nastro adesivo. In questo modo si aumenta il calore e l'umidità, aiutando la pianta a radicare più rapidamente. Fase 6: monitorare il sito Albero del drago, annaffiando se necessario per evitare che il terreno si asciughi, fino al momento del trapianto. In genere le radici iniziano a formarsi entro 4-6 settimane, e potreste voler diradare le talee non sane o spostare alcune Albero del drago in vasi singoli per dare loro più spazio per crescere. Quando il Albero del drago ricresce di nuove foglie, significa che ha sviluppato con successo le radici e deve essere trapiantato dopo che le nuove foglie si sono completamente espanse. È meglio trapiantare Albero del drago in una giornata nuvolosa e con temperature miti per evitare di stressarle appena piantate.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
close
Cultivation:PropagationDetail
Cultivation:PlantingDetail

Come piantare Albero del drago?

Tra le varie piante di dracaena, Dracaena surculosa è quella che viene spesso piantata all’aperto come cespuglio, in punti parzialmente ombreggiati. È meglio piantarla in primavera e in estate. Altre piante sono spesso collocate in vaso all’interno, e i vasi ne limiteranno l’altezza. I vasi e il terreno andrebbero sostituiti una volta ogni due o tre anni. Per controllare l’altezza, l’apparato radicale andrebbe correttamente potato e sarebbe necessario utilizzare un vaso più grande.
Cultivation:PlantingDetail
Cultivation:HarvestDetail

Come raccogliere Albero del drago?

Le piante di dracaena in vaso raramente fioriscono. Tuttavia, in caso di esposizione adeguata alla luce, potrebbero sfoggiare infiorescenze bianche o viola in estate. Tuttavia, l'intensa luce solare potrebbe danneggiare le foglie e deteriorarne il colore.
Cultivation:HarvestDetail
PlantCare:TransplantSummary

Come trapiantare Albero del drago?

Il momento migliore per trapiantare albero del drago è la tarda primavera, quando le temperature si alzano e la luce del sole diventa abbondante. Scegliete una posizione soleggiata con un terreno ben drenante per ottenere risultati ottimali. Se necessario, durante la fase di transizione, date alla pianta un sostegno supplementare per garantirne la stabilità. Buon trapianto!
PlantCare:TransplantSummary
Cultivation:PottingSuggestions

Come rinvasare Albero del drago?

Dovrebbe essere rinvasato ogni 2-3 anni.
Cultivation:PottingSuggestions
seasonal-tip

Misure precauzionali stagionali

Per via della loro minore resistenza al freddo, le temperature troppo basse andrebbero evitate in inverno. Quando le piante in vaso sono collocate all’interno durante la stagione invernale, è possibile nebulizzare dell’acqua sulle superfici fogliari in caso di riscaldamento o ridotti livelli di umidità.
seasonal-tip
care_scenes

Ulteriori informazioni su Albero Del Drago Crescita e cura

feedback
Feedback
Guida alle cure di base
Luminosità
Pieno sole
Albero del drago vive in pieno sole, godendo fino a 6 ore di luce al giorno. Il suo habitat originario è costituito da paesaggi assolati. Per una crescita sana, assicurate un'esposizione alla luce solare sufficiente, evitando però raggi troppo intensi.
Tips per l’illuminazione
Trapianto
4-8 feet
Il momento migliore per trapiantare albero del drago è la tarda primavera, quando le temperature si alzano e la luce del sole diventa abbondante. Scegliete una posizione soleggiata con un terreno ben drenante per ottenere risultati ottimali. Se necessario, durante la fase di transizione, date alla pianta un sostegno supplementare per garantirne la stabilità. Buon trapianto!
Tecniche di trapianto
Temperatura
5 - 45 ℃
Il albero del drago cresce in un clima caldo e secco, con temperature comprese tra 20 e 41 ℃ (68 e 106 ℉). Preferisce essere mantenuta a una temperatura costante all'interno di questo intervallo e può essere stressata da fluttuazioni improvvise. Durante le stagioni più fredde, quando le temperature scendono al di sotto dell'intervallo preferito, è importante tenere la pianta lontana da correnti d'aria fredda e mantenere una temperatura costante per evitare danni.
Temp ideale per crescita
Potatura
Inverno
Caratterizzato da un tronco spesso e da foglie a forma di spada, albero del drago è una pianta iconica a crescita lenta. La potatura ideale consiste nel tagliare i rami morti o affollati alla base, migliorando la circolazione dell'aria e la forma. Potare durante l'inverno, la sua stagione di dormienza, per ridurre al minimo lo stress. Una potatura regolare controlla le dimensioni e promuove una crescita robusta. È necessario prestare particolare attenzione alla sanificazione degli strumenti di potatura per evitare la diffusione di malattie, un aspetto fondamentale per la salute di questa specie.
Tecniche di potatura
care_pet_and_diseases

Parassiti e malattie comuni

feedback
Feedback
Problemi comuni relativi a Albero del drago, basati su 10 milioni di casi reali
Macchia bruna
Macchia bruna Macchia bruna
Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Soluzioni: Nei casi minori di macchia bruna , non c'è bisogno di curare la malattia. Tuttavia, se gran parte del fogliame è interessata e si verifica la defogliazione, la pianta trarrà vantaggio dall'eliminazione dell'infezione. Si consiglia di iniziare applicando opzioni di trattamento organico, lavorando fino ai più potenti fungicidi sintetici e chimici, se necessario. Le opzioni organiche non uccideranno il fungo, ma ne impediranno la diffusione. Sciogliere ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di sapone liquido in un litro d'acqua. Usando un flacone spray, spruzzare sulla parte superiore e inferiore delle foglie fino a quando il composto non gocciola. Ripeti ogni due settimane fino a quando le macchie esistenti smettono di allargarsi e le nuove macchie non compaiono più. Spruzzare un sapone fungicida a base di rame sulle foglie, rivestendo la superficie superiore e inferiore delle foglie. Riapplicare come indicato sull'etichetta del prodotto. Il rame penetra nella superficie fogliare e previene la germinazione delle spore in modo che il fungo non possa diffondersi. Applicare un fungicida multiuso sull'intera pianta, seguendo attentamente le istruzioni sull'etichetta.
Bruciatura fogliare
Bruciatura fogliare Bruciatura fogliare
Bruciatura fogliare
Ci sono diverse possibili cause per la bruciatura delle foglie.
Soluzioni: La soluzione del bruciatura fogliare dipenderà dalla causa, tuttavia, in generale tutti i metodi di cura culturale che migliorano la salute delle piante e la funzionalità delle radici ridurranno i sintomi. La pacciamatura della zona delle radici (preferibilmente con pacciame di trucioli di legno) aiuta a trattenere l'umidità, ridurre l'evaporazione e promuove un ambiente radicale sano e funzionale, fondamentale per il movimento dell'acqua verso le foglie. Controlla il colletto della radice per cingere o circondare le radici che strangolano il tronco e limitano il movimento dell'acqua e dei nutrienti. Proteggere gli alberi da gravi danni alle radici di costruzioni e scavi vicini. Se la colpa è dell'ustione del fertilizzante, irriga in profondità il terreno per eliminare i sali di fertilizzante in eccesso. Tuttavia, tieni presente che il deflusso di fertilizzanti è un inquinante ambientale. Evitare la fertilizzazione in eccesso in primo luogo è l'approccio migliore. Se l'analisi del suolo ha rivelato una carenza di potassio, applicare un fertilizzante di potassio e annaffiare bene. Anche se hai abbastanza potassio nel terreno, le piante non saranno in grado di assorbirlo se il terreno è costantemente troppo asciutto. I ramoscelli gravemente colpiti possono essere rimossi utilizzando un paio di forbici da potatura affilate e igienizzate, poiché i rami indeboliti sono suscettibili alle infezioni secondarie. Se la tua pianta ha una bruciatura batterica delle foglie, non esiste una cura. Le iniezioni di antibiotici applicate da un professionista possono ridurre i sintomi per una stagione, tuttavia, i metodi di gestione culturale di cui sopra sono le migliori opzioni per ridurre i sintomi e prolungare la vita. Una pianta infetta probabilmente morirà entro dieci anni.
La pianta si è seccata
La pianta si è seccata La pianta si è seccata
La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Soluzioni: La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Carenza di acqua
Carenza di acqua Carenza di acqua
Carenza di acqua
Un'irrigazione insufficiente farà appassire e ingiallire le foglie della pianta, quindi gradualmente si asciugheranno e cadranno. Nei casi più gravi, questo porterà alla morte della pianta.
Soluzioni: Il modo più semplice (e più ovvio) per affrontare carenza di acqua è idratare completamente la pianta. Tuttavia, questo deve essere fatto con attenzione. Un errore comune che fanno molti giardinieri è bagnare le loro piante sott'acqua con l'acqua. Questo può sopraffare le radici della pianta e scioccare il suo sistema, qualcosa che può essere anche più dannoso della mancanza di acqua per cominciare. Invece, annaffia accuratamente e lentamente, facendo delle pause per lasciare che l'acqua si satura lentamente attraverso il terreno per arrivare alle radici. Utilizzare acqua a temperatura ambiente, poiché l'acqua fredda potrebbe essere uno shock eccessivo. In futuro, ridurre il tempo tra le annaffiature. Una buona regola pratica è controllare il terreno intorno a ogni pianta ogni giorno. Se è asciutto fino ad almeno due pollici in basso, è il momento di annaffiare. Se una pianta in vaso si asciuga ripetutamente molto rapidamente, anche il rinvaso in un contenitore a drenaggio più lento potrebbe essere una buona idea.
autodiagnose

Cura e previeni le malattie delle piante.

Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
close
Macchia bruna
plant poor
Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Panoramica
Panoramica
Le macchie scolorite sul fogliame delle piante sono uno dei problemi di malattia più comuni che le persone osservano. Questi punti sono causati da malattie fungine e batteriche, con la maggior parte delle infezioni legate a un patogeno fungino. Macchia bruna può verificarsi su tutte le piante d'appartamento, piante ornamentali da fiore, piante da ortaggi e foglie di alberi, cespugli e arbusti. Nessuna pianta resiste ad esso e il problema è peggiore negli ambienti caldi e umidi. Può verificarsi in qualsiasi momento della fase di vita purché siano presenti le foglie. Piccole macchie brunastre compaiono sul fogliame e si ingrandiscono con il progredire della malattia. Nei casi più gravi, la pianta o l'albero si indeboliscono quando le lesioni interrompono la fotosintesi o causano la defogliazione.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Nella maggior parte dei casi, macchia bruna interessa solo una piccola percentuale dell'intera pianta, comparendo su una piccola parte delle foglie. Una piccola infezione mette solo un leggero stress sulla pianta. Tuttavia, se non trattata e la malattia progredisce in numerose stagioni, avrà un grave impatto sulla salute e sulla produttività del campione infetto.
  • Inizia la sporulazione (riproduzione delle spore fungine) e sulle foglie compaiono minuscole macchie.
  • Il posizionamento è spesso casuale e disperso poiché le malattie si diffondono attraverso le gocce di pioggia.
  • Può comparire sulle foglie più basse e all'interno della pianta dove l'umidità è più alta.
  • Le macchie marroni si allargano e diventano abbastanza grandi da toccare i punti vicini per formare una macchia più prominente.
  • I margini delle foglie possono ingiallire.
  • Piccoli punti neri (corpi fruttiferi dei funghi) compaiono nei punti morti.
  • Le macchie crescono di dimensioni fino a quando l'intera foglia non è marrone.
  • La foglia cade dalla pianta.
Sintomi gravi
  • Defogliazione prematura parziale o completa
  • Crescita ridotta
  • Aumento della suscettibilità ai parassiti e ad altre malattie
Causa della malattia
Causa della malattia
Macchia bruna , o macchia fogliare, è un termine descrittivo comune dato a diverse malattie che colpiscono le foglie di piante e alberi. Circa l'85% delle malattie che mostrano macchie fogliari sono dovute a funghi o organismi simili a funghi. A volte macchia bruna è causato da un'infezione batterica o dall'attività degli insetti con sintomi simili. Quando le condizioni sono calde e le superfici fogliari sono bagnate, le spore fungine trasportate dal vento o dalla pioggia si depositano sulla superficie e si attaccano ad essa. Non rompono le pareti cellulari ma crescono nello spazio tra la membrana plasmatica vegetale e la parete cellulare vegetale. Quando le spore si riproducono, rilasciano tossine ed enzimi che causano macchie necrotiche (cioè tessuti morti) sulle foglie, consentendo ai funghi di consumare i prodotti rilasciati quando le cellule si degradano.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Bruciatura fogliare
plant poor
Bruciatura fogliare
Ci sono diverse possibili cause per la bruciatura delle foglie.
Panoramica
Panoramica
Bruciatura fogliare si riferisce a due condizioni generali: bruciatura fogliare fisiologica e bruciatura fogliare batterica. Fa scolorire le foglie a partire dai margini e alla fine muoiono. lo sviluppo del bruciatura fogliare è più comune nella stagione calda e secca, diventando più evidente a fine estate. Tuttavia, può verificarsi in altri periodi dell'anno. Colpisce più spesso alberi e arbusti giovani, ma può colpire anche fiori, verdure e altre piante. Bruciatura fogliare può peggiorare progressivamente in più stagioni. Se le cause alla radice non vengono affrontate, bruciatura fogliare può portare alla morte delle piante. Sebbene non sia possibile invertire il danno causato dalla bruciatura fisiologica delle foglie, è possibile prevenire ulteriori danni. Con una corretta gestione, le piante si riprenderanno completamente. Tuttavia, non esiste una cura per la bruciatura batterica delle foglie, che è un'infezione sistemica.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • Foglie gialle, marroni o annerite che iniziano con i margini delle foglie
  • Le punte di ramoscelli morenti su alberi e arbusti mentre le foglie muoiono e cadono
  • Spesso c'è una linea di confine giallo brillante tra il tessuto fogliare morto e vivo
Causa della malattia
Causa della malattia
Ci sono numerose cause che contribuiscono al bruciatura fogliare . La bruciatura batterica delle foglie è causata dal batterio Xylella fastidiosa . I batteri bloccano i vasi xilematici, impedendo il movimento dell'acqua. I sintomi possono variare tra le specie. La bruciatura fisiologica delle foglie si verifica più comunemente quando una pianta non può assorbire abbastanza acqua. Numerose condizioni possono portare a questo problema, in particolare un sistema di root malsano. Alcune cause di un apparato radicale malsano includono terreno eccessivamente compatto, lavorazione recente, compattazione delle radici e taglio dovuto a pavimentazione o altre costruzioni, siccità e terreni eccessivamente saturi. La carenza di potassio può contribuire al bruciatura fogliare . Poiché le piante hanno bisogno di potassio per spostare l'acqua, non possono muovere correttamente l'acqua quando c'è una mancanza di potassio. Troppo fertilizzante può anche causare sintomi di bruciatura fogliare . L'accumulo di sali (compresi i sali nutritivi dei fertilizzanti, così come l'acqua salata) si accumula ai margini delle foglie e può accumularsi fino a concentrazioni che bruciano i tessuti.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
La pianta si è seccata
plant poor
La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
La pianta si è seccata ed è diventata marrone. Potrebbe iniziare ad appassire, non si nota nulla di verde intorno agli steli e alle foglie. Le foglie, toccandole, potrebbero stropicciarsi sotto le dita.
Le possibili cause della secchezza di una pianta includono:
  1. Mancanza di acqua. La mancanza di acqua fa seccare il tessuto della pianta.
  2. Troppa acqua. Innaffiare troppo può far marcire le radici, il che fa sì che la pianta faccia fatica ad assorbire l'acqua. Le radici marce e mollicce sono un segno di sovralimentazione.
  3. Entrare in dormienza. Quando le piante perenni entrano nel loro periodo di riposo noto come dormienza, le foglie si seccano e possono cadere. Questo accade nella fase in cui le giornate si accorciano.
  4. Esposizione a diserbanti e altre sostanze tossiche. Se una pianta viene sottoposta a una forte dose di diserbante o di altre sostanze chimiche tossiche, diventa marrone.
  5. Troppa fertilità. Un eccesso di fertilizzante può impedire alle piante di assorbire acqua, e questo le fa seccare.
  6. Non corretta esposizione al sole. Proprio come capita agli esseri umani, anche le piante possono scottarsi, a causa della luce intensa e diretta del sole. Le piante possono seccarsi, anche se non ricevono abbastanza luce.
Per capire se la pianta è ancora viva e può essere salvata, è possibile:
  1. Piegare uno stelo. Se lo stelo è malleabile, la pianta è ancora viva. Se lo stelo si rompe, la pianta è morta.
  2. Grattare delicatamente lo stelo con l'unghia per vedere se ci sono segni di verde all'interno. Se la pianta è morta, lo stelo sarà fragile e completamente marrone.
  3. Tagliare gli steli un po' più indietro per un po' di tempo per vedere se c'è una crescita verde. Se nessuno degli steli presenta una visibile crescita verde, la pianta è morta.
Soluzioni
Soluzioni
La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento.
  1. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione.
  2. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi.
  3. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie.
  4. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco.
  5. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Prevenzione
Prevenzione
La prevenzione consiste nel fare in modo che la pianta abbia un ambiente vitale adeguato.
  1. Fornire la giusta quantità d'acqua. La quantità d'acqua dipende dalle dimensioni, dalla specie e dall'ambiente della pianta. Una regola generale è quella di lasciare asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra.
  2. Posizionare le piante nell'ambiente appropriato. Assicurati che la pianta abbia le adeguate ore di sole e la giusta temperatura.
  3. Fornire la giusta fertilità. La maggior parte delle piante deve essere fertilizzata solo una o due volte all'anno; non esagerare con la fertilizzazione.
  4. Mantenere le piante prive di sostanze tossiche. Tieni gli erbicidi e le sostanze chimiche tossiche per la casa lontano dalle tue piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Carenza di acqua
plant poor
Carenza di acqua
Un'irrigazione insufficiente farà appassire e ingiallire le foglie della pianta, quindi gradualmente si asciugheranno e cadranno. Nei casi più gravi, questo porterà alla morte della pianta.
Panoramica
Panoramica
piante di carenza di acqua è uno dei modi più rapidi per ucciderle. Questo è qualcosa di cui la maggior parte dei giardinieri è ben consapevole. Sfortunatamente, sapere esattamente di quanta acqua ha bisogno una pianta può essere complicato, soprattutto considerando che l'immersione e l'irrigazione eccessiva presentano sintomi simili nelle piante. Pertanto, è importante essere vigili e attenti alle esigenze individuali di ogni pianta.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Come accennato in precedenza, l'eccesso di acqua e l'immersione subacquea presentano sintomi simili nelle piante. Questi sintomi includono scarsa crescita, foglie appassite, defogliazione e punte o margini delle foglie marroni. In definitiva, sia l'immersione che l'eccesso di acqua possono portare alla morte di una pianta. Il modo più semplice per determinare se una pianta ha troppa acqua o troppo poca è guardare le foglie. Se carenza di acqua è il colpevole, le foglie appariranno marroni e croccanti, mentre se è troppo abbondante, appariranno di colore giallo o verde pallido. Quando questo problema inizia per la prima volta, potrebbero non esserci sintomi evidenti, in particolare nelle piante resistenti o resistenti alla siccità. Tuttavia, inizieranno ad appassire una volta che inizieranno a soffrire di mancanza d'acqua. I bordi delle foglie della pianta diventeranno marroni o arricciati. Il terreno che si stacca dai bordi della fioriera è un segno rivelatore o uno stelo croccante e fragile. Il carenza di acqua prolungato può causare un rallentamento della crescita di una pianta. Le foglie potrebbero cadere e anche la pianta può essere più suscettibile alle infestazioni di parassiti.
Causa della malattia
Causa della malattia
Carenza di acqua è causato, semplicemente, dal non annaffiare le piante spesso o abbastanza in profondità. Esiste un rischio maggiore di carenza di acqua se si verifica una di queste situazioni:
  • Caldo estremo e clima secco (quando si coltiva all'aperto)
  • Coltiva le luci o l'illuminazione per interni troppo luminosa o intensa per il tipo di pianta
  • Utilizzo di substrati di coltivazione a drenaggio rapido come la sabbia
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
care_toxicity

Albero Del Drago e la loro tossicità

feedback
Feedback
Tossico per i cani
Tossico per i cani
Mentre il sapore amaro di solito impedisce ai cani di mangiare troppe foglie, albero del drago ( Dracaena draco ) rappresenta un rischio da moderato a grave se consumato. Tutte le parti della pianta sono tossiche, ma le foglie sono la parte più spesso mangiata. L'ingestione può causare perdita di appetito, diarrea e vomito. Se si presentano versioni gravi di questi sintomi, è necessario rivolgersi al veterinario. I proprietari dovrebbero essere vigili perché questa è una pianta d'appartamento molto comune e può essere incontrata anche nei centri commerciali e in altri spazi pubblici.
Tossico per i gatti
Tossico per i gatti
A causa del loro contenuto di saponina, le piante della albero del drago sono moderatamente tossiche per i gatti. A seconda della specie, solo il fogliame può essere tossico o l'intera pianta può essere velenosa. I sintomi più comuni di avvelenamento sono diarrea, vomito, salivazione, pupille dilatate, perdita di appetito, debolezza e aumento del battito cardiaco. I sintomi più gravi possono richiedere un viaggio dal veterinario.
care_more_info

Altro su Albero Del Drago

feedback
Feedback
Tipo di pianta
Tipo di pianta
Cespuglio, Albero
Durata di Vita
Durata di Vita
Perenne
Diametro della Corona
Diametro della Corona
4.5 a 8 m
Periodo di fioritura
Periodo di fioritura
Estate
Colore del fiore
Colore del fiore
Bianco
Verde
Colore della foglia
Colore della foglia
Verde
Blu
Altezza della Pianta
Altezza della Pianta
20 m
plantfinder

Trova le amiche verdi perfette per te.

Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
care_faq

Problemi Comuni

feedback
Feedback

Perché i margini fogliari ingialliscono e avvizziscono?

more more
Potrebbe dipendere da un’umidità dell’aria troppo bassa. Albero del drago sono piante native delle zone tropicali/subtropicali e prediligono un ambiente caldo e umido. In periodi ordinari, le piante andrebbero nebulizzate con acqua per umidificare l’ambiente circostante.

Perché le foglie ingialliscono o addirittura cadono?

more more
Potrebbe dipendere dall’eccessiva irrigazione e dallo scarso drenaggio. Rispetto ad altre piante d’interni, albero del drago richiede meno acqua. Annaffiare una volta a settimana è sufficiente ed è possibile ripetere l’intervento quando il suolo superficiale del vaso è asciutto. Ricorda di drenare l’acqua in eccesso dal sottovaso 30 minuti dopo aver finito di annaffiare, e di usare suoli sciolti e permeabili all’acqua per la coltivazione.

Perché sulla superficie fogliare appaiono macchie scure o bordi gialli?

more more
Se sulla lamina posteriore della foglia compaiono uova bianche, la pianta potrebbe essere infestata da acari. In caso contrario, questi problemi potrebbero essere causati dal fluoro contenuto nell’acqua di rubinetto. In caso di infezioni non gravi da acari, è possibile lavare ripetutamente le foglie con acqua. Albero del drago sono sensibili al fluoro contenuto nell’acqua di rubinetto, quindi si raccomanda di usare acqua piovana o acqua pura per irrigare. In alternativa, l’acqua di rubinetto andrebbe conservata in un contenitore per una notte, innaffiando soltanto dopo che il contenuto di fluoro si è ridotto.

Come controllare l’altezza della pianta?

more more
La luce filtrata, l’acqua e il fertilizzante possono essere opportunamente ridotti. In primavera, le piante possono essere tagliate all’altezza desiderata con forbici da giardinaggio affilate (troncarami). Ricorda di lasciare le gemme sotto la linea di taglio. Pota correttamente le radici della pianta quando sostituisci il vaso o il suolo e usa un vaso idoneo per limitarne la crescita.
care_new_plant

Prendersi Cura di una Nuova Pianta

feedback
Feedback
new-plant
Le seguenti immagini e istruzioni per le pianta tropicale hanno lo scopo di aiutare le tue piante ad adattarsi e a prosperare in un nuovo ambiente.
more
1
Scegliere una Pianta Tropicale Sana
check-health

Controlla la Sua Salute

part-image-bg part-image
Pianta Intera
Chioma simmetrica, rami uniformemente distribuiti, forma piena e compatta, assenza di crescita eccessiva, internodi ravvicinati e dimensioni uniformi delle foglie.
part-image-bg part-image
Rami
I rami non sono appassiti e il tronco non presenta fori o danni.
part-image-bg part-image
Foglie
Controllate l'interno della pianta, le zone d'ombra e di sovrapposizione, il retro delle foglie. Colore uniforme, assenza di ingiallimento, di macchie marroni, di insetti striscianti, di ragnatele, di deformazioni e di appassimento.
part-image-bg part-image
Steli
Nessuna muffa, imbrunimento o marciume molle alla base della pianta.
health-trouble

Risoluzione dei Problemi di Salute

Pianta Intera
trouble-image
more 1 Chioma asimmetrica o ramificazione mancante e disomogenea: potate i rami deboli ed esili della porzione più grande della chioma asimmetrica, quindi tagliate i rami più grandi cresciuti.
trouble-image
more 2 Gli internodi sono più lunghi nella parte superiore, le foglie sono rade e più piccole nella parte superiore: aumentare l'intensità o la durata della luce.
Rami
trouble-image
more 1 Rami secchi: verificare se il ramo è ancora vivo staccando una piccola sezione di corteccia e tagliare i rami secchi. Fate attenzione ai segni di infestazione da insetti all'interno del ramo.
trouble-image
more 2 Corteccia con fori: iniettare l'insetticida nei fori e applicare un insetticida sistemico alle radici.
trouble-image
more 3 Corteccia danneggiata: spennellare un agente cicatrizzante ed evitare di bagnare la ferita.
Steli
trouble-image
Muffa, imbrunimento o marciume molle alla base: collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
Foglie
trouble-image
more 1 Colore delle foglie non uniforme e ingiallimento: potate le foglie gialle e controllate se ci sono segni di marciume alla base della pianta. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
trouble-image
more 2 Macchie marroni o piccole macchie gialle: collocare la pianta in un'area ventilata ed evitare di annaffiare le foglie. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
trouble-image
more 3 Minuscoli insetti striscianti sul retro delle foglie o ragnatele tra le foglie: aumentare l'esposizione alla luce e spruzzare insetticidi per i casi più gravi.
trouble-image
more 4 Deformazioni o parti mancanti sulle foglie: determinare se si tratta di danni fisici o di infestazioni di parassiti. I danni lineari o da strappo sono fisici, mentre gli altri sono parassiti. Spruzzare un insetticida.
trouble-image
more 5 Foglie appassite: fornire un'ombra parziale ed evitare un'eccessiva esposizione al sole. Rimuovere da 1/3 a 1/2 delle foglie nei casi più gravi.
autodiagnose

Cura e previeni le malattie delle piante.

Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
check-condition

Controlla le Sue Condizioni di Crescita

check
Controllo del Terreno
Il terreno deve avere un odore fresco come dopo la pioggia e non deve avere un odore di muffa.
check
Controllo della Luce
Controllate il fabbisogno di luce della pianta e se corrisponde alla posizione di impianto.
check
Controllo della Ventilazione
Assicurare una buona ventilazione.
check
Controllo della Temperatura
Controllare se la temperatura esterna attuale è troppo bassa o troppo alta.
condition-trouble

Risoluzione dei Problemi delle Condizioni

check
Terreno
Terriccio per vasi, Terriccio misto a muschio di torba
Il terreno ha un odore di muffa o di sporco: controllare che l'apparato radicale non sia deteriorato, collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
check
Luce adatta
Pieno sole, Sole parziale
Luce insufficiente: Le piante da interno possono sopportare una luce ridotta, ma non l'ombra completa. Spostare periodicamente la pianta in un luogo più soleggiato può aiutare a compensare l'impoverimento dei nutrienti in condizioni di scarsa luminosità.
Recupero del trapianto: Ombreggiare, posizionare in luce diffusa e luminosa. Aumentare gradualmente la luce dopo 3 giorni senza che la pianta appassisca. In caso di trapianto/rinvaso o di perdita di foglie, ombreggiare per una settimana. Aumentare la luce in caso di ingiallimento e caduta delle foglie.
check
Temperatura ideale
10℃ to 35℃
La temperatura è troppo bassa o troppo alta: In genere l'interno soddisfa le esigenze della pianta. Non collocare all'esterno a temperature inferiori a 50℉ (10℃) o superiori a 86℉ (30℃).
check
Ventilazione
Ben ventilato
Ambiente non ventilato: può provocare marciume delle radici, malattie e caduta dei fiori. Collocate le piante in un luogo ben ventilato, come una finestra.
more
2
Adattare la Tua Nuova Pianta Tropicale
Passo 1
condition-image
Rinvaso
Il trapianto è possibile ma non necessario. Pulire le radici eliminando quelle marce o annerite. Quando si estrae la pianta dal vaso, fare attenzione a mantenere intatto l'apparato radicale e a non spargere il terreno. Se le radici sono troppo aggrovigliate, allargatele delicatamente e tagliatele come necessario. Per la messa a dimora, mescolare una piccola quantità di fertilizzante organico ben tritato sul fondo del terreno. Per la messa a dimora, utilizzare un terriccio floreale sciolto e arioso e premere leggermente il terreno dopo la messa a dimora. Innaffiate subito e abbondantemente il terreno dopo la messa a dimora.
mostra di più show-more
Passo 2
condition-image
Potatura
Di solito non è necessario. Tagliate le foglie gialle o malate e le foglie affollate che sembrano appassite o cadenti.
mostra di più show-more
Passo 3
condition-image
Annaffiatura
Aumentare le annaffiature nella prima settimana per mantenere il terreno umido. Innaffiare quando il terreno è leggermente asciutto, per almeno 2 settimane. Evitare di innaffiare eccessivamente. Non annaffiare quando le dita sono sporche d'acqua dopo aver toccato il terreno.
mostra di più show-more
Passo 4
condition-image
Concimazione
Aggiungere una piccola quantità di fertilizzante di base durante il trapianto o il rinvaso. Non sono necessari altri fertilizzanti per il primo mese.
mostra di più show-more
lightmeter

Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.

Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
label
main-image
Albero Del Drago
label-image
Rinvaso
Pulire le radici, evitare di spargere il terreno, usare fertilizzanti organici, piantare in un terreno sciolto, annaffiare abbondantemente.
label-image
Potatura
Tagliate le foglie gialle o malate e le foglie affollate che sembrano appassite o cadenti.
label-image
Annaffiatura
Innaffiare le nuove piante più spesso per 2 settimane. Evitate di annaffiare troppo o troppo poco, controllando il terreno.
label-image
Concimazione
Aggiungere il fertilizzante di base durante il trapianto. Per il primo mese non sono necessari altri fertilizzanti.
label-image
Luce solare
Esposizione regolare al sole per le piante da interno. Ombreggiare dopo il trapianto/rinvaso, poi aumentare gradualmente la luce se non ci sono appassimenti. Aumentare la luce in caso di ingiallimento e caduta delle foglie.
label
main-image
Albero Del Drago
label-image
Rinvaso
Pulire le radici, evitare di spargere il terreno, usare fertilizzanti organici, piantare in un terreno sciolto, annaffiare abbondantemente.
label-image
Potatura
Tagliate le foglie gialle o malate e le foglie affollate che sembrano appassite o cadenti.
label-image
Annaffiatura
Innaffiare le nuove piante più spesso per 2 settimane. Evitate di annaffiare troppo o troppo poco, controllando il terreno.
label-image
Concimazione
Aggiungere il fertilizzante di base durante il trapianto. Per il primo mese non sono necessari altri fertilizzanti.
label-image
Luce solare
Esposizione regolare al sole per le piante da interno. Ombreggiare dopo il trapianto/rinvaso, poi aumentare gradualmente la luce se non ci sono appassimenti. Aumentare la luce in caso di ingiallimento e caduta delle foglie.
plant

Un botanico in tasca

plant
plant

App

plant
close
product icon
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
ad
Un botanico in tasca
Scan the QR code with your phone camera to download the app
close
title
Un botanico in tasca
qrcode
Scansiona il codice QR per effettuare il download
Su
Cura di Base
Cura Avanzata
Ulteriori istruzioni
Parassiti e Malattie
Tossicità
Maggiori informazioni
Domande Frequenti
Cura della Nuova Pianta
Albero del drago
Albero del drago
Albero del drago
Albero del drago
Albero del drago

Come coltivare e curare Albero Del Drago

L'albero del drago è una pianta tropicale ornamentale (adatta sia in giardino che in casa) oggi molto apprezzata per il suo aspetto insolito ed elegante, mentre in passato veniva coltivata soprattutto per la sua resina dal colore rossastro che richiama il sangue del drago, da cui il nome.
Acqua
Ogni 2 settimane
Acqua
Luce Solare
Pieno sole
Luce Solare
Tossico per gli animali
care_basic_guide

Guida di Base per la Cura

feedback
Cultivation:WaterDetail

Come innaffiare Albero del drago?

Cultivation:WaterDetail
Rispetto ad altre piante d’appartamento, albero del drago richiede meno acqua. È sufficiente irrigare una volta a settimana, e le piante potranno essere irrigate nuovamente non appena il suolo superficiale del vaso risulterà asciutto. Sotto il vaso andrebbe collocato un vassoio. Si raccomanda di irrigare lentamente le piante fino a quando l’acqua non uscirà dal fondo del vaso, e drenare l’acqua in eccesso dal sottovaso dopo 30 minuti. Troppa acqua e un drenaggio scarso potrebbero provocare la caduta delle foglie. In periodi ordinari, è possibile nebulizzare dell’acqua verso il fogliame per aumentare l’umidità dell’ambiente e impedire che i margini fogliari si secchino.
Occorre considerare che albero del drago è sensibile al fluoro contenuto nell’acqua di rubinetto. L’uso prolungato di quest’acqua potrebbe provocare la comparsa di macchie scure o margini gialli sulle foglie, quindi si raccomanda di utilizzare l’acqua piovana raccolta o l’acqua pura. In alternativa, è possibile far riposare l’acqua di rubinetto in un recipiente per una notte, usandola per innaffiare non appena il contenuto di fluoro si sarà ridotto.
waterreminders

Non saltare mai più un'attività di manutenzione!

La cura delle piante è più facile che mai con il nostro promemoria smart personalizzato.
Qual è il metodo migliore per innaffiare il mio Albero del drago?
more
Cosa devo fare se innaffio troppo o troppo poco Albero del drago?
more
Con quale frequenza devo annaffiare il mio Albero del drago?
more
Di quanta acqua ha bisogno il mio Albero del drago?
more
Mostra di più more
Cultivation:FertilizerDetail

Come concimare Albero del drago?

Cultivation:FertilizerDetail
Albero del drago ha poche richieste in termini di nutrienti. In condizioni disponibili, le piante possono essere fertilizzate una volta ogni due settimane, in primavera e in estate. È sufficiente fertilizzarle una volta al mese in autunno e non occorrono interventi di fertilizzazione in inverno. È possibile utilizzare dei fertilizzanti generici idrosolubili, e ogni intervento andrebbe effettuato in base al dosaggio consigliato sulla confezione.
Perché devo concimare il mio Albero del drago?
more
Quando è il momento migliore per concimare il mio Albero del drago?
more
Quando dovrei evitare di concimare il mio Albero del drago?
more
Di che tipo di fertilizzante ha bisogno il mio Albero del drago?
more
Mostra di più more
Cultivation:SunlightDetail

Quali sono i requisiti di luce solare per Albero del drago?

Cultivation:SunlightDetail
Albero del drago richiede un ambiente di crescita con una luce filtrata sufficiente. La luce solare diretta andrebbe evitata, in quanto potrebbe bruciare le foglie. Si consiglia di collocare le piante a una certa distanza dalle finestre. Se la luce è troppo debole, la pianta potrebbe presentare una crescita stentata. Può anche sopravvivere in un’area esterna parzialmente ombreggiata, ad esempio all’ombra degli alberi alti.
lightmeter

Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.

Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Di quante ore di luce solare ha bisogno Albero del drago per crescere?
more
Cosa succederà se Albero del drago non riceve abbastanza luce solare?
more
Cosa succede se Albero del drago riceve troppa luce solare?
more
Come si può proteggere Albero del drago dall'eccessiva luce solare?
more
Mostra di più more
Cultivation:PruningDetail

Come potare Albero del drago ?

Cultivation:PruningDetail
La potatura è raramente necessaria per albero del drago. Le foglie vecchie al di sotto del gambo appassiranno naturalmente e dovranno soltanto essere rimosse in tempo, mentre le foglie giovani cresceranno continuamente. È possibile controllare l’altezza delle piante tramite potatura. La potatura viene generalmente praticata in primavera, con forbici da giardinaggio affilate (tagliarami) o coltelli per tagliare albero del drago all’altezza desiderata. Le gemme andrebbero mantenute sotto il taglio e dopo qualche settimana spunteranno nuove foglie.
Devo potare il mio Albero del drago?
more
Quando è il momento migliore per potare il mio Albero del drago?
more
Cosa devo fare dopo la potatura di Albero del drago?
more
Come devo potare il mio Albero del drago durante le diverse stagioni o fasi di crescita?
more
Mostra di più more
close
care_advanced_guide

Guida avanzata alla cura

feedback
Cultivation:WaterAndHardinessDetail

Qual è l'intervallo di temperatura ideale per Albero del drago?

Cultivation:WaterAndHardinessDetail
Albero del drago, pianta nativa delle regioni subtropicali, predilige un ambiente caldo e umido. La temperatura indicata per la sua crescita è 16 a 26 ℃. È meno resistente al freddo e potrebbe danneggiarsi a temperature inferiori a 10 ℃. Albero del drago è moderatamente resistente alla siccità e può essere piantata all’aperto in un ambiente caldo, umido e ombreggiato, ma è più spesso piantata in vaso in interni. In linea generale, l’umidità può essere adeguatamente aumentata con un umidificatore, oppure è possibile collocare un sottovaso contenente ciottoli e aggiungervi dell’acqua al fine di aumentare l’umidità.
Qual è la temperatura ottimale per Albero del drago?
more
Il sito Albero del drago richiede temperature diverse per le varie fasi di crescita?
more
Il sito Albero del drago ha bisogno di temperature diverse a seconda delle stagioni?
more
Quali sono le linee guida per la temperatura per mantenere in salute il vostro Albero del drago?
more
Mostra di più more
Cultivation:SoilDetail

Qual è il terreno migliore per Albero del drago?

Cultivation:SoilDetail
Albero del drago non ha molti requisiti in termini di suolo. Il valore ideale di pH del suolo è 6.0-6.5. Predilige un terreno ben drenato e ricco di sostanza organica, e rifugge substrati viscosi. Andrebbero anche evitati suoli umidi che possono provocare marciumi o problemi di natura fungina. Un suolo a cui è stata aggiunta una modesta quantità di perlite e a cui sono stati somministrati fertilizzanti privi di boro o di superfosfati di calcio contribuirà alla crescita. Per quanto riguarda la coltivazione in vaso, si raccomanda di usare vasi in terracotta provvisti di molti fori per garantire un drenaggio regolare. Dracaena braunii (Bambù della Fortuna) è spesso tenuto in acqua, ma può crescere meglio se piantato in suolo.
Cultivation:PropagationDetail

Come propagare Albero del drago?

Cultivation:PropagationDetail
Si raccomanda di riprodurli per talea o margotta a fine primavera e inizio estate. Taglia in obliquo il germoglio apicale di un vecchio ramo, rimuovi le foglie gialle appassite, inseriscilo in vermiculite e altro substrato traspirante umido e potrà crescere fino a formare un semenzale indipendente. In caso di condizioni idonee, è possibile applicare sulla talea una piccola quantità di ormoni radicanti in polvere per stimolare il radicamento. Dopo ogni intervento di potatura, la sezione di stelo di 10 cm portante la gemma può anche essere sotterrata in un mezzo umido, e potrà germinare una nuova pianta mantenendo la temperatura e l’umidità.
close

Riproduzione

Albero del drago fornisce tutto l'anno una buona sistemazione paesaggistica del giardino, un elemento essenziale per il giardino stesso. Man mano che il vostro Albero del drago cresce, potreste voler sapere come ottenerne altri gratuitamente. O forse la vostra Albero del drago è stata danneggiata da un parassita o da una malattia e vorreste salvarla e propagare una nuova pianta. Questo articolo parla di come propagare il vostro Albero del drago. La talea di conifera è un modo semplice per propagare questa pianta. Le stagioni migliori per propagare il Albero del drago tramite talea sono la primavera e l'inizio dell'estate, quando la pianta cresce più attivamente. In questo periodo c'è molta luce a disposizione delle talee per la nuova crescita e il vostro Albero del drago dovrebbe avere nuovi germogli adatti alla propagazione. La talea deve essere ancora flessibile, ma deve aver raggiunto un livello di durezza tale da spezzarsi quando viene piegata. Gli strumenti necessari per la propagazione di Albero del drago sono gli stessi utilizzati per altri tipi di propagazione per talea, anche se non è necessario uno strumento di taglio particolarmente forte, poiché il materiale è ancora piuttosto morbido.
  1. Forbici affilate o coltello da giardinaggio
  2. Soluzione di candeggina diluita o alcol isopropilico per pulire gli strumenti
  3. Ormone radicante (facoltativo)
  4. Vaso/i con fori di drenaggio per la semina
  5. Terriccio multiuso per la semina
  6. Sacchetto di plastica trasparente (facoltativo)
Fase 1: preparate uno o più vasi piccoli con il terriccio inumidito. In genere è possibile piantare più talee nello stesso vaso per la propagazione, a patto di lasciare circa un centimetro tra una talea e l'altra in ogni vaso. Fase 2: individuare i germogli sani sulla pianta madre e pianificare il punto in cui tagliare. La talea deve avere almeno un paio di foglie e uno o due nodi affinché la pianta possa generare una nuova crescita. La lunghezza del taglio dovrebbe essere idealmente di circa 10 cm. Utilizzate lo strumento di taglio sterilizzato per praticare una talea appena al di sopra di un'articolazione fogliare della pianta madre. Fase 3: rimuovere le foglie dalla metà inferiore della talea e tagliare la parte inferiore appena sotto un nodo. Immergere l'estremità inferiore della talea nella polvere radicante (se utilizzata) secondo le indicazioni. Fase 4: piantare una per una le talee nel vaso preparato, assicurandosi che almeno un nodo sia interrato. Fase 5: Conservare Albero del drago in un luogo caldo e protetto, con molta luce solare indiretta. Per dare a Albero del drago maggiori possibilità di sopravvivenza, potete coprirle leggermente con un sacchetto di plastica trasparente per creare una mini-serra. Per fissarlo al vaso si può usare un elastico o un nastro adesivo. In questo modo si aumenta il calore e l'umidità, aiutando la pianta a radicare più rapidamente. Fase 6: monitorare il sito Albero del drago, annaffiando se necessario per evitare che il terreno si asciughi, fino al momento del trapianto. In genere le radici iniziano a formarsi entro 4-6 settimane, e potreste voler diradare le talee non sane o spostare alcune Albero del drago in vasi singoli per dare loro più spazio per crescere. Quando il Albero del drago ricresce di nuove foglie, significa che ha sviluppato con successo le radici e deve essere trapiantato dopo che le nuove foglie si sono completamente espanse. È meglio trapiantare Albero del drago in una giornata nuvolosa e con temperature miti per evitare di stressarle appena piantate.
Mostra di più
more
Sblocca le guide complete per imparare a curare più di 10.000 specie
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Cultivation:PlantingDetail

Come piantare Albero del drago?

Cultivation:PlantingDetail
Tra le varie piante di dracaena, Dracaena surculosa è quella che viene spesso piantata all’aperto come cespuglio, in punti parzialmente ombreggiati. È meglio piantarla in primavera e in estate. Altre piante sono spesso collocate in vaso all’interno, e i vasi ne limiteranno l’altezza. I vasi e il terreno andrebbero sostituiti una volta ogni due o tre anni. Per controllare l’altezza, l’apparato radicale andrebbe correttamente potato e sarebbe necessario utilizzare un vaso più grande.
Cultivation:HarvestDetail

Come raccogliere Albero del drago?

Cultivation:HarvestDetail
Le piante di dracaena in vaso raramente fioriscono. Tuttavia, in caso di esposizione adeguata alla luce, potrebbero sfoggiare infiorescenze bianche o viola in estate. Tuttavia, l'intensa luce solare potrebbe danneggiare le foglie e deteriorarne il colore.
PlantCare:TransplantSummary

Come trapiantare Albero del drago?

PlantCare:TransplantSummary
Il momento migliore per trapiantare albero del drago è la tarda primavera, quando le temperature si alzano e la luce del sole diventa abbondante. Scegliete una posizione soleggiata con un terreno ben drenante per ottenere risultati ottimali. Se necessario, durante la fase di transizione, date alla pianta un sostegno supplementare per garantirne la stabilità. Buon trapianto!
Cultivation:PottingSuggestions

Come rinvasare Albero del drago?

Cultivation:PottingSuggestions
Dovrebbe essere rinvasato ogni 2-3 anni.
seasonal-tip

Misure precauzionali stagionali

Per via della loro minore resistenza al freddo, le temperature troppo basse andrebbero evitate in inverno. Quando le piante in vaso sono collocate all’interno durante la stagione invernale, è possibile nebulizzare dell’acqua sulle superfici fogliari in caso di riscaldamento o ridotti livelli di umidità.
care_scenes

Ulteriori informazioni su Albero Del Drago Crescita e cura

feedback
Guida alle cure di base
care_pet_and_diseases

Parassiti e malattie comuni

feedback
Problemi comuni relativi a Albero del drago, basati su 10 milioni di casi reali
Macchia bruna
Macchia bruna Macchia bruna Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Soluzioni: Nei casi minori di macchia bruna , non c'è bisogno di curare la malattia. Tuttavia, se gran parte del fogliame è interessata e si verifica la defogliazione, la pianta trarrà vantaggio dall'eliminazione dell'infezione. Si consiglia di iniziare applicando opzioni di trattamento organico, lavorando fino ai più potenti fungicidi sintetici e chimici, se necessario. Le opzioni organiche non uccideranno il fungo, ma ne impediranno la diffusione. Sciogliere ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di sapone liquido in un litro d'acqua. Usando un flacone spray, spruzzare sulla parte superiore e inferiore delle foglie fino a quando il composto non gocciola. Ripeti ogni due settimane fino a quando le macchie esistenti smettono di allargarsi e le nuove macchie non compaiono più. Spruzzare un sapone fungicida a base di rame sulle foglie, rivestendo la superficie superiore e inferiore delle foglie. Riapplicare come indicato sull'etichetta del prodotto. Il rame penetra nella superficie fogliare e previene la germinazione delle spore in modo che il fungo non possa diffondersi. Applicare un fungicida multiuso sull'intera pianta, seguendo attentamente le istruzioni sull'etichetta.
Learn More About the Macchia bruna more
Bruciatura fogliare
Bruciatura fogliare Bruciatura fogliare Bruciatura fogliare
Ci sono diverse possibili cause per la bruciatura delle foglie.
Soluzioni: La soluzione del bruciatura fogliare dipenderà dalla causa, tuttavia, in generale tutti i metodi di cura culturale che migliorano la salute delle piante e la funzionalità delle radici ridurranno i sintomi. La pacciamatura della zona delle radici (preferibilmente con pacciame di trucioli di legno) aiuta a trattenere l'umidità, ridurre l'evaporazione e promuove un ambiente radicale sano e funzionale, fondamentale per il movimento dell'acqua verso le foglie. Controlla il colletto della radice per cingere o circondare le radici che strangolano il tronco e limitano il movimento dell'acqua e dei nutrienti. Proteggere gli alberi da gravi danni alle radici di costruzioni e scavi vicini. Se la colpa è dell'ustione del fertilizzante, irriga in profondità il terreno per eliminare i sali di fertilizzante in eccesso. Tuttavia, tieni presente che il deflusso di fertilizzanti è un inquinante ambientale. Evitare la fertilizzazione in eccesso in primo luogo è l'approccio migliore. Se l'analisi del suolo ha rivelato una carenza di potassio, applicare un fertilizzante di potassio e annaffiare bene. Anche se hai abbastanza potassio nel terreno, le piante non saranno in grado di assorbirlo se il terreno è costantemente troppo asciutto. I ramoscelli gravemente colpiti possono essere rimossi utilizzando un paio di forbici da potatura affilate e igienizzate, poiché i rami indeboliti sono suscettibili alle infezioni secondarie. Se la tua pianta ha una bruciatura batterica delle foglie, non esiste una cura. Le iniezioni di antibiotici applicate da un professionista possono ridurre i sintomi per una stagione, tuttavia, i metodi di gestione culturale di cui sopra sono le migliori opzioni per ridurre i sintomi e prolungare la vita. Una pianta infetta probabilmente morirà entro dieci anni.
Learn More About the Bruciatura fogliare more
La pianta si è seccata
La pianta si è seccata La pianta si è seccata La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Soluzioni: La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Learn More About the La pianta si è seccata more
Carenza di acqua
Carenza di acqua Carenza di acqua Carenza di acqua
Un'irrigazione insufficiente farà appassire e ingiallire le foglie della pianta, quindi gradualmente si asciugheranno e cadranno. Nei casi più gravi, questo porterà alla morte della pianta.
Soluzioni: Il modo più semplice (e più ovvio) per affrontare carenza di acqua è idratare completamente la pianta. Tuttavia, questo deve essere fatto con attenzione. Un errore comune che fanno molti giardinieri è bagnare le loro piante sott'acqua con l'acqua. Questo può sopraffare le radici della pianta e scioccare il suo sistema, qualcosa che può essere anche più dannoso della mancanza di acqua per cominciare. Invece, annaffia accuratamente e lentamente, facendo delle pause per lasciare che l'acqua si satura lentamente attraverso il terreno per arrivare alle radici. Utilizzare acqua a temperatura ambiente, poiché l'acqua fredda potrebbe essere uno shock eccessivo. In futuro, ridurre il tempo tra le annaffiature. Una buona regola pratica è controllare il terreno intorno a ogni pianta ogni giorno. Se è asciutto fino ad almeno due pollici in basso, è il momento di annaffiare. Se una pianta in vaso si asciuga ripetutamente molto rapidamente, anche il rinvaso in un contenitore a drenaggio più lento potrebbe essere una buona idea.
Learn More About the Carenza di acqua more
autodiagnose

Cura e previeni le malattie delle piante.

Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
close
Macchia bruna
plant poor
Macchia bruna
Questa infezione può causare la comparsa di macchie o macchie marroni sulla pianta.
Panoramica
Panoramica
Le macchie scolorite sul fogliame delle piante sono uno dei problemi di malattia più comuni che le persone osservano. Questi punti sono causati da malattie fungine e batteriche, con la maggior parte delle infezioni legate a un patogeno fungino. Macchia bruna può verificarsi su tutte le piante d'appartamento, piante ornamentali da fiore, piante da ortaggi e foglie di alberi, cespugli e arbusti. Nessuna pianta resiste ad esso e il problema è peggiore negli ambienti caldi e umidi. Può verificarsi in qualsiasi momento della fase di vita purché siano presenti le foglie. Piccole macchie brunastre compaiono sul fogliame e si ingrandiscono con il progredire della malattia. Nei casi più gravi, la pianta o l'albero si indeboliscono quando le lesioni interrompono la fotosintesi o causano la defogliazione.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Nella maggior parte dei casi, macchia bruna interessa solo una piccola percentuale dell'intera pianta, comparendo su una piccola parte delle foglie. Una piccola infezione mette solo un leggero stress sulla pianta. Tuttavia, se non trattata e la malattia progredisce in numerose stagioni, avrà un grave impatto sulla salute e sulla produttività del campione infetto.
  • Inizia la sporulazione (riproduzione delle spore fungine) e sulle foglie compaiono minuscole macchie.
  • Il posizionamento è spesso casuale e disperso poiché le malattie si diffondono attraverso le gocce di pioggia.
  • Può comparire sulle foglie più basse e all'interno della pianta dove l'umidità è più alta.
  • Le macchie marroni si allargano e diventano abbastanza grandi da toccare i punti vicini per formare una macchia più prominente.
  • I margini delle foglie possono ingiallire.
  • Piccoli punti neri (corpi fruttiferi dei funghi) compaiono nei punti morti.
  • Le macchie crescono di dimensioni fino a quando l'intera foglia non è marrone.
  • La foglia cade dalla pianta.
Sintomi gravi
  • Defogliazione prematura parziale o completa
  • Crescita ridotta
  • Aumento della suscettibilità ai parassiti e ad altre malattie
Causa della malattia
Causa della malattia
Macchia bruna , o macchia fogliare, è un termine descrittivo comune dato a diverse malattie che colpiscono le foglie di piante e alberi. Circa l'85% delle malattie che mostrano macchie fogliari sono dovute a funghi o organismi simili a funghi. A volte macchia bruna è causato da un'infezione batterica o dall'attività degli insetti con sintomi simili. Quando le condizioni sono calde e le superfici fogliari sono bagnate, le spore fungine trasportate dal vento o dalla pioggia si depositano sulla superficie e si attaccano ad essa. Non rompono le pareti cellulari ma crescono nello spazio tra la membrana plasmatica vegetale e la parete cellulare vegetale. Quando le spore si riproducono, rilasciano tossine ed enzimi che causano macchie necrotiche (cioè tessuti morti) sulle foglie, consentendo ai funghi di consumare i prodotti rilasciati quando le cellule si degradano.
Soluzioni
Soluzioni
Nei casi minori di macchia bruna , non c'è bisogno di curare la malattia. Tuttavia, se gran parte del fogliame è interessata e si verifica la defogliazione, la pianta trarrà vantaggio dall'eliminazione dell'infezione. Si consiglia di iniziare applicando opzioni di trattamento organico, lavorando fino ai più potenti fungicidi sintetici e chimici, se necessario. Le opzioni organiche non uccideranno il fungo, ma ne impediranno la diffusione.
  1. Sciogliere ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaino di sapone liquido in un litro d'acqua. Usando un flacone spray, spruzzare sulla parte superiore e inferiore delle foglie fino a quando il composto non gocciola. Ripeti ogni due settimane fino a quando le macchie esistenti smettono di allargarsi e le nuove macchie non compaiono più.
  2. Spruzzare un sapone fungicida a base di rame sulle foglie, rivestendo la superficie superiore e inferiore delle foglie. Riapplicare come indicato sull'etichetta del prodotto. Il rame penetra nella superficie fogliare e previene la germinazione delle spore in modo che il fungo non possa diffondersi.
  3. Applicare un fungicida multiuso sull'intera pianta, seguendo attentamente le istruzioni sull'etichetta.
Prevenzione
Prevenzione
Come molte altre malattie, è più facile prevenire macchia bruna che curarlo, e questo viene fatto attraverso pratiche culturali.
  • Elimina le foglie autunnali dal terreno prima dell'inverno per ridurre al minimo i luoghi in cui funghi e batteri possono svernare.
  • Mantenere un buon movimento dell'aria tra le piante attraverso un'adeguata spaziatura tra le piante.
  • Aumenta la circolazione dell'aria attraverso il centro delle piante attraverso la potatura.
  • Pulisci accuratamente tutti gli strumenti di potatura dopo aver lavorato con piante malate.
  • Non gettare mai materiale vegetale malato in un cumulo di compost.
  • Evitare l'irrigazione sopraelevata per mantenere l'umidità lontana dal fogliame.
  • Mantieni le piante sane fornendo luce solare, acqua e fertilizzanti adeguati.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Bruciatura fogliare
plant poor
Bruciatura fogliare
Ci sono diverse possibili cause per la bruciatura delle foglie.
Panoramica
Panoramica
Bruciatura fogliare si riferisce a due condizioni generali: bruciatura fogliare fisiologica e bruciatura fogliare batterica. Fa scolorire le foglie a partire dai margini e alla fine muoiono. lo sviluppo del bruciatura fogliare è più comune nella stagione calda e secca, diventando più evidente a fine estate. Tuttavia, può verificarsi in altri periodi dell'anno. Colpisce più spesso alberi e arbusti giovani, ma può colpire anche fiori, verdure e altre piante. Bruciatura fogliare può peggiorare progressivamente in più stagioni. Se le cause alla radice non vengono affrontate, bruciatura fogliare può portare alla morte delle piante. Sebbene non sia possibile invertire il danno causato dalla bruciatura fisiologica delle foglie, è possibile prevenire ulteriori danni. Con una corretta gestione, le piante si riprenderanno completamente. Tuttavia, non esiste una cura per la bruciatura batterica delle foglie, che è un'infezione sistemica.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • Foglie gialle, marroni o annerite che iniziano con i margini delle foglie
  • Le punte di ramoscelli morenti su alberi e arbusti mentre le foglie muoiono e cadono
  • Spesso c'è una linea di confine giallo brillante tra il tessuto fogliare morto e vivo
Causa della malattia
Causa della malattia
Ci sono numerose cause che contribuiscono al bruciatura fogliare . La bruciatura batterica delle foglie è causata dal batterio Xylella fastidiosa . I batteri bloccano i vasi xilematici, impedendo il movimento dell'acqua. I sintomi possono variare tra le specie. La bruciatura fisiologica delle foglie si verifica più comunemente quando una pianta non può assorbire abbastanza acqua. Numerose condizioni possono portare a questo problema, in particolare un sistema di root malsano. Alcune cause di un apparato radicale malsano includono terreno eccessivamente compatto, lavorazione recente, compattazione delle radici e taglio dovuto a pavimentazione o altre costruzioni, siccità e terreni eccessivamente saturi. La carenza di potassio può contribuire al bruciatura fogliare . Poiché le piante hanno bisogno di potassio per spostare l'acqua, non possono muovere correttamente l'acqua quando c'è una mancanza di potassio. Troppo fertilizzante può anche causare sintomi di bruciatura fogliare . L'accumulo di sali (compresi i sali nutritivi dei fertilizzanti, così come l'acqua salata) si accumula ai margini delle foglie e può accumularsi fino a concentrazioni che bruciano i tessuti.
Soluzioni
Soluzioni
La soluzione del bruciatura fogliare dipenderà dalla causa, tuttavia, in generale tutti i metodi di cura culturale che migliorano la salute delle piante e la funzionalità delle radici ridurranno i sintomi.
  • La pacciamatura della zona delle radici (preferibilmente con pacciame di trucioli di legno) aiuta a trattenere l'umidità, ridurre l'evaporazione e promuove un ambiente radicale sano e funzionale, fondamentale per il movimento dell'acqua verso le foglie.
  • Controlla il colletto della radice per cingere o circondare le radici che strangolano il tronco e limitano il movimento dell'acqua e dei nutrienti.
  • Proteggere gli alberi da gravi danni alle radici di costruzioni e scavi vicini.
  • Se la colpa è dell'ustione del fertilizzante, irriga in profondità il terreno per eliminare i sali di fertilizzante in eccesso. Tuttavia, tieni presente che il deflusso di fertilizzanti è un inquinante ambientale. Evitare la fertilizzazione in eccesso in primo luogo è l'approccio migliore.
  • Se l'analisi del suolo ha rivelato una carenza di potassio, applicare un fertilizzante di potassio e annaffiare bene. Anche se hai abbastanza potassio nel terreno, le piante non saranno in grado di assorbirlo se il terreno è costantemente troppo asciutto.
  • I ramoscelli gravemente colpiti possono essere rimossi utilizzando un paio di forbici da potatura affilate e igienizzate, poiché i rami indeboliti sono suscettibili alle infezioni secondarie.
  • Se la tua pianta ha una bruciatura batterica delle foglie, non esiste una cura. Le iniezioni di antibiotici applicate da un professionista possono ridurre i sintomi per una stagione, tuttavia, i metodi di gestione culturale di cui sopra sono le migliori opzioni per ridurre i sintomi e prolungare la vita. Una pianta infetta probabilmente morirà entro dieci anni.
Prevenzione
Prevenzione
  • È meglio evitare la bruciatura fisiologica delle foglie assicurandosi che le tue piante abbiano un apparato radicale sano e funzionale e l'accesso a una quantità sufficiente di acqua. Innaffia regolarmente, soprattutto nelle mattine di giornate eccessivamente calde e soleggiate. Un'irrigazione profonda e poco frequente è migliore di un'irrigazione superficiale e frequente.
  • Fai testare il terreno e applica i nutrienti adeguati. Assicurati di non applicare fertilizzanti in eccesso.
  • Assicurati che le radici delle tue piante abbiano spazio per espandersi. Evita anche il terreno compatto ed evita le aree di pavimentazione sopra la zona delle radici. Non dissodare o disturbare il terreno dove crescono le radici delle piante.
  • Pianta nuovi alberi e arbusti in autunno, in modo che abbiano il tempo massimo per stabilizzarsi prima degli stress ambientali della prossima estate.
  • Rimuovere qualsiasi tessuto vegetale morto o morente che potrebbe ospitare infezioni secondarie.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
La pianta si è seccata
plant poor
La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
La pianta si è seccata ed è diventata marrone. Potrebbe iniziare ad appassire, non si nota nulla di verde intorno agli steli e alle foglie. Le foglie, toccandole, potrebbero stropicciarsi sotto le dita.
Le possibili cause della secchezza di una pianta includono:
  1. Mancanza di acqua. La mancanza di acqua fa seccare il tessuto della pianta.
  2. Troppa acqua. Innaffiare troppo può far marcire le radici, il che fa sì che la pianta faccia fatica ad assorbire l'acqua. Le radici marce e mollicce sono un segno di sovralimentazione.
  3. Entrare in dormienza. Quando le piante perenni entrano nel loro periodo di riposo noto come dormienza, le foglie si seccano e possono cadere. Questo accade nella fase in cui le giornate si accorciano.
  4. Esposizione a diserbanti e altre sostanze tossiche. Se una pianta viene sottoposta a una forte dose di diserbante o di altre sostanze chimiche tossiche, diventa marrone.
  5. Troppa fertilità. Un eccesso di fertilizzante può impedire alle piante di assorbire acqua, e questo le fa seccare.
  6. Non corretta esposizione al sole. Proprio come capita agli esseri umani, anche le piante possono scottarsi, a causa della luce intensa e diretta del sole. Le piante possono seccarsi, anche se non ricevono abbastanza luce.
Per capire se la pianta è ancora viva e può essere salvata, è possibile:
  1. Piegare uno stelo. Se lo stelo è malleabile, la pianta è ancora viva. Se lo stelo si rompe, la pianta è morta.
  2. Grattare delicatamente lo stelo con l'unghia per vedere se ci sono segni di verde all'interno. Se la pianta è morta, lo stelo sarà fragile e completamente marrone.
  3. Tagliare gli steli un po' più indietro per un po' di tempo per vedere se c'è una crescita verde. Se nessuno degli steli presenta una visibile crescita verde, la pianta è morta.
Soluzioni
Soluzioni
La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento.
  1. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione.
  2. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi.
  3. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie.
  4. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco.
  5. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Prevenzione
Prevenzione
La prevenzione consiste nel fare in modo che la pianta abbia un ambiente vitale adeguato.
  1. Fornire la giusta quantità d'acqua. La quantità d'acqua dipende dalle dimensioni, dalla specie e dall'ambiente della pianta. Una regola generale è quella di lasciare asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra.
  2. Posizionare le piante nell'ambiente appropriato. Assicurati che la pianta abbia le adeguate ore di sole e la giusta temperatura.
  3. Fornire la giusta fertilità. La maggior parte delle piante deve essere fertilizzata solo una o due volte all'anno; non esagerare con la fertilizzazione.
  4. Mantenere le piante prive di sostanze tossiche. Tieni gli erbicidi e le sostanze chimiche tossiche per la casa lontano dalle tue piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Carenza di acqua
plant poor
Carenza di acqua
Un'irrigazione insufficiente farà appassire e ingiallire le foglie della pianta, quindi gradualmente si asciugheranno e cadranno. Nei casi più gravi, questo porterà alla morte della pianta.
Panoramica
Panoramica
piante di carenza di acqua è uno dei modi più rapidi per ucciderle. Questo è qualcosa di cui la maggior parte dei giardinieri è ben consapevole. Sfortunatamente, sapere esattamente di quanta acqua ha bisogno una pianta può essere complicato, soprattutto considerando che l'immersione e l'irrigazione eccessiva presentano sintomi simili nelle piante. Pertanto, è importante essere vigili e attenti alle esigenze individuali di ogni pianta.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Come accennato in precedenza, l'eccesso di acqua e l'immersione subacquea presentano sintomi simili nelle piante. Questi sintomi includono scarsa crescita, foglie appassite, defogliazione e punte o margini delle foglie marroni. In definitiva, sia l'immersione che l'eccesso di acqua possono portare alla morte di una pianta. Il modo più semplice per determinare se una pianta ha troppa acqua o troppo poca è guardare le foglie. Se carenza di acqua è il colpevole, le foglie appariranno marroni e croccanti, mentre se è troppo abbondante, appariranno di colore giallo o verde pallido. Quando questo problema inizia per la prima volta, potrebbero non esserci sintomi evidenti, in particolare nelle piante resistenti o resistenti alla siccità. Tuttavia, inizieranno ad appassire una volta che inizieranno a soffrire di mancanza d'acqua. I bordi delle foglie della pianta diventeranno marroni o arricciati. Il terreno che si stacca dai bordi della fioriera è un segno rivelatore o uno stelo croccante e fragile. Il carenza di acqua prolungato può causare un rallentamento della crescita di una pianta. Le foglie potrebbero cadere e anche la pianta può essere più suscettibile alle infestazioni di parassiti.
Causa della malattia
Causa della malattia
Carenza di acqua è causato, semplicemente, dal non annaffiare le piante spesso o abbastanza in profondità. Esiste un rischio maggiore di carenza di acqua se si verifica una di queste situazioni:
  • Caldo estremo e clima secco (quando si coltiva all'aperto)
  • Coltiva le luci o l'illuminazione per interni troppo luminosa o intensa per il tipo di pianta
  • Utilizzo di substrati di coltivazione a drenaggio rapido come la sabbia
Soluzioni
Soluzioni
Il modo più semplice (e più ovvio) per affrontare carenza di acqua è idratare completamente la pianta. Tuttavia, questo deve essere fatto con attenzione. Un errore comune che fanno molti giardinieri è bagnare le loro piante sott'acqua con l'acqua. Questo può sopraffare le radici della pianta e scioccare il suo sistema, qualcosa che può essere anche più dannoso della mancanza di acqua per cominciare. Invece, annaffia accuratamente e lentamente, facendo delle pause per lasciare che l'acqua si satura lentamente attraverso il terreno per arrivare alle radici. Utilizzare acqua a temperatura ambiente, poiché l'acqua fredda potrebbe essere uno shock eccessivo. In futuro, ridurre il tempo tra le annaffiature. Una buona regola pratica è controllare il terreno intorno a ogni pianta ogni giorno. Se è asciutto fino ad almeno due pollici in basso, è il momento di annaffiare. Se una pianta in vaso si asciuga ripetutamente molto rapidamente, anche il rinvaso in un contenitore a drenaggio più lento potrebbe essere una buona idea.
Prevenzione
Prevenzione
Controllare sempre il terreno prima di annaffiare. Se il pollice superiore del terreno sembra umido, anche se non bagnato, l'irrigazione è perfetta. Se è asciutto, annaffialo immediatamente. Se ti sembra inzuppato, evita di annaffiare finché non si asciuga un po' di più. Inoltre, assicurati che l'illuminazione sia sufficiente per la specie. Le piante crescono più velocemente e hanno bisogno di più acqua quando c'è luce intensa o molto calore. Essere consapevoli di queste condizioni e modificarle, se possibile, è un buon modo per prevenire carenza di acqua . Molte piante in vaso sono messe in vaso in miscele di terreno destinate a essere ben drenanti. Anche l'aggiunta di materiali che trattengono l'umidità, come compost o muschio di torba, può prevenire questi sintomi. Altri suggerimenti per prevenire carenza di acqua includono:
  • Scegli pentole con fori di drenaggio di dimensioni adeguate
  • Evita le temperature calde
  • Usa vasi grandi con terriccio aggiuntivo (questi impiegano più tempo per asciugarsi)
  • Evita i vasi di terracotta, che perdono acqua rapidamente
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
care_toxicity

Albero Del Drago e la loro tossicità

feedback
* Il giudizio su tossicità e pericolosità è solo indicativo. NON GARANTIAMO l'accuratezza di tali giudizi. Perciò, NON DOVRESTI basarti su questo giudizio. E' IMPORTANTE RICHIEDERE IN ANTICIPO L'AIUTO DI UN PROFESSIONISTA, quando necessario.
Tossico per i cani
Mentre il sapore amaro di solito impedisce ai cani di mangiare troppe foglie, albero del drago ( Dracaena draco ) rappresenta un rischio da moderato a grave se consumato. Tutte le parti della pianta sono tossiche, ma le foglie sono la parte più spesso mangiata. L'ingestione può causare perdita di appetito, diarrea e vomito. Se si presentano versioni gravi di questi sintomi, è necessario rivolgersi al veterinario. I proprietari dovrebbero essere vigili perché questa è una pianta d'appartamento molto comune e può essere incontrata anche nei centri commerciali e in altri spazi pubblici.
Tossico per i gatti
A causa del loro contenuto di saponina, le piante della albero del drago sono moderatamente tossiche per i gatti. A seconda della specie, solo il fogliame può essere tossico o l'intera pianta può essere velenosa. I sintomi più comuni di avvelenamento sono diarrea, vomito, salivazione, pupille dilatate, perdita di appetito, debolezza e aumento del battito cardiaco. I sintomi più gravi possono richiedere un viaggio dal veterinario.
care_more_info

Altro su Albero Del Drago

feedback
Tipo di pianta
Tipo di pianta
Cespuglio, Albero
Durata di Vita
Durata di Vita
Perenne
Diametro della Corona
Diametro della Corona
4.5 a 8 m
Periodo di fioritura
Periodo di fioritura
Estate
Colore del fiore
Colore del fiore
Bianco
Verde
Colore della foglia
Colore della foglia
Verde
Blu
Altezza della Pianta
Altezza della Pianta
20 m
plantfinder

Trova le amiche verdi perfette per te.

Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
care_faq

Problemi Comuni

feedback

Perché i margini fogliari ingialliscono e avvizziscono?

more more
Potrebbe dipendere da un’umidità dell’aria troppo bassa. Albero del drago sono piante native delle zone tropicali/subtropicali e prediligono un ambiente caldo e umido. In periodi ordinari, le piante andrebbero nebulizzate con acqua per umidificare l’ambiente circostante.

Perché le foglie ingialliscono o addirittura cadono?

more more
Potrebbe dipendere dall’eccessiva irrigazione e dallo scarso drenaggio. Rispetto ad altre piante d’interni, albero del drago richiede meno acqua. Annaffiare una volta a settimana è sufficiente ed è possibile ripetere l’intervento quando il suolo superficiale del vaso è asciutto. Ricorda di drenare l’acqua in eccesso dal sottovaso 30 minuti dopo aver finito di annaffiare, e di usare suoli sciolti e permeabili all’acqua per la coltivazione.

Perché sulla superficie fogliare appaiono macchie scure o bordi gialli?

more more
Se sulla lamina posteriore della foglia compaiono uova bianche, la pianta potrebbe essere infestata da acari. In caso contrario, questi problemi potrebbero essere causati dal fluoro contenuto nell’acqua di rubinetto. In caso di infezioni non gravi da acari, è possibile lavare ripetutamente le foglie con acqua. Albero del drago sono sensibili al fluoro contenuto nell’acqua di rubinetto, quindi si raccomanda di usare acqua piovana o acqua pura per irrigare. In alternativa, l’acqua di rubinetto andrebbe conservata in un contenitore per una notte, innaffiando soltanto dopo che il contenuto di fluoro si è ridotto.

Come controllare l’altezza della pianta?

more more
La luce filtrata, l’acqua e il fertilizzante possono essere opportunamente ridotti. In primavera, le piante possono essere tagliate all’altezza desiderata con forbici da giardinaggio affilate (troncarami). Ricorda di lasciare le gemme sotto la linea di taglio. Pota correttamente le radici della pianta quando sostituisci il vaso o il suolo e usa un vaso idoneo per limitarne la crescita.
care_new_plant

Prendersi Cura di una Nuova Pianta

feedback
new-plant
Le seguenti immagini e istruzioni per le pianta tropicale hanno lo scopo di aiutare le tue piante ad adattarsi e a prosperare in un nuovo ambiente.
more
1
Scegliere una Pianta Tropicale Sana
check-health

Controlla la Sua Salute

part
Pianta Intera
Chioma simmetrica, rami uniformemente distribuiti, forma piena e compatta, assenza di crescita eccessiva, internodi ravvicinati e dimensioni uniformi delle foglie.
part
Rami
I rami non sono appassiti e il tronco non presenta fori o danni.
more
Foglie
Controllate l'interno della pianta, le zone d'ombra e di sovrapposizione, il retro delle foglie. Colore uniforme, assenza di ingiallimento, di macchie marroni, di insetti striscianti, di ragnatele, di deformazioni e di appassimento.
more
Steli
Nessuna muffa, imbrunimento o marciume molle alla base della pianta.
health-trouble

Risoluzione dei Problemi di Salute

Pianta Intera
Rami
Steli
Foglie
more
more 1 Chioma asimmetrica o ramificazione mancante e disomogenea: potate i rami deboli ed esili della porzione più grande della chioma asimmetrica, quindi tagliate i rami più grandi cresciuti.
more
more 2 Gli internodi sono più lunghi nella parte superiore, le foglie sono rade e più piccole nella parte superiore: aumentare l'intensità o la durata della luce.
more
more 1 Rami secchi: verificare se il ramo è ancora vivo staccando una piccola sezione di corteccia e tagliare i rami secchi. Fate attenzione ai segni di infestazione da insetti all'interno del ramo.
more
more 2 Corteccia con fori: iniettare l'insetticida nei fori e applicare un insetticida sistemico alle radici.
more
more 3 Corteccia danneggiata: spennellare un agente cicatrizzante ed evitare di bagnare la ferita.
more
Muffa, imbrunimento o marciume molle alla base: collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
more
more 1 Colore delle foglie non uniforme e ingiallimento: potate le foglie gialle e controllate se ci sono segni di marciume alla base della pianta. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
more
more 2 Macchie marroni o piccole macchie gialle: collocare la pianta in un'area ventilata ed evitare di annaffiare le foglie. Nei casi più gravi, spruzzare un fungicida.
more
more 3 Minuscoli insetti striscianti sul retro delle foglie o ragnatele tra le foglie: aumentare l'esposizione alla luce e spruzzare insetticidi per i casi più gravi.
more
more 4 Deformazioni o parti mancanti sulle foglie: determinare se si tratta di danni fisici o di infestazioni di parassiti. I danni lineari o da strappo sono fisici, mentre gli altri sono parassiti. Spruzzare un insetticida.
more
more 5 Foglie appassite: fornire un'ombra parziale ed evitare un'eccessiva esposizione al sole. Rimuovere da 1/3 a 1/2 delle foglie nei casi più gravi.
autodiagnose

Cura e previeni le malattie delle piante.

Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
check-condition

Controlla le Sue Condizioni di Crescita

more
Controllo del Terreno
Il terreno deve avere un odore fresco come dopo la pioggia e non deve avere un odore di muffa.
more
Controllo della Luce
Controllate il fabbisogno di luce della pianta e se corrisponde alla posizione di impianto.
more
Controllo della Ventilazione
Assicurare una buona ventilazione.
more
Controllo della Temperatura
Controllare se la temperatura esterna attuale è troppo bassa o troppo alta.
condition-trouble

Risoluzione dei Problemi delle Condizioni

Terreno
Luce adatta
Temperatura ideale
Ventilazione
check
Terriccio per vasi, Terriccio misto a muschio di torba
Terreno
Il terreno ha un odore di muffa o di sporco: controllare che l'apparato radicale non sia deteriorato, collocare la pianta in un ambiente ventilato e asciutto e annaffiare con un fungicida.
check
Pieno sole, Sole parziale
Luce adatta
Luce insufficiente: Le piante da interno possono sopportare una luce ridotta, ma non l'ombra completa. Spostare periodicamente la pianta in un luogo più soleggiato può aiutare a compensare l'impoverimento dei nutrienti in condizioni di scarsa luminosità.
Recupero del trapianto: Ombreggiare, posizionare in luce diffusa e luminosa. Aumentare gradualmente la luce dopo 3 giorni senza che la pianta appassisca. In caso di trapianto/rinvaso o di perdita di foglie, ombreggiare per una settimana. Aumentare la luce in caso di ingiallimento e caduta delle foglie.
check
10℃ to 35℃
Temperatura ideale
La temperatura è troppo bassa o troppo alta: In genere l'interno soddisfa le esigenze della pianta. Non collocare all'esterno a temperature inferiori a 50℉ (10℃) o superiori a 86℉ (30℃).
check
Ben ventilato
Ventilazione
Ambiente non ventilato: può provocare marciume delle radici, malattie e caduta dei fiori. Collocate le piante in un luogo ben ventilato, come una finestra.
more
2
Adattare la Tua Nuova Pianta Tropicale
Passo 1
condition-image
Rinvaso
Il trapianto è possibile ma non necessario. Pulire le radici eliminando quelle marce o annerite. Quando si estrae la pianta dal vaso, fare attenzione a mantenere intatto l'apparato radicale e a non spargere il terreno. Se le radici sono troppo aggrovigliate, allargatele delicatamente e tagliatele come necessario. Per la messa a dimora, mescolare una piccola quantità di fertilizzante organico ben tritato sul fondo del terreno. Per la messa a dimora, utilizzare un terriccio floreale sciolto e arioso e premere leggermente il terreno dopo la messa a dimora. Innaffiate subito e abbondantemente il terreno dopo la messa a dimora.
Passo 2
condition-image
Potatura
Di solito non è necessario. Tagliate le foglie gialle o malate e le foglie affollate che sembrano appassite o cadenti.
Passo 3
condition-image
Annaffiatura
Aumentare le annaffiature nella prima settimana per mantenere il terreno umido. Innaffiare quando il terreno è leggermente asciutto, per almeno 2 settimane. Evitare di innaffiare eccessivamente. Non annaffiare quando le dita sono sporche d'acqua dopo aver toccato il terreno.
Passo 4
condition-image
Concimazione
Aggiungere una piccola quantità di fertilizzante di base durante il trapianto o il rinvaso. Non sono necessari altri fertilizzanti per il primo mese.
lightmeter

Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.

Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
product icon close
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
product icon close
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Luminosità
close
Al chiuso
Al chiuso
All'aperto
Scegli un sito qui per avere consigli personalizzati sulla cura.
Esigenze
Pieno sole
Ideale
Più di 6 ore di luce solare
Sole parziale
Tolleranza
Circa 3-6 ore di luce solare
Osserva come la luce solare si muove con grazia attraverso il tuo giardino e scegli punti che offrano il perfetto equilibrio tra luce e ombra per le tue piante, garantendo la loro felicità.
Informazioni Essenziali
Albero del drago vive in pieno sole, godendo fino a 6 ore di luce al giorno. Il suo habitat originario è costituito da paesaggi assolati. Per una crescita sana, assicurate un'esposizione alla luce solare sufficiente, evitando però raggi troppo intensi.
Ideale
Tollerabile
Non adatta
icon
Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.
Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Scarica l'App
Illuminazione artificiale
Le piante d'appartamento richiedono una luce adeguata per una crescita ottimale. Quando la luce solare naturale è insufficiente, specialmente in inverno o in spazi meno soleggiati, le luci artificiali offrono una soluzione vitale, promuovendo una crescita più rapida e più sana.
Scopri di più
Le piante da interno richiedono una illuminazione adeguata per una crescita ottimale. Quando la luce solare naturale è insufficiente, soprattutto in inverno o in spazi poco soleggiati, le luci artificiali offrono una soluzione fondamentale, promuovendo una crescita più rapida e sana.
1. Scegli il tipo giusto di luce artificiale: Le luci a LED sono una scelta popolare per l'illuminazione delle piante da interno perché possono essere personalizzate per fornire le specifiche lunghezze d'onda di luce di cui le tue piante hanno bisogno.
Le piante a pieno sole necessitano di 30-50W/piede quadrato di luce artificiale, le piante a mezz'ombra necessitano di 20-30W/piede quadrato e le piante in ombra completa necessitano di 10-20W/piede quadrato.
2. Determina la distanza appropriata: Posiziona la fonte luminosa a 12-36 pollici sopra la pianta per imitare la luce solare naturale.
3. Determina la durata: Imita la durata delle ore di luce solare naturale per la tua specie di pianta. La maggior parte delle piante ha bisogno di 8-12 ore di luce al giorno.
Sintomi importanti
Sintomi di luce insufficiente in %s
Albero del drago prospera in pieno sole, ma può tollerare l'ombra parziale. Tuttavia, quando viene coltivata in casa durante l'inverno, viene spesso collocata in stanze con illuminazione insufficiente, provocando sintomi facilmente percepibili di carenza di luce.
Scopri di più
(Dettagli dei sintomi e soluzioni)
Nuove foglie di colore più chiaro
Una luce solare insufficiente può far sì che le foglie sviluppino colori irregolari o appaiano pallide. Ciò indica una mancanza di clorofilla e di nutrienti essenziali.
Caduta delle foglie più rapida
Quando le piante sono esposte a condizioni di scarsa luminosità, tendono a eliminare precocemente le foglie più vecchie per conservare le risorse. Entro un tempo limitato, queste risorse possono essere utilizzate per far crescere nuove foglie fino a quando le riserve energetiche della pianta non si esauriscono.
Crescita rallentata o assente
Albero del drago Quando le condizioni di luce sono scarse, la pianta entra in una modalità di sopravvivenza che porta a un arresto della produzione di foglie. Di conseguenza, la crescita della pianta subisce un ritardo o si arresta del tutto.
Soluzioni
1. Per garantire una crescita ottimale, spostare gradualmente le piante in una posizione più soleggiata ogni settimana, finché non ricevono almeno 6 ore di luce solare diretta al giorno. Utilizzare una finestra rivolta a sud e tenere le tende aperte durante il giorno per massimizzare l'esposizione alla luce solare e l'accumulo di nutrienti.2. Per fornire luce aggiuntiva alla pianta, considerare l'utilizzo di luci artificiali se la pianta è grande o non facilmente spostabile. Mantenere accesa una lampada da scrivania o da soffitto per almeno 8 ore al giorno, oppure investire in luci di coltivazione professionali per una luce abbondante.
Sintomi di luce eccessiva in %s
Albero del drago prospera in pieno sole, ma può tollerare anche l'ombra parziale. Hanno una notevole resistenza alla luce solare intensa e i sintomi delle scottature possono non essere facilmente visibili.
Scopri di più
(Dettagli dei sintomi e soluzioni)
Clorosi
La clorosi è una condizione in cui le foglie della pianta perdono il loro colore verde e diventano gialle. Ciò è dovuto al deterioramento della clorofilla a causa di un'eccessiva esposizione alla luce solare, che influisce negativamente sulla capacità della pianta di fotosintetizzare.
Surriscaldamento
La scottatura solare si verifica quando le foglie o i fusti della pianta vengono danneggiati dall'esposizione alla luce solare intensa. Si manifesta come aree pallide, sbiancate o necrotiche sul tessuto della pianta e può ridurre la salute complessiva della pianta.
Arricciamento delle foglie
Il ricciolo delle foglie è un sintomo in cui le foglie si arricciano o si attorcigliano in condizioni di luce solare estrema. Questo è un meccanismo di difesa utilizzato dalla pianta per ridurre la superficie esposta alla luce solare, minimizzando la perdita d'acqua e i danni.
Appassimento
L'appassimento si verifica quando una pianta perde la pressione di turgore e le sue foglie e i suoi fusti cominciano a pendere. Un'eccessiva esposizione alla luce solare può causare l'appassimento aumentando la perdita d'acqua della pianta attraverso la traspirazione, rendendo difficile per la pianta mantenere un'adeguata idratazione.
Bruciature Fogliari
La bruciatura delle foglie è un sintomo caratterizzato dall'aspetto di margini o aree marroni, secchi e croccanti sulle foglie a causa di una luce solare eccessiva. Ciò può portare a una riduzione della capacità fotosintetica e alla salute complessiva della pianta.
Soluzioni
1. Sposta la tua pianta nella posizione ottimale in cui può ricevere abbondante luce solare ma anche un po' di ombra. Una finestra esposta a est è una scelta ideale poiché la luce del mattino è più delicata. In questo modo, la tua pianta potrà godere di abbondante luce solare riducendo al contempo il rischio di scottature.2. Si consiglia di potare eventuali parti completamente disidratate o appassite della pianta.
Vuoi scopri informazioni sulla cura delle piante, i consigli stagionali, le malattie e molto altro ancora?
Temperatura
close
Al chiuso
Al chiuso
All'aperto
Scegli un sito qui per avere consigli personalizzati sulla cura.
Esigenze
Ideale
Tollerabile
Non adatta
Proprio come le persone, ogni pianta ha le sue preferenze. Informarti sulle esigenze di temperatura delle tue piante e crea un ambiente confortante affinché possano prosperare. Man mano che ti prendi cura delle tue piante, il tuo legame con loro si approfondirà. Affidati alla tua intuizione mentre impari sulle loro esigenze di temperatura, celebrando il viaggio che condividete. Monitora amorevolmente la temperatura intorno alle tue piante e modifica il loro ambiente se necessario. Un termometro può essere il tuo alleato in questo impegno sincero. Sii paziente e gentile con te stesso mentre esplori le esigenze di temperatura delle tue piante. Apprezza i tuoi successi, impara dalle sfide e nutri il tuo giardino con amore, creando un rifugio che rifletta il calore della tua cura.
Informazioni Essenziali
Il albero del drago cresce in un clima caldo e secco, con temperature comprese tra 20 e 41 ℃ (68 e 106 ℉). Preferisce essere mantenuta a una temperatura costante all'interno di questo intervallo e può essere stressata da fluttuazioni improvvise. Durante le stagioni più fredde, quando le temperature scendono al di sotto dell'intervallo preferito, è importante tenere la pianta lontana da correnti d'aria fredda e mantenere una temperatura costante per evitare danni.
Vuoi scopri informazioni sulla cura delle piante, i consigli stagionali, le malattie e molto altro ancora?
Strumento per la Gestione dei Cookie
Oltre a gestire i cookie tramite il tuo browser o dispositivo, puoi modificare le impostazioni dei cookie qui sotto.
Cookie necessari
I cookie necessari abilitano le funzionalità principali. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie e può essere disabilitato solo modificando le preferenze del browser.
Cookie analitici
I cookie analitici ci aiutano a migliorare la nostra applicazione e il nostro sito web raccogliendo e segnalando informazioni sul suo utilizzo.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_ga Google Analytics Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link. 1 Anno
_pta PictureThis Analytics Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza. 1 Anno
Nome del Cookie
_ga
Fonte
Google Analytics
Scopo
Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_pta
Fonte
PictureThis Analytics
Scopo
Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza.
Durata di vita
1 Anno
Cookie di Marketing
I cookie di marketing vengono utilizzati dalle società pubblicitarie per pubblicare annunci pertinenti ai tuoi interessi.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_fbp Pixel di Facebook Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui. 1 Anno
_adj Adjust Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui. 1 Anno
Nome del Cookie
_fbp
Fonte
Pixel di Facebook
Scopo
Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_adj
Fonte
Adjust
Scopo
Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno
Questa pagina è più bella nell'app
Aperto