Prova Gratis
tab list
PictureThis
Italiano
arrow
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
PictureThis
Search
Cerca Piante
Prova Gratis
Global
Italiano
English
繁體中文
日本語
Español
Français
Deutsch
Pусский
Português
Italiano
한국어
Nederlands
العربية
Svenska
Polskie
ภาษาไทย
Bahasa Melayu
Bahasa Indonesia
Questa pagina è più bella nell'app
picturethis icon
Identifica istantaneamente le piante con un semplice clic
Scatta una foto per ottenere l'identificazione istantanea delle piante, ottenendo informazioni rapide sulla prevenzione delle malattie, il trattamento, la tossicità, la cura, gli utilizzi e il simbolismo, ecc.
Scarica l'App gratuitamente
Continua a leggere
about about
Su
care_guide care_guide
Guida alla cura
topic topic
FAQ sulla cura
plant_info plant_info
Maggiori informazioni
pests pests
Parassiti e malattie
distribution_map distribution_map
Distribuzione
care_scenes care_scenes
Ulteriori istruzioni
more_plants more_plants
Piante affini
pic top
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Senna alata
Acqua
Acqua
Ogni 2 settimane
Luce Solare
Luce Solare
Pieno sole
care guide

Guida alla cura per Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
Cura dell'innaffiatura
Cura dell'innaffiatura
Dettagli sull'innaffiatura Cura dell'innaffiatura
Cura del suolo
Cura del suolo
Terriccio, Argilla, Sabbia, Terreno sabbioso, Moderatamente acido, Leggermente acido, Neutro, Leggermente alcalino
Dettagli sulla cura del terreno Cura del suolo
Illuminazione ideale
Illuminazione ideale
Pieno sole, Sole parziale
Dettagli sulla necessità di luce solare Illuminazione ideale
Temperatura ideale
Temperatura ideale
9 a 11
Dettagli sulla temperatura Temperatura ideale
Periodo di semina
Periodo di semina
Inverno inoltrato, Inizio primavera
Dettagli sul periodo di semina Periodo di semina
care guide bg
Scopri quanta luce ricevono realmente le tue piante.
Trova i punti migliori per ottimizzare la loro salute, semplicemente usando il tuo telefono.
Scarica l'App
Picture This
Un botanico tascabile
qrcode
Scansiona il codice QR per effettuare il download
label
cover
Cassia alata
Acqua
Acqua
Ogni 2 settimane
Luce Solare
Luce Solare
Pieno sole
Zone di resistenza
Zone di resistenza
9 a 11
Periodo di semina
Periodo di semina
Inverno inoltrato, Inizio primavera
question

Domande su Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
Watering Watering Annaffiatura
Pruning Pruning Potatura
Sunlight Sunlight Luce solare
Temperature Temperature Temperatura
Fertilizing Fertilizing Concimazione
Qual è il modo migliore per annaffiare il mio Cassia alata?
Il vostro Cassia alata non sarà troppo esigente riguardo al modo in cui sceglierete di annaffiarlo. Per questo motivo, per inumidire il terreno di questa pianta è possibile utilizzare qualsiasi strumento di irrigazione comune. Annaffiatoi, tubi e persino tazze funzionano bene quando è il momento di innaffiare il vostro Cassia alata. Indipendentemente dallo strumento d'irrigazione utilizzato, in genere si deve applicare l'acqua direttamente sul terreno. In questo modo, bisogna assicurarsi di inumidire tutte le aree del terreno in modo uniforme, per dare a tutte le parti dell'apparato radicale l'acqua di cui hanno bisogno. Può essere utile utilizzare acqua filtrata, poiché l'acqua del rubinetto può contenere particelle dannose per le piante. È anche utile usare acqua a temperatura ambiente o leggermente superiore, poiché l'acqua più fredda o più calda può essere un po' scioccante per Cassia alata. Tuttavia, il Cassia alata di solito risponde bene a qualsiasi tipo di acqua gli si dia.
Continua a leggere more
Cosa devo fare se innaffio troppo o troppo poco il mio Cassia alata?
Le piante da esterno, soprattutto quelle appena piantate o le piantine, possono essere soggette a carenza d'acqua. Ricordate che è necessario continuare ad annaffiare a sufficienza per alcuni mesi quando l'albero è piccolo o appena piantato. Questo perché una volta che le radici sono consolidate, Cassia alata può contare sulla pioggia per la maggior parte del tempo. Quando Cassia alata è piantato in vaso, l'eccesso di acqua è spesso più probabile.Quando accidentalmente si innaffia troppo Cassia alata, bisogna essere pronti a rimediare immediatamente alla situazione. In primo luogo, è necessario interrompere immediatamente l'irrigazione della pianta per ridurre al minimo l'effetto dell'eccesso di acqua. In seguito, dovreste prendere in considerazione l'idea di rimuovere il Cassia alata dal suo vaso per ispezionare le radici. Se si scopre che nessuna delle radici ha sviluppato marciume radicale, si può rimettere la pianta nel suo contenitore. Se invece si riscontrano segni di marciume radicale, è necessario tagliare le radici che sono state colpite. È inoltre consigliabile applicare un fungicida per prevenire ulteriori danni. Infine, dovreste rinvasare il vostro Cassia alata in un terreno ben drenante. Nel caso di un Cassia alata poco irrigato, è sufficiente innaffiare la pianta con maggiore frequenza. L'innaffiatura è spesso una soluzione semplice. Se la pianta è sommersa, le sue foglie tendono ad afflosciarsi, a seccarsi e a cadere; le foglie torneranno rapidamente a riempirsi dopo una sufficiente annaffiatura. Correggete la frequenza di annaffiatura non appena si verifica l'annegamento.
Continua a leggere more
Con quale frequenza devo annaffiare il mio Cassia alata?
La maggior parte delle piante che crescono naturalmente all'aperto può essere lasciata crescere normalmente con le piogge. Se nella vostra zona mancano le precipitazioni, considerate di dare alle piante un'adeguata irrigazione ogni 2 settimane durante la primavera e l'autunno. In estate sono necessarie annaffiature più frequenti. In inverno, quando la crescita rallenta e le piante hanno bisogno di meno acqua, annaffiate con più parsimonia. Durante l'inverno si può anche non annaffiare affatto. Se il vostro Cassia alata è giovane o appena piantato, allora dovrete annaffiare più frequentemente per aiutarlo a stabilirsi, a maturare e a crescere per avere piante più adattabili e resistenti alla siccità. Per le piante in vaso, ci sono due modi principali per determinare la frequenza dell'irrigazione del vostro Cassia alata. Il primo consiste nell'impostare un programma di irrigazione predeterminato. Se si sceglie questa strada, si dovrebbe prevedere di innaffiare la pianta circa una volta alla settimana o una volta ogni due settimane. Tuttavia, questo approccio potrebbe non funzionare sempre, perché non tiene conto delle condizioni uniche dell'ambiente di crescita della vostra Cassia alata. La frequenza di irrigazione può cambiare anche in base alla stagione. Ad esempio, un programma di irrigazione predeterminato probabilmente non sarà sufficiente durante l'estate, quando le esigenze idriche di questa pianta sono più elevate. Un'alternativa è quella di impostare la frequenza di irrigazione in base all'umidità del terreno. In genere, è meglio aspettare che i primi due o quattro centimetri di terreno, di solito da ⅓ a ½ di profondità dei vasi, siano completamente asciutti prima di dare altra acqua.
Continua a leggere more
Di quanta acqua ha bisogno il mio Cassia alata?
Quando arriva il momento di annaffiare il vostro Cassia alata, potreste essere sorpresi di scoprire che questa pianta non ha sempre bisogno di un elevato volume d'acqua. Al contrario, se dall'ultima annaffiatura si sono asciugati solo pochi centimetri di terreno, è possibile favorire una crescita sana del Cassia alata somministrando da cinque a dieci once d'acqua a ogni annaffiatura. Potete anche decidere il volume d'acqua in base all'umidità del terreno. Come già accennato, è necessario annotare quanti centimetri di terreno si sono asciugati tra un'annaffiatura e l'altra. Un modo infallibile per assicurarsi che il vostro Cassia alata riceva l'umidità di cui ha bisogno è quello di fornire acqua a sufficienza per inumidire tutti gli strati di terreno che si sono asciugati dall'ultima volta che avete annaffiato. Se più della metà del terreno è diventata secca, dovreste considerare di dare più acqua del solito. In questi casi, continuate ad aggiungere acqua finché non vedrete l'acqua in eccesso drenare dai fori di scolo del vaso. Se il vostro Cassia alata è piantato in una zona che riceve molta pioggia all'aperto, potrebbe non aver bisogno di ulteriori annaffiature. Quando il Cassia alata è giovane o si sta appena affermando, assicuratevi che riceva 1-2 centimetri di pioggia a settimana. Man mano che continua a crescere e ad affermarsi, può sopravvivere interamente con l'acqua piovana e solo quando il clima è caldo e non ci sono precipitazioni per 2-3 settimane, allora prendete in considerazione la possibilità di annaffiare completamente il vostro Cassia alata per evitare che soffra di stress.
Continua a leggere more
Come posso capire se sto innaffiando a sufficienza il mio Cassia alata?
L'irrigazione eccessiva è un problema molto più comune per il Cassia alata e ci sono diversi segnali da osservare quando si verifica. In genere, una pianta di Cassia alata eccessivamente annaffiata presenta foglie ingiallite e può persino perdere alcune foglie. Inoltre, l'eccessiva irrigazione può causare un raggrinzimento della struttura complessiva della pianta e può anche favorire il marciume delle radici. D'altra parte, una Cassia alata poco annaffiata inizierà ad appassire. Può anche presentare foglie marroni o fragili al tatto. Sia che si notino segni di irrigazione eccessiva o insufficiente, bisogna essere pronti a intervenire e a ripristinare la salute della Cassia alata.
Continua a leggere more
Come posso annaffiare il mio Cassia alata nelle diverse fasi di crescita?
Quando il Cassia alata è molto giovane, ad esempio quando è allo stadio di piantina, è necessario dargli più acqua rispetto a quando è in età matura. Durante le prime fasi di vita di questa pianta, è importante mantenere il terreno costantemente umido per favorire lo sviluppo delle radici. Lo stesso vale per qualsiasi Cassia alata trapiantato in un nuovo luogo di crescita. Inoltre, il Cassia alata può sviluppare fiori e frutti vistosi se gli si presta la giusta cura. Se la vostra Cassia alata è in fase di fioritura o fruttificazione, dovrete probabilmente dare un po' più di acqua del solito per sostenere queste strutture vegetali.
Continua a leggere more
Come posso innaffiare il mio Cassia alata durante le stagioni?
I cambiamenti stagionali influiscono sulla frequenza delle innaffiature del vostro Cassia alata. Principalmente, durante i mesi estivi più caldi, sarà probabilmente necessario aumentare la frequenza di innaffiatura di questa pianta, soprattutto se cresce in un'area che riceve molta luce solare. La forte luce solare estiva può far sì che il terreno si asciughi molto più velocemente del solito, il che significa che sarà necessario annaffiare più frequentemente. Al contrario, il vostro Cassia alata avrà bisogno di molta meno acqua durante l'inverno, poiché non è in fase di crescita attiva. Durante l'inverno è possibile annaffiare una volta ogni 2 o 3 settimane o talvolta non annaffiare affatto. Chi coltiva questa pianta in casa deve fare attenzione a elettrodomestici come i condizionatori d'aria, che possono far seccare la pianta più rapidamente, rendendo necessarie annaffiature più frequenti.
Continua a leggere more
Che differenza c'è tra l'annaffiare il mio Cassia alata all'interno e all'esterno?
In alcuni casi, il vostro Cassia alata può non aver bisogno di annaffiature supplementari quando cresce all'esterno e sopravvive con la sola acqua piovana. Tuttavia, se vivete in una zona in cui le piogge sono scarse o assenti, dovreste innaffiare questa pianta ogni due settimane circa. Se fate parte del gruppo di persone che vivono al di fuori della zona di resistenza naturale di questa pianta, dovreste coltivarla in casa. In un ambiente interno, è necessario monitorare il terreno della pianta, poiché può asciugarsi più rapidamente quando è in un contenitore o quando è esposto a unità HVAC come i condizionatori d'aria. Questi fattori di essiccazione vi porteranno a innaffiare la pianta un po' più spesso rispetto a quando la coltivate all'aperto.
Continua a leggere more
icon
Ottieni consigli e trucchi per le tue piante.
Mantieni le tue piante felici e in salute con la nostra guida all'annaffiatura, all'illuminazione, all'alimentazione e altro ancora.
close
plant_info

Fatti salienti su Cassia alata

feedback
Feedback
feedback

Attributi di Cassia alata

Durata di Vita
Perenne
Tipo di pianta
Cespuglio
Periodo di semina
Inverno inoltrato, Inizio primavera
Periodo di fioritura
Estate inoltrata, Autunno, Inverno
Periodo di frutta
Autunno
Altezza della Pianta
3 m to 4 m
Diametro della Corona
3 m to 4.5 m
Colore della foglia
Verde
Diametro del Fiore
2.5 cm
Colore del fiore
Giallo
Arancio
Colore della frutta
Nero
Dormienza
Non dormiente
Tipo di foglia
Sempreverde
Temperatura ideale
20 - 38 ℃
Pollinators
Api

Curiosità e fatti interessanti

Classificazione scientifica di Cassia alata

icon
Trova le amiche verdi perfette per te.
Progetta la tua oasi verde in base ai tuoi criteri: tipo di piante, sicurezza degli animali domestici, livello di competenza, ubicazione e altro ancora.
pests

Parassiti e malattie comuni di Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
Problemi comuni relativi a Cassia alata, basati su 10 milioni di casi reali
icon
Cura e previeni le malattie delle piante.
Il medico delle piante con IA ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
Cicatrici
Le cicatrici sono il risultato del danno ai tessuti vegetali, spesso causato da parassiti, malattie o lesioni fisiche. In Cassia alata, queste possono portare a danni estetici, ostacolare la fotosintesi e ridurre la vigoria delle piante.
Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Soluzioni: Per i casi meno gravi: Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione. Per trattare le infestazioni più gravi: Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Soluzioni: Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua. Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta. La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta. Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante. Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
La pianta si è seccata
La pianta si è seccata La pianta si è seccata
La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Soluzioni: La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Insetti succhiatori
Insetti succhiatori Insetti succhiatori
Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Soluzioni: Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori: Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso; Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti; Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Carenza di acqua
Carenza di acqua Carenza di acqua
Carenza di acqua
La mancanza d’acqua farà sì che le foglie ingialliscano gradualmente a partire dalla base del ramo, e l’intera pianta sembrerà appassire.
Soluzioni: La pianta ha molta sete e ha bisogno di acqua in tempi brevi. La puoi far rivivere dandole acqua e il modo più semplice di farlo è quello di versare lentamente l'acqua nel terreno, in modo che l'intera superficie risulti inumidita. Se la versi troppo velocemente, l'acqua fluirà direttamente attraverso il terreno, invece di distribuirsi uniformemente. Se il vaso della pianta non ha fori di drenaggio, non dare alla pianta una quantità d'acqua superiore a un terzo del volume del vaso. Se i fori di drenaggio, invece, ci sono, versa lentamente l'acqua fino a quando il terreno non è completamente inumidito e l'acqua fluisce liberamente attraverso il vaso. Se rimuovi le foglie gialle per migliorare l'estetica della pianta, non toglierne più di un terzo. Potrebbe infatti essere meglio aspettare che le foglie siano morte e cadute, prima di rimuoverle.
close
plant poor
Cicatrici
Panoramica
Sintomo
Cause
Trattamento
Prevenzione
Periodo attivo
Qual è la malattia di Cicatrici su Cassia alata?
Qual è la malattia di Cicatrici su Cassia alata?
Le cicatrici sono il risultato del danno ai tessuti vegetali, spesso causato da parassiti, malattie o lesioni fisiche. In Cassia alata, queste possono portare a danni estetici, ostacolare la fotosintesi e ridurre la vigoria delle piante.
Analisi dei sintomi
Analisi dei sintomi
Su Cassia alata, le cicatrici appaiono come chiazze irregolari marroni, marroncine o scolorite sulle foglie, fusti o fiori. Queste aree possono essere affondate o cicatrizzate, indicando passate lesioni o infezioni.
Quali sono le cause della malattia di Cicatrici su Cassia alata ?
Quali sono le cause della malattia di Cicatrici su Cassia alata ?
1
Parassiti
Il nutrimento degli insetti, in particolare dei minatori delle foglie o dei bruchi, può creare cicatrici.
2
Malattie
Patogeni fungini o batterici possono infettare ferite o aperture naturali, lasciando cicatrici mentre guariscono.
3
Lesioni fisiche
I danni meccanici da potatura, grandine o vento possono causare cicatrici.
4
Stress ambientale
Estremi nella temperatura, umidità o esposizione alla luce possono portare a cicatrici a causa di condizioni di crescita improprie.
Come trattare la malattia Cicatrici su Cassia alata?
Come trattare la malattia Cicatrici su Cassia alata?
1
Non pesticida
Potatura: Rimuovere e distruggere le parti interessate per prevenire la diffusione dei patogeni.

Igiene: Mantenere l'area intorno a Cassia alata libera da detriti e fogliame caduto.

Annaffiatura corretta: Evitare l'annaffiatura dall'alto per ridurre la diffusione dei patogeni veicolati dall'acqua.
2
Pesticidi
Fungicida: Applicare fungicidi appropriati per proteggere Cassia alata da infezioni secondarie.

Battericida: Utilizzare battericidi per prevenire la diffusione batterica se la cicatrice è causata da un'infezione batterica.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Coleotteri delle foglie
plant poor
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Panoramica
Panoramica
gamma di coleotteri delle foglie di dimensioni da 1,5 mm a 20 mm . Sia i coleotteri adulti che le loro larve mangiano le foglie di molti diversi tipi di piante. Esistono oltre 35.000 diverse specie di coleotteri delle foglie , in una varietà di colori tra cui oro, verde, a strisce gialle e rosse. Alcuni di questi sono stati scambiati per coccinelle a causa della loro forma e colorazione. Possono essere di forma ovale, rotonda o allungata. Questi insetti nocivi sono più attivi in primavera e in estate. Se non controllati, i coleotteri fogliari possono causare molti danni alle colture orticole e alle piante ornamentali. Si nutrono di foglie, fiori, steli, radici e frutti di diverse piante. Possono volare, il che significa che è facile per loro spostarsi da una pianta all'altra. Alcune specie di coleotteri delle foglie di mira solo una coltura specifica, mentre altre prenderanno di mira molti tipi diversi di piante. Sebbene gran parte del danno che provocano sia estetico, un'infestazione può indebolire una pianta e lasciarla soggetta ad altre malattie più problematiche.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
I primi segni di un'infestazione da coleotteri delle foglie sono piccoli buchi visibili nelle foglie. Le foglie diventano quindi scolorite e si possono vedere escrementi di scarabeo scuro. Quando le foglie diventano gialle e marroni, cadranno dalla pianta a terra. Alcune foglie appariranno scheletrate con solo le vene rimaste. L'infestazione inizia in primavera, quando i coleotteri adulti emergono dal terreno e depongono le uova sulle foglie delle piante. Quando queste uova si schiudono, le giovani ninfe iniziano a sgranocchiare le foglie man mano che crescono. Una volta che coleotteri delle foglie sono grandi e maturi, cadranno a terra e si puperanno nel terreno durante l'inverno prima di ricominciare il ciclo. Coleotteri delle foglie anche mangiare buchi in frutta e verdura. Questi possono essere visti come piccoli fori rotondi che a volte hanno un'area marrone più ampia che li circonda.
Soluzioni
Soluzioni
Per i casi meno gravi:
  1. Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione.
Per trattare le infestazioni più gravi:
  1. Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta.
  2. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Appassimento dopo la fioritura
plant poor
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dopo la fioritura a volte è un processo di invecchiamento naturale del fiore, mentre altre volte può indicare un problema. Le orchidee, ad esempio, possono fiorire da due settimane a tre mesi, quindi l'appassimento dopo pochi giorni rappresenta un problema per la maggior parte delle varietà. Questo può accadere praticamente a qualsiasi pianta da fiore ornamentale, ma quelle con radici poco profonde e tolleranza limitata alla siccità, al pieno sole e alla bassa umidità sono più suscettibili. Questo è un problema comune e spesso ha una soluzione facile. A volte, tuttavia, è il risultato di cause più gravi come parassiti o malattie dell'apparato radicale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • All'inizio, i fiori possono sembrare un po' flosci.
  • I petali possono iniziare ad apparire secchi e diventare marroni.
  • Alla fine potrebbero far cadere la pianta tutti insieme.
Causa della malattia
Causa della malattia
Le fioriture appassite possono essere un segno di un apparato radicale malsano. Qualsiasi condizione che impedisca alla pianta di assorbire acqua e nutrimento a sufficienza può provocare fioriture avvizzite e talvolta altri sintomi. Se la pianta non ha abbastanza acqua, non può mantenere una pressione adeguata all'interno di steli, foglie e fiori, facendoli appassire. Ciò può derivare da danni fisici, ad esempio dalla rottura delle radici durante il rinvaso o dall'attacco di insetti come le larve. Se hai rinvasato di recente la tua pianta, una probabile causa è un danno fisico alle radici. Se vedi insetti, potrebbero mangiare foglie, radici o fiori. Le infezioni fungine possono anche causare marciume e danni alle radici, impedendo l'assorbimento di acqua e nutrienti. Infine, le fioriture avvizzite possono derivare semplicemente dall'età. Se non sono visibili altri sintomi, potrebbe semplicemente segnalare la fine naturale della durata della vita del fiore. Se sembra prematuro, ciò può essere causato da fattori ambientali: acqua, umidità, luce o stress. L'irrigazione insufficiente è una causa comune. Allo stesso modo, le piante adattate all'umidità elevata si seccano facilmente quando l'umidità è bassa, come durante l'inverno o nei climi secchi. Troppa luce può anche stressare le piante che hanno bisogno di ombra, facendo appassire le fioriture.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
La pianta si è seccata
plant poor
La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
La pianta si è seccata ed è diventata marrone. Potrebbe iniziare ad appassire, non si nota nulla di verde intorno agli steli e alle foglie. Le foglie, toccandole, potrebbero stropicciarsi sotto le dita.
Le possibili cause della secchezza di una pianta includono:
  1. Mancanza di acqua. La mancanza di acqua fa seccare il tessuto della pianta.
  2. Troppa acqua. Innaffiare troppo può far marcire le radici, il che fa sì che la pianta faccia fatica ad assorbire l'acqua. Le radici marce e mollicce sono un segno di sovralimentazione.
  3. Entrare in dormienza. Quando le piante perenni entrano nel loro periodo di riposo noto come dormienza, le foglie si seccano e possono cadere. Questo accade nella fase in cui le giornate si accorciano.
  4. Esposizione a diserbanti e altre sostanze tossiche. Se una pianta viene sottoposta a una forte dose di diserbante o di altre sostanze chimiche tossiche, diventa marrone.
  5. Troppa fertilità. Un eccesso di fertilizzante può impedire alle piante di assorbire acqua, e questo le fa seccare.
  6. Non corretta esposizione al sole. Proprio come capita agli esseri umani, anche le piante possono scottarsi, a causa della luce intensa e diretta del sole. Le piante possono seccarsi, anche se non ricevono abbastanza luce.
Per capire se la pianta è ancora viva e può essere salvata, è possibile:
  1. Piegare uno stelo. Se lo stelo è malleabile, la pianta è ancora viva. Se lo stelo si rompe, la pianta è morta.
  2. Grattare delicatamente lo stelo con l'unghia per vedere se ci sono segni di verde all'interno. Se la pianta è morta, lo stelo sarà fragile e completamente marrone.
  3. Tagliare gli steli un po' più indietro per un po' di tempo per vedere se c'è una crescita verde. Se nessuno degli steli presenta una visibile crescita verde, la pianta è morta.
Soluzioni
Soluzioni
La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento.
  1. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione.
  2. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi.
  3. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie.
  4. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco.
  5. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Prevenzione
Prevenzione
La prevenzione consiste nel fare in modo che la pianta abbia un ambiente vitale adeguato.
  1. Fornire la giusta quantità d'acqua. La quantità d'acqua dipende dalle dimensioni, dalla specie e dall'ambiente della pianta. Una regola generale è quella di lasciare asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra.
  2. Posizionare le piante nell'ambiente appropriato. Assicurati che la pianta abbia le adeguate ore di sole e la giusta temperatura.
  3. Fornire la giusta fertilità. La maggior parte delle piante deve essere fertilizzata solo una o due volte all'anno; non esagerare con la fertilizzazione.
  4. Mantenere le piante prive di sostanze tossiche. Tieni gli erbicidi e le sostanze chimiche tossiche per la casa lontano dalle tue piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Insetti succhiatori
plant poor
Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Se la tua pianta mostra minuscole macchie giallastre, simili a muffe o a funghi che al tatto non vanno via, sparse sulle foglie, probabilmente si tratta di danni causati da insetti succhiatori di linfa. Tra questi rientrano afidi, cocciniglie, psille, tingidi, metcalfa, cimici, cicaline, mosche bianche e altri ancora.
Gli insetti succhiatori perforano, grazie al loro apparato boccale pungente-succhiante, la superficie di foglie, giovani rami e germogli per succhiarne la linfa. Si possono trovare su quasi ogni tipo di pianta, dalle orticole alle ornamentali.
Anche se gli insetti succhiatori, da soli, difficilmente portano alla morte una pianta, una grande infestazione potrebbe rapidamente comprometterne la salute e renderla più suscettibile ad attacchi da parte di altri patogeni, soprattutto nei periodi più caldi e secchi. Inoltre, questi insetti sono veicolo di molti virus dannosi per le piante.
Soluzioni
Soluzioni
Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori:
  1. Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso;
  2. Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti;
  3. Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Prevenzione
Prevenzione
Per una corretta prevenzione:
  1. Tieni le piante in un buono stato di salute fornendo loro la giusta quantità di fertilizzanti (un apporto eccessivo di azoto però può provocare troppo rigoglio vegetativo che favorisce lo sviluppo di infestazioni), acqua e luce solare;
  2. Rimuovi le erbe infestanti che circondano le piante in modo da ridurre la presenza di questi insetti e di altre specie che potrebbero trasmettere virosi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
Carenza di acqua
plant poor
Carenza di acqua
La mancanza d’acqua farà sì che le foglie ingialliscano gradualmente a partire dalla base del ramo, e l’intera pianta sembrerà appassire.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Le foglie della pianta ingialliscono perché la pianta è stata innaffiata troppo poco. Le foglie più vecchie ingialliscono per prime. L'ingiallimento incomincia dai bordi e si diffonde verso il centro. Altri segni di carenza d'acqua possono essere individuati in un terreno che è troppo secco o si stacca dal bordo del vaso.
Soluzioni
Soluzioni
La pianta ha molta sete e ha bisogno di acqua in tempi brevi.
  1. La puoi far rivivere dandole acqua e il modo più semplice di farlo è quello di versare lentamente l'acqua nel terreno, in modo che l'intera superficie risulti inumidita. Se la versi troppo velocemente, l'acqua fluirà direttamente attraverso il terreno, invece di distribuirsi uniformemente. Se il vaso della pianta non ha fori di drenaggio, non dare alla pianta una quantità d'acqua superiore a un terzo del volume del vaso. Se i fori di drenaggio, invece, ci sono, versa lentamente l'acqua fino a quando il terreno non è completamente inumidito e l'acqua fluisce liberamente attraverso il vaso.
  2. Se rimuovi le foglie gialle per migliorare l'estetica della pianta, non toglierne più di un terzo. Potrebbe infatti essere meglio aspettare che le foglie siano morte e cadute, prima di rimuoverle.
Prevenzione
Prevenzione
  1. Quando si acquista una nuova pianta, bisogna informarsi su quali siano le sue specifiche esigenze di irrigazione. Fissa dei promemoria in modo da ricordarti di annaffiare le piante in modo regolare. Non tutte le piante sono uguali, quindi fai in modo che il programma di annaffiatura sia differenziato a seconda del tipo di pianta.
  2. Si consiglia di acquistare un misuratore di umidità del terreno, uno strumento facilmente reperibile in commercio, dotato di una lunga sonda da collocare vicino alle radici della pianta. Controllalo frequentemente e innaffia la pianta quando il misuratore di umidità indica che il terreno ha bisogno di essere irrigato.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
qrcode
Scansiona il codice QR con la fotocamera del tuo telefono per scaricare l'app
distribution

Distribuzione di Cassia alata

feedback
Feedback
feedback

Habitat di Cassia alata

Margini delle strade, sponde dei fiumi, bordi della foresta pluviale, rive dei laghi, stagni, margini dei fossi, boschi aperti, frutteti, intorno ai villaggi
Emisfero Nord
Emisfero Sud

Mappa di distribuzione di Cassia alata

distribution map
Nativa
Coltivata
Invasiva
Potenzialmente infestante
Esotica
Specie non presente
habit
care_scenes

Ulteriori informazioni su Cassia Alata Crescita e cura

feedback
Feedback
Guida alle cure di base
Parassiti e malattie comuni
Scopri di più
Trapianto
12-18 inches
Il momento migliore per trapiantare cassia alata è all'inizio o a metà primavera, per permettere alla pianta di mettere radici forti prima dell'arrivo del caldo estivo. Per una crescita ottimale, scegliete una posizione con un terreno ben drenante e un'esposizione in pieno sole. Ricordate di monitorare i livelli di umidità della pianta e di fornire uno spazio adeguato alle sue grandi dimensioni.
Tecniche di trapianto
Temperatura
0 - 43 ℃
Cassia alata preferiscono temperature comprese tra 68 e 100 ℉ (da 20 a 38 ℃). Sono originarie delle regioni calde e tropicali e prosperano in condizioni di clima caldo e umido. Per adattarsi a temperature più fresche in inverno, si consiglia di fornire un'ampia illuminazione solare e protezione dal gelo.
Temp ideale per crescita
Potatura
Primavera inoltrata, Inizio estate
Conosciuta per le sue alte spighe di fiori gialli, cassia alata beneficia della potatura per migliorare la fioritura e gestire le dimensioni. Dopo la fioritura, potare di un terzo per favorire la nuova crescita. È preferibile farlo tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate, in linea con il suo ciclo di crescita. Rimuovere sempre i rami morti o malati per mantenere la salute della pianta. La potatura non solo dà forma a cassia alata ma favorisce anche una maggiore fioritura nella stagione successiva.
Tecniche di potatura
Riproduzione
Primavera, Estate
La propagazione di cassia alata si effettua idealmente durante la primavera e l'estate attraverso talee. Il processo è relativamente semplice, con una propagazione riuscita indicata da gemme e nuove foglie. Tieni le talee in un terreno ben drenante e mantieni l'umidità.
Tecniche di Propagazione
Impollinazione
Facile
L'affascinante cassia alata si affida alle api per l'impollinazione primaria, dando vita a un rapporto mutualistico che giova a entrambe le parti. Queste piante radiose attirano i loro impollinatori con esposizioni floreali esteriormente attraenti e una ricca produzione di nettare. Il meccanismo di impollinazione prevede principalmente il contatto dello stigma con il corpo dell'ape durante l'alimentazione. Per quanto riguarda i tempi, i fiori di questa pianta sbocciano tipicamente al mattino, il che significa che il periodo di impollinazione delle api è il più attivo.
Tecniche di impollinazione
Il momento migliore per l'acquisto
Primavera inoltrata, Inizio estate
Con una crescita rapida, l'acquisto di cassia alata è ideale per la tarda primavera e l'inizio dell'estate. I suoi fiori gialli vibranti affascinano e danno un'atmosfera tropicale al vostro giardino. Assicuratevi che le sue foglie siano rigogliose e di forma perfetta per verificarne la salute. È una pianta un po' impegnativa da mantenere, ma sicuramente un'aggiunta entusiasmante ai vostri spazi verdi.
Come scegliere Cassia alata
Cicatrici
Le cicatrici sono il risultato del danno ai tessuti vegetali, spesso causato da parassiti, malattie o lesioni fisiche. In Cassia alata, queste possono portare a danni estetici, ostacolare la fotosintesi e ridurre la vigoria delle piante.
Continua a leggere
Appassimento delle foglie
Il disseccamento delle foglie in Cassia alata è una malattia preoccupante che porta all'abbassamento e alla decolorazione delle foglie, compromettendo la vitalità della pianta, il valore estetico e la salute generale.
Continua a leggere
Macchia bianca
La macchia bianca è una malattia che colpisce Cassia alata causando macchie bianche o grigiastre sulle foglie, riducendo la fotosintesi e portando potenzialmente alla caduta delle foglie e ad una crescita indebolita.
Continua a leggere
Avvizzimento
L'accasciamento è una malattia impegnativa che colpisce Cassia alata, coinvolgendo la disidratazione delle cellule vegetali che porta al pendio e spesso alla morte prematura. La condizione di solito è causata da infezioni fungine o dalla carenza di acqua e nutrienti.
Continua a leggere
Macchia scura
La macchia scura è una malattia fungina che colpisce la pianta Cassia alata causando danni significativi alla sua estetica e salute complessiva. La malattia provoca antiestetiche macchie marroni o nere sulle foglie della pianta e può portare alla completa defogliazione.
Continua a leggere
Cocciniglia
I parassiti come la cocciniglia succhiano la linfa da Cassia alata, indebolendo la pianta e causando crescita rallentata e ingiallimento delle foglie. Le infestazioni possono portare a un significativo declino della salute della pianta.
Continua a leggere
Appassimento del ramo non principale
Il disseccamento dei rami non alla base è una malattia che colpisce Cassia alata, portando a caduta prematura delle foglie, ritiro dei rami e potenziale morte della pianta se non trattata.
Continua a leggere
Carenza di acqua
Disidratazione', non una malattia ma un disturbo fisiologico dovuto a un'assunzione insufficiente di acqua, porta a effetti dannosi sulla crescita e sulla salute di Cassia alata. Impedisce agli 'Stecconi dell'Imperatore' di svilupparsi significativamente, portando a appassimento, decolorazione e alla graduale morte della pianta.
Continua a leggere
Appassimento della punta delle foglie
La punta delle foglie che appassisce è una malattia che colpisce Cassia alata, causando l'appassimento e il deterioramento delle punte delle foglie. Impatta negativamente sulla crescita della pianta e riduce l'efficacia della fotosintesi, portando potenzialmente alla morte della pianta.
Continua a leggere
Macchie nere
La macchia nera è una malattia fungina che forma macchie scure sulle foglie di Cassia alata, ostacolando la fotosintesi e influenzando la salute della pianta. Se non trattata, può influire notevolmente sulla crescita e lo sviluppo della pianta.
Continua a leggere
Marciume delle foglie
La marciume fogliare è una malattia fungina che colpisce Cassia alata, causando il ingiallimento delle foglie, il loro appassimento e caduta, riducendo significativamente la crescita e il rendimento della pianta. Se non viene gestita, la malattia può portare alla perdita totale della pianta.
Continua a leggere
Bordi gialli
I bordi gialli sono una malattia delle piante che colpisce gravemente la crescita e la salute generale di Cassia alata. Principalmente causata da carenze nutritive e eccesso d'acqua, la malattia si manifesta con il ingiallimento dei bordi delle foglie e può rallentare la crescita se non trattata. Diventa più grave durante la fase di crescita iniziale, soprattutto nelle stagioni umide.
Continua a leggere
Macchie scure
Le macchie scure sono una comune malattia fungina che colpisce Cassia alata, portando spesso a decolorazione e compromissione della vigoria della pianta. È essenziale identificarla precocemente e trattarla per gestire la sua diffusione e impatto.
Continua a leggere
Cocciniglia farinosa
La malattia del cocciniglia colpisce Cassia alata, causando decolorazione, rallentamento della crescita e caduta prematura delle foglie. Può avere un impatto grave sulla salute della pianta se non gestita in modo appropriato.
Continua a leggere
Macchie marroni
La macchia bruna è una malattia fungina che colpisce Cassia alata, causando l'ingiallimento e la necrosi dei tessuti vegetali. L'infezione cronica può portare a una significativa defogliazione e alla morte della pianta, compromettendo il suo valore ornamentale e gli utilizzi medicinali di Cassia alata.
Continua a leggere
Macchie
Le macchie sono una malattia comune che colpisce Cassia alata, caratterizzata da lesioni sgradite sulle foglie, che possono portare a una fotosintesi ridotta, a una crescita compromessa e infine al distacco delle foglie.
Continua a leggere
Ingiallimento delle foglie
Il ingiallimento delle foglie è una comune malattia delle piante che può influenzare drasticamente Cassia alata. I sintomi caratteristici includono una decolorazione gialla delle foglie che, se non trattata, può causare una riduzione grave della vitalità e della crescita della pianta.
Continua a leggere
La pianta si è seccata
La malattia dell'essiccazione delle piante affligge Cassia alata causando disidratazione, che porta alla disseccamento e alla morte. Questa afflizione è generalmente associata a vari fattori di stress ambientale e all'invasione fungina aggravata da carenze nell'irrigazione o condizioni di calore intenso.
Continua a leggere
Tacca
La Notch è una malattia che colpisce Cassia alata, caratterizzata da evidenti indentazioni sui margini delle foglie, ridotta vitalità della pianta e potenziale defogliatura. Questa guida racchiude le caratteristiche della malattia, il trattamento e le misure preventive.
Continua a leggere
Ramo che appassisce
Il marciume delle branche è una condizione patologica che colpisce Cassia alata, caratterizzata dal deterioramento e dalla morte delle sue branche. Questa condizione non solo inibisce il valore ornamentale, ma può portare a un declino della salute complessiva della pianta.
Continua a leggere
Carenza di fertilizzante
La mancanza di fertilizzante influisce principalmente sull'assunzione di sostanze nutritive da parte di Cassia alata, portando a una bassa produttività, scarsa crescita e suscettibilità ad altre malattie delle piante. Una fertilizzazione adeguata è un elemento vitale per la salute generale e la crescita di Cassia alata.
Continua a leggere
Muffa nera
La muffa nera è un'infezione fungina che colpisce Cassia alata, causando macchie fogliari scolorite e un potenziale declino delle piante. Prospera in condizioni umide e calde.
Continua a leggere
Maculatura fogliare
La macchia fogliare è una malattia fungina che causa principalmente macchie scure e irregolari sulle foglie di Cassia alata. Questa malattia può portare alla caduta precoce delle foglie, alla riduzione della fotosintesi e alla debolezza generale della pianta.
Continua a leggere
Appassimento intero delle foglie
L'intero fogliame appassito è una malattia delle piante che causa il deterioramento delle foglie di Cassia alata, facendole appassire e morire prematuramente, influenzando significativamente il suo valore ornamentale e medicinale.
Continua a leggere
Appassimento completo della pianta
La malattia del disseccamento dell'intera pianta provoca un diffuso declino in Cassia alata, portando alla caduta delle foglie, alla debolezza del fusto e alla morte finale della pianta. Incide pesantemente sulla salute e sulla produttività della pianta.
Continua a leggere
Simboleggia
Speranza, resilienza
Cassia alata simboleggia la speranza e la resilienza.,È famosa per i suoi vivaci fiori gialli.,È spesso vista in giardini tropicali grazie alla sua bellezza e resistenza.
Significato del fiore di Cassia alata
other_plant

Piante correlate a Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
Malva Domestica
Malva Domestica
La malva Domestica è una pianta erbacea, molto diffusa nel mondo e presente in Italia su tutto il territorio ad eccezione della Calabria e della Sicilia. Anticamente era considerata commestibile, ma Cicerone racconta in una lettera che, dopo aver mangiato una torta preparata con foglie di malva Domestica, fu colto da un attacco di dissenteria.
Malva minore
Malva minore
La malva minore è conosciuta sin dai tempi antichi. Il suo nome deriva dal latino mollire che significa "ammorbidire". Nel linguaggio dei fiori la malva ha un significato molto importante, si tratta infatti della pianta e del fiore che rappresentano l'amore materno.
Amaranto Ipocondriaco
Amaranto Ipocondriaco
L'amaranto Ipocondriaco è una pianta erbacea che cresce spesso in terreni incolti e abbandonati. Di recente è stato scoperto che è in grado di assorbire alcuni metalli pesanti, come il mercurio e il piombo, e quindi si pensa di poterla utilizzare per bonificare terreni particolarmente inquinati da queste sostanze.
Zucca Spinosa
Zucca Spinosa
La zucca Spinosa è una rampicante che, da quando è stata introdotta in Italia, nel corso del XIX secolo, si è naturalizzata in diverse regioni rivelandosi in molti casi una pericolosa invasiva dalla crescita particolarmente rapida. Questa specie, facile da incontrare lungo i fiumi, minaccia sia le coltivazioni che la biodiversità locale. Tuttavia, nel corso della storia, sia le sue foglie che i suoi piccoli frutti sono stati impiegati in vari modi.
Giacinto d'Acqua
Giacinto d'Acqua
Il giacinto d'Acqua è usato, globalmente come pianta ornamentale acquatica: basta guardare i suoi fiori per capirne il motivo! Tuttavia, è anche una pianta invasiva che si moltiplica molto rapidamente mettendo a rischio la biodiversità. In Italia, è diffuso in diverse regioni.
Erba della pampa
Erba della pampa
L'erba della pampa è una pianta estremamente invasiva, motivo per cui ne è stata vietata la coltivazione in diverse aree del mondo, tra cui le Hawaii e la Nuova Zelanda. Le sue foglie, oltre a ferire gli uccelli che si nutrono nei pressi della pianta, rappresentano un rischio molto elevato di incendio qualora sorgano in prossimità di sostanze infiammabili.
Edera Velenosa
Edera Velenosa
L'edera Velenosa è una pianta, importata e naturalizzata in Italia, che nonostante il nome non ha niente a che vedere con l'edera comune. Si tratta di una specie molto tossica, che produce dermatiti da contatto, anche di una certa gravità, che possono portare allo shock anafilattico. Ha prestato il suo nome inglese (Poison Ivy) a una perfida antieroina del fumetto Batman.
Fitolacca americana
Fitolacca americana
Il nome comune di questa pianta, fitolacca americana, può trarre doppiamente in inganno: i frutti che potrebbero sembrare commestibili non lo sono affatto, anzi, tutte le parti della pianta sono altamente tossiche. Inoltre non proviene affatto dalla Turchia, ma dagli Stati Uniti e dall'est del Canada, e negli ultimi anni si è diffusa in modo infestante anche in Italia.
Visualizza altre piante
close
product icon
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante e guide illimitate a portata di mano...
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
ad
Un botanico in tasca
Scan the QR code with your phone camera to download the app
Su
Guida alla cura
FAQ sulla cura
Maggiori informazioni
Parassiti e malattie
Distribuzione
Ulteriori istruzioni
Piante affini
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Cassia alata
Senna alata
Acqua
Acqua
Ogni 2 settimane
Luce Solare
Luce Solare
Pieno sole
icon
Identifica istantaneamente le piante con un semplice clic
Scatta una foto per ottenere l'identificazione istantanea delle piante, ottenendo informazioni rapide sulla prevenzione delle malattie, il trattamento, la tossicità, la cura, gli utilizzi e il simbolismo, ecc.
Scarica l'App gratuitamente
question

Domande su Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
Watering Watering Annaffiatura
Pruning Pruning Potatura
Sunlight Sunlight Luce solare
Temperature Temperature Temperatura
Fertilizing Fertilizing Concimazione
Qual è il modo migliore per annaffiare il mio Cassia alata?
more
Cosa devo fare se innaffio troppo o troppo poco il mio Cassia alata?
more
Con quale frequenza devo annaffiare il mio Cassia alata?
more
Di quanta acqua ha bisogno il mio Cassia alata?
more
Come posso capire se sto innaffiando a sufficienza il mio Cassia alata?
more
Come posso annaffiare il mio Cassia alata nelle diverse fasi di crescita?
more
Come posso innaffiare il mio Cassia alata durante le stagioni?
more
Che differenza c'è tra l'annaffiare il mio Cassia alata all'interno e all'esterno?
more
icon
Ottieni consigli e trucchi per le tue piante.
Mantieni le tue piante felici e in salute con la nostra guida all'annaffiatura, all'illuminazione, all'alimentazione e altro ancora.
Scarica l'App gratuitamente
close
plant_info

Fatti salienti su Cassia alata

feedback
Feedback
feedback

Attributi di Cassia alata

Durata di Vita
Perenne
Tipo di pianta
Cespuglio
Periodo di semina
Inverno inoltrato, Inizio primavera
Periodo di fioritura
Estate inoltrata, Autunno, Inverno
Periodo di frutta
Autunno
Altezza della Pianta
3 m to 4 m
Diametro della Corona
3 m to 4.5 m
Colore della foglia
Verde
Diametro del Fiore
2.5 cm
Colore del fiore
Giallo
Arancio
Colore della frutta
Nero
Dormienza
Non dormiente
Tipo di foglia
Sempreverde
Temperatura ideale
20 - 38 ℃
Pollinators
Api
icon
Acquisisci conoscenze più preziose sulle piante
Esplora una ricca enciclopedia botanica per approfondimenti
Scarica l'App gratuitamente

Curiosità e fatti interessanti

Classificazione scientifica di Cassia alata

icon
Non saltare mai più un'attività di manutenzione!
La cura delle piante è più facile che mai con il nostro promemoria smart personalizzato.
Scarica l'App gratuitamente
pests

Parassiti e malattie comuni di Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
Problemi comuni relativi a Cassia alata, basati su 10 milioni di casi reali
icon
Autodiagnosi e prevenzione delle malattie delle piante
Il medico AI per le piante ti aiuta a diagnosticare i problemi delle piante in pochi secondi.
Scarica l'App gratuitamente
Cicatrici
Le cicatrici sono il risultato del danno ai tessuti vegetali, spesso causato da parassiti, malattie o lesioni fisiche. In Cassia alata, queste possono portare a danni estetici, ostacolare la fotosintesi e ridurre la vigoria delle piante.
Scopri di più su Cicatrici more
Coleotteri delle foglie
Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Soluzioni: Per i casi meno gravi: Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione. Per trattare le infestazioni più gravi: Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Scopri di più su Coleotteri delle foglie more
Appassimento dopo la fioritura
Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Soluzioni: Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua. Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta. La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta. Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante. Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Scopri di più su Appassimento dopo la fioritura more
La pianta si è seccata
La pianta si è seccata La pianta si è seccata La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Soluzioni: La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Scopri di più su La pianta si è seccata more
Insetti succhiatori
Insetti succhiatori Insetti succhiatori Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Soluzioni: Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori: Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso; Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti; Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Scopri di più su Insetti succhiatori more
Carenza di acqua
Carenza di acqua Carenza di acqua Carenza di acqua
La mancanza d’acqua farà sì che le foglie ingialliscano gradualmente a partire dalla base del ramo, e l’intera pianta sembrerà appassire.
Soluzioni: La pianta ha molta sete e ha bisogno di acqua in tempi brevi. La puoi far rivivere dandole acqua e il modo più semplice di farlo è quello di versare lentamente l'acqua nel terreno, in modo che l'intera superficie risulti inumidita. Se la versi troppo velocemente, l'acqua fluirà direttamente attraverso il terreno, invece di distribuirsi uniformemente. Se il vaso della pianta non ha fori di drenaggio, non dare alla pianta una quantità d'acqua superiore a un terzo del volume del vaso. Se i fori di drenaggio, invece, ci sono, versa lentamente l'acqua fino a quando il terreno non è completamente inumidito e l'acqua fluisce liberamente attraverso il vaso. Se rimuovi le foglie gialle per migliorare l'estetica della pianta, non toglierne più di un terzo. Potrebbe infatti essere meglio aspettare che le foglie siano morte e cadute, prima di rimuoverle.
Scopri di più su Carenza di acqua more
close
plant poor
Cicatrici
Panoramica
Sintomo
Cause
Trattamento
Prevenzione
Periodo attivo
Qual è la malattia di Cicatrici su Cassia alata?
Qual è la malattia di Cicatrici su Cassia alata?
Le cicatrici sono il risultato del danno ai tessuti vegetali, spesso causato da parassiti, malattie o lesioni fisiche. In Cassia alata, queste possono portare a danni estetici, ostacolare la fotosintesi e ridurre la vigoria delle piante.
Analisi dei sintomi
Analisi dei sintomi
Su Cassia alata, le cicatrici appaiono come chiazze irregolari marroni, marroncine o scolorite sulle foglie, fusti o fiori. Queste aree possono essere affondate o cicatrizzate, indicando passate lesioni o infezioni.
Quali sono le cause della malattia di Cicatrici su Cassia alata ?
Quali sono le cause della malattia di Cicatrici su Cassia alata ?
1
Parassiti
Il nutrimento degli insetti, in particolare dei minatori delle foglie o dei bruchi, può creare cicatrici.
2
Malattie
Patogeni fungini o batterici possono infettare ferite o aperture naturali, lasciando cicatrici mentre guariscono.
3
Lesioni fisiche
I danni meccanici da potatura, grandine o vento possono causare cicatrici.
4
Stress ambientale
Estremi nella temperatura, umidità o esposizione alla luce possono portare a cicatrici a causa di condizioni di crescita improprie.
Come trattare la malattia Cicatrici su Cassia alata?
Come trattare la malattia Cicatrici su Cassia alata?
1
Non pesticida
Potatura: Rimuovere e distruggere le parti interessate per prevenire la diffusione dei patogeni.

Igiene: Mantenere l'area intorno a Cassia alata libera da detriti e fogliame caduto.

Annaffiatura corretta: Evitare l'annaffiatura dall'alto per ridurre la diffusione dei patogeni veicolati dall'acqua.
2
Pesticidi
Fungicida: Applicare fungicidi appropriati per proteggere Cassia alata da infezioni secondarie.

Battericida: Utilizzare battericidi per prevenire la diffusione batterica se la cicatrice è causata da un'infezione batterica.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Coleotteri delle foglie
plant poor
Coleotteri delle foglie
I coleotteri fogliari sono una classe di insetti colorati di dimensioni 10-20 mm. Rosicchiano foglie e petali provocando piccoli fori rotondi sparsi sulla superficie.
Panoramica
Panoramica
gamma di coleotteri delle foglie di dimensioni da 1,5 mm a 20 mm . Sia i coleotteri adulti che le loro larve mangiano le foglie di molti diversi tipi di piante. Esistono oltre 35.000 diverse specie di coleotteri delle foglie , in una varietà di colori tra cui oro, verde, a strisce gialle e rosse. Alcuni di questi sono stati scambiati per coccinelle a causa della loro forma e colorazione. Possono essere di forma ovale, rotonda o allungata. Questi insetti nocivi sono più attivi in primavera e in estate. Se non controllati, i coleotteri fogliari possono causare molti danni alle colture orticole e alle piante ornamentali. Si nutrono di foglie, fiori, steli, radici e frutti di diverse piante. Possono volare, il che significa che è facile per loro spostarsi da una pianta all'altra. Alcune specie di coleotteri delle foglie di mira solo una coltura specifica, mentre altre prenderanno di mira molti tipi diversi di piante. Sebbene gran parte del danno che provocano sia estetico, un'infestazione può indebolire una pianta e lasciarla soggetta ad altre malattie più problematiche.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
I primi segni di un'infestazione da coleotteri delle foglie sono piccoli buchi visibili nelle foglie. Le foglie diventano quindi scolorite e si possono vedere escrementi di scarabeo scuro. Quando le foglie diventano gialle e marroni, cadranno dalla pianta a terra. Alcune foglie appariranno scheletrate con solo le vene rimaste. L'infestazione inizia in primavera, quando i coleotteri adulti emergono dal terreno e depongono le uova sulle foglie delle piante. Quando queste uova si schiudono, le giovani ninfe iniziano a sgranocchiare le foglie man mano che crescono. Una volta che coleotteri delle foglie sono grandi e maturi, cadranno a terra e si puperanno nel terreno durante l'inverno prima di ricominciare il ciclo. Coleotteri delle foglie anche mangiare buchi in frutta e verdura. Questi possono essere visti come piccoli fori rotondi che a volte hanno un'area marrone più ampia che li circonda.
Soluzioni
Soluzioni
Per i casi meno gravi:
  1. Rimuovere coleotteri, ninfe e uova . Rimuovi tutte le fasi della vita dei coleotteri e uccidili mettendoli in un secchio di acqua calda e sapone. Questo può essere fatto più facilmente posizionando il secchio sotto le foglie colpite e scuotendo la pianta. Questo metodo è più efficace nel pomeriggio quando coleotteri delle foglie sono più attivi. Smaltire sempre gli insetti in un sacchetto o contenitore sigillato per evitare la fuoriuscita e la diffusione.
Per trattare le infestazioni più gravi:
  1. Applicare insetticidi organici . Usa insetticidi di origine naturale prima di passare agli insetticidi sintetici. L'olio di neem e il piretro sono insetticidi di origine naturale che dovrebbero essere applicati seguendo le istruzioni dell'etichetta.
  2. Applicare insetticidi sintetici . Esempi di insetticidi efficaci per i coleotteri fogliari includono carbarile, permetrina e bifentrin. Applicare insetticidi secondo le istruzioni sull'etichetta.
Prevenzione
Prevenzione
Per prevenire le infestazioni di coleotteri delle foglie , segui queste pratiche.
  1. Controlla regolarmente la presenza di coleotteri . Per prevenire grandi infestazioni da parassiti, sii proattivo nel controllare frequentemente le piante per rilevare eventuali parassiti e rimuoverle rapidamente.
  2. Elimina detriti . Elimina erbacce e detriti per rimuovere le aree in cui questi coleotteri possono svernare e nascondersi.
  3. Attira i predatori naturali . Uccelli e altri insetti, come vespe e coccinelle, sono efficaci predatori naturali di coleotteri delle foglie . Incoraggiateli a visitare includendo una vasta gamma di piante per fornire habitat e cibo. Inoltre, evita di applicare erbicidi ad ampio spettro che possono danneggiare e uccidere gli insetti utili.
  4. Pianta erbe aromatiche come menta, aglio o rosmarino, poiché possono respingere coleotteri delle foglie .
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Appassimento dopo la fioritura
plant poor
Appassimento dopo la fioritura
I fiori appassiranno gradualmente dopo che la pianta avrà finito di fiorire.
Panoramica
Panoramica
Appassimento dopo la fioritura a volte è un processo di invecchiamento naturale del fiore, mentre altre volte può indicare un problema. Le orchidee, ad esempio, possono fiorire da due settimane a tre mesi, quindi l'appassimento dopo pochi giorni rappresenta un problema per la maggior parte delle varietà. Questo può accadere praticamente a qualsiasi pianta da fiore ornamentale, ma quelle con radici poco profonde e tolleranza limitata alla siccità, al pieno sole e alla bassa umidità sono più suscettibili. Questo è un problema comune e spesso ha una soluzione facile. A volte, tuttavia, è il risultato di cause più gravi come parassiti o malattie dell'apparato radicale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
  • All'inizio, i fiori possono sembrare un po' flosci.
  • I petali possono iniziare ad apparire secchi e diventare marroni.
  • Alla fine potrebbero far cadere la pianta tutti insieme.
Causa della malattia
Causa della malattia
Le fioriture appassite possono essere un segno di un apparato radicale malsano. Qualsiasi condizione che impedisca alla pianta di assorbire acqua e nutrimento a sufficienza può provocare fioriture avvizzite e talvolta altri sintomi. Se la pianta non ha abbastanza acqua, non può mantenere una pressione adeguata all'interno di steli, foglie e fiori, facendoli appassire. Ciò può derivare da danni fisici, ad esempio dalla rottura delle radici durante il rinvaso o dall'attacco di insetti come le larve. Se hai rinvasato di recente la tua pianta, una probabile causa è un danno fisico alle radici. Se vedi insetti, potrebbero mangiare foglie, radici o fiori. Le infezioni fungine possono anche causare marciume e danni alle radici, impedendo l'assorbimento di acqua e nutrienti. Infine, le fioriture avvizzite possono derivare semplicemente dall'età. Se non sono visibili altri sintomi, potrebbe semplicemente segnalare la fine naturale della durata della vita del fiore. Se sembra prematuro, ciò può essere causato da fattori ambientali: acqua, umidità, luce o stress. L'irrigazione insufficiente è una causa comune. Allo stesso modo, le piante adattate all'umidità elevata si seccano facilmente quando l'umidità è bassa, come durante l'inverno o nei climi secchi. Troppa luce può anche stressare le piante che hanno bisogno di ombra, facendo appassire le fioriture.
Soluzioni
Soluzioni
  • Controlla il terriccio o il terriccio. Le trame grossolane possono consentire all'acqua di defluire troppo rapidamente, impedendo alla pianta di assorbire abbastanza. Se il terreno e le radici sembrano molto asciutti, aggiungi muschio di sfagno o altri mezzi che trattengono l'acqua.
  • Innaffia secondo le raccomandazioni per ciascuna specie di pianta.
  • La bassa umidità può essere corretta nebulizzando regolarmente la pianta o posizionandola vicino a un umidificatore. Anche tenerlo vicino ad altre piante aiuta.
  • Mantenere l'ambiente coerente in termini di temperatura, umidità e illuminazione. Tienilo lontano da prese d'aria, riscaldatori e condizionatori d'aria ed evita di spostarlo in luoghi in cui subirà uno shock termico. Il caldo, il calore secco e le correnti fredde sono problematici per molte piante.
  • Soprattutto se la pianta è all'esterno, potrebbe essere soggetta a calore o leggero stress. Prova a spostarlo in una posizione più ombreggiata.
Prevenzione
Prevenzione
  • Leggi le preferenze di umidità, luce e tipo di terreno per ciascuna pianta per evitare l'immersione, livelli di luce errati o altre condizioni che possono causare fioriture avvizzite.
  • Evitare il rinvaso durante il periodo di fioritura. Ciò provoca ulteriore stress sulle piante perché devono riparare i danni alle radici e adattarsi al nuovo microambiente, il che può provocare avvizzimento.
  • Un'altra potenziale causa è il gas etilene, un ormone vegetale correlato alla maturazione. Alcuni tipi di frutta e verdura emettono etilene, in particolare le banane. Anche mele, uva, meloni, avocado e patate possono emanarlo, quindi tieni le piante da fiore lontane dai prodotti freschi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
La pianta si è seccata
plant poor
La pianta si è seccata
L’intera pianta può seccarsi a causa del deperimento o della normale dormienza stagionale.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
La pianta si è seccata ed è diventata marrone. Potrebbe iniziare ad appassire, non si nota nulla di verde intorno agli steli e alle foglie. Le foglie, toccandole, potrebbero stropicciarsi sotto le dita.
Le possibili cause della secchezza di una pianta includono:
  1. Mancanza di acqua. La mancanza di acqua fa seccare il tessuto della pianta.
  2. Troppa acqua. Innaffiare troppo può far marcire le radici, il che fa sì che la pianta faccia fatica ad assorbire l'acqua. Le radici marce e mollicce sono un segno di sovralimentazione.
  3. Entrare in dormienza. Quando le piante perenni entrano nel loro periodo di riposo noto come dormienza, le foglie si seccano e possono cadere. Questo accade nella fase in cui le giornate si accorciano.
  4. Esposizione a diserbanti e altre sostanze tossiche. Se una pianta viene sottoposta a una forte dose di diserbante o di altre sostanze chimiche tossiche, diventa marrone.
  5. Troppa fertilità. Un eccesso di fertilizzante può impedire alle piante di assorbire acqua, e questo le fa seccare.
  6. Non corretta esposizione al sole. Proprio come capita agli esseri umani, anche le piante possono scottarsi, a causa della luce intensa e diretta del sole. Le piante possono seccarsi, anche se non ricevono abbastanza luce.
Per capire se la pianta è ancora viva e può essere salvata, è possibile:
  1. Piegare uno stelo. Se lo stelo è malleabile, la pianta è ancora viva. Se lo stelo si rompe, la pianta è morta.
  2. Grattare delicatamente lo stelo con l'unghia per vedere se ci sono segni di verde all'interno. Se la pianta è morta, lo stelo sarà fragile e completamente marrone.
  3. Tagliare gli steli un po' più indietro per un po' di tempo per vedere se c'è una crescita verde. Se nessuno degli steli presenta una visibile crescita verde, la pianta è morta.
Soluzioni
Soluzioni
La soluzione per la secchezza della pianta dipende dalla causa, quindi, occorre capire qual è la causa prima di scegliere un metodo di trattamento.
  1. Regolare l'irrigazione: infila un dito nel terreno intorno alle radici. Se risulta asciutto o eccessivamente saturo, è necessario regolare conseguentemente la frequenza d'irrigazione.
  2. Potare il fogliame morto: taglia via gli steli e le foglie marroni della pianta per fare spazio alla nuova crescita. Questo incoraggia le radici a generare steli freschi.
  3. Spostare la pianta in un ambiente adeguato. Questo può comportare una diminuzione o un aumento dell'esposizione al sole, a seconda della specie.
  4. Diminuire le applicazioni di fertilizzanti. Se hai applicato troppo fertilizzante, puoi rinvasare le piante in terriccio fresco.
  5. Aspettare. Se la pianta si è seccata nel periodo in cui la luce del giorno diminuisce, è perché sta entrando in dormienza. Diminuisci l'irrigazione e aspetta che la pianta riprenda a crescere.
Prevenzione
Prevenzione
La prevenzione consiste nel fare in modo che la pianta abbia un ambiente vitale adeguato.
  1. Fornire la giusta quantità d'acqua. La quantità d'acqua dipende dalle dimensioni, dalla specie e dall'ambiente della pianta. Una regola generale è quella di lasciare asciugare il terreno tra un'annaffiatura e l'altra.
  2. Posizionare le piante nell'ambiente appropriato. Assicurati che la pianta abbia le adeguate ore di sole e la giusta temperatura.
  3. Fornire la giusta fertilità. La maggior parte delle piante deve essere fertilizzata solo una o due volte all'anno; non esagerare con la fertilizzazione.
  4. Mantenere le piante prive di sostanze tossiche. Tieni gli erbicidi e le sostanze chimiche tossiche per la casa lontano dalle tue piante.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Insetti succhiatori
plant poor
Insetti succhiatori
Gli insetti succhiatori di linfa possono creare densi grappoli di piccole macchie gialle o bianche sulle foglie.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Se la tua pianta mostra minuscole macchie giallastre, simili a muffe o a funghi che al tatto non vanno via, sparse sulle foglie, probabilmente si tratta di danni causati da insetti succhiatori di linfa. Tra questi rientrano afidi, cocciniglie, psille, tingidi, metcalfa, cimici, cicaline, mosche bianche e altri ancora.
Gli insetti succhiatori perforano, grazie al loro apparato boccale pungente-succhiante, la superficie di foglie, giovani rami e germogli per succhiarne la linfa. Si possono trovare su quasi ogni tipo di pianta, dalle orticole alle ornamentali.
Anche se gli insetti succhiatori, da soli, difficilmente portano alla morte una pianta, una grande infestazione potrebbe rapidamente comprometterne la salute e renderla più suscettibile ad attacchi da parte di altri patogeni, soprattutto nei periodi più caldi e secchi. Inoltre, questi insetti sono veicolo di molti virus dannosi per le piante.
Soluzioni
Soluzioni
Diverse soluzioni possono essere adoperate in caso di un’infestazione da insetti succhiatori:
  1. Raccogli e rimuovi manualmente insetti e uova: fai attenzione anche alle pagine fogliari inferiori dove la maggior parte di insetti si annida e depone le uova. Questo processo, tuttavia, richiede grande impegno e il grado di riuscita è abbastanza basso;
  2. Utilizza un insetticida: spruzzalo sulla pianta oppure fai in modo che lo assorba. Nel primo caso agirà per contatto sugli insetti, nel secondo per ingestione tramite la linfa. Un metodo casalingo consiste nell’utilizzo di sapone di Marsiglia nella quantità di 30 g per litro d'acqua, ripetendo i lavaggi ogni settimana fino alla scomparsa dei parassiti;
  3. Introduci gli antagonisti naturali: coccinellidi, crisopidi e sirfidi (predatori degli insetti succhiatori) o braconidi e afelinidi (parassiti degli stessi insetti) possono essere introdotti oppure attirati naturalmente nel proprio giardino.
Prevenzione
Prevenzione
Per una corretta prevenzione:
  1. Tieni le piante in un buono stato di salute fornendo loro la giusta quantità di fertilizzanti (un apporto eccessivo di azoto però può provocare troppo rigoglio vegetativo che favorisce lo sviluppo di infestazioni), acqua e luce solare;
  2. Rimuovi le erbe infestanti che circondano le piante in modo da ridurre la presenza di questi insetti e di altre specie che potrebbero trasmettere virosi.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
close
Carenza di acqua
plant poor
Carenza di acqua
La mancanza d’acqua farà sì che le foglie ingialliscano gradualmente a partire dalla base del ramo, e l’intera pianta sembrerà appassire.
Analisi dei Sintomi
Analisi dei Sintomi
Le foglie della pianta ingialliscono perché la pianta è stata innaffiata troppo poco. Le foglie più vecchie ingialliscono per prime. L'ingiallimento incomincia dai bordi e si diffonde verso il centro. Altri segni di carenza d'acqua possono essere individuati in un terreno che è troppo secco o si stacca dal bordo del vaso.
Soluzioni
Soluzioni
La pianta ha molta sete e ha bisogno di acqua in tempi brevi.
  1. La puoi far rivivere dandole acqua e il modo più semplice di farlo è quello di versare lentamente l'acqua nel terreno, in modo che l'intera superficie risulti inumidita. Se la versi troppo velocemente, l'acqua fluirà direttamente attraverso il terreno, invece di distribuirsi uniformemente. Se il vaso della pianta non ha fori di drenaggio, non dare alla pianta una quantità d'acqua superiore a un terzo del volume del vaso. Se i fori di drenaggio, invece, ci sono, versa lentamente l'acqua fino a quando il terreno non è completamente inumidito e l'acqua fluisce liberamente attraverso il vaso.
  2. Se rimuovi le foglie gialle per migliorare l'estetica della pianta, non toglierne più di un terzo. Potrebbe infatti essere meglio aspettare che le foglie siano morte e cadute, prima di rimuoverle.
Prevenzione
Prevenzione
  1. Quando si acquista una nuova pianta, bisogna informarsi su quali siano le sue specifiche esigenze di irrigazione. Fissa dei promemoria in modo da ricordarti di annaffiare le piante in modo regolare. Non tutte le piante sono uguali, quindi fai in modo che il programma di annaffiatura sia differenziato a seconda del tipo di pianta.
  2. Si consiglia di acquistare un misuratore di umidità del terreno, uno strumento facilmente reperibile in commercio, dotato di una lunga sonda da collocare vicino alle radici della pianta. Controllalo frequentemente e innaffia la pianta quando il misuratore di umidità indica che il terreno ha bisogno di essere irrigato.
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
distribution

Distribuzione di Cassia alata

feedback
Feedback
feedback

Habitat di Cassia alata

Margini delle strade, sponde dei fiumi, bordi della foresta pluviale, rive dei laghi, stagni, margini dei fossi, boschi aperti, frutteti, intorno ai villaggi
Emisfero Nord
Emisfero Sud

Mappa di distribuzione di Cassia alata

distribution map
Nativa
Coltivata
Invasiva
Potenzialmente infestante
Esotica
Specie non presente
care_scenes

Ulteriori informazioni su Cassia Alata Crescita e cura

feedback
Guida alle cure di base
Parassiti e malattie comuni
Scopri di più
Cicatrici
Le cicatrici sono il risultato del danno ai tessuti vegetali, spesso causato da parassiti, malattie o lesioni fisiche. In Cassia alata, queste possono portare a danni estetici, ostacolare la fotosintesi e ridurre la vigoria delle piante.
 detail
Appassimento delle foglie
Il disseccamento delle foglie in Cassia alata è una malattia preoccupante che porta all'abbassamento e alla decolorazione delle foglie, compromettendo la vitalità della pianta, il valore estetico e la salute generale.
 detail
Macchia bianca
La macchia bianca è una malattia che colpisce Cassia alata causando macchie bianche o grigiastre sulle foglie, riducendo la fotosintesi e portando potenzialmente alla caduta delle foglie e ad una crescita indebolita.
 detail
Avvizzimento
L'accasciamento è una malattia impegnativa che colpisce Cassia alata, coinvolgendo la disidratazione delle cellule vegetali che porta al pendio e spesso alla morte prematura. La condizione di solito è causata da infezioni fungine o dalla carenza di acqua e nutrienti.
 detail
Macchia scura
La macchia scura è una malattia fungina che colpisce la pianta Cassia alata causando danni significativi alla sua estetica e salute complessiva. La malattia provoca antiestetiche macchie marroni o nere sulle foglie della pianta e può portare alla completa defogliazione.
 detail
Cocciniglia
I parassiti come la cocciniglia succhiano la linfa da Cassia alata, indebolendo la pianta e causando crescita rallentata e ingiallimento delle foglie. Le infestazioni possono portare a un significativo declino della salute della pianta.
 detail
Appassimento del ramo non principale
Il disseccamento dei rami non alla base è una malattia che colpisce Cassia alata, portando a caduta prematura delle foglie, ritiro dei rami e potenziale morte della pianta se non trattata.
 detail
Carenza di acqua
Disidratazione', non una malattia ma un disturbo fisiologico dovuto a un'assunzione insufficiente di acqua, porta a effetti dannosi sulla crescita e sulla salute di Cassia alata. Impedisce agli 'Stecconi dell'Imperatore' di svilupparsi significativamente, portando a appassimento, decolorazione e alla graduale morte della pianta.
 detail
Appassimento della punta delle foglie
La punta delle foglie che appassisce è una malattia che colpisce Cassia alata, causando l'appassimento e il deterioramento delle punte delle foglie. Impatta negativamente sulla crescita della pianta e riduce l'efficacia della fotosintesi, portando potenzialmente alla morte della pianta.
 detail
Macchie nere
La macchia nera è una malattia fungina che forma macchie scure sulle foglie di Cassia alata, ostacolando la fotosintesi e influenzando la salute della pianta. Se non trattata, può influire notevolmente sulla crescita e lo sviluppo della pianta.
 detail
Marciume delle foglie
La marciume fogliare è una malattia fungina che colpisce Cassia alata, causando il ingiallimento delle foglie, il loro appassimento e caduta, riducendo significativamente la crescita e il rendimento della pianta. Se non viene gestita, la malattia può portare alla perdita totale della pianta.
 detail
Bordi gialli
I bordi gialli sono una malattia delle piante che colpisce gravemente la crescita e la salute generale di Cassia alata. Principalmente causata da carenze nutritive e eccesso d'acqua, la malattia si manifesta con il ingiallimento dei bordi delle foglie e può rallentare la crescita se non trattata. Diventa più grave durante la fase di crescita iniziale, soprattutto nelle stagioni umide.
 detail
Macchie scure
Le macchie scure sono una comune malattia fungina che colpisce Cassia alata, portando spesso a decolorazione e compromissione della vigoria della pianta. È essenziale identificarla precocemente e trattarla per gestire la sua diffusione e impatto.
 detail
Cocciniglia farinosa
La malattia del cocciniglia colpisce Cassia alata, causando decolorazione, rallentamento della crescita e caduta prematura delle foglie. Può avere un impatto grave sulla salute della pianta se non gestita in modo appropriato.
 detail
Macchie marroni
La macchia bruna è una malattia fungina che colpisce Cassia alata, causando l'ingiallimento e la necrosi dei tessuti vegetali. L'infezione cronica può portare a una significativa defogliazione e alla morte della pianta, compromettendo il suo valore ornamentale e gli utilizzi medicinali di Cassia alata.
 detail
Macchie
Le macchie sono una malattia comune che colpisce Cassia alata, caratterizzata da lesioni sgradite sulle foglie, che possono portare a una fotosintesi ridotta, a una crescita compromessa e infine al distacco delle foglie.
 detail
Ingiallimento delle foglie
Il ingiallimento delle foglie è una comune malattia delle piante che può influenzare drasticamente Cassia alata. I sintomi caratteristici includono una decolorazione gialla delle foglie che, se non trattata, può causare una riduzione grave della vitalità e della crescita della pianta.
 detail
La pianta si è seccata
La malattia dell'essiccazione delle piante affligge Cassia alata causando disidratazione, che porta alla disseccamento e alla morte. Questa afflizione è generalmente associata a vari fattori di stress ambientale e all'invasione fungina aggravata da carenze nell'irrigazione o condizioni di calore intenso.
 detail
Tacca
La Notch è una malattia che colpisce Cassia alata, caratterizzata da evidenti indentazioni sui margini delle foglie, ridotta vitalità della pianta e potenziale defogliatura. Questa guida racchiude le caratteristiche della malattia, il trattamento e le misure preventive.
 detail
Ramo che appassisce
Il marciume delle branche è una condizione patologica che colpisce Cassia alata, caratterizzata dal deterioramento e dalla morte delle sue branche. Questa condizione non solo inibisce il valore ornamentale, ma può portare a un declino della salute complessiva della pianta.
 detail
Carenza di fertilizzante
La mancanza di fertilizzante influisce principalmente sull'assunzione di sostanze nutritive da parte di Cassia alata, portando a una bassa produttività, scarsa crescita e suscettibilità ad altre malattie delle piante. Una fertilizzazione adeguata è un elemento vitale per la salute generale e la crescita di Cassia alata.
 detail
Muffa nera
La muffa nera è un'infezione fungina che colpisce Cassia alata, causando macchie fogliari scolorite e un potenziale declino delle piante. Prospera in condizioni umide e calde.
 detail
Maculatura fogliare
La macchia fogliare è una malattia fungina che causa principalmente macchie scure e irregolari sulle foglie di Cassia alata. Questa malattia può portare alla caduta precoce delle foglie, alla riduzione della fotosintesi e alla debolezza generale della pianta.
 detail
Appassimento intero delle foglie
L'intero fogliame appassito è una malattia delle piante che causa il deterioramento delle foglie di Cassia alata, facendole appassire e morire prematuramente, influenzando significativamente il suo valore ornamentale e medicinale.
 detail
Appassimento completo della pianta
La malattia del disseccamento dell'intera pianta provoca un diffuso declino in Cassia alata, portando alla caduta delle foglie, alla debolezza del fusto e alla morte finale della pianta. Incide pesantemente sulla salute e sulla produttività della pianta.
 detail
plant_info

Piante correlate a Cassia alata

feedback
Feedback
feedback
product icon close
La tua Guida Definitiva per le Piante
Identifica, coltiva e nutri nel modo migliore!
product icon
17.000 specie locali e 400.000 specie mondiali studiate
product icon
Quasi 5 anni di ricerche
product icon
Più di 80 studiosi di botanica e giardinaggio
ad
product icon close
Continua a leggere nella nostra app - è meglio
Un database di più di 400.000 piante
guide illimitate a portata di mano...
Temperatura
close
Al chiuso
Al chiuso
All'aperto
Scegli un sito qui per avere consigli personalizzati sulla cura.
Esigenze
Ideale
Tollerabile
Non adatta
Proprio come le persone, ogni pianta ha le sue preferenze. Informarti sulle esigenze di temperatura delle tue piante e crea un ambiente confortante affinché possano prosperare. Man mano che ti prendi cura delle tue piante, il tuo legame con loro si approfondirà. Affidati alla tua intuizione mentre impari sulle loro esigenze di temperatura, celebrando il viaggio che condividete. Monitora amorevolmente la temperatura intorno alle tue piante e modifica il loro ambiente se necessario. Un termometro può essere il tuo alleato in questo impegno sincero. Sii paziente e gentile con te stesso mentre esplori le esigenze di temperatura delle tue piante. Apprezza i tuoi successi, impara dalle sfide e nutri il tuo giardino con amore, creando un rifugio che rifletta il calore della tua cura.
Informazioni Essenziali
Cassia alata preferiscono temperature comprese tra 68 e 100 ℉ (da 20 a 38 ℃). Sono originarie delle regioni calde e tropicali e prosperano in condizioni di clima caldo e umido. Per adattarsi a temperature più fresche in inverno, si consiglia di fornire un'ampia illuminazione solare e protezione dal gelo.
Strategie regionali per lo svernamento
Cassia alata è estremamente amante del calore e qualsiasi temperatura fredda può danneggiarla. In autunno, si consiglia di portare il Cassia alata coltivato all'aperto all'interno e di posizionarlo vicino a una finestra luminosa, ma deve essere tenuto a una certa distanza dai caloriferi. Il mantenimento di temperature superiori alla {temperatura_di_crescita_idonea_min} durante l'inverno è benefico per la crescita della pianta. Qualsiasi temperatura che si avvicini alla {temperatura_di_crescita_tollerabile_min} è dannosa per la pianta.
Sintomi importanti
Sintomi di bassa temperatura in Cassia alata
Cassia alata preferisce le temperature calde e non tollera le basse temperature. Prospera al meglio quando la temperatura è superiore a {Suitable_growth_temperature_min}. Durante l'inverno, deve essere mantenuta al di sopra della {Tolerable_growing_temperature_min}. Quando la temperatura scende al di sotto della {Limit_growth_temperature}, le foglie possono schiarire di colore. Dopo i danni causati dal gelo, il colore diventa gradualmente marrone o nero e possono verificarsi sintomi come l'appassimento e la caduta.
Soluzioni
Tagliare le parti danneggiate dal gelo. Trasferite immediatamente la pianta in un ambiente caldo per proteggerla dal freddo. Scegliete un luogo vicino a una finestra esposta a sud per collocare la pianta, in modo da garantire un'ampia illuminazione solare. Inoltre, evitate di collocare la pianta vicino a stufe o bocchette dell'aria condizionata per evitare un'eccessiva secchezza dell'aria.
Sintomi di temperatura elevata in Cassia alata
Durante l'estate, Cassia alata deve essere mantenuta al di sotto della {Suitable_growth_temperature_max}. Quando la temperatura supera la {Tolerable_growing_temperature_max}, il colore delle foglie diventa più chiaro e la pianta diventa più suscettibile alle scottature.
Soluzioni
Eliminare le parti bruciate dal sole e secche. Spostate la pianta in una posizione che offra ombra dal sole di mezzogiorno e del pomeriggio. Innaffiate la pianta al mattino e alla sera per mantenere il terreno umido.
Scopri informazioni sulle malattie delle piante, la tossicità, il controllo delle erbacce e molto altro ancora.
Strumento per la Gestione dei Cookie
Oltre a gestire i cookie tramite il tuo browser o dispositivo, puoi modificare le impostazioni dei cookie qui sotto.
Cookie necessari
I cookie necessari abilitano le funzionalità principali. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie e può essere disabilitato solo modificando le preferenze del browser.
Cookie analitici
I cookie analitici ci aiutano a migliorare la nostra applicazione e il nostro sito web raccogliendo e segnalando informazioni sul suo utilizzo.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_ga Google Analytics Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link. 1 Anno
_pta PictureThis Analytics Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza. 1 Anno
Nome del Cookie
_ga
Fonte
Google Analytics
Scopo
Questi cookie sono impostati in virtù del nostro utilizzo di Google Analytics. Essi sono usati per raccogliere informazioni sull'utilizzo della nostra applicazione e del nostro sito web. I cookie raccolgono informazioni specifiche, come il tuo indirizzo IP, dati relativi al tuo dispositivo e altre informazioni sull'utilizzo dell'applicazione o del sito web. Si prega di notare che il trattamento dei dati viene svolto essenzialmente da Google LLC e Google può utilizzare i dati raccolti dai cookie per propri scopi (ad es. profilazione) e lo combinerà con altri dati come il tuo Account Google. Per ulteriori informazioni su come Google elabora i tuoi dati e sull'approccio di Google alla privacy, nonché sulla tutela dei tuoi dati, dai un'occhiata a questo link.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_pta
Fonte
PictureThis Analytics
Scopo
Utilizziamo questi cookie per raccogliere informazioni su come utilizzi il nostro sito, monitorare le prestazioni del sito e migliorare le prestazioni del nostro sito, i nostri servizi e la tua esperienza.
Durata di vita
1 Anno
Cookie di Marketing
I cookie di marketing vengono utilizzati dalle società pubblicitarie per pubblicare annunci pertinenti ai tuoi interessi.
Nome del Cookie Fonte Scopo Durata di vita
_fbp Pixel di Facebook Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui. 1 Anno
_adj Adjust Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui. 1 Anno
Nome del Cookie
_fbp
Fonte
Pixel di Facebook
Scopo
Un monitoraggio dei pixel di conversione che utilizziamo per le campagne di retargeting. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno

Nome del Cookie
_adj
Fonte
Adjust
Scopo
Questo cookie fornisce servizi mobili di analisi e attribuzione che ci consentono di misurare e analizzare l'efficacia delle campagne di marketing, determinati eventi e azioni all'interno dell'Applicazione. Scopri di più qui.
Durata di vita
1 Anno
picturethis icon
picturethis icon
Scatta una foto per informazioni su piantumazione, tossicità, cultura e malattie, ecc.
Usa l'App
Questa pagina è più bella nell'app
Aperto